Archivio per Citrulli

L’Abominevole Uomo di Kalergi

Posted in Kulturkampf with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 20 maggio 2015 by Sendivogius

monkey with a gun by Fraugee

«L’immigrazione di massa è un fenomeno le cui cause sono tutt’oggi abilmente celate dal Sistema e che la propaganda multietnica si sforza falsamente di rappresentare come inevitabile.
Con questo articolo intendiamo dimostrare una volta per tutte che non si tratta di un fenomeno spontaneo. Ciò che si vorrebbe far apparire come un frutto ineluttabile della storia è in realtà un piano studiato a tavolino e preparato da decenni per distruggere completamente il volto del Vecchio continente.
D’altronde l’esproprio delle risorse da parte delle potenti multinazionali occidentali, controllate dall’elite massonico-finanziaria è la prima causa dell’immigrazione.
MANIFESTO PANEUROPEOL’ESSENZA DEL PIANO KALERGI
Nel suo libro «Praktischer Idealismus», Kalergi dichiara che gli abitanti dei futuri “Stati Uniti d’Europa” non saranno i popoli originali del Vecchio continente, bensì una sorta di subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale. Egli afferma senza mezzi termini che è necessario incrociare i popoli europei con razze asiatiche e di colore, per creare un gregge multietnico senza qualità e facilmente dominabile dall’élite al potere.
Ecco come Gerd Honsik descrive l’essenza del Piano Kalergi:
Rosemary“Kalergi proclama l’abolizione del diritto di autodeterminazione dei popoli e, successivamente, l’eliminazione delle nazioni per mezzo dei movimenti etnici separatisti o l’immigrazione allogena di massa. Affinché l’Europa sia dominabile dall’élite, pretende di trasformare i popoli omogenei in una razza mescolata di bianchi, negri e asiatici. A questi meticci egli attribuisce crudeltà, infedeltà e altre caratteristiche che, secondo lui, devono essere create coscientemente perché sono indispensabili per conseguire la superiorità dell‘elite.
look-whats-happened-to-rosemarys-babyEliminando per prima la democrazia, ossia il governo del popolo, e poi il popolo medesimo attraverso la mescolanza razziale, la razza bianca deve essere sostituita da una razza meticcia facilmente dominabile. Abolendo il principio dell’uguaglianza di tutti davanti alla legge e evitando qualunque critica alle minoranze con leggi straordinarie che le proteggano, si riuscirà a reprimere la massa. I politici del suo tempo diedero ascolto a Kalergi, le potenze occidentali si basarono sul suo piano e le banche, la stampa e i servizi segreti americani finanziarono i suoi progetti. I capi della politica europea sanno bene che è lui l’autore di questa Europa che si dirige a Bruxelles e a Maastricht.”
Goomba (1)[…] La convinzione che i popoli d’Europa debbano essere mescolati con negri e asiatici per distruggerne l’identità e creare un’unica razza meticcia, sta alla base di tutte le politiche comunitarie volte all’integrazione e alla tutela delle minoranze. Non si tratta di principi umanitari, ma di direttive emanate con spietata determinazione per realizzare il più grande genocidio della storia

