Archivio per Coglioni

LEGIONI DI IMBECILLI

Posted in Kulturkampf, Muro del Pianto with tags , , , , , , , , , on 24 novembre 2019 by Sendivogius

Le descrizioni per definire un imbecille sono infinite, esattamente come le sue varianti. Perché l’imbecillità è proteiforme, garrula nelle sue manifestazioni, abitudinaria nelle sue ossessioni, e predilige la coltivazione virale in colonie, se le si offre la possibilità di ‘socializzare’, fornendole una regia.
Che cos’è dunque un imbecille?
 Ernesto Lugaro, che veniva dalla scuola di Lombroso e seguiva un indirizzo organicistico, in un suo contributo del 1933, ne definiva la natura patologica complementare all’idiozia, come…

«Un difetto grave, ma non gravissimo, dello sviluppo psichico, che consente l’uso anche largo della parola (per lo più con qualche difetto d’articolazione: lamdacismo, rotacismo e altre forme di blesità), ma non permette un profitto scolastico tale da riuscire praticamente utile nei rapporti sociali.
Al disotto degl’imbecilli stanno gl’idioti, al disopra e fino ai limiti della normale mediocrità stanno i semplici di spirito. La relativa ricchezza di sviluppo psichico (al paragone con gl’idioti) consente agl’imbecilli una psicologia più complessa e ricca di anormalità intellettuali e morali.
Gl’imbecilli sono spesso fatui, vanitosi, bugiardi, ipocriti, volubili, riottosi, ribelli, crudeli. Possono presentare crisi distimiche, delirî di grandezza o di persecuzione, pervertimenti sessuali, insensibilità morale, tendenze criminali

In pratica, la descrizione sembra adattarsi perfettamente alla fauna di scimmie analfabete ma iperconnesse, che imperversano sugli (anti)social lanciandosi palle di escrementi tra loro, nella prevalenza maggioritaria di un fenomeno non statisticamente rilevabile. Tale è la sua diffusione di massa, per un condensato di disagio più psichico che sociale, piagnonismo parassitario e grettezza amorale; analfabetismo funzionale che si crogiola compiaciuto nella più crassa ignoranza, esibita peraltro a titolo di vanto e scambiata dal tronfio citrullo come compiuta espressione di senso pratico. È qualcosa che trascende il vecchio coglione pre-digitale da cui pure discende… non foss’altro perché quest’ultimo costituiva un caso isolato su interazione ristretta. Soprattutto, non possedeva il velleitarismo ideologico e le ambizioni pseudo-politiche dei troppi coglioni inopportunamente viralizzati, che nel frattempo sono cresciuti e si sono moltiplicati fino a diventare legione, nell’incontinenza declamatoria e nella sicumera assolutoria che l’Unione Anonima Imbecilli infonde ai miserabili di spirito.

Devozione Sovrana

Non possedevano l’illusoria potenza del branco, seppur gregari ad un capo, per una miscela venefica che nulla ha di ‘esplosivo’, a parte il fragore dei peti coi quali ammorba l’etere.
Sono gli avanzi di popolo, compostati in gentismo; pattume delle ragione, percolato nelle discariche virtuali di un non-luogo digitale, dove dare forma ai loro inferni immaginari. Insomma, una scatola vuota da riempire con pulsioni irrazionali, ossessioni paranoiche, rancori ribolliti nell’astio delle proprie distorsioni cognitive, e pensierini minimi mutuati dalla retorica pubblicitaria.
E se l’imbecillità è fenomeno assolutamente trasversale nelle sue espressioni, sarà poi davvero una casualità che le ribollenti cloache del sovranismo si siano rivelate il collettore privilegiato degli umori più fetidi di una nazione infetta?
Nell’Italietta nostalgica e fascistoide, ora appestata dal germe nazi-populista, il terrore dell’Uomo Nero è stato esorcizzato con l’adorazione dell’Uomo in nero, ovviamente riadattato ai gusti pacchiani ed alla volgarità del tempo presente, attraverso l’eucaristia mistica col corpo del sovrano, sogno proibito delle cagne rabbiose del fascioleghismo in calore…

Ecce HomoEcce Homo!

