Archivio per Idioti

(149) Cazzata o Stronzata?

Posted in Zì Baldone with tags , , , , , on 31 luglio 2021 by Sendivogius

Classifica LUGLIO 2021″

E se per un periodo di tempo limitato levassimo loro i vari twitter… instagram… facebook… e tutto il cucuzzaro a-social, disarmando e mettendo provvisoriamente a riposo le agguerrite legioni di imbecilli che ne hanno fatto il loro pascolo di riferimento, nei recinti cafonal dei pensierini minimi eletti a fanatismo di fede per il trionfo di ispirati coglioni?
E se spegnessimo anche solo per un istante il megafono del NULLA che avanza? Ovvero elevarsi giusto un’unghia al di sopra di quell’abbecedario minimalista, messo improvvidamente a disposizione delle orde degli analfabeti di ritorno in piena spremuta di reni, per dare colore e sostanza alle loro distorsioni cognitive, maturate negli universi fantastici dell’anomia di massa, nell’impudenza di un’ignoranza ciarliera ed incontinente, nella fumosa vacuità della loro inconsistenza?
E se coprissimo con un velo pietoso lo specchio deforme delle vanità, oscurando il narcisismo maligno che si riflette in esso, attraverso la tossica promanazione di sé?
E magari per un attimo depurare l’etere dall’incessante cicaleggio di battutine, sproloqui, polemiche a distanza, corbellerie assortite, “storie” a scadenza, insieme ai paranoici del complotto ad oltranza ed i profili finti di psicotici ad interazione multipla, che si perdono nell’indistinta cacofonia dove tutto si frulla, macera e ribolle, in un condensato di umori e liquami in attesa di un demiurgo che conferisca loro foma e sostanza, plasmandone gli scrosci diarroici in qualcosa di persino peggio…

Hit Parade del mese:

01. GOVERNO MILITARE

[29 Lug..] «Metti anche che, in un intento suicida, gli stessi responsabili delle dimissioni insistano per mandare a casa il banchiere…. al Presidente della Repubblica non resterebbe che mettere su un governo elettorale, forse persino militare, com’è accaduto con il generale Figliuolo per le vaccinanzioni. A mali estremi, estremi rimedi.»
 (Marcello Sorgi, il Cassandro)

02. ISTERIA SOVRANA (I)

[07 Lug.] «Il sesso biologico non avrà più importanza dal punto di vista sociale perché conterà soprattutto il sesso culturale, cioè quello percepito, come d’altra parte si potrà scegliere l’orientamento sessuale verso cose, animali, e/o persone di ogni genere e, perché no, anche di ogni età, fino al punto che la poligamia come l’incesto non saranno più un tabù, ma libertà legittime.»
 (Maria Rita Castellani, l’umbra garante leghista dell’infanzia)

03. ISTERIA SOVRANA (II)

[13 Lug.] «Verrà un momento in cui la battaglia decisiva tra il regno di Cristo e Satana sarà sul matrimonio e sulla famiglia. E coloro che lavoreranno per il bene della famiglia sperimenteranno la persecuzione e la tribolazione. Ma non bisogna avere paura, perché la Madonna gli ha già schiacciato la testa.»
 (Simone Pillon, il Sanfedista)

04. ISTERIA SOVRANA (III)

[16 Lug.] «Con il ddl Zan stupri, aborti e crani spaccati»
 (Andrea Del Mastro, fascista d’Italia)

05. RITORNO DI SAGRA

[21 Lug.] «Cozze, vongole, piadina e, di rosso, solo i rapanelli😉”; “Anguria🍉 o fragole🍓? Che scegliereste voi??? 🤔 Sempre e comunque Made in 🇮🇹”; “Meglio due uova oggi che due galline doman i😊. Buona giornata Amici!”; “Pizza con pomodoro, aglio, origano, acciughe, capperi. Saluti alla dieta, mi lancioooooooo! 🍕🇮🇹»
 (Matteo Salvini, la Centrifuga)

06. NO PURE AL METADONE!

[19 Lug.] «Il reddito di cittadinanza è una misura cretina e fatta male: è come il metadone per i tossicodipendenti, va abolito»
 (Giorgio Meloni, l’Esperta)

07. DISCOTECHE A SPACCIO CONTROLLATO

[27 Lug.] «Le discoteche chiuse? Perché negare ai giovani un divertimento sano, sicuro, controllato? Così si premiano i rave illegali, i party abusivi, la diffusione di droghe, psicofarmaci e ogni genere di sostanze, che invece all’interno delle discoteche sono sotto controllo.»
 (Matteo Salvini, il Controllore)

08. I SORCI VERDI

[23 Lug.] «Propongo una colletta per pagare ai no vax gli abbonamenti Netflix per quando dal 5 agosto saranno agli arresti domiciliari chiusi in casa come dei sorci.»
 (Roberto Burioni, Logorroico)

09. IL PAESE PEGGIORE

[13 Lug.] «L’Italia sarebbe un paese vagamente migliore se anche il peggiore avversario di – rimanendo tale – denunciasse la persecuzione grottesca che si consuma da anni nei confronti di Matteo Renzi.»
 (Claudio Velardi, Grottesco)

10. NO SOCIAL

[07 Giu.] «Ci vediamo alle 12,00 per una diretta Facebook…. La politica non è Instagram: al Senato servono i voti, non i like.»
 (Matteo Renzi, il Perseguitato)

Homepage

La Ricreazione

Posted in Muro del Pianto with tags , , , , , , , , , , on 14 luglio 2021 by Sendivogius

