Archivio per ducetto

VIENI AVANTI CRETINO

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , , on 16 giugno 2015 by Sendivogius

renzichet

«Queste elezioni dicono con chiarezza che con il Renzi 2 non si vince. Devo tornare a fare il Renzi 1. Una cosa è certa: le primarie sono in crisi. Dipendesse da me, la loro stagione sarebbe finita.
Serve un modello di partito diverso, all’americana: più Obama, meno Mastella o Pajetta.
Quando mi riferisco a Obama, pensa un partito organizzato in maniera nuova. Con un esperto di “big-data” che lavori al fianco di giovani iscritti e militanti. Giovani che sappiano farsi portatori dei valori sui diritti anche moderni: smart-city, talento, sostenibilità, lotta alla fame e diritti sociali, certo.
[…] Questo è un paese moderato, vince chi occupa il centro. Con personalità. Perché se invece degli originali corrono le copie, allora non funziona. In Liguria la Paita non ha perso perché il candidato di Civati le ha tolto dei voti che probabilmente non sarebbero andati comunque a lei. Ha perso perché nell’ultima settimana il 5 per cento degli elettori di centro si è spostato verso Toti.
[…] Al governo abbiamo fatto cose tecnicamente straordinarie: lavoro, giustizia, legge elettorale, divorzio breve, diritti civili. Anche l’immagine all’esterno è molto migliorata. Non siamo più i malati di Europa e durante l’ultimo G7 gli elogi pubblici di Obama alle nostre riforme sono stati quasi imbarazzanti. E basterebbe dare uno sguardo alle pratiche che abbiamo ereditato per capire che non è affatto vero che Letta era più competente di me, come ha scritto qualcuno.
[…] Da oggi le riforme sono più vicine, non più lontane. Adesso dovrò aumentare i giri, non diminuirli. Devo tornare a fare il Renzi pure lì. E farlo davvero. Infischiandomene delle reazioni per aprire una discussione dentro il mio partito. Al governo non c’è mai stata un’infornata di persone in gamba come a questo giro. Penso alle nomine che abbiamo fatto: De Scalzi all’Eni, Starace all’Enel e Moretti a Finmeccanica. La vera accusa che mi si dovrebbe rivolgere non è di avere messo i miei al governo, ma di non averli messi nel partito

Matteo Renzi
(15/05/2015)

Io Per la serie: vieni avanti cretino, che a noi già viene da ridere!
Deve bruciare davvero tanto la mazzata elettorale che ha schiantato le magnifiche sorti progressive di questo arrogante sbruffone da strapazzo, rotolato dalla provincia con furore, proprio grazie alla farsa di quelle “primarie” che ha usato fintanto gli sono tornate utili, ed ora che ha occupato la poltrona intende eliminare. Elmetto in testa, lancia (spezzata) in resta e avanti a tutta destra, il Matteo furioso parte alla carica che non ha ancora finito di spalmarsi la vaselina, in una di quelle rodomontate, con cui i bulletti feriti nell’orgoglio di solito vanno a schiantarsi Renzi il ducetto (by Edoardo Baraldi)definitivamente sotto una gragnola di ceffoni. È il ritorno del ducetto da tre soldi, più che mai pesto nella sua ira funesta senza più cantori, lungo la parabola tutta in discesa dell’alquanto ammaccato Rottamatore avviato alla demolizione precoce, nella sceneggiata smargiassa del cialtrone che si crede Telemaco ed al massimo può scimmiottare Mr Bean, per di più parodiato in versione iper-stronza.
renzi-beanOramai sembra una macchietta comica: un Pinotto senza il suo Gianni, che fa la faccia feroce e mostra i denti, come un cane bastonato che abbaia alla luna, ringhiando sul suo piccolo trono di spade spuntate, con l’enorme sederone a prova di rimozione saldamente incastonato tra i braccioli del suo regale seggiolone, mentre grida “Io sono il re!”.

È l’omuncolo nell’alto castello, che gioca al piccolo dittatorello the man in the high castlenel suo regno fatato di bubbole seriali, ridotto com’è ad un cinghialotto allo spiedo per rosolatura a fuoco lento. E in attesa della giusta cottura, al Porchetta in orbace, mentre si nasconde dietro l’ombra di un O’Banana avviato al tramonto, proprio non gli riesce di condire le sue smargiassate senza offendere qualcuno: se la prende con nullità assolute come Clemente Mastella e come tutti i vigliacchi insulta i morti, maramaldeggiando gratuitamente contro un Giancarlo Pajetta che se fosse ancora in vita lo prenderebbe a calci in culo da Roma fino all’Arno, insieme a tutta la corte di chierichetti democristiani con cui ha infeudato il sempre più osceno partito bestemmia. Partito che si vorrebbe ancor più liquido, come una scarica di diarrea in un attacco incontrollato di dissenteria, che finirà col prosciugare questo ributtante comitato d’affari ad uso personale, tra spruzzi di smart-city e big-data e tutte le altre puttanate assortite, che infarciscono la scheda di programmazione di questo prodotto già fallito da laboratorio confindustriale.