Ovverosia, lo sozzo borraccione, lascivo e pantagruelico, che colleziona divise e crocifissi, tra accessoristica segnaletica su felpa, raccolte di citazioni ducesche, camicie nere, e soprattutto fondi neri dalla Russia con fervore.
Salvini e GattiniÈ l’aspirante reginetta dei social che infesta ogni piattaforma disponibile con la sua muta sbavante di ultrà da tastiera in pieno deliquio orgasmico, contribuendo ad elevare la qualità dei contenuti, tra un’abbuffata e l’altra.
Va da sé, che da una bocca così può uscire davvero di tutto…
Una persona a malapena normodotata, giusto un’unghia sopra la soglia del sottosviluppo mentale, sa benissimo che (TUTTI) gli ospedali sono aperti 7 giorni su 7, per 365 giorni all’anno (festivi inclusi), 24h su 24h. Perciò, per scrivere simili cazzate, vuol dire che non hai alcun argomento a disposizione (plausibilissimo); oppure sai e consideri il tuo elettorato composto da inguaribili cazzoni (in malafede), senza alcuna possibilità di recupero.
Ed in tal caso non c’è ricovero che tenga!
Che poi è solo la punta dell’iceberg di una disinformazione strategica, nella continua manipolazione delle notizie, distorsione dei fatti, e falsificazione costante della Storia fino alla negazione della stessa. Giusto per dimenticare.
E che si autoalimenta di contributi indotti, per spirito di emulazione, da parte di chi non sa nulla e sproloquia su tutto.
È la catechesi di una folla di casi umani implotonati dietro al Mussolini di ghisa, tanto vogliono essere ipnotizzati dalle sue fanfaluche.
Quindi inutile meravigliarsi (ma anche sì!) dell’incredibile livello di minchioneria assortita, dabbenaggine, e vero e proprio ritardo mentale che sembra affliggere una pletora di incontinenti coglioni fuori scala dal commento compulsivo.
Gente incapace di capire ciò che legge, e finanche di vedere, ciò che va commentando senza posa, tanto è incontenibile la smania di correre a cagare la stronzata fumante di turno e fugare ogni dubbio sulla natura testicolare dei commentatori, nonché il (grave) ritardo cognitivo che affligge la loro condizione di disturbo psicopatologico.
Sono i nazi-patrioti italioti, in guerra soprattutto con la lingua italiana, prima ancora che con la ragione…
C’è la cretina (e qualche altro migliaio non da meno) che saluta i ciechi agitando le manine, sicura com’è che possano vederle e commuoversi assieme a lei per tanto entusiasmo.
C’è quella in astinenza da complotti, mentre si produce in interpretazioni cabalistiche sull’avvento dell’Anticristo.
C’è quell’altro ritardato mentale che confonde un quotidiano per l’altro, tanto sono tutti “giornaloni” e lui ha un solo capitone da leccare sempre.
C’è quell’altro ancora che davvero crede che il Presidente della Repubblica si esprima come il suo ubriaco da bar preferito (lo trova normalissimo), convinto che Mattarella faccia serata in discoteca ad Ibiza!

Ci sono pure quelli che scambiano un evidente fotomontaggio, con tanto di gioco di parole, per realtà… Pensano che una roba del genere possa esistere per davvero. La scambiano per vivisezione. E si indignano!! Allora ti rendi conto che il bacino in cui pescare è potenzialmente infinito.
Però ammettiamolo… almeno ci regalano un sorriso. Questa è gente che ha il magico potere di riuscire ancora a stupirci. Quando si pensava fosse stato raggiunto il fondo, questi iniziano a scavare ancora più in basso. Perché la merda sembra non bastare mai, tanto piace loro. La cercano e la gustano con avidità voluttosa…
E allora perché mai negargliela, in tutta la sua bulimica abbondanza?!?

Homepage

IDIOCRACY

Posted in Kulturkampf with tags , , , , , , on 22 aprile 2017 by Sendivogius

Anti-vaccinisti, anti-specisti, anti-sciechimisti, grillini… tutti costantemente in gara contro la logica, per chi la spara più grossa.
Il mondo è bello perché avariato. Che sia popolato di coglioni che parlano con altri coglioni, che usano internet per conoscere ulteriori coglioni di medesima fattura, rientra nell’ordine delle cose dal momento che i coglioni, per loro intrinseca natura, non possono vivere separati gli uni dagli altri. Si cercano costantemente tra loro. E, vista l’abbondanza della categoria, si ritrovano sempre; meglio se riuniti in legioni di petulanti imbecilli.
In un eccesso di ottimismo, la democrazia ha dato loro diritto di voto nella benevola illusione che una massa di idioti semianalfabeti possa davvero fare la differenza, portando l’imbecillità al potere.
Francamente, non si capisce di cosa indignarsi. In realtà è un gran bene che ci sia gente davvero convinta che i tumori si curino col bicarbonato di sodio, che le infezioni si prevengano mangiando pasta di noci, che i vaccini siano tutto un gombloddo delle multinazionali farmaceutiche (manco fossero l’Umbrella Corporation!), e che ruminare verdure da mane a sera faccia campare 150 anni. Il trionfo della medicina moderna in una società altamente tecnologicizzata ha garantito la sopravvivenza di individui assolutamente inutili, che diversamente non avrebbero superato la soglia dei 35 anni. Ed in un pianeta densamente sovrappopolato, l’inflazione incontrollata di coglioni è uno di quei lussi che non possiamo più permetterci.