Coudenhove-KalergiIl diabolico complotto del conte Coudenhove-Kalergi, epigono moderno del dottor Fu Machu, è un vecchio cavallo di battaglia del “movimento identitario” (l’eufemismo preferito dai neo-nazisti in incongnito, per rendersi più presentabili), che gira in rete da almeno un quinquennio o anche più, costituendo un appannaggio quasi esclusivo per “suprematisti bianchi”, “razzialisti”, socialfascisti e antisemiti viscerali, che gravitano nelle galassia dell’estrema destra, prima di diventare motivo di intrattenimento anche per complottari e dementi vari al guinzaglio.
Assurto a nuova gloria sui siti specializzati per monomaniaci del complotto, gli amanti delle scie chimiche e dintorni l’hanno Perché sei tanto coglionesubito eletto a nuova verità di fede, facendone l’oggetto di una diffusione virale. Ovviamente, ne parlano pure i meet-up a cinque stelle, tanto non par loro vero di aver scoperto una simile “verità” dimenticata, da condividere insieme ai soliti siti di controinformazione alternativa.
Il testo è lo stesso in tutti i casi, dalla traduzione di un originale in inglese, e viene ripubblicato sempre uguale con variazioni minime. A leggere tra le righe, per gli appassionati di settore, vi si scorgono richiami opportunamente rimanipolati in chiave apocalittico-terrorizzante, vaghi riferimenti all’occultismo teosofico di Madame Blavatsky, tramite una sorta di antropogenesi ripercorsa all’inverso.
ebreiSostanzialmente il famigerato “Piano Kalergi” costituisce una variante molto più rozza e meno appassionante degli intramontabili “Protocolli dei Savi di Sion”, ma la carica antisemita (per quanto sfumata) è sostanzialmente la stessa.
MadridLa componente spiccatamente razzista, nonché le esagerazioni caricaturali del testo, sono talmente calcate che l’origine della complot-juif-en-europepubblicazione avrebbe dovuto essere evidente a chiunque… Ma il complottista, nella sua ignoranza abissale, manca completamente di ironia ed è il primo dei creduloni che prende sul serio ogni astrusità gli passi tra le mani. Ma lui si reputerà un incompreso con una missione da svolgere: convincervi, se ancora ce ne fosse bisogno, di quant’è coglione.
Non ti sto insultanto. Ti sto descrivendoAltrimenti, nelle sue “citazioni” avrebbe potuto facilmente accertare come Gerd Honsik, a cui si deve la dettagliata descrizione dell’Essenza del Piano Kalergi, sia in realtà un Gerd-Honsik-Austria-Shackled-Cuffsantisemita austriaco e razzista conclamato, famoso per le sue posizioni “negazioniste” e soprattutto noto alle cronache giudiziarie per la sua attività di propaganda del nazionalsocialismo e istigazione all’odio razziale. Della sua attività politica, si ricorda la militanza nel disciolto NDP (ogni riferimento allo NSDAP hitleriano è assolutamente voluto). Poeta e scrittore, vanta tra le sue pubblicazioni l’indispensabile testo revisionista Freispruch für Hitler? (Assoluzione per Hitler?), che gli costa una condanna per apologia di reato; nonché l’imperdibile Fiend_Felon_HonsikSchelm und Scheusal (Malvagio e Criminale), pubblicato a Barcellona nel 2000, e tutto imperniato contro Szymon Wizenthal meglio conosciuto come “il cacciatore di nazisti”.
Durante la sua latitanza in Spagna, il solerte Honsik consegna alle stampe un’altra opera fondamentale: Adiòs, Europa – El Plan Kalergi (ed. Editorial Bright-Rainbow, Barcellona, 2005), che mistifica e falsifica i contenuti del Praktischer Idealismus (Idealismo pratico) dell’aborrito conte adios-Europail-piano-kalergigerd-honsik-plankalergiCoudenhove-Kalergi che (figuriamoci!) era una raffinato aristocratico cosmopolita, nato a Tokyo nel 1894, imparentato con la nobiltà di mezza Europa (baltica, scandinava, fiamminga, slava, tedesca, francese, veneziana e bizantina!) per giunta di madre giapponese, giusto a proposito di “subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale”. Per un razzista viscerale come Honsik, il conte Kalergi doveva sembrare una mostruosità contro natura.
Praktischer IdealismusSi aggiunga che il “Praktischer Idealismus”, pubblicato a Vienna nel 1925, è un accorato pamphlet contro l’antisemitismo, intriso di misticismo idealista e vagheggiamenti antroposofici che si richiamano ad una nobiltà dello spirito contrapposta al materialismo. Animato da un pacifismo profondo, Kalergi auspica “il dominio dello spirito al posto del dominio della spada”.

«La nostra era democratica è un interludio patetico tra due grandi epoche aristocratiche: l’aristocrazia feudale della spada e l’aristocrazia sociale dello spirito. L’aristocrazia feudale è in declino; l’aristocrazia dello spirito in divenire. Il tempo intermedio si chiama “democratico”, ma in realtà è dominato dalla pseudo-aristocrazia del denaro

Questo per renderci conto di cosa parliamo quando si cita Kalergi, che va avanti così per almeno un centinaio di pagine inseguendo le sue chimere.
Il testo integrale, che tutti definiscono introvabile, è talmente irreperibile che noi l’abbiamo scovato on line (edito in francese), in meno di cinque minuti.
complottoIn quanto al presunto complotto “massonico-finanziario”, probabilmente Kalergi vomiterebbe nel vedere a cosa è ridotto il suo sogno europeo…

