Archivio per Finanziamento ai partiti

A tavola non si invecchia

Posted in Masters of Universe with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 14 novembre 2014 by Sendivogius

Gustave Doré, illustrazione per Gargantua et Pantagruel, Garnier, Parigi, 1873

La correlazione tra cibo e potere ha sempre costituito un connubio ideale nell’ambito dei rapporti politici. A tavola, si stringono alleanze, si intrecciano relazioni, si consumano atroci vendette e sordidi inganni, costituendo lo scenario ideale per congiure e tradimenti. Si potrebbe quasi dire che una buona cena, se ben organizzata, è a suo modo una rappresentazione del Potere, che nelle sue perversioni più estreme consuma se stesso in orge cannibaliche. Dai re mitologici come Tantalo e Licaone che pensavano di ingannare le divinità servendo loro carni umane, quando dei e mortali ancora banchettavano insieme, passando per la faida familiare di Atreo e Tieste, nella mitologia greca i banchetti conviviali nascondono spesso il pretesto per pratiche innominabili.
Banchetto grecoOppure costituiscono occasioni ideali per eliminare i propri nemici, con esiti non sempre fortunati… Tanto per ricordare, per i funzionari romani, specialmente nel periodo tardo-imperiale, un invito a cena era il miglior modo per sbarazzarsi fisicamente di un Cesare Borgiaproblema. Cesare Borgia era solito assassinare i suoi nemici al termine dei pasti: in questo, la Congiura del Magione resta il suo ‘capolavoro’ politico. Rasputin viene preso a pistolettate dai suoi anfitrioni, mentre si ingozza di dolcetti avvelenati senza risentire dello speciale condimento…
Nei casi meno drammatici, il rapporto compulsivo con il cibo costituisce una metafora della Società: meglio se corrotta, avida e insaziabile come il suo appetito… Dai ventri sformati di Falstaff e Pantagruel, fino alle antiche commedie latine, non manca mai la descrizione di fanfaroni vanagloriosi (Miles Gloriosus) e scrocconi senza vergogna (Curculio), che fanno dell’abbuffata a sbafo una ragione di vita. E il genere letterario raggiunge il suo apogeo satirico, con la mitica Cena di Trimalcione: monumento vivente alla cafoneria esibita degli arricchiti di fresco.
Se il cibo è vita, c’è chi vive per mangiare.
Casa dei Casti amanti di PompeiOggi lo scrocco permanente supera la ragione di necessità. È bulimia senza fame. E vive di “rimborsi” su conto terzi, con risvolti comici dagli effetti boccacceschi.
Quando la Politica cessa di essere passione ideale, per farsi piccina e trasformarsi in rappresentanza scenica, di solito il potere trascende nella farsa e l’abbuffata diventa il suo metro di misura, per programmi a misura di menù. Diviene cena di rappresentanza, tra filetti di manzo e mousse ai tre cioccolati, al catering delle clientele elettorali e delle promesse a portar via.

Il MerdaParty di Paolo PazzagliaOttobre 2012. La Roma-bene alla “Festa della Merda” in Casa Pazzaglia.