Sorvoliamo sui rituali pecorecci da zobia grassa per scimmie ubriache, con tanto di carro da parata per la sfilata di carnevale ed altre pagliacciate di dubbio gusto.
Come ai bei tempi dei panes et circenses (e gli antichi imperatori lo sapevano bene), bisogna in qualche modo lasciar sfogare le frustrazioni di una plebe di sfaccendati e perdigiorno a sussidio, nell’orgia festaiola che sempre segue la fine della peste (o la rimozione della stessa). È la miglior valvola di sfogo a buon mercato, ed al contempo di controllo sociale, che esista, per prassi collaudata nei secoli; almeno fino a quando il giocattolo non sfugge di mano e l’eccitazione straborda fuori dai recinti controllati, dove va in scena l’adorazione profana del vitello d’oro. Prima o poi la ricreazione prolungata finirà, e già si prepara il saldo a pagare per l’autunno, ma intanto non è il caso di disturbare la festa, imbandita sulla narrazione delle splendide sorti progressive, all’aba del “nuovo rinascimento italiano” (risate in platea!).
E mentre nelle strade italiane si inscena un baccanale da tana libera tutti, mentre sono ancora in vigore le rigidissime disposizioni anti-covid del Comitato di Salute pubblica, efficaci come le “grida” manzoniane in pieno clima da burlesque, e da tutti disattese, continua la farsa ad oltranza della premiata ditta di governo che, dopo i carnasciali con tanto di maxischermi montati nelle piazze, adesso pigola qualcosa a proposito di “pass vaccinale” per accedere in bar e ristoranti, forse più utile a limitare la vendita incontrollata di alcolici a torme di ragazzini eccitati, che nel primo pomeriggio già ingollano sambuca (roba che manco il mio bisnonno!), sui marciapiedi invasi da tavolini abusivi, tanto per scaldarsi prima di cominciare l’aperitivo ad oltranza in overdose alcolica. E nello sbrago generalizzato ovviamente il problema è la riapertura delle scuole a Settembre, o la didattica in presenza nelle università, o il limite di due persone per la discussione della tesi di laurea in un’aula da 50  posti. Lo specchio di un paese grottesco (e di una classe ‘dirigente’ ignobile) nella definizione delle sue priorità.

Homepage

CoviDead

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , on 19 dicembre 2020 by Sendivogius

Popolo di furbi per eccellenza, gli italiani come sempre hanno capito tutto…
Cos’è che gli sfugge a proposito di cosette difficili come: distanziamento, prevenzione, tutela, prudenza, buonsenso?!? 
Pensavamo di avere a che fare con delle scimmie dementi, invece sono blatte! Che proprio non gli riesce di non stare ammassati, appiccicati tutti insieme, pressati in 10.000 su una manciata di metri quadrati, famelici, a rimirare le lucine scintillanti e le vetrine colorate, come gli zombies di Romero, trascinandosi inebetiti nello struscio al consumo.
Poi uno si chiede perché li rinserrano dentro casa a colpi di dpcm, in uno stato di polizia su principio d’eccezione.
E allora, Buon COVID a tutti!

Homepage

(119) Cazzata o Stronzata?

Posted in Zì Baldone with tags , , , , , , , , , , on 2 febbraio 2019 by Sendivogius

Classifica GENNAIO 2019”

Nella foto: Salvini che cucina di merda

E mentre la pancia della nazione sovrana si mobilita nella difesa della razza, contro l’invasione aliena degli allogeni negroidi, l’ideologia gender e l’infrocimento regressivo per sostituzione etnica, che tanto agitano i sonni del fascista dentro di noi, l’Italietta sovranista scivola gaiamente in una nuova recessione, cullata dai roboanti annunci di incredibili riprese.
Eppoi abbiamo pure il Calcio più bello del mondo!
Come non credere infatti all’impettito pupazzo animato prestato al dicastero del lavoro, che con la stessa autorevolezza di un piccione scacazzante annuncia il nuovo miracolo italiano (ed il suo curriculum è una garanzia!), mentre tuona contro quelli che c’erano prima e che (è ovvio) gli “hanno mentito!”, frattanto che la sua giusta collera si abbatterà su di loro nel sacro nome del cambiamento…

Il cammino dell’uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre, perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare e infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te.”
 (Ezechiele 25:17)

Giggino, insieme al resto del Circo Barnum a cinque stelle, non si capacita infatti perché diamine ora che è al governo non sia ancora cominciata l’Età dell’Oro, nel Paese di Cuccagna dove scorrono fiumi di latte e miele, mentre la manna cresce copiosa sugli alberi come gli zecchini d’oro.
Deve sicuramente trattarsi dell’ennesimo complotto delle demoplutocrazie giudaico massoniche che controllano le banche. E insieme ai Savi di Sion cospirano contro la riVoluzione, in quelle adunate sediziose che chiamano parlamenti. Non gli sovviene mica l’idea che alla credibilità finanziaria del cosiddetto “sistema-paese” non giova un differenziale sul rendimento dei titoli di Stato, che oramai viaggia da 8 mesi abbondantemente sopra i 200 punti (con quello che ne consegue sul calcolo dei tassi di interessi); la totale assenza di una qualsivoglia programmazione economica, in un susseguirsi di improvvisazioni e contraddizioni; una legge di bilancio raffazzonata e messa insieme in fretta e furia dentro una scatola vuota, nonché le incertezze e l’incompetenza abissale di un esecutivo di casi umani che sembrano scappati dal Cottolengo… Peraltro, queste sono tutte cosette che in genere allontanano gli “investitori” e certo non li incentivano a cacciare fuori quattrini a fondo perduto. Soprattutto se poi si litiga con mezzo mondo, alla ricerca del nemico del giorno (le “banche”, la UE, la BCE…), dichiarando guerra virtuale alla Francia, la Germania, l’Olanda, o di voler spezzare le reni a Malta, per galvanizzare le squadracce di fan su facebook. E intanto si strizza l’occhietto ai governi nazi-populisti dell’Europa Orientale. Forse non farà effetto da noi, ma fuori dall’Italia certe “goliardate” le notano eccome. E nessuno è disposto a rischiare i propri soldi, per la bella faccia di Giggino ed il Mussolini di ghisa al Viminale, o magari relazionarsi con un Toninelli alle Infrastrutture (!).
Ma non temete… Ci salverà il reddito di cittadinanza e quota cento, nel paese dei navigator (a vista) e della piattaforma Rousseau per la democrazia diretta, in un tripudio di saluti romani e bucatini al ragù precotto.
W la Mamma! W la Figa! Evviva l’Italia!