«Oggi la democrazia è una facciata dietro cui si nasconde una nuda plutocrazia; le si lascia il potere nominale, mentre il vero potere risiede nelle mani dei plutocrati. Nelle democrazie repubblicane come in quelle monarchiche, gli uomini di Stato sono solo delle marionette in mano ai capitalisti che tirano le fila, dettano le linee della politica e dominano gli elettori attraverso la manipolazione dell’opinione pubblica…. Ad una struttura sociale di tipo feudale si è sostituita una struttura sociale plutocratica: non è più la nascita che determina la posizione nella società, ma il reddito. Oggi la plutocrazia è più potente dell’aristocrazia di ieri, perché nulla le è al di sopra, mentre lo Stato è ridotto a suo strumento e complice

In riferimento al “meticciato” ed alla creazione di una presunta razza ibridata di subumani da soggiogare e dominare:

Nefertari«L’uomo del lontano futuro sarà un meticcio. Le caste e le razze di oggi scompariranno gradualmente, in seguito al dissolversi dello spazio, del tempo e del pregiudizio. La razza del futuro, negroide-euroasiatica, in apparenza sarà simile a quella dell’antico Egitto e sostituirà la diversità dei popoli con la diversità degli individui

È un’intuizione piuttosto ovvia; persino elementare per un qualsiasi dilettante, che si interessi di antropologia culturale. Per giunta, Kalergi sostiene che la fusione di più diversità genera ricchezza nell’uniformità di provenienze diverse. Con ogni evidenza, guarda a se stesso e prende le sue molteplici radici familiari a modello.
La difesa della razzaOvviamente, invece di citare l’originale, si riportano le distorsioni di un bel figurino come Gerd Honsik, elette a verità rivelate per la fede incondizionata dei troppi dementi dispersi nelle pieghe del cyberspazio. E tutti giù a declinare in psittacismi di gruppo i deliri razziali di un grumo di neo-nazisti, alla fiera dei citrulli dell’allegro complotto.
Ora, come sia possibile mettere insieme una simile sfilza di minchiate assortite, senza nemmeno provare un briciolo di vergogna, costituisce di per se stesso già un mistero tragico, racchiuso nel cuore di tenebra da cui scaturiscono gli incubi peggiori nel sonno comatoso della ragione. Perché qui siamo oltre i confini della pornografia mediatica, per entrare nel gorgo osceno delle perversioni estreme ai limiti della coprofilia, con golose abbuffate di merda per palati forti, quanto mai ansiosi di abbeverarsi nelle fogne complottarde.
captain-kirk-demotivational-posterPerché il vero dramma del complottista a tempio pieno, oltre al problema (tutto suo) di essere un irrecuperabile imbecille, è la totale assenza di senso critico, nell’incapacità di riconoscere l’abnormità delle puttanate scovate nelle latrine del webbé e che subito corre a “divulgare”, su riflesso pavloviano, abbaiando ai mulini a vento, senza che mai venga sfiorato dall’ombra di un dubbio o si premuri minimamente di verificare provenienza e fonti di tali ‘perle’ disvelate.
willy-wonka-blogPer molti, smuovere qualche neurone disperso nell’abisso di teste vuote deve davvero costituire uno sforzo di natura cosmica.

Homepage

ABBRACCI

Posted in Kulturkampf with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 9 maggio 2014 by Sendivogius

Titanic by Alexiuss

Cialtronismo e Stupidità sono due forze complementari ed equivalenti, che non dovrebbero mai amalgamarsi tra di loro… Quando l’attivismo del cialtrone incontra la magia del cretino in uno stritolante abbraccio, è ormai troppo tardi: nulla può davvero arrestare la potenza scatenata in una reazione a catena, col catastrofico susseguirsi di effetti incontrollati.
I campi interattivi del Metafenomeno sono potenzialmente illimitati. Nessun traguardo gli è impossibile, né esiste ostacolo abbastanza arduo da non poter essere superato. Perché ciò che sembra precluso al cialtrone, di solito riesce al cretino e viceversa. Se l’attrazione tra i due è irresistibile, le conseguenze sono spesso fatali. Non esistono anticorpi abbastanza potenti, per contrastare l’azione virale dell’ibrido scaturito da così infausta unione. Al massimo, si può cercare di arginarne i danni collaterali di un simile prodotto di sintesi.
Per definirne l’azione e delinearne i limiti, non bastano le “Leggi fondamentali della Stupidità” del prof. Cipolla né le rassegnate constatazioni di Fruttero e Lucentini, sulla prevalenza del fenomeno in tutte le sue forme.
demotivation.us_I-see-stupid-people-They-are-among-us-walking-everyday-not-knowing-that-they-are-morons_133372627868  Come NON disinnescare un'ogivaSolitamente, se tutto va male, sul piano organizzativo il cialtrone, ancorché cretino, protende all’applicazione empirica del “Principio di Peter”, con una particolare predilezione per l’incompetenza creativa: quando crederete che raggiunti certi livelli non si possa andare oltre, il cretino (ancorché cialtrone) vi stupirà!
Nei casi peggiori, nutre velleità politiche, giacché ritiene (a torto) di non essere rappresentato degnamente. Perciò, potete star certi che prima o poi ve lo ritroverete candidato ad una qualche elezione. In genere predilige i “movimenti”, convinto com’è che siano cosa diversa dai “partiti”, dai quali si è allontanato per deficit di raccomandazioni o surplus di minchioneria.