Essere o non essereEssere o non essere

E pensa alle nomine fatte, l’inzeppata di straordinari talenti dai Filippo Taddei, ai Gutgeld, ai Gozi, ai Luca Lotti… e tutta l’infiorata degli amichetti della parrochietta che costituiscono l’orripilante cricca di potere del Giglio Magico fiorentino. Almeno fino a quando continueranno a girare le rotelle del giocattolo meccanico, che muove la giostra del renzismo e che gira sempre più vorticosa su se stessa, pur rimanendo sempre ferma nello stesso posto.
Criceto sulla ruotaCi sono cadute epocali e terribili, altre che si consumano in fretta col fragore di un peto. A conti fatti, non ne resta altro che l’olezzo destinato (e per fortuna!) ad evaporare in fretta, con tutta l’inconsistenza gassosa dei palloni gonfiati.
keep-calm-and-vaffanculoAl Bambino Matteo prescriviamo una bella camomilla, onde sbollire in fretta gli ardenti spiriti della sconfitta, e a letto senza cena!

Homepage

Made in Italy

Posted in Kulturkampf, Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , , , , , on 2 aprile 2009 by Sendivogius

 

JOKER D’ESPORTAZIONE

 

alla-destra-della-regina3 In attesa del faraonico vertice della Maddalena, la partecipazione di Silvio Berlusconi al summit dei G-20 a Londra ha suscitato grande attenzione da parte della stampa britannica che, riconoscendo la statura politica e la caratura internazionale del nostro ineguagliabile “ducetto”, ha deciso di tributargli i doverosi elogi. Sembra che Re Silvio non abbia molto gradito l’omaggio dei perfidi albionici e si sia per questo lamentato col padrone di casa, Gordon Brown, il quale ha dovuto spiegare all’esterrefatto piduista che in Britannia la stampa è libera e che, in genere, in democrazia si usa così.

 

Why does he have to be such an idiot?

Abituati ai panegirici in lode all’imperatore, Liberthalia vi offre due brevi letture alternative. E noterete come fuori dagli inviolabili confini patri non abbiano problemi di demonizzazione.

La prima traduzione è rimessa alle mie modeste conoscenze delle lingua inglese; la seconda è presa in prestito da anonimo-italiano.webboys.org. In entrambe i casi, se non vi fidate, potete collegarvi agli editoriali originali.

Per noi sudditi dell’Unto gli articoli in questione non contengono niente di nuovo. Si sa, gli italiani sono gente di mondo: sorridono, fanno spallucce, e persistono perché si credono insuperabilmente furbi e perché così vanno le cose. Per questo all’estero ci hanno sempre tollerato, considerandoci delle macchiette, tutto sommato, innocue. Ora facciamo ribrezzo e nel resto d’Europa cominciano a guardarci con preoccupazione…

 

daily-telegraph 

02 Aprile 2009 – The Daily Telegragh

G-20: le battutacce sessiste, i doppi sensi, e le biricchinate da scolaretto di Silvio Berlusconi

 

Silvio Berlusconi, il primo ministro italiano, si vanta per la sua abilità di sintonizzarsi con la gente comune, ma si è costruito una reputazione per la sua serie di gaffes sul palcoscenico internazionale

 

  di  Nick Squires  

 

silvioberlusconi-g20 La scelta dei più memorabili strafalcioni verbali di Berlusconi è un’impresa difficile, dal momento che ce ne sono in abbondanza.

I suoi tre mandati come primo ministro sono stati caratterizzati da battutacce sessiste, doppi sensi e scherzi da scolaretto, che uno si potrebbe aspettare dall’animatore su una nave da crociera, come Berlusconi è stato, ma non da un leader nazionale.

La sua propensione allo scherzo e al riempirsi la bocca di scemenze potrebbe finire col metterlo nuovamente nei guai al summit del G 20.

Soltanto una settimana fa, il 72enne milionario venuto dal nulla ha suscitato costernazione per aver fatto nuove osservazioni sul colore della pelle del presidente Barack Obama.

Dopo aver già elogiato l’abbronzatura di Obama lo scorso anno, ha detto che la sua risposta alla crisi economica mondiale è stata diversa rispetto a quella del presidente americano e che lui “è impallidito”.