Hit Parade del mese:

01. UN NUOVO MIRACOLO ITALIANO (I)

[11 Gen.] «Io credo possa esserci un nuovo boom economico come negli anni Sessanta, avevamo le autostrade e ora la nuova sfida sono le autostrade digitali.»
 (Luigi Di Maio, Applicazione digitale)

02. UN NUOVO MIRACOLO ITALIANO (II)

[31 Gen.] «Ci sono tutte le premesse per un bellissimo 2019 e per gli anni a venire. L’Italia ha un programma di ripresa incredibile.»
 (Giuseppe Conte, l’Uomo che non c’era)

03. CREDIMI SEMPRE

[20 Gen.] «Danilo Toninelli è il miglior ministro che abbiamo, assieme a Luigi Di Maio. Non ho le prove, ma secondo me dietro il massacro mediatico subito da Danilo c’è la mano dei Benetton.»
(Alessandro Di Battista, il Vagabondo)

04. IL COMPLOTTO RI-SVELATO

[20 Gen.] «Il Gruppo dei Savi di Sion e Mayer Amschel Rothschild, l’abile fondatore della famosa dinastia che ancora oggi controlla il Sistema Bancario Internazionale, portò alla creazione di un manifesto: ‘I Protocolli dei Savi di Sion’. Suddiviso in 24 paragrafi, viene descritto come soggiogare e dominare il mondo con l’aiuto del sistema economico, oggi del globalismo, dei banchieri di affari e finanza criminale.»
  (Elio Lannutti, Pataccaro a 5 stelle)

05. SUPER SLURP!

[10 Gen.] «Se c’è qualcuno che ha sempre divulgato la scienza, le nuove tecnologie, la ricerca più avanzata, portando fior di luminari sui palchi dei suoi show o consultandoli per scriverne i testi, è proprio Grillo.»
  (Marco Travaglio, Ruffiano di regime)

06. MEMENTO MORI

[30 Gen.] «Sentivo questo alito di responsabilità di intervenire davanti al Governo. Ad un certo punto ho visto tutto bianco e non ho avuto più salivazione, era completamente azzerata. Consideri che io non vengo dalla politica. Sono un cittadino. Noi 5 stelle non siamo incompetenti, ma inesperti. Prima di iniziare la nostra attività parlamentare abbiamo seguito un corso preparatorio. Io non sono una economista, ma mi sono fatta una infarinatura del bilancio statale. Mi piacerebbe essere ricordata come quella che disse popularsi, ma ho mantenuto le promesse, contribuendo a fare dell’Italia un paese autoritario [sic!].»
  (Teresa Manzo, Intelligenza a 5 stelle)

07. ESAGERAZIONI

[10 Gen.] «Claudio Baglioni ha le mani sporche di sangue come gli scafisti, non è esagerato dirlo »
  (Daniela Santanché, Nazi-Transgender)

08. METODO EMPIRICO

[09 Gen.] «Se mi sono mai fatto una canna? Solo a scopo di ricerca per conoscere l’argomento della proposta di legge. Se devo normare una materia devo averne conoscenza.»
  (Matteo Mantenero, altro fenomeno a 5 stelle)

09. IL TANFO È ALTRO E SI SENTE

[19 Gen.] «Oggi ho mangiato dei broccoli incredibili, con le puntarelle, ma vi confesso che ho mangiato pure dei cipollotti e quindi statemi lontani… fortunatamente l’odore non vi arriva »
  (Matteo Salvini, il Fetente)

10. HAI ROTTO ER CAZZO PURE TE!

[09 Gen.] «Accordandoci con l’M5S avremmo raddoppiato i voti, ci saremmo rilanciati.»
  (Michele Emiliano, il Secco)

Homepage

Lui è peggio di me

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , on 15 gennaio 2019 by Sendivogius

Nel vuoto lunare di una piazza deserta, in diretta da Strasburgo, va in onda il siparietto demente dell’accoppiata comica peggio assortita del webbé, Dibba Er C’è (non ci fa) e Giggino (“prima-di-tutto”) ‘o Sarracino, rigorosamente su facebook (il palcoscenico digitale, prediletto da ogni cretino in cerca di visibilità), per la serie “i meravigliosi pupazzi animati della Casaleggio Associati”: un incrocio ibrido tra i Muppets ed i Teletubbies, dopo la performance non proprio riuscitissima sulla neve che sembrava una parodia di Filini e Fantozzi al dopolavoro aziendale.
Vedere Cric&Croc col loro ghigno perenne d’ordinanza, che concionano sulla chiusura del parlamento europeo a Strasburgo, aveva qualcosa di straniante ancor prima di inquietante: “Lo chiuderemo… è inutile… è una marchetta francese… non serva a nulla”…

Perché in genere è questo l’effetto che i parlamenti suscitano ad i profeti della “democrazia diretta”: non appena ne vedono uno, il loro primo pensiero è come eliminarli, nella distopia totalitaria della Piattaforma Rousseau. Ed uno sarebbe quasi tentato di rievocare l’incendio del Reichstag tedesco nel Febbraio del 1933, o lo svuotamento di altre aule sorde e grigie. Poi però guardando meglio i Mimì e Cocò di questa (ennesima) farsa all’italiana, al massimo viene in mente il duetto di Totò e Peppino in trasferta a Milano:

“Noio, volevam savoir. Dunque: noi vogliamo sapere, per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?”

E prontamente suggerire loro la via a suo tempo già indicata da Beppone il Timoniere…
Che a cercarla, la strada la si trova sempre.

Homepage

(115) Cazzata o Stronzata?

Posted in Zì Baldone with tags , , , , , , , , , , , , , , on 30 settembre 2018 by Sendivogius

Classifica SETTEMBRE 2018”

