Archivio per Silvano Cassano

(98) Cazzata o Stronzata?

Posted in Zì Baldone with tags , , , , , , on 1 maggio 2017 by Sendivogius

Classifica APRILE 2017”

Se c’è un’azienda dalle infinite potenzialità che più di ogni altra incarna la catastrofe di un management sopravvalutato e catastroficamente coccolato da certo nuovismo in disavanzo… be’ questa è Alitalia, quale metafora del fallimento di una intera classe di parassiti che si vorrebbe “dirigente” e che sempre trova la sua sponda ideale di personaggetti politici, che spesso e volentieri vi si accompagnano, nella ridanciana esibizione di un cialtronesco ottimismo da televendita, all’insegna di una minchioneria siderale che non conosce confine e soprattutto ignora cosa sia la vergogna. Ed ai quali ovviamente nessuno chiede mai conto dei lori disastri, con le sue fantomatiche cordate di salvataggio, tra le quali spicca la famigerata CAI (Cosca Affaristica Insaziabile) dei capitani senza capitali di Colaninno & Co. e manager buoni per tutte le stagioni, delle liquidazioni faraoniche e dell’immancabile retorica dei sacrifici rigorosamente in conto altrui; quelli dello spolpamento predatorio, eppoi degli sceicchi di Etihad, l’ultima grande trovata del Cazzaro fiorentino (appena riconfermato signore e padrone assoluto del partito che ha contribuito a distruggere, come un Craxi qualunque), e salutata in pompa magna come la soluzione finale (!).
In una delle sue solite eiaculazioni precoci di ottimismo incontrollato per orgasmo da onnipotenza, è Matteo Renzi ad annunciare la svolta segnata dal nuovo corso. Allora al governo c’era lui e bisognava correre (come lemmings verso il burrone!), con tutta la tracotanza con cui è solito declamare le sue smargiassate da bar-sport:

Sembrava impossibile due anni fa. Ma Alitalia torna in pista. Vi chiedo di allacciarvi le cinture perché qui stiamo decollando davvero, piaccia o non piaccia! Stiamo rimettendo il Paese a correre come deve correre. Ci sono le polemiche tutti i giorni… noi stiamo rimettendo il paese a correre come deve correre… Lo facciamo per i nostri figli. Allo stesso modo Alitalia decolla! Decolla per nuove destinazioni. Sempre di più. Il decollo di Alitalia è il decollo dell’Italia. Se vola Alitalia, viva l’Italia!
  (04/06/2015)

Immancabile retorica familista sui “nostri figli”, le solite fregole da criceto obeso che corre sulla ruota che va veloce continuando a stare fermo, l’irrinunciabile polemica del decisionista da oratorio, e ovviamente l’abuso dei chiasmi in quelle arzigogolate abbuffate retoriche di frasi fatte che non vogliono dire nulla.
Nella medesima occasione, gli regge il moccolo un concreto Silvano Cassano, il nuovo amministratore delegato che si dimetterà dopo solo nove mesi, non senza aver prima incassato una liquidazione di 2,4 milioni di euro!

La nuova compagnia tricolore ha una solidità finanziaria che ci permette di traguardare il futuro con serenità affrontando le sfide del mercato.
  (04/06/2015)

Del resto, la spalla comica di un management da operetta in un eccesso di enfasi aveva già dichiarato, sulla linea dell’ottimismo generale:

Il nostro impegno è di arrivare a un utile intorno ai 100 milioni nel 2017. Ma bisogna tenere presente che Alitalia ha ancora grosse difficoltà operative, che vogliamo risolvere con grande e velocità e pragmatismo.”
  (20/01/2015)

Silvano Cassano deve essere un altro di quei talenti che va veloce e che tutto il mondo (NON) ci invidia.

Non per niente la nuova Alitalia targata Renzieland nasce all’insegna del più sperticato ottimismo, sotto i migliori auspici possibili. L’allora Ministro delle Infrastrutture e Trasporti dichiara fiducioso:

Il piano industriale di Alitalia prevede il pareggio nel 2017 e il ritorno all’utile. Poi le banche devono tornare a fare le banche e ci saranno altri azionisti che torneranno a investire in Alitalia.

  Maurizio Lupi
  (07/08/2014)

È conclamato il fallimento per tracollo finanziario ad Aprile 2017, che però costerà alle casse dei contribuenti almeno un altro mezzo miliardo di euro. Poi magari, per recuperare i soldi a buffo nel frattempo dispensati a babbo morto anche agli amici banchieri, aumentiamo l’IVA al 25%.

A segnare il vento del cambiamento è la nomina dell’onnipresente Luca Cordero di Montezemolo: lo strapagato incompetente buono per tutto le stagioni, esperto assoluto in disastri finanziari e poltrone girevoli, è il Prezzemolo con cui condire i consigli di amministrazione. Lui è uno di quelli che nei piani di ristrutturazione aziendale non è mai in esubero.