Nella Neolingua del ritornante partito della nazione, la grottesca sfilata a pagamento delle truppe cammellate di una classe ‘imprenditoriale’ tra le più retrive e grette d’Europa viene definita una scommessa per finanziare in modo diverso la politica.
Gli anglosassoni, che possono vantare la paternità dell’invenzione, la chiamano “crowdfunding”: una pratica talmente moderna da risalire alla metà del XVIII° secolo.
crowdfundingSotto elezioni, sono unanimemente conosciute come “cene elettorali”, con la differenza che da noi era il candidato ad offrire un banchetto in onore dei suoi potenziali elettori e non viceversa.
In tempi moderni, circa un ventennio fa, il “crowdfunding” è stato rinverdito con successo dai grandi leaders della sinistra (?) “moderna e riformista”, da Gerhard Schröder a Tony Blair, che dopo aver smantellato scientificamente la scala dei diritti sociali e trasformato il “thatcherismo” in un dogma universale, spalancando le porte al darwinismo di marchio neo-liberista, hanno concluso in bellezza la loro carriera politica riciclandosi come consulenti a peso d’oro, per gli autocrati di qualche despotato asiatico, o per le più spregiudicate holding dell’Investment Banking.
Roma 2012 - Festa della cacca Ridiscendendo alle nostre latitudini, meglio non indagare il nesso di causalità che lega la dirigenza di un gruppo politico, ai boiardi delle commesse parastatali ed ai predatori della finanza over the counter, alle sciure impellicciate della ricca borghesia milanese ed ai bottegari arricchiti dell’abominevole generone romano (esemplari in foto), ai palazzinari in cerca di appalti ed ai banchieri a caccia di capitali, che sgomitano per entrare nell’orchestrina del one-man-show che balla in solitaria sulla plancia del Titanic. E nell’attesa staccano assegni (deducibili come spese di rappresentanza), e sottoscrivono ‘opzioni’ sulle azioni future di governo, per ottenere la protezione del bullo fiorentino e della sua baby-gang di chierichetti allo spariglio.
Vade retroVuoi mettere la twittante modernità del nuovo che avanza, in confronto all’atmosfera d’antan e un po’ paesana da cooperativa bocciofila delle vecchie Feste dell’Unità, coi suoi battaglioni volontari di friggitori di salsicce!?! O la truppa degli instancabili donnoni boteriani in forza alle cucine, intenta a scodellare con furore stakanovista tonnellate di tagliatelle in piatti di plastica a prezzi modici, per lunghe ed animate tavolate allestite alla buona tra bancarelle di libri usati in assenza di lettori?!? Interi week-end immolati al finanziamento autarchico di un partito, che un tempo si definiva “di sinistra” e che oggi assomiglia piuttosto all’afterschool di Confindustria e negrieri associati.
DJANGO UNCHAINEDÈ la stessa razza predona, prima ancora che ‘padrona’, che considera un “costo insostenibile” retribuire (quando va bene) i propri dipendenti con meno di 900 euro mensili, dopo averne pagati mille per una singola cena con risottino. Che lamenta l’assenza di competitività ed il calo di produttività, ma non investe un centesimo in innovazione. Di tanto in tanto, leva dolenti cahiers di circostanza sulla “fuga dei cervelli”, ma reputa assolutamente normale che un ricercatore universitario venga pagato 600 euro al mese, salvo farsi meraviglia quando questi decidono di trasferirsi ovunque, dal Canada all’Australia, pur di non rimanere in una Italia dal lavoro somministrato, esternalizzato, atipizzato.. che pensa di attirare “capitali esteri” ed investitori stranieri, offrendo loro condizioni da terzo mondo: sfruttamento indiscriminato di una manodopera senza diritti e disarticolata nella propria capacità contrattuale, sullo sfondo disastrato di un Paese socialmente scollato che frana (letteralmente!) da tutte le parti.
dissestoPer ritornare ad un universo sociale estinto per assenza di rappresentanza, ai tempi del suo massimo turgore, il vecchio Silvione, dall’alto della sua statura da statista, liquidò l’insieme dell’elettorato ascrivibile a sinistra, come “coglioni”. Ovviamente, gli italiani optarono in massa per il peso massimo in questione, che in quanto a minchioneria continua ad essere un fenomeno fuori ogni scala di misurazione, coi brillanti risultati che tutti noi possiamo oggi apprezzare dopo un ventennio quasi ininterrotto di abusi ad personam e tutti rigorosamente pro domo sua.
Italy's former Prime Minister Silvio BerlusconiTuttavia, il papi della patria, prima di scoprirsi più renziano di Renzi, e venire prontamente riciclato dallo stesso come pappone costituente dopo l’interdizione dai pubblici uffici, con ogni evidenza ignorava quanto l’apporto testicolare alla masturbazione politica si componga sempre di due elementi fondamentali, riuniti assieme in un’unica sacca, come recita la formula canonica di rito: habet duos et bene pendentes!
A loro modo, sono il contorno ideale di ben altre pene, con protrusione prolungata al “centro”, ma ad inclinazione variabile secondo l’orientamento di pendenza originario. Dopo tanto penare, tra protesi, innesti, e sperimentazioni, siamo infine giunti alla monorchidia applicata alla Politica.

Homepage

LEGA LADRONA

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , , , on 6 aprile 2012 by Sendivogius