Non che non ci avesse provato pure l’Unto… quello originale, non la caricatura catramata!
A suo tempo, circa duemila anni fa, un altro cazzaro di successo aveva moltiplicato i pani ed i pesci… trasmutato l’acqua in vino… Persino resuscitare i morti gli era sembrato più facile… ma di eliminare la povertà proprio non c’era stato verso.
Alla fine, dove non era riuscito neanche Gesù Cristo, ha potuto Giggino ‘O Sarracino, stabilendo l’abolizione della povertà per decreto. E non sappiamo se siano previste severe sanzioni, per i trasgressori che dovessero ostinarsi a restare poveri; certo per boicottare la benemerita opera del Governo del Popolo. Da oggi dunque è stabilito a norma di legge che la povertà non esiste più. E se lo annuncia Giggino, l’Evita affacciata al balcone insieme allo stato maggiore del Popolo Sovrano, se ne può star pur certi.
Poi vabbé! Le parole, come la scelta dei simboli, sarebbero anche importanti… E pare che al “governo del cambiamento” non gli riesca proprio di affrancarsi da questa parodia del ventennio mussoliniano: con quello che gira in felpa declamando i motti del duce malanima (molti nemici, molto onorenoi tireremo drittome ne frego!) e quest’altro affacciato al balcone, con la claque autoconvocata dei meravigliosi pupazzi a 5 stelle (non esattamente la folla dei grandi eventi), per l’occasione adunati in notturna sotto al balconcino di Palazzo Chigi (quello di Piazza Venezia non era disponibile), in una di quelle carnevalate destinate a fare storia attraverso la sgangherata sceneggiata fascio-peronista.
Bene, ora che è stata abolita la povertà (ed alzi la mano chi negli ultimi dieci anni ha trovato un posto di lavoro rivolgendosi ai “centri per l’impiego”), adesso che tutti avranno garantito un “reddito di cittadinanza” (todos caballeros!) comodamente a domicilio, ci sarebbe pure quell’annosa questione sul reperimento dei fondi e delle coperture (roba da congiura dei tecnocrati), in attesa di saccheggiare la Cassa Depositi e Prestiti, come è probabile che avverrà in assenza di liquidità…
In genere, durante le “rivoluzioni”, benché questa ne sia solo una farsa, quando non si hanno i soldi per finanziare la spesa corrente al netto delle promesse mirabolanti, di solito li si inventa. O più semplicemente li si stampa. A questo serve la “sovranità monetaria” rimessa nelle mani dei cialtroni, peggio ancora se pescati tra falliti e casi umani.

Nel 1789 l’allora governo del popolo della Francia rivoluzionaria, non potendo finanziare il proprio debito coi prestiti esteri ed avendo un disperato bisogno di rimpinguare le casse dello Stato, ricorse alla massiccia emissione di buoni del tesoro che ben presto assunsero la forma di moneta cartacea a corso forzoso, per gli scambi correnti su valore nominale. Li chiamarono assegnati ed ebbero effetti catastrofici sull’economia francese. Quando le emissioni superarono di gran lunga le garanzie sui prestiti, il governo rivoluzionario trovò più semplice chiudere la Borsa e la pubblicazione dei tassi di cambio, piuttosto che sospendere l’emissione di nuovi bigliettoni senza valore.
 Nel 1913, i rivoluzionari messicani si finanziarono iniziando a stampare a dismisura banconote senza alcuna copertura legale su valore fiduciario, per far fronte alle esigenze amministrative e non incorrere nei rigori del credito internazionale. L’idea ebbe così tanto successo che Pancho Villa per rifornirsi di liquidità arriva a stampare un milione di banconote al giorno, le “lenzuola di Villa” (las sabanas de Villa), tanto che nel 1915 circolano oltre 400 milioni di pesos in biglietti di piccolo taglio. In pratica, durante la rivoluzione costituzionalista, ogni regione stampava la sua cartamoneta (la moneda revolucionaria) che il popolino inondato da tanta abbondanza chiama dinero villista, o anche “bilimbique” perché ai peones ricordava i buoni acquisto che un certo William Weeks (da lì la deformazione del nome) pagava ai minatori della Cananea Company al posto dei salari.
E fu così che tutti ebbero più banconote nelle tasche e meno denaro reale da spendere. Oggi ci sarebbe l’euro ed il giochino non è tanto riproponibile. Ma dalla moneta unica si può sempre uscire… Perché qui siamo un bel passo oltre le vecchie “svalutazioni competitive” e l’assistenzialismo clientelare di stampo democristiano, nel Bengodi ritrovato della munifica Manovra del Popolo

  Hit Parade del mese:

01. ABOLITA LA POVERTÀ

[25 Set.] «Con la pensione di cittadinanza e il reddito di cittadinanza che introdurremo in questa legge di bilancio avremo abolito la povertà.»
(Luigi Di Maio, l’Elemosiniere)

02. MORANDI A 5 STELLE

[21 Set.] «L’obiettivo non è solo quello di rifare bene e velocemente il ponte Morandi, ma di renderlo un luogo vivibile, un luogo di incontro in cui le persone si ritrovano, in cui le persone possono vivere, possono giocate, possono mangiare.»
(Danilo Toninelli, sempre più concentrato)

03. NEMICI DEL POPOLO

[30 Set.] «PD e Forza Italia nemici dell’Italia. Fanno terrorismo mediatico. Vogliono far schizzare lo spread sperando in un colpo di stato finanziario.»
(Luigi Di Maio, il Popolo incarnato)

04. LA DITTATURA DEI VACCINI

[05 Set.] «Vaccinazioni coatte. Ecco il nuovo programma biopolitico voluto dall’aristocrazia finanziaria turbocapitalistica. La quale tratta i popoli precarizzati alla stregua di armenti senza dignità, con patrizio disprezzo e metodi sempre più totalitari»
(Diego Fusaro, il Turbocazzaro)

05. POLVEROSI LIBRI

[09 Set.] «Sono figlio della contestazione globale, erano tempi in cui ci si opponeva. Ho un padre insegnante e un fratello professore, quindi ho sempre respirato scuola e per questo sono preparatissimo. Non mi sono diplomato per ribellione. Quello che c’è da sapere non si impara sui polverosi libri»
(Mario Pittoni, il leghista presidente della commissione istruzione al Senato)

06. MODERNITAS

[11 Set.] «Voglio introdurre in Italia il ‘convenant marriage’ americano, una forma di matrimonio indissolubile»
(Simone Pillon, Torquemada leghista)

07. MA ANCHE NO!

[29 Set.] «Ancora una volta siamo noi a dover salvare il paese che amiamo»
(Silvio Berlusconi, il morto che parla)

08. CONTRIZIONI

[20 Set.] «Sono sei mesi che faccio autocritica»
(Matteo Renzi, il Modestissimo)

09. INCUBI

[29 Set.] «Non dobbiamo salvaguardare l’occupazione, ma i sogni delle persone»
(Davide Casaleggio, il Milton Friedman de noantri)

10. TI HA FATTO MALE, PICCOLO?!?

[24 Sett.] «Asia Argento mi ha violentato»
(Jimmy Bennett, il Violato)

Homepage

DOCTA IGNORANTIA

Posted in Kulturkampf, Muro del Pianto with tags , , , , , , , , , , , , , on 12 agosto 2018 by Sendivogius

«I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli!»
  Umberto Eco
  (10/06/2015)