A Febbraio, da quel che si dice, è stato colto in fallo mentre scherzava col presidente francese Nicolas Sarkozy, dicendo che Lui gli “aveva dato” la sua moglie italiana, Carla Bruni.

A Gennaio, Berlusconi ha suscitato sdegno quando affermò che, sebbene abbia preso in considerazione l’impiego di 30.000 militari nelle città italiane, non ci sarebbero stati abbastanza soldati per proteggere ogni “bella ragazza” italiana dallo stupro.

Le donne erano già state offese nei mesi precedenti durante la campagna elettorale dello scorso anno, quando Berlusconi rispose ad una giovane elettrice che faceva domande sul programma economico, che la cosa migliore da fare per uscire dalla povertà era sposare un milionario, “come suo figlio”

Confermando i cliché sugli italiani, il politicamente scorretto di Berlusconi si concentra su donne e sesso.

Una volta si è vantato di aver usato tutto il suo “fascino da playboy” per persuadere il primo ministro finlandese, una donna, durante una serie di contrattazioni.

E si è raccomandato con gli investitori newyorkesi di trasferirsi in Italia perché le segretarie sono più belle rispetto alla loro controparte americana.

Ora che si prepara al viaggio a Londra per il summit del G 20, Berlusconi rimane, nel senso letterario del termine, il joker nel mazzo.

 the-guardian-newspaper 

30 Marzo 2009 – The Guardian

ITALIA: L’Ombra del Fascismo

berlusconi140 L’obbiettivo centrale di Silvio Berlusconi come Primo Ministro Italiano è a lungo apparso smaccatamente e vergognosamente ovvio. Fin dal momento in cui si è fatto strada nel vuoto politico creato nel 1993 dallo scandalo della corruzione politica a destra e dal simultaneo collasso dei comunisti Italiani a sinistra, Berlusconi ha usato la sua posizione politica e il suo potere per proteggere dalla legge sé stesso e il suo impero mediatico. Durante il più lungo dei suoi mandati come Presidente del Consiglio, Berlusconi non solo ha consolidato il suo già forte controllo nell’industria mediatica Italiana ne possiede circa la metà – ma ha anche approvato leggi che gli garantiscono immunità dall’azione legale. Poi, quando quella legge venne giudicata incostituzionale, Berlusconi, nuovamente eletto, la ripropose l’anno scorso sotto altra forma e riuscì a farla promulgare come legge.

Il successo di Berlusconi deve qualcosa alla sua personale audacia e molto alla sempre più intensa debolezza dei suoi avversari. La sinistra Italiana, in particolare, non è riuscita a costruire un’opposizione efficace. Tuttavia l’ultima iniziativa di Berlusconi – la fusione nel suo nuovo movimento, Il Popolo della Libertà, formalizzata ieri, del suo partito, Forza Italia, con Alleanza Nazionale, che deriva direttamente dalla tradizione fascista di Benito Mussolini potrebbe lasciare un segno nella vita pubblica Italiana più duraturo di ogni altra cosa fatta dal magnate populista.

A differenza della Germania postbellica, l’Italia postbellica non si è mai propriamente confrontata con il suo retaggio fascista. Il risultato è che, mentre il neofascismo non è mai seriamente riaffiorato in Germania, in Italia ci sono state importanti continuità tra le quali le leggi ereditate dell’era mussoliniana e la rinascita postbellica del partito Fascista, sotto nuovo nome – nonostante la formale pubblica cultura antifascista Italiana. Queste continuità sono ora diventate più forti. E’ un giorno di vergogna per l’Italia.

Tuttavia AN ha intrapreso importanti cambiamenti in 60 anni. Il suo leader, Gianfranco Fini, ha dismesso la vecchia veste politica e ha condotto il partito verso il centro. Ha lavorato per 15 anni come alleato di Berlusconi.Parla della necessità di dialogo con l’Islam, denuncia l’antisemitismo e sostiene la causa di un’Italia multietnica – posizioni che Berlusconi fa fatica a conciliare con le sue campagne populistiche contro zingari e immigrati e con la sua predilezione al razzismo morbido.

Nonostante le sue distanti origini liberali, l’Italia moderna è un paese di destra.Tuttavia è un pensiero scioccante che ci sarà un capo di governo tra i 20 leader mondiali al summit economico di Londra di questa settimana che ha ricostruito la sua base elettorale sulle fondamenta poste dai fascisti e che sostiene che, come risultato, la destra sarà probabilmente al potere per generazioni.

[N.B. la traduzione dell’articolo originale, pubblicato su The Guardian, è di anonimo-italiano.webboys.org]