L’Italia è una repubblica fondata sulla famiglia. La propria.
In questo, Nord e Sud sono davvero uniti, nella greppia, tutti a tavola insieme appassionatamente!
Pensavamo di averle già viste tutte col tesoriere della Margherita, l’abruzzese Luigi Lusi, il predone dei due mondi che si è fregato più di 20 milioni di euro dalle casse del partito (ma la cifra è per difetto) ad insaputa dei vertici ‘margheriti’. Lusi è uno che accumula immobili come fossero vacche; pasteggia a caviale e si fa pesare l’oro del Volga col bilancino, prima di ingozzarsi a sbafo coi soldi altrui… Uno capace di giustificare gli ammanchi, riportando in bilancio quasi 534 mila euro di spesa per “sito internet, assistenza tecnica e manutenzione sistema informatico”, manco fosse il server della NASA.
Ma certo la saga familistica della Lega Ladrona non ha paragoni!
 D’altronde, la Lega ci aveva già regalato pagine esilaranti di psicopatologia collettiva: con le sue mitologie neo-völkisch, elmi cornuti e spadoni di latta; con le sue prove tecniche di nazismo applicato e le sue milizie verde-camiciate; coi suoi ubriachi da bar posti ai vertici delle Istituzioni nazionali e locali; con l’ignoranza abissale dei suoi massimi dirigenti; con la creazione di una sedicente repubblichetta secessionista della cassoeula, ricalcata sui confini dell’infame Repubblica Sociale di Salò…
Naturalmente, con un simile campionario a disposizione, la Lega si è rivelata un’idea di successo, raggrumando milioni di voti tra i bifolchi delle valli alpine, sparsi per gli infiniti Borgo Citrullo della pedemontana e riuniti in adorazione messianica attorno ad Umberto the Boss, il celebroleso di Pontida che volle farsi re e per la bisogna si inventò un suo reame chiamandolo padania.
Coerentemente, ci hanno regalato alcuni dei peggiori politicanti degli ultimi 100 anni, che rabbiosi e famelici sono calati nelle stanze del potere romano, arraffando e mangiando a più non posso, salvo poi sputare nel piatto della grande abbuffata e starnazzare davanti alle tivvù, con quella parlata stopposa di chi sembra ciancicare le parole, facendo i gargarismi con una pallina da ping pong in bocca.
Che la Lega fosse un dominio personale della famiglia Bossi, e gestito come una proprietà privata nelle disponibilità del Capo, lo avevamo capito da un pezzo.
Che fosse un possedimento feudale a trasmissione ereditaria era evidente, con il Trota travestito da delfino e una valanga di soldi pubblici a tenere in piedi l’intera struttura in cartapesta.
Che fosse anche il bankomat di famiglia e funzionasse come una specie di ‘ndrina calabrese, a conduzione paramafiosa, lo sospettavamo… Ma l’ascesa e caduta del clan Bossi, con la sfilata degli esemplari di famigghia, è uno spettacolo degno di un bestiario medioevale!
È la fiera dei freaks, convenuti nel “Cerchio Magico” dei Ladroni padani di lotta e di governo, con al centro l’Umberto assurto al ruolo di scemo del villaggio: il babbeo che si fa riparare il tetto del villone di Gemonio, naturalmente pure lui a sua insaputa; che si fa coglionare dal figlio scemo, piazzato con un posto in regione Lombardia, che gli frega i soldi dalla cassa per comprarsi il macchinone, mentre falsifica il libretto degli esami universitari.
E quella delle lauree finte sembra essere una vera passione per i verdi padão, per questo branco di volgari cialtroni analfabeti, miracolati contro ogni merito…
Umberto Bossi, che ottiene il diploma come perito per corrispondenza, e per anni millanta alla prima moglie di essere medico, uscendo di casa la mattina con tanto di borsa del dottore per meglio sostenere la finzione e sterzare subito verso il primo bar disponibile girando l’angolo.
Poi ci sono i figlioli prodighi alla casa del padre: Roberto Libertà, ormai noto alle cronache come “er Candeggina”. E soprattutto Renzo Bossi, universalmente conosciuto come Il Trota, e finito sulla griglia per le sue bocciature multiple alla maturità… i sospetti sul diploma (e la patente di guida) comprati… fedele ad una intelligenza davvero ‘ittica’. Avviato alla carriera di consigliere regionale, è stato affidato alle cure di Monica Rizzi, meglio nota come “Monica della Valcamonica”, che tanto per non cambiare si spaccia per psicologa senza aver mai conseguito il titolo.
E tra le matriarche di Casa Bossi come dimenticare mammà? Manuela Marrone, il mastino siciliano addetto alla sistemazione della prole. Nonché Rosi Mauro, la badante pugliese a capo del sedicente ‘sindacato padano’ che colleziona più ville in Sardegna che iscritti.
Una piccola parentesi a parte meritano invece i tesorieri della Lega…
Francesco Belsito, il tesoriere della Lega, ex autista ed ex buttafuori nei locali notturni della riviera ligure, con due lauree farlocche comprate on line a Malta, e in virtù di simili competenze piazzato come vice-presidente di FINCANTIERI che infatti oggi rischia il collasso.
Francesco Belsito è il successore dell’incredibile Maurizio Balocchi, già esperto in acquisizioni di appartamenti Enasarco a canone agevolato a Roma e nell’assunzione clientelare dei famigli alla Presidenza del Consiglio e nella Corte dei Conti. Infatti, la Capitale è dai leghisti disprezzatissima a parole, ma amatissima per i privilegi. Della serie, hic manebimus optime.
Soprattutto, Maurizio Balocchi ha fatto parte del CdA della Credieuronord, la banca della Lega, chiusa per fallimento nel 2006 [QUI] dopo aver dilapidato i risparmi investiti da migliaia di minchioni padani, con la fronte troppo cotta dal Sole delle Alpi. Ma, già nel 2001, Balocchi era  rimasto scottato dal mega-crack (10 miliardi di lire) per realizzazione di un villaggio vacanze in Croazia, pomposamente chiamato “Il Paradiso di Bossi” e rivelatosi un inferno per gli sprovveduti investitori.
D’altra parte, Balocchi era a sua volta succeduto ad Alessandro Patelli che in piena tangentopoli, mentre i leghisti agitano i cappi in Parlamento, si fa pagare una mazzetta da 200 milioni di vecchie lire nell’ambito del maxi-scandalo ENIMONT.
La cosa incredibile è che questa montagna di letame con velleità secessioniste è andata accumulandosi per oltre venti anni, prima di franare addosso a queste fameliche macchiette in affari, travestiti da guerrieri celti.
Di certo (non) ci mancheranno.

Homepage