Nella sventurata ipotesi venga eletto (e quasi sempre accade), avrete il tipico esponente di idiota in politica, a dimensione crescente come le cazzate che esibisce senza pudore in cerca di consensi.
Evoluzione della specieOvviamente, l’idiota in politica (cretino e ancor più cialtrone) è complementare al palcoscenico pubblico da cui è inseparabile. Per sopravvivere, e perpetuare la specie, ha bisogno di un gregge compiacente di citrulli (che poi sono cretini minori) da fecondare con le sue non-idee, che siano disposti a seguirne le gesta con entusiasmo e tributargli il loro compiacimento. Che poi sia un voto elettorale, o un indice di gradimento auditel, poco importa: si tratta della prosecuzione dello show con altri mezzi.
In fondo, le folle elettorali sono la materia inerte dalla quale ogni cialtrone in carriera trae la propria linfa vitale. Per (s)fortuna, in Italia non mancano le une né gli altri; si compensano, nella loro mediocrità costantemente al ribasso…

«Qualità precipua del cialtrone è la mediocrità. Egli ne ha fatto una regola di vita. Anzi, la regola. Il cialtrone non spicca in nulla, neppure nella cialtroneria; al massimo può arrivare a essere un mediocre cialtrone, essendogli l’eccellenza, foss’anche in negativo, preclusa per definizione.
[…] Di perfezione, quindi, nemmeno a parlarne, essendo la dimensione dell’apprendimento, con la sottesa tensione al miglioramento, fondamentalmente estranea alla natura di questo tipo umano. Il cialtrone è quel che è, formato una volta e per sempre, ontologicamente determinato, immutabile come le montagne eppure proteiforme nella sua insipienza.
[…] Il cialtrone trova il suo presupposto esistenziale nella fondamentale superficialità del 90 per cento delle comunicazioni interpersonali.
[…] Animale sociale per antonomasia, il cialtrone sa che per essere apprezzato dall’umano consesso è più utile sembrare qualcosa che esserlo veramente e che, ai fini del risultato, apparire è equivalente a essere…. Chi domina i segni, domina il mondo, ergo: sembro, quindi sono

 Andrea Ballarini
“Fenomenologia del cialtrone”
Laterza, 2013

La razza è antichissima e coriacea, nella varietà delle sue infinite tipologie. Omogeneamente distribuita su scala globale, sarebbe impossibile tracciarne una genealogia, ancorché inutile tanto capillare è la diffusione. E in quanto specie dominante, attraversa incontrastata le epoche, succedendo a se stessa.
Sulla medesima falsariga fenomenologica, a suo tempo (era il 1961), Umberto Eco ne tracciò un ritratto ad personam, ignorando o forse avendo intuito fin troppo bene quanto universali fossero le caratteristiche illustrate, con ampio anticipo sui futuri trionfi del modello caratteriale…

Bongiorno Matteo!