Che ben venga dunque il ripristino di forme di selezione indolore, a giovamento del normale processo evolutivo dell’umanità. Un tempo c’erano le guerre, le carestie, le epidemie e le pestilenze, che provvedevano a fornire una fondamentale sfoltita del surplus. Insomma, le persone morivano per un normale ascesso ai denti, il più insignificante taglietto comportava il rischio di suppurazione con conseguente morte per setticemia. La gente era semplice: si ‘curava’ con amuleti e brodo di pollo; preveniva l’anemia coi salassi, e disinfettava le ferite con cataplasmi di sterco di cavallo. Nel medioevo, si era fermamente convinti che l’impacco di merda servisse a far salire il pus. E gli effetti si vedevano, per un risultato garantito. Dove saremmo ora, se tutti questi fenomeni fossero sopravvissuti abbastanza a lungo per fare la differenza, forti del numero che da sempre contraddistingue gli idioti?!?

«All’inizio del ventunesimo secolo l’evoluzione umana ha raggiunto una svolta: la selezione naturale, il processo secondo il quale il più forte, il più intelligente e il più veloce si riproduce in misura maggiore rispetto agli altri. Il processo che una volta aveva favorito gli aspetti più nobili dell’uomo aveva cominciato a favorire caratteristiche diverse… La maggior parte della fantascienza dell’epoca prevedeva un futuro più civile e più intelligente, ma col passare del tempo, le cose andarono nella direzione opposta. Un instupidimento generale! Com’era potuto accadere? L’evoluzione non sempre premia l’intelligenza e senza predatori naturali ad assottigliare il branco, cominciò a premiare coloro che riproducevano di più e lasciò che gli intelligenti diventassero una specie in via d’estinzione. E andò avanti così per generazioni anche se nessuno quasi sembrò notarlo.
[…] Il futuro di profilava nero…. e l’umanità divenne sempre più stupida a un ritmo impressionante. Qualcuno sperava che l’ingegneria genetica avrebbe corretto questa tendenza dell’evoluzione, ma le più grandi menti e il più grosso delle risorse erano concentrati su come impedire la caduta dei peli e prolungare l’erezione! Intanto la popolazione cresceva vertiginosamente e l’intelligenza diminuiva finché l’umanità non fu più capace di risolvere neppure problemi elementari come quello dei rifiuti, ammassati per secoli senza alcun piano di smaltimento, il che portò alla grande valanga dei rifiuti del 2505 che mise in moto gli eventi che avrebbero cambiato il mondo per sempre

Se una fetta cospicua di imbecilli ha deciso di togliersi dalle palle per sua libera scelta, non dovremmo essere semplicemente riconoscenti per una scelta che segna un grande passo avanti per il resto dell’umanità? Tempo tre o quattro generazioni ed il mondo sarà un posto migliore.

Homepage

(27) Cazzata o Stronzata?

Posted in Zì Baldone with tags , , , , , , , , , , , , on 1 giugno 2011 by Sendivogius