Quando nella Spagna del lontano 1930 il filosofo José Ortega y Gasset coniò per la prima volta il termine “iperdemocrazia”, parlando della ribellione delle masse, e di quanto minchiona potesse essere la ‘massa’ in questione, con la vanitosa presunzione della sua ignoranza, le “legioni di imbecilli” erano per lo più intruppate dietro ai gagliardetti littori, prima di convertirsi alla “democrazia diretta” dei cittadini informati (dalla Casaleggio Associati) e dismettere la camicia nera, o bruna, con quella verde, per un nuovo squadrismo in formato 2.0 che fosse più ‘social’ ma non per questo più accettabile.
Quello che, nonostante ne sia un tratto distintivo, continua a stupire è la tronfia sicumera del Cretino, che scambia l’imperturbabilità sfinterica con cui rilascia le sue stronzate per pensosa riflessione critica, e proprio non gli riesce di tacere, impermeabile com’è al senso del ridicolo nella spudorata esibizione di sé. Nei casi più gravi, ciancia a vanvera di Democrazia e ne bestemmia il nome. Perché il Cretino, quando per accidente ‘democratico’ acquisisce una qualche posizione pubblica, possiede anche lo sventurato potere di farti dubitare del fatto che la democrazia sia veramente il migliore dei sistemi possibili. E allora uno comincia chiedersi se dopotutto una qualche ragione non ce l’avessero pure quei fieri conservatori, che diffidavano della democrazia poiché non tenuti a tollerare gli imbecilli…

La democrazia arriverà all’assurdo, rimettendo la decisione intorno alle cose più grandi ai più incapaci. Sarà la punizione del suo principio astratto dell’uguaglianza, che dispensa l’ignorante di istruirsi, l’imbecille di giudicarsi, il bambino di essere uomo e il delinquente di correggersi. Il diritto pubblico fondato sull’uguaglianza andrà in pezzi a causa delle sue conseguenze.”

Henri Fréderic Amiel
(12/06/1871)

 Fruttero & Lucentini nella loro edotta disamina del cretino sostenevano che sconfiggere i cretini contemporanei è qualcosa di sostanzialmente impossibile: innanzitutto per il numero sconfinato degli stessi e poi per inclinazione naturale all’auto-assoluzione che questi hanno, nella totale incapacità di riconoscersi tali.
Oggi si può dire a pieno titolo che la guerra è persa, avendo avuto a disposizione una formidabile arma di distruzione di massa: la digitalizzazione del cretino è stata come l’atomica su Hiroshima (ogni difesa è vana). Oggi il cretino sdoganato e vincente (si potrebbe dire che si ‘evolve’… come i virus!) è assurto ad un nuovo livello: l’imbecille ispirato, variante dell’antico fanatico medioevale che da Borgo Citrullo è transumato sugli scranni dei Palazzi della Signoria, più per caso che non per merito, ed ora rifulge nella stolida eccitazione spiritata di chi ha visto la luce e crede di essere in missione per conto di Dio.
Che un cretino non fosse affatto innocuo lo sapevamo già. Ma la polemica surreale contro i vaccini, innescata da questi (pericolosi) dementi, supera di gran lunga le vette già raggiunte finora dalla pur prolifica categoria. In effetti la democrazia è superata. L’Idiocrazia è sicuramente più confacente allo spirito dei tempi, nella nuova weltanschauung nazi-populista. Allo stesso modo, ogni epoca ha i suoi predicatori dall’indignazione soppressata.
 In prospettiva, non è per niente salutare soffermarsi sul lezzo delle scorreggine a 5 stelle, ma a proposito del meneghino Davide Barillari, milanese de Roma, cittadino-consigliere alla Regione Lazio e già candidato alla medesima, sarebbe stato un peccato lasciar evaporare nella più totale indifferenza tanto flatulenta indignazione, a proposito della nefasta pratica di vaccinare i bambini contro le malattie esantematiche e non, onde prevenire l’infezione, insieme al ritrovato “primato della politica” che in mano a certi individui diventa distorsione cognitiva e psicosi paranoide…

«Scienziati intelligenti contro politici ignoranti?
Quando si è deciso che la scienza fosse più importante della politica? Chi l’ha deciso e perché?
A questo siamo arrivati!»

Già chi l’avrà mai deciso?!? Uno scandalo!! Tu guarda se un politico analfabeta debba essere meno importante di uno scienziato! È la scienza che si deve sottomettere alla politica. Se domani un Barillari, o chi per lui, si sveglia e decide che l’AIDS non esiste e che è tutta un’invenzione delle case farmaceutiche per vendere medicine inutili, è ovvio che la “scienza” deve piegarsi dinanzi a così pregnante rivelazione. Ma Barillari può scendere ancora più in fondo… fino al medioevo se gli riesce, preferibilmente ai tempi delle crociate o ai roghi di libri.

«Perché gli scienziati dello stampo di Burioni, cioè legati a doppio filo sia alle multinazionali del farmaco che ai partiti del passato bocciati alle urne dagli italiani, sono davvero convinti di detenere l”unica verità possibile, eterna ed inconfutabile….e sono davvero convinti che la politica si debba inchinare supinamente a loro

Il dottor Roberto Burioni è un virologo di fama internazionale, esperto nello studio delle immunoglobine monoclonali (i no-vax non sanno neanche di che cazzo parliamo!). E per questa sua attività è stato insultato e minacciato da gruppi organizzati di invasate furiose, alla stregua di un untore manzoniano. Nella crociata si distingue tal Alessandra Piastra Calise, variante furente delle inquietanti mamme pancine, che dirige il coro degli insulti delle Erinni scatenate.  A certa gente la maternità fa male, fottendo anche l’ultimo neurone ancora attivo, se mai ne hanno avuti, per esaurimento da stress post-traumatico.

Ovviamente, anche il dottor Burioni vota. Ed il sospetto che le simpatie politiche dell’immunologo propendano per l’esecrato PD (l’ossessione paranoica di ogni nazista a cinque stelle) bastano per fare di Burioni un nemico del popolo per crimini politici. E questo la dice lunga sulla concezione che della Costituzione hanno gli ostensori della “democrazia diretta”.
Ovviamente, Roberto Burioni, nel mondo distorto e paranoico dei grulloidi, non poteva che essere un ricco profittatore prezzolato dalle bieche multinazionali farmaceutiche, le quali nell’ottica complottara del grulloide tipo sono praticamente una diretta derivazione dell’Umbrella Corporation che agita i loro incubi da segaioli della Playstation cresciuti sparacchiando agli zombies di Resident Evil.