«L’uomo circuito dai mass media è in fondo, fra tutti i suoi simili, il più rispettato: non gli si chiede mai di diventare che ciò che egli è già. In altre parole gli vengono provocati desideri studiati sulla falsariga delle sue tendenze. Tuttavia, poiché uno dei compensi narcotici a cui ha diritto è l’evasione nel sogno, gli vengono presentati di solito degli ideali tra lui e i quali si possa stabilire una tensione. Per togliergli ogni responsabilità si provvede però a far sì che questi ideali siano di fatto irraggiungibili, in modo che la tensione si risolva in una proiezione e non in una serie di operazioni effettive volte a modificare lo stato delle cose. […] L’ideale del consumatore di mass-media è un superuomo che egli non pretenderà mai di diventare, ma che si diletta a impersonare fantasticamente, come si indossa per alcuni minuti davanti a uno specchio un abito altrui, senza neppur pensare di possederlo un giorno.
[…] Il caso più vistoso di riduzione del superman all’every-man lo abbiamo in Italia nella figura di Mike Bongiorno e nella storia della sua fortuna. Idolatrato da milioni di persone, quest’uomo deve il suo successo al fatto che in ogni atto e in ogni parola del personaggio cui dà vita davanti alle telecamere traspare una mediocrità assoluta unita (questa è l’unica virtù che egli possiede in grado eccedente) ad un fascino immediato e spontaneo spiegabile col fatto che in lui non si avverte nessuna costruzione o finzione scenica: sembra quasi che egli si venda per quello che è e che quello che è sia tale da non porre in stato di inferiorità nessuno spettatore, neppure il più sprovveduto. Lo spettatore vede glorificato e insignito ufficialmente di autorità nazionale il ritratto dei propri limiti.
mike[…] Mike Bongiorno non è particolarmente bello, atletico, coraggioso, intelligente. Rappresenta, biologicamente parlando, un grado modesto di adattamento all’ambiente. L’amore isterico tributatogli dalle teen-agers va attribuito in parte al complesso materno che egli è capace di risvegliare in una giovinetta, in parte alla prospettiva che egli lascia intravedere di un amante ideale, sottomesso e fragile, dolce e cortese. Mike Bongiorno non si vergogna di essere ignorante e non prova il bisogno di istruirsi. Entra a contatto con le più vertiginose zone dello scibile e ne esce vergine e intatto, confortando le altrui naturali tendenze all’apatia e alla pigrizia mentale. Pone gran cura nel non impressionare lo spettatore, non solo mostrandosi all’oscuro dei fatti, ma altresì decisamente intenzionato a non apprendere nulla.
In compenso Mike Bongiorno dimostra sincera e primitiva ammirazione per colui che sa. Di costui pone tuttavia in luce le qualità di applicazione manuale, la memoria, la metodologia ovvia ed elementare: si diventa colti leggendo molti libri e ritenendo quello che dicono. Non lo sfiora minimamente il sospetto di una funzione critica e creativa della cultura. Di essa ha un criterio meramente quantitativo. In tal senso (occorrendo, per essere colto, aver letto per molti anni molti libri) è naturale che l’uomo non predestinato rinunci a ogni tentativo. Mike Bongiorno professa una stima e una fiducia illimitata verso l’esperto; un professore è un dotto; rappresenta la cultura autorizzata. È il tecnico del ramo. Gli si demanda la questione, per competenza.
L’ammirazione per la cultura tuttavia sopraggiunge quando, in base alla cultura, si viene a guadagnar denaro. Allora si scopre che la cultura serve a qualcosa

 Umberto Eco
“Fenomenologia di Mike Bongiorno”
 (1961)

Ne emerge un ritratto antico, di una variante in via d’estinzione, portatrice di virtù eminentemente piccolo borghesi e dai modi affabili, quanto opportunista e calcolatrice.
Silvio GiulivoIn questa prospettiva simbolica, Mike Bongiorno (in qualità di idealtipo) è portatore sano di tutta una serie di peculiarità sociologiche, che in buona parte si riscontreranno intatte nell’espressione più longeva e di successo del cialtronismo contemporaneo e piacioneria applicata: il berlusconismo ed il suo diretto derivato… Ovvero, il renzismo che ne supera e integra con una carica nuova la senilità ormai antiquata della matrice originale.
Matteo e le Nonne Si tratta di modelli rassicuranti, a dinamismo controllato e durata garantita, all’insegna della continuità. In quanto tali, sono tipici fenomeni “nazional-popolari”, capaci di far sognare comunità sostanzialmente appagate nel loro conformismo, alla rivoluzione del luogocomunismo. Senza troppe stravaganze, seguono una serie di clichè stereotipati, ponendosi come figure di riferimento: dal buon padre di famiglia al nipotino perfetto, idolo dei nonni.