Classifica MAGGIO 2011”
Non est pax dicit Dominus impiis. E non c’è pace neanche per l’assortita banda degli onorevoli coglionazzi nostrani, che davvero sembrano non conoscere tregua né limiti!
Vuoi per la campagna elettorale.. vuoi per l’incredibile contributo del loquace gruppo dei ‘Reclutabili’ a responsabilità limitata.. vuoi per il presenzialismo televisivo dei moderati in orbace… questo mese abbiamo avuto una certa difficoltà nello stilare la solita classifica, considerando l’incredibile abbondanza di contributi e memorabilia a disposizione. Elmetto in testa e maschera antigas in tenuta NBC, sembrava di assistere ad una guerra dei peti per il conferimento del primato a chi la spara più grossa! Sarà l’età… sarà la ruminazione rallentata, o l’effetto di smaltimento dei reflussi gastroesofagei per overdose da CIALIS, ma l’ex Unto (e ora sfanculato) dal “popolo” resta comunque imbattibile, confermandosi per l’ennesima volta il campione mondiale della figura di merda in formato internazionale. Del resto, Lui è fatto così… ha una propensione tutta naturale per la materia: Mangiate merda, milioni di mosche non possono sbagliare.
È evidente che da una simile certezza, possono scaturire grandi performance…
Pervicace nella pratica, come nella sua ostinata inclinazione alle pennellate di cerone, il Pornonano esagera a suo solito: sempre più finto; sempre più irreale nel suo mondo fatato di cartapesta; sempre più simile alla salma del ‘caro estinto’, composta per l’esposizione funebre e improvvidamente scappata dalla cassa.
Imperdibile al G-8 francese, mentre con lo sguardo lubrico e l’occhietto spiritato da sorcio in calore, cerca il presidente abbronzato, e poi il fotografo personale, scavalca l’emiciclo dei ‘grandi’ e piccino arpiona lo sconcertato Barack Obama.
Uno, ingenuamente, si chiede:
Vorrà parlargli della crisi economica…
dei prestiti alla Grecia e della sottoscrizione dei bond ellenici…
dell’arresto di Strauss-Kahn a NY…
della guerra in Libia…
dell’arresto di Ratko Mladic in Serbia…
No! Il mascherone funerario va piagnucolando davanti all’esterrefatto presidente statunitense, lamentandosi che in Italia si è instaurata una “dittatura dei giudici di sinistra”. Si aspettava forse che O’Banana convocasse un vertice al Pentagono per il bombardamento mirato delle rosse procure?!?
Motivo di imbarazzo e ilarità, in campagna elettorale si è trasformato da valore aggiunto a catastrofe ambulante, perdendo miseramente le elezioni amministrative ovunque si è speso di persona. D’altra parte, come obiettare a formidabili argomentazioni del tipo: “la sinistra non si lava”; “a destra ci sono molte più donne belle che a sinistra” e, a giudicare dai fatti e dalle frequentazioni dell’Olgettina, sembrerebbe ci siano anche molte più mignotte.
Ad onor del merito, bisogna anche riconoscere l’eccezionale contributo di Olindo & Rosa (copyright di Littorio Feltri), al secolo Alessandro Sallusti e Daniela Santanché: la migliore accoppiata dai tempi di Sweeney Todd e Margery Lovett.
Fortuna che a supporto del governo dei moderati è sopraggiunto il fondamentale sostegno di Scilipoti e compagnia immonda: gente che, a sentirla parlare, convertirebbe alla causa secessionista anche il più indefesso sostenitore dell’Italia unita. Dal Regno delle Due Sicilie con furore!
Tuttavia alla Lega Nord queste macchiette borboniche sembrano piacere molto… sarò una tecnica subliminale?!? Comunque sia, pare che una poltrona a Roma valga bene la terrificante coabitazione. Hic menebimus optime.

Hit Parade del mese:

 01. IN VERITÀ VI DICO

[13 Mag.] «Le do una notizia che la lascerà senza parole: la sinistra italiana non c’è più, pffs! è sparita, s’è sciolta. Siamo noi, invece, ad avere un programma nuovo, con candidati giovani, puliti e vincenti!»
(Beppe Grillo, il Grullo a 5 stelle)

01.bis  VUOTO A PERDERE

[04 Mag.] «Il sindaco sarà una signora che ha il marito petroliere che le dà venti milioni di euro. Chiunque può diventare sindaco con venti milioni di euro. Si sa già che vince lei, quale dibattito, quale ago della bilancia. Ha già vinto perché la sinistra gli ha messo lì un signore di 60 anni, Pisapia, che non ce la fa, che non riesce. È una buona persona, ma lì ha già perso.»
(Beppe Grillo, il Profeta)

 

02. OTTIMO E ABBONDANTE

[20 Mag.] «Le elezioni amministrative tutto sommato sono andate bene»
 (Stefania Prestigiacomo, la Maddalena delle Libertà)

 

03. SCILIPOTI D’ITALIA (I): Risultati epocali

[05 Mag.] «Il lavoro che ho fatto come reclutatore di coloro che poi hanno raggiunto il centrodestra non ha raffronti.
Mi sono dato da fare e a questa prova elettorale vedrà che risultato avrà il mio movimento.
Il mio volto è il perno che ha coagulato singole, misere, avventure politiche.»
(Francesco Pionati, il talent scout)

 

03.bis  SCILIPOTI D’ITALIA (II): Competenze

[05 Mag.] «Sono un fuorisacco; un signore che Berlusconi ha voluto per le sue competenze.»
 (Giampiero Catone, il Fuorisacco)