«Cospargendosi il capo di cenere per ammettere la loro incompetenza di fronte a siffatta intelligenza suprema. Senza più valutare, senza più fare scelte per definire quale sia la direzione giusta, senza pianificare. BISOGNA CREDERE. Nei dogmi dell’ oms, dell’iss, della fimmg, della fimp….ma soprattutto nei “consigli” di quelli che producono, (testano?), e vendono i farmaci “per il nostro bene”. E intanto si mettono un sacco di soldi in tasca

No, infatti è molto meglio credere nella fantomatica “Cura Di Bella”, della quale un certo Beppe Grillo fu il massimo sponsor, sottacendo i morti che fece. Oppure al gratuito ed economico “Metodo Stamina” promosso a suon di parcelle dal filantropo Davide Vannoni, scienziato della comunicazione (e truffatore). In un mondo al contrario, dove i ciarlatani hanno credito, perché “social”, ed i ricercatori scientifici no. E se invece parliamo di soldi, il consigliere onorevole cittadino Barillari nella sua assoluta inutilità ne intasca circa 8000 di euro al mese, per la sua attività di POLITICO a tempo pieno e per sparare di simili cazzate! Ovviamente pagato da noi tutti. Anche da chi non l’ha votato, visto che per i grulloidi il libero esercizio di scelta elettorale è innanzitutto una discriminante politica e non un diritto democratico. Sempre per quella storia della democrazia diretta.

«A tutti loro noi “comuni cittadini” dobbiamo credere ciecamente. Senza mai porre domande. Senza mai dubitare della loro scienza perfetta e sicura. Altrimenti, come ci ha simpaticamente definito l’assessore alla sanità del Lazio, siamo “antiscientifici e di stampo oscurantista”. Parole forti.»

E pensiero debole, debolissimo, di un ‘politico’ straparlante!
Segue pippone delirante sulla presunta a-scientificità della scienza che in realtà segue “SCELTE POLITICHE” non rimesse al vaglio del popolo, visto che tutti noi politici siamo inesperti, ignoranti, e non possiamo permetterci di parlare di sanità, per l’appunto e per fortuna!

«Allora ve lo dico chiaramente: La politica viene prima della scienza. I politici devono ascoltare la scienza, collaborare, non farsi ordinare dalla scienza cosa è giusto e cosa è sbagliato, accettando le parole della scienza mainstream come dogmi religiosi. Perché la scienza DEVE ESSERE DEMOCRATICA, e quindi deve ascoltare tutti… compresi ricercatori e scienziati, che con dati alla mano, contestano il dogma ufficiale

Davide Barillari non ha ancora scoperto l’esistenza del Siero Bonifacio, perché altrimenti ci proporrebbe pure quello in alternativa all’odiata scienza mainstream” (ma vi rendete conto di come parla questo?!?). Per Barillari evidentemente hanno valore scientifico anche le pozioni magiche e gli amuleti, purché prescritti da scienziati e ricercatori “indipendenti” (come il suddetto Vannoni). Se poi vengono radiati ed esposti al pubblico ludibrio (perché le persone sane di mente sono ancora la maggioranza), si tratta sicuramente di un complotto rettiliano della Ka$ta e della lobby farmaceutica, il braccio chimico del Nuovo Ordine Mondiale.

Per fortuna la scienza NON è democratica: deve produrre dati e ricerche, che devono essere ripetibili e confutabili, con risultati certi (non come le balle di un politicante). E soprattutto la “scienza” non deve rispondere alle credenze mitologiche di qualche coglione analfabeta, solo perché eletto da altri coglioni più ignoranti di lui, che concionano di tutto senza sapere nulla di niente. Perché come ebbe a dire a suo tempo Galileo Galilei:

“In questioni di scienza, l’autorità di un migliaio di persone non vale tanto quanto la scintilla di ragione di un singolo individuo.”

La scienza è meritocratica e selettiva. Per questo, in caso di cure cliniche, ci si rivolge allo specialista più bravo e competente (che ovviamente si fa pagare) e non al primo che capita. E tanto meno ad un ex sistemista di rete, come l’onorevole cittadino Barillari che pretende di spiegare ad un medico come fare il suo lavoro.
E’ anche sussiegoso lo “scienziato”. Se lo può permettere, non foss’altro perché ha dedicato decenni della propria vita a studiare e specializzarsi su materie difficilissime. E capirete se poi non ha tanta voglia di confrontarsi con un presuntuoso imbecille, che si informa sul webbé, leggendo opuscoletti di scienza alternativa pescati su twitter e scritti da gente che non ha nemmeno il diploma.

Ma forse Barillari è uno di quelli convinti che chiunque possa effettuare un intervento di necrosectomia, seguendo le istruzioni su you-tube. Perché uno vale l’altro.
E si meraviglia pure se lo prendono per il culo!!

Homepage

BLACK FRIDAY

Posted in Kulturkampf with tags , , , , , , on 25 novembre 2017 by Sendivogius

Non esiste puttanata, aka amerikanata, che gli italiani si facciano mancare. Sono come i polli da batteria: basta rimpinzarli di mangime all’ingrosso e loro beccheranno qualsiasi cosa, prima di essere spennati e bolliti una volta ingrassati a dovere.
Un tempo si chiamavano “saldi”; ora invece, con una di quelle operazioni di mercato che spacciano per ‘nuovo’ ciò che invece è vecchissimo, si dice black friday (!!).
Il “venerdì nero” rientra nel pastone, per ammansire masse bulimiche di consumatori compulsivi. Ovvero di crearne di nuovi, per emulazione indotta su contagio collettivo, sulla spinta del mega scontone al primo coglione che più compra nell’accumulo di roba.
Il fenomeno è ancora circoscritto e lontano dai fenomeni di isteria collettiva di altre e più desolate lande di citrulli (evidentemente disponiamo di anticorpi ancora solidi). Per questo ce lo ripropongono a tambur battente, da mane a sera, come un mantra (compra! Compra!! Compraaah!!!).
E francamente non se ne può più..!

Chissà cos’altro si inventeranno ancora… Perché la madre degli imbecilli è sempre incinta.  

Homepage

(92) Cazzata o Stronzata?