La nuova Alitalia ha dei progetti realisticamente solidi. La vecchia Alitalia era in una situazione drammatica, oggi le prospettive che considero realisticamente solide permettono di guardare al futuro con fiducia e ottimismo

Luca Cordero di Montezemolo, Presidente Alitalia dal Novembe 2014 al Marzo 2017,
(20/01/2015)

La parola d’ordine è quella: fiducia… ottimismo… e FUFFA!
Ancora in Ottobre, il top-manager specializzato in liquidazioni stratosferiche spergiurava che l’Alitalia fosse in linea coi conti e che il pareggio di bilancio fosse ormai cosa fatta.
Non bastando i fenomeni nostrani, la fusione con Etihad porta in dote un’altra copiosa risma di cialtroni francamente fuori scala..!

“Alitalia sarà la compagnia più sexy d’Europa”
James Hogan
(20/01/2015)

James Hogan è il nuovo vice-presidente di Alitalia. Evidentemente non ha occhi che per le hostess e le idee confuse su tutto il resto… Ancora nel 2016 sostiene:

“Raggiungeremo nel 2017 il pareggio, per noi questa impresa ha avuto successo. Credo che nel futuro Alitalia primeggerà tra le compagnie europee”
(18/05/2016)

Ma non temete: ora che il Ducetto di Rignano è tornato, ci pensa lui!
Siamo davvero in una botte di lardo.

Hit Parade del mese:

01. Art.1 – Art.18 – Art.17½

[21 Apr.] «Dobbiamo tornare sul Jobs Act e sulla questione licenziamenti. Io dico, non facciamo l’articolo 18, ma il 17 e mezzo. E a chi mi dice che io guardo con il retrovisore, io rispondo: ‘sei un pirla! Vuoi che ti arrivi Trump anche qua?»
(Pierluigi Bersani, il Dissociato)

02. UN CLIC CI SALVERÀ

[30 Apr.] «La democrazia delle schede di carta è antistorica e antitecnologica. Viva il voto on line!»
(Beppe Grillo, il Boss)

03. REALTÀ VIRTUALE

[05 Apr.] «Per Bobbio la democrazia diretta era utopia, senza 1 strumento elettronico che lo permettesse. Oggi è realtà»
(Danilo Toninelli, il Sottopanza)

04. SERIE TV

[02 Apr.] «La vecchia partitocrazia è come Blockbuster, noi 5 Stelle siamo come Netflix»
(Davide Casaleggio, il Regista)

05. CONFLITTO DI INTERESSI

[29 Apr.] «Sono ancora senza laurea per non approfittare del mio ruolo»
(Luigi Di Maio, il Premier digitale)

06. DIRITTO DI PROPRIETÀ

[20 Apr.] «Il corpo umano non è proprietà del singolo, che ne può quindi disporre a piacer suo. Il corpo umano appartiene a Dio»
(Paolo Maria Rossini, Neurologo del Sacro Cuore)

07. I GRANDI MITI DELLA SINISTRA RIFORMISTA: Macron Mon Amour (I)

[26 Apr.] «Macron si è ispirato ad alcune proposte di Renzi, e comunque la linea è la stessa: quella di un europeismo solido. Le sue proposte somigliano a quelle di Matteo»
(Andrea Romano, Cantore di corte)

07-bis. I GRANDI MITI DELLA SINISTRA RIFORMISTA: Macron Mon Amour (II)

[24 Apr.] «Macron mi somiglia, fossi lì non avrei dubbi per chi votare al ballottaggio. In fondo la mia scelta, nel 2007, di appartenere ad un’innovazione del centrosinistra in Italia può anche essere vista in positivo rispetto a quello che sta accadendo in Francia.»
(Laura Fedeli, Gemella diversa)

07-ter. I GRANDI MITI DELLA SINISTRA RIFORMISTA: Macron Mon Amour (III)

[24 Apr.] «Con Macron nasce in Francia ciò che in Italia è sorto con il Pd 10 anni fa: l’espressione di un nuovo riformismo europeo.»
(Piero Fassino, Espressionista di governo)

08. E ‘STI CAZZI?!?

[19 Apr.] «Io e Sara aspettiamo un figlio, nascerà ad ottobre. No, non lo chiameremo né Beppe né Gianroberto»
(Alessandro Di Battista, Pater Patriae)

09. FANTACRONACHE

[21 Apr.] «A Roma il fallimento della amministrazione è plastico. La città è in emergenza sanitaria. Ratti ovunque, è morto un bambino di due anni perché è stato morso da un topo»
(Alessandra Moretti, la Cantastorie)

10. AUTOPROMOZIONI

[27 Apr.] «Per i miei primi 100 giorni mi darei un dieci.»
(Donald Trump, il Modesto)

Homepage

Annunci