Archivio per radical-chic

Milano da dimenticare

Posted in Kulturkampf with tags , , , , , , , , , , , on 21 settembre 2021 by Sendivogius

“Oggi a lei non verrebbe in mente di darmi del possibile ‘pistola’, non solo perché, mi consenta, non lo sono, ma anche perché i veri pistola saranno quelli che al netto delle mie urla mancanti andranno, come lei sostiene, a votare Sala. Continueranno così a farsi prendere in giro dal sindaco dei ghiaccioli al limone, dei calzini colorati, e dei week end con la fidanzata e le rock star.”

Luca Bernardo
(21/09/21)

Il fatto che il candidato sindaco con la pistola dia del “pistola” ai cittadini milanesi che non lo votano dimostra l’evidente affanno di uno che ormai è arrivato alla frutta e anche oltre, se davvero non ha niente altro a cui attaccarsi (in assenza di meglio) che non siano il colore dei calzini (!?) di un Sala, mentre cerca la rissa per ritrovare un minimo di visibilità, sperando che il diretto interessato lo mandi giustamente affanculo. Invano, perché a questo penseranno le urne. E noi, che siamo abbastanza “radical” ma poco “chic”.
Che poi, a guardarlo bene nella sua fisiognomica lombrosiana, il Bernardo candidato destrorso che ci tiene a non dichiararsi antifascista (e dunque per principio di esclusione…) è davvero l’ultimo al mondo che può permettersi il lusso di ironizzare sull’aspetto dei suoi avversari, con quella faccia che pare un incrocio ibridato tra Pepe the Frog ed Hans l’Uomo-Talpa dei Simpsons!
Con l’aggravante di presentarsi al pubblico strizzato in un imbarazzante completo blu elettrico da catarifrangente e tutto il cialtronismo di un Guido Tersilli medico della mutua in versione meneghina.
A corto di argomenti, ritira fuori gli immancabili radical-chic che tanto devono eccitare l’immaginario dei soliti destronzi, provocando incontrollate polluzioni notturne per orgasmi surrogati tra i suoi fascisti sottolio, tale è l’arrapamento che scatena in loro l’abusato neologismo coniato da un vecchio snob effeminato, Tom Wolfe, noto al pubblico soprattutto per i modi leziosi ed i gessati impossibili. Tecnicamente, sarebbe una di quelle checche che a destra piacciono tanto. E Wolfe, da affettato manierista aristocratico, era uno che dei salotti più chiccosi ed esclusivi costituiva componente fissa come l’argenteria; elitario qual’era, detestava ogni intrusione su contaminazione plebea, da cui la reazione classista.
Ma più ancora, c’è da chiedersi dove mai abiti il dottor Bernardo, che probabilmente vive in qualche bidonville ai margini della periferia milanese e trascorre i week end alla mensa sociale di quei poveri dei quali non gliene è mai fregato un cazzo! Usiamo volutamente un linguaggio ‘semplice’ e ‘popolare’ che di certo il Dottore apprezzerà. Ci avremmo infilato a pure un paio di peti e una mezza dozzina di rutti, che dalle parti del dott. Bernardo fanno tanto “popolo”, ma siamo ancora troppo chic!

Homepage

Ti conosco mascherina

Posted in Muro del Pianto with tags , , , , , , , , on 5 luglio 2020 by Sendivogius

Ma quanta tenerezza fa Maurizio Belpietro, che dalle pagine della sua “pravda” ultrasovranista, organo ufficioso del salvinismo d’assalto, vorrebbe davvero dare ad intendere che a “sinistra” si viva in una sorta di carnevale permanente di equivoci figuri in déshabillé (e un Toninelli tatuato in prima fila), meglio se “figli di papà”, ovviamente tutti “radical-chic”, meglio ancora se froci, con gli abiti centrifugati nel frullatore, per solleticare gli umori della fascisteria di contorno che invece ci crede convinta?!?
Chissà se un dandy raffinato e ricercatamente snob come Tom Wolfe, scrittore eccentrico dall’omosessualità evidente, avrebbe mai immaginato in bocca a chi sarebbe finito il suo fortunato neo-logismo e l’uso totalmente distorto che ne avrebbero fatto. Tuttavia, conoscendo il personaggio, se ne sarebbe potuto facilmente indovinare la naturale repulsione che precede il rigetto.
Tom Wolfe, da conservatore moderato e distinto gentiluomo aristocratico del vecchio Sud confederato, quale piaceva immaginarsi, guardava con ironia sottile e feroce alle nevrosi schizofreniche dell’élite liberal di Manhattan durante gli Anni ’70, per una psicologia sociale molto americana e specificatamente di origine puritana.
Per inciso, del buon Mr. Wolfe in bianco, riesce meravigliosa la parodia (involontaria?) di Peter Stormare in “Costantine”, che nei panni di Lucifer sembra pescare allo stesso guardaroba immacolato, tanto pare condividerne il taglio di sartoria…
È ovvio che Belpietro e gli altri capimanipolo della sugna sovranista, a proposito dell’abusato Tom Wolfe (che ne avrebbe schifato gli umori plebei peggio della merda), non abbiano letto assolutamente nulla.
Il problema del furbesco Maurizio (e non solo lui), stretto nel suo inconfondibile ghigno, è che nell’ansia di stringersi al suo Capitone unto e bisunto (quello che si vanta di puzzare, come inconfondibile segno di ‘popolo’, e non per guerra personale contro il sapone, per intenderci!), tenendo il moccolo al seborroico fenomeno da sagra dei sughi, pensa davvero che a qualcuno freghi qualcosa se ai suoi raduni pecorecci di obesi citrulli, soppressati insieme come lardo in salamoia per un selfie, le trippe al vento siano munite o meno di mascherina d’ordinanza, nell’effluvio di odori e sudori dal fragrante amalgama, per lo scambio di flussi corporei. Tutti adunati attorno al fiero gargarozzone, che chiama “ubriacone” (proprio LVI?!?) chi lo contesta.
L’argomento deve sembrargli così ghiotto, che ne ha fatto una sorta di polemica a puntate, per l’uso e consumo del corpo del duce sovranista, da toccare, suggere, e leccare, in estasi da selfie. E gli sfugge che, con o senza mascherina (o mutanda che sia), li si riconosce a naso. Perché l’odore resta inconfondibile.

Homepage