Posted in Zì Baldone with tags , , , , , on 1 novembre 2016 by Sendivogius

Classifica OTTOBRE 2016”

sofficinoEravamo così concentrati nell’ammirare gli spettacoli pirotecnici del Bomba con le sue rutilanti girandole di cazzate a ciclo continuo, in uno scroscio scoppiettante di mortaretti ad annunciar sempre nuove e mirabolanti imprese, che quasi perdevamo di vista la vera essenza della minchioneria elevata a dimensione cosmica nell’incommensurabilità dell’infinito ed espansa in una galassia stellata, dove migliaia di coglioni brillano di luce propria, tanto sono ansiosi di svelarsi al mondo. Va da sé che per una sorta di attrazione magnetica su affinità elettiva molti di questi nugoli di deficienti confluiscano poi nel notorio MoVimento, elevato a collettore indistinto di qualunque complotto, panzana, o minchionata assortita, possa conquistare lo stomaco e gli ani di un popolo di inguaribili deficienti, proiettati oltre la via di non ritorno dell’analfabetismo, meglio se intruppati in legioni di imbecilli digitali, tutti uniti nella condivisione dell’idiozia universale. Ovviamente, come tutti i coglioni che hanno visto la luce e per questo si sono convinti di essere in missione per conto di un qualche dio, sono privi di qualunque senso dell’umorismo. Sono permalosi, scambiano la loro imbecillità per gravitas morale. Quando non sono impegnati a leggere i diritti “antispecisti” a qualche lombata ai ferri, ad inseguire le scie chimiche, curare il cancro col bicarbonato, ingozzarsi di tofu, estrarre microchip sottocutanei, boicottare i vaccini, a postare gattini su facebook… gli idioti guardano la tivvù. E se non riescono a trovare qualche puttanata sugli alieni su Focus, be’ allora si soffermano sui varietà di intrattenimento per controllare se qualcuno abbia mai bestemmiato il nome della setta invano. Quindi si attiVano su segnalazione di un clic. L’ultima iniziativa surreale è il boicottaggio dei bastoncini Findus e del mocho Vileda per delitto di lesa maestà. Si era infatti osato sollevare dubbi sull’incredibile efficienza della Mortisia dei Parioli planata al Campidoglio, col resto dell’inqietante Asilo Cretinetti in gita autogestita a Roma, dopo cinque mesi di nulla assoluto e paralisi totale della città.
boicottaggio-findus-sofficiniPreso atto delle circostanze, ciò che è sconcertante non è l’impressionante numero di disturbati mentali in libera circolazione, bensì il fatto che questi non abbiano davvero niente di meglio da fare nella loro inutilissima esistenza. Il vero problema italiano non è la disoccupazione, bensì come tenere impegnati gli imbecilli e impedire loro che si dedichino alla ‘politica’ a tempo pieno.

 Hit Parade del mese:

01 - Coglione del mese01. IL COMPLOTTO DEL FRIGORIFERO

[25 Ott.] «Non ho mai visto tanti rifiuti pesanti, divani, frigoriferi abbandonati per strada. Non so se vengono fatti dei traslochi, se tanta gente sta rinnovando casa, ma è strano… È un po’ strano, ci sono frigoriferi che invece di essere portati all’isola ecologica vengono buttati vicino ai cassonetti e non è mica un lavoro semplice portarli lì, non so neanche come facciano. Però il frigorifero è già tutto sfondato e graffitato. Mi sembra strano.»
(Virginia Raggi, la Sindaca)

grillo02. LA MERDA NEL CERVELLO

[10 Ott.] «Il secondo cervello sta nella pancia, e voi dovete votare con l’intestino, ma senza cagarvi addosso»
(Beppe Grillo, maître à penser)

blundo03. DECLASSAMENTI

[29 Ott.] «Il Tg1 apre dichiarando una scossa di 7.1 e poi la declassa a 6.1! Ancora menzogne per interessi economici del governo. Anche il terremoto dell’Aquila fu “addomesticato” a 5.8. Il tutto per non risarcire i danneggiati al 100 per cento»
(Enza Blundo, senatora a cinque stelle)

bencini04. L’UCCELLO PADULO

[13 Ott.] «Sapete, io oramai sto con l’uccello… ma cosa avete capito? Parlo del gabbiano, il simbolo dell’Idv!»
(Alessandra Bencini, fuoriuscita a 5 stelle)

lemmerda05. LA QUALITÀ RAI

[02 Ott.] «Ho due figli. Un maschio e, purtroppo, una femmina. Le donne, dal punto di vista cerebrale, sono esseri inferiori»
(Alberico Lemme, dietologo da salotto)

kara-il-porco06. DEMOCRAZIA LAICA E MODERNA

[28 Ott.] «Il terremoto in Italia è una punizione divina»
(Ayoub Kara, ministro israeliano per la cooperazione internazionale)

trump07. MEMENTO VOTI

[05 Ott.] «Non morite prima di avermi votato. Non mi importa quanto sei malato. Non mi importa se sei appena tornato dal medico e lui ti ha dato la peggiore diagnosi possibile, che significa che è finita. Non importa. Reggete fino all’8 novembre. Uscite e votate. Vi vogliamo bene, ci ricorderemo sempre di quello che avete fatto.»
(Donald Trump, il cancro)

clinton08. PENITENZIAGITE

[12 Ott.] «Sono l’ultima cosa tra voi e l’Apocalisse»
(Hilary Clinton, l’altro tumore)

bersani09. EMERGENZA SFRATTI

[11 Ott.] «Sono stato trattato come un rottame. Ma a buttarmi fuori dal partito, che è casa mia, ci può riuscire solo la Pinotti se schiera l’Esercito»
(Pierluigi Bersani, Calimero)

razzi10. CIALTRONATE UNILATERALI

[02 Ott.] «Sto preparando un incontro bilaterale Abruzzo-Mongolia per il mese di maggio »
(Antonio Razzi, il Sempreverde)

Homepage

BELLEZZA IN SCATOLA

Posted in Muro del Pianto with tags , , , , , , , , , , , , , , , , on 29 gennaio 2016 by Sendivogius