dead silence

«Oltre ai miti accetta della società le convenzioni. È paterno e condiscendente con gli umili, deferente con le persone socialmente qualificate. Elargendo denaro, è istintivamente portato a pensare, senza esprimerlo chiaramente, più in termini di elemosina che di guadagno. Mostra di credere che, nella dialettica delle classi, l’unico mezzo di ascesa sia rappresentato dalla provvidenza.
[…] Non accetta l’idea che a una domanda possa esserci più di una risposta. Guarda con sospetto alle varianti

braccino sempre teso In tempo di crisi, il fenomeno tende invece ad assumere contorni biliari; la melassa in cui galleggia si inacidisce fino a diventare rancida.
 Quando ciò avviene, ai citrulli (che il cialtrone elettorale chiama “popolo”) piace mostrare la faccia cattiva, ricercando nella cafoneria ostentata e nell’ignoranza compiaciuta il tratto distintivo che fa la differenza. Si scelgono per acclamazione un cialtrone dominante (o è il cialtrone che trova loro) che si crede dio, ma si accontenta di farsi chiamare “capo” mentre aizza l’armata dei citrulli alla Guerra dei Cretini.
Nelle sue flatulenze più effimere, si chiama “populismo”. Nelle declinazioni peggiori e più persistenti, diventa fascismo: immanente e pervasivo nella società italiana, si nutre di ritorni di fiamma ad ogni stress di sistema, che nel Paese di Borgo Citrullo gli imbecilli non mancano mai…

«Il fascismo ha avuto almeno questo merito: di offrire la sintesi, spinta alle ultime conseguenze, delle storiche malattie italiane: retorica, cortigianeria, demagogia, trasformismo.
[…] Il fascismo è il governo che si merita un’Italia di disoccupati e di parassiti, ancora lontana dalle moderne forme di convivenza democratiche e liberali.»

 Piero Gobetti
Rivoluzione liberale
 (22/04/1924)

Ed in quello che è un processo di fascinazione collaudato, non manca l’espressione più sofisticata del fenomeno ricorrente, ma nella sua variante acculturata: il cretino cognitivo, che scambia la comparatio con la reductio e non ne capisce la differenza.
Come ebbe a dire Daniela Maddalena, che della definizione è l’inventrice:

Il cretino cognitivo è come dire l’imbecille competente, lo stolido conoscitivo, il fatuo provvisto di informazioni.”

 Daniela Maddalena
Il Cretino cognitivo
Cabarà Edizioni
 (Milano, 1997)

Ma qui si entra in un campo minato… perché nessuno è immune al contagio e dunque siamo tutti dei potenziali cretini, ignari di essere tali.
Lo sapeva bene Sciascia che orgoglioso com’era, distribuiva patenti di cretineria senza che il dubbio di aver contratto lui stesso l’infezione lo sfiorasse minimamente…

«È ormai difficile incontrare un cretino che non sia intelligente e un intelligente che non sia cretino. Ma di intelligenza c’è sempre stata penuria; e dunque una certa malinconia, un certo rimpianto, tutte le volte ci assalgono che ci imbattiamo in cretini adulterati, sofisticati. Oh i bei cretini di una volta!
Genuini, integrali. Come il pane di casa

 Leonardo Sciascia
“Nero su nero”
Einaudi (1979)

Nessuno è al sicuro. E la piena consapevolezza di essere stupidi non ci rende per questo più saggi.

Homepage

ZUPPA RANCIDA

Posted in A volte ritornano, Kulturkampf with tags , , , , , , , , , , , , , , on 15 dicembre 2013 by Sendivogius

Cobra wants you!

Catilina“Quo usque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?
Quam diu etiam furor iste tuus nos eludet?
Quem ad finem sese effrenata iactabit audacia?”

  Marco Tullio Cicerone
  Catilinariae

Meno di una settimana di saturnali e lo sguaiato carnevale poujadista dei forconi assomiglia sempre più ad una macedonia già avariata. D’altronde il puzzo di questa zuppa rancida era inconfondibile fin dal principio, almeno per chi avesse voluto sentirne il fetore, ancor prima di attingere con abbondanti mestolate nel brodo nero del populismo neo-fascista e perdersi in mille rivoli egualmente putrescenti.
Parlare di “triumvirato”, quando ci si riferisce allo sgangherato terzetto di imprenditorucoli falliti dalle ambizioni tribunizie, che si contendono la leadership di questo moloch informe di revanchismi fascistoide e protestarismo qualunquista, è impresa quantomeno ardita.
Figuriamoci se è il caso di scomodare il “mostro a tre teste” di ciceroniana memoria! Qui più che altro siamo dalle parti del Trio Monnezza, a composizione variabile, circondati come sono dai personaggi più improponibili, coi soliti fenomeni da sagra strapaesana dei quali l’italica provincia abbonda da sempre: il citrullo col cappello; l’uomo che saliva sulle Jaguar a sua insaputa; il pirla serenissimo dal Triveneto. Era dai tempi di Bertoldo, Bertoldino, e Cacasenno, che non si vedeva un terzetto peggio assortito! Né poteva certo mancare tutto il campionario di contorno, (in)degno di uno dei peggiori film di Alex de la Iglesia. Per i nostri preferiti, c’è il contadinozzo del biellese che, “iniziato” com’è ad un lignaggio di Curanderos di discendenza Maya, pratica la guarigione attraverso la Presenza (?!?). Esperto in respiro consapevole, maestro sufi e praticante Reiki (dice lui!), insieme a tante altre amene puttanate new-age, è stato promosso per esoterici meriti a “portavoce” e subito rimosso appena la voce ha cominciato a farla sentire… Il tizio, quando non maneggia il concime nei campi, lo scarica a gogò dai letamai di internet: dal complotto mondiale dei banchieri ebrei ai nipotini dell’ammiraglio Horthy.
GTONell’altra metà del cielo, a fargli concorrenza, c’è poi la sgallettata intabarrata, che batte la tangenziale modenese col suo bivacco di manipoli, concionando sull’instaurazione di un direttorio militare “come prevede la nostra costituzione”. C’è da chiedersi quale “costituzione” abbia mai scaricato dal webbé.
E queste sono alcune delle intelligenze migliori del neo-movimento! Forconi che per la bisogna possono avvalersi dei formidabili microfoni di Radio Onda Blu, tra una messa ed un Ave Maria, e lezioni sul “Terzo Testamento”, senza ovviamente tralasciare lo studio delle sovrane decisioni delle Gran Commende, delle alte Precettorie degli Ordini Gerosolimitani, delle Logge del Grande Oriente d’Italia e della Libera Muratoria, dedicando una particolare attenzione ai Capitoli Sacri dei Capitoli romano e fiorentino dell’Ordine Cavalleresco del Santo Sepolcro, che da poco ha rinnovato il codice della fratellanza.
images (1)Per rimanere in tema, diceva Gervaso: il mondo è bello perché è avariato.
Se a prevalere non fosse la farsa ed il paragone non fosse indegno (per la Storia, mica per il bestiario!), una simile fauna avariata, con le sue velleità piccolo-borghesi, le sue patetiche marcette su Roma, le sue miserabili jacquerie, ricorda un po’ l’omogenea pletora di personaggi coinvolti nella “congiura” di Catilina, che (per la cronaca) finì malissimo.

«I congiurati avevano stretto alleanze nei municipi con borghesi che speravano in un rivolgimento totale per sfuggire alla giustizia o alla bancarotta»

Il caravanserraglio di loschi figuri e di squadristi che, disseminati in sparuti drappelli, hanno agito praticamente indisturbati in questi giorni, ricordano:

«i mascalzoni equivoci e pronti a tutto, che al momento stabilito avrebbero incitato la canaglia e l’avrebbero inquadrata. Inoltre si erano rivolti ai falliti, ai disoccupati, agli indigenti, promettendo loro la distribuzione del denaro dei ricchi.
[…] Tutto sommato, esso fu soltanto il gesto di un pugno di uomini tenuti insieme dai rancori e dall’avidità, il tentativo di putsch di una camorra che…. avrebbe consegnato lo Stato alle distruzioni di una banda incapace di meritarsi il potere come di farne a meno.»

  Jérôme Carcopino
Giulio Cesare
Bompiani, 2001
(pag.180)

Il Nano Imperatore (by Liberthaliia) E rimane il sospetto che, anche in questo caso, non ci sia stato un qualche “Cesare” che abbia pensato di strumentalizzare la protesta (dopo averla in qualche modo ispirata e finanziata), per trarne vantaggio e tornare ad una impossibile ribalta…

«Senza pudore, e anche senza false manovre, egli gioca col fuoco che potrebbe avvolgere tutto: nemico del disordine, si diverte a scatenarlo con la certezza di poterlo dominare in tempo e con la speranza di farne scaturire l’ordine nuovo al quale aspira»

  Jérôme Carcopino
Giulio Cesare
Bompiani, 2001
(pag.159)

Saluto al guruPeraltro, se così fosse, sarebbe in ben copiosa compagnia, a partire da quel “capo politico” con la sua corte di replicanti a comando, tanto fiero del suo populismo, da sguazzare tra i liquami di ogni cloaca disponibile pur di rimanere sulla cresta di uno tsunami di rigurgiti acidi, come la parodia di un Catilina fallito. Per l’appunto!