 

03.ter  SCILIPOTI D’ITALIA (III): Allontana da me l’amaro calice

[05 Mag.] «Ho pregato il presidente Berlusconi di ripiegare su altri nomi. Non trovo il tenpo disponibile per assumere su di me anche quest’altra incombenza.
Temo davvero che per me sia venuto il tempo di avanzare ancora nella responsabilità, nella forza trainante di una passione spropositata.
Nessuna poltrona basterebbe a soddisfare l’ansia che mi brucia dentro […] Sarei il traino e la sintesi di battaglie sconosciute. […] Dio, Fraternità, Amore. Sono le parole cardine dell’inno del mio movimento, con l’obbiettivo fisso al crocifisso e all’identità cristiana del nostro Paese.»
(Domenico Scilipoti, l’Impegnato)

 

03.quater  SCILIPOTI D’ITALIA (IV): contraffazione alimentare

[05 Mag.] «Ho lavorato tanto con i ristoratori… non sono un ristoratore, ma sono un buongustaio, e soprattutto un buon cuoco: a tempo perso, molte volte, aiuto mia moglie»
(Antonio Razzi, l’Assaggiatore)

 

04. GAY FRIENDLY

[20 Mag.] «Io non sono anti gay. Ma va evidenziato che con Pisapia e De Magistris, il riconoscimento delle unioni gay porterebbe a conseguenze discriminatorie per centinaia di migliaia di famiglie di Napoli e Milano»
(Carlo Giovanardi, il busone nascosto)

 

04.bis  APOCALISSE RICCHIONA

[20 Mag.] «Non escludo affatto che nell’improbabilissima eventualità che diventasse sindaco, De Magistris favorirà femminielli, gay e trans.»
 (Carlo Giovanardi, la Cassandra transgender)

 

05. L’INVASIONE DEGLI ULTRACORPI

[21 Mag.] «All’interno dell’Agenzia Standard & Poor’s si annidano pericolosi comunisti»
(Osvaldo Napoli, il Nulla)

 

05.bis  BON TON

[31 Mag.] «Il presidente Berlusconi non ha mai offeso nessuno.»
(Roberto Formigoni, Maestro di cerimonie)

 

06. RIFORME

[12 Mag.] «Dopo le amministrative il centrodestra presenterà una grande legge di iniziativa popolare, proponendo il dimezzamento del numero dei parlamentari della Camera e del Senato.»
(S.Berlusconi, il Riformato)

 

07. STRAGE DI USTICA: l’onore in uniforme

[20 Mag.] «Le accuse di azioni di depistaggio e di infedeltà verso l’Italia contenute nel volantino e riferite all’operato dei vertici dell’Aeronautica militare pro-tempore sono, infatti, oltreché false, offensive e diffamatorie, completamente sconfessate dalle sentenze passate in giudicato di uno dei più lunghi e delicati processi penali mai celebrati in italia»
(gen. Lamberto Bartolucci, il Patriota offeso)

 

08. PAURE MODERNE

[12 Mag.] «Chi non ha paura di essere intercettato quando alza il telefono? Ecco perché serve una legge. Le intercettazioni restano per i reati gravi ma non devono essere portate come prova nei processi perché queste possono essere tagliate, se ne può alterare il senso e puoi avere anche un computer che estrae solo alcune parole»
(S.Berlusconi, il Temerario)

 

09. PRIMATI

[25 Mag.] «Il nostro sistema elettorale è il migliore del mondo»
(S.Berlusconi, l’Infallibile)

 

10. SPIRITO DI SERVIZIO

[25 Mag.] «Mi sono sacrificato a fare tutte quelle interviste»
(S.Berlusconi, il Sacrificato)

 

P.S. A dimostrazione che le bugie (come i nani) hanno le gambe corte, e che certi mezzucci osceni alle volte non bastano quando la vigilanza democratica è forte, come volevasi dimostrare, la Corte di Cassazione ha confermato i 4 Referendum del 12-13 Giugno, su acqua e nucleare e uguaglianza dei cittadini dinanzi alla Legge.
Sarà il caso di ricordarlo e ripetutamente! Questo perché media e TG nazionali hanno parlato del referendum su acqua e nucleare in maniera confusa e ambigua (Emma non vuole!), cercando di far passare l’idea che i quesiti fossero già stati cancellati e la consultazione in proposito rimossa.
Come più volte ribadito in queste pagine, NON è così. I Referenda sono tutti validi.
Il 12 e 13 Giugno fatene buon uso..!

Homepage