Andy Warhol - Campbell's soup

Il vanaglorioso fanfarone dalle pretese regali, quello che occupa abusivamente Palazzo Chigi, con vista su un parlamento scambiato per la sua personale dépendance adibita all’alloggio della servitù, ci tiene molto alla “bellezza”; specialmente se intesa come concetto astratto in funzione del valore d’uso.
imagesQuando non sa cosa farsene, quando non è immediatamente capitalizzabile o da affidare in leasing, quando questa non è fruibile nelle finzioni scenografiche per il consueto teatrino dei pupi, la “bellezza” diventa ingombrante e perde di interesse. Semplicemente, non torna “utile” come sfondo per la farsa retorica, diventando una ‘vergogna’  da coprire.
DidimiPer questo va rimessa alla custodia provvisoria di organismi dalla pleonastica inutilità barocca, come quel fondamentale “Ufficio per il Cerimoniale e le Onorificenze”, che già s’era tanto distinto durante la trasferta saudita sulla faccenda dei rolex spariti e, pare, attualmente rientrati nella disponibilità della Presidenza del Consiglio; o per meglio dire nel polso del presidente del consiglio, meglio conosciuto dagli sceicchi come Rolex d’Arabia.
L'OrologiaioLe “istituzioni”, e massimamente quelle escrescenze burocratiche che pendono all’ombra del potere, abbondano di cretini ossequienti con la tendenza a strafare. Da lì, la scelta di imburqare le statue capitoline, che sia mai qualche chierico possa rimanere turbato dalla sconcia esposizione delle artistiche nudità! Una persona nemmeno troppo intelligente non condurrebbe mai il proprio ospite in un museo, se davvero pensa che questo sia talmente idiota da rimanere ‘offeso’ dalle opere in mostra.

matteo-renzi-e-mohammed-bin-zayed-al-nahyan-a-firenze

Gli zelanti funzionarini della Presidenza del Consiglio e le maestrine di cerimonie invece hanno ritenuto che la soluzione migliore fosse sì, portare gli ospiti al museo, ma nascondendo le statue e velando gli affreschi, per uno straniante effetto cantiere da allestimento Ikea. Evidentemente, deve essersi trattata di una loro particolarissima reinterpretazione del “cubismo” in chiave post-moderna…

Statue coperte ai Musei Capitoli in occasione della visita del presidente iraniano Hassan Rohani, Roma, 25 gennaio 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Cercare la logica di simili colpi di genio non è mica roba da tutti… Ci fanno un esame di stato con una selezione, per occupare simili uffici! Non per niente, le vie dell’imbecillità sono infinite ed ancor più imperscrutabili ogni volta si intersecano con quelle della “sensibilità religiosa”. E poco importa che ci sia stato chi per difendere quella “bellezza”, che qui si copre per opportunismo e altrove si distrugge per fanatismo, si sia fatto ammazzare. Per loro fortuna, i nostri imbelli burocrati di Palazzo non corrono certo di simili rischi.
Distruzione delle statue di PalmyraD’altra parte, la “cultura” sta molto a cuore al tronfio ducetto di Rignano, specialmente se può collegarla a qualche altro concetto che gli preme, in quanto elettoralmente spendibile, come la “sicurezza”, in uno di quegli accostamenti a lui consueti dove è inutile tentare di trovare la correlazione, tra accostamenti improbabili, tanto è ampio lo scollamento tra realtà e finzione.

Luisella Costamagna

«Io credo che la politica debba adottare un nuovo stile. Uno stile che riporti la passione al centro, che sappia emozionare, che riparta dalla bellezza. Perché mi hanno insegnato che la bellezza non può essere inutile.
[…] Vincerà chi saprà raccontare la bellezza utile di un’Italia che si nasconde timida in un mondo che avrebbe ancora molto bisogno di lei. Chiedono bellezza i cittadini globali del XXI secolo. Chiedono emozioni e un progetto nel quale credere. Chiedono di essere coinvolti, non di essere ammaestrati tra slide e battute

renzi-fonzieNo, non sono i tentativi espressivi di qualche cerebro-contuso in riabilitazione neurologica, ma uno dei massimi prodotti culturali del nostro Pittibullo quando gioca a fare l’intellettuale, peraltro con risultati drammatici..!

«Ogni giorno mentre vado al lavoro, mi perdo nella contemplazione della bellezza dei monumenti. Non di rado, però, inciampo in una buca delle sconnesse strade del centro storico. Lo vivo come un immediato richiamo al mio lavoro. Mi piace passare in trenta secondi dalla riflessione culturale sul mondo che cambia al tombino da ripulire.
[…] Rischiando il disprezzo dei turisti abbiamo scelto di invertire e siamo partiti dalle periferie.
[…] Mi viene in mente Steve Jobs, che a Firenze si innamora del colore della pietra serena e impone che tutti i suoi Apple Store siano realizzati con quelle caratteristiche

Matteo Renzi
“Stil novo. La rivoluzione della bellezza tra Dante e Twitter”
Rizzoli (2012)

Potrei vomitareTra formato cartaceo e digitale, ne abbiamo sfogliata di merda nella vita, ma mai si era scivolati così in basso tra simili forme nauseadi degrado estremo; asfissiati dai miasmi di una povertà lessicale che esalano dalle sdruciture di tanta miseria umana e culturale, articolata in banalità imbarazzanti che non superino mai le 100 battute tra un punto e l’altro. Per non parlare del suo ostentato linguaggio minimo, a portata di ogni deficiente che abbia a malapena raggiunto l’alfabetizzazione primaria.
Merda d'artistaAffondare le mani in quella cloaca trasformistico-dorotea che chiamano “renzismo”, cercando invano di tirarne fuori un barlume di senso o qualsivoglia spessore, è un’impresa assolutamente ingrata ed ancor più degradante nella sua inutilità; col rischio concreto di affogare nei gorghi di una minchioneria siderale, che trasuda dall’hybris del suo ridanciano ostensore.
Essere o Non EssereVa da sé che interrogandosi sul pensoso concetto di “bellezza utile”, questo lardoso scarto da Bar-Sport non manchi di porsi domande epocali, all’origine di una così incontenibile peristalsi editoriale:

“Mentre torno a stupirmi di tanta meraviglia, improvviso mi assale un dubbio: ma serva ancora la bellezza oggi?”

To be or not to beSì, serve. E non solo per un mero appagamento visivo. La bellezza serve come valore propedeutico nella sua eterologicità paradossale, perché ci ricorda come dinanzi ad una così schiacciante predominanza di simili cazzoni allo stato brado, nonostante tutto, l’umanità riesca a produrre opere straordinarie grazie al genio isolato di un’infima minoranza.

Homepage