«Da molto tempo ormai egli aveva perso la nozione del bene e del male: impulsivo e passionale, stava per perdere anche il senso del possibile e del reale

Jérôme Carcopino
op. cit. (pag.180)

Homepage

(49) Cazzata o Stronzata?

Posted in Zì Baldone with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 30 marzo 2013 by Sendivogius

Classifica MARZO 2013

 Finalmente una ventata di fresche novità!
Contro ogni aspettativa, il parlamento della sedicente Terza Repubblica rischia di surclassare in peggio i suoi predecessori, battendo un record che francamente sembrava irraggiungibile.
Ignoranza, incompetenza, arroganza, analfabetismo istituzionale… davvero non ci facciamo mancare nulla nell’organismo sovrano, che più di ogni altro è lo specchio di un paese sostanzialmente marcio.
In effetti, dopo gli sketch di successo della pornocrazia berlusconiana, bisognava svecchiare un poco il campionario che ha consacrato per l’eternità il sublime barzellettiere di Arcore e le sue intraprendenti spalle comiche.
E infatti chi meglio di un cabarettista fallito dalle velleità messianiche, convertito al turpiloquio politico, poteva meglio riuscire nella difficile intrapresa, come interludio comico prima del ritorno del Grande Mattatore?!? Perché è chiaro che il protagonista indiscusso del momento è il ragionier Giuseppe Grillo, in arte profeta, a tener banco insieme alle sue schiere di imbecilli adoranti riuniti in bellicose tribù digitali.
La copiosità del materiale a disposizione è tale, da dover quasi considerare l’ipotesi di inaugurare una rubrica parallela dinanzi a così tanta abbondanza…
Nel magico mondo di Gaia, premonizzato dalle visioni di Casaleggio (il Frate Indovino della confraternita pentastellata) la follia regna sovrana:
In America impiantano segretamente chip sottocutanei per il controllo a distanza delle persone.. Bisogna istituire una commissione d’inchiesta sulla minaccia occulta della scie chimiche..
L’euro è un complotto massonico delle banche.. E pertanto la soluzione è un referendum on line (senza quorum), ovviamente sul blog di Beppe Grillo!
L’AIDS non esiste in quanto invenzione delle multinazionali per vendere farmaci inutili..
Ed i vaccini fanno diventare gay!
Ne abbiamo fatti di balzi in ‘avanti’, nel profondo del sonno della ragione, dai tempi dell’auto alimentata ad idrogeno, che le case automobilistiche terrebbero segreta, e la pallina al posto del detersivo per fare il bucato.
A livello politico, il nuovo che è avanzato si innesta più che altro sul settarismo gruppettaro dei vecchi Nazi-Maoisti anni ’70 dei quali sembra un’evoluzione dilatata a fenomeno di massa, in un ritorno di fanatismo post-ideologico, con inquietanti richiami alla cultura dell’irrazionale che ha nel cospirazionismo la sua espressione più evidente.
Altro che novità! La setta dei pentastellati ha in realtà radici vecchissime, che vengono vivificate ad ogni crisi di sistema. E le pulsioni totalitarie sono sempre le stesse sotto diverse spoglie: disprezzo assoluto per chiunque non sia organico al movimento; fedeltà incondizionata al Capo; la pretesa di sciogliere tutti i partiti e dare il 100% dei poteri al MoVimento che in quanto non-partito ha la pretesa di rappresentare il “popolo” nella sua totalità. Al contempo, è prevista l’eliminazione dei sindacati e la chiusura di tutti i giornali.
C’è già stato in passato un signore che sosteneva cose simili: si chiamava Adolf; era convinto di “essere in guerra” e coerentemente chiamava il suo programma ‘Mein Kampf’ (la mia battaglia).
Sorvoliamo invece sulle personali interpretazioni della Costituzione repubblicana, dalla pretesa che che il potere legislativo possa esistere senza esecutivo, alla reiterazione ad interim di un governo tecnico dimissionario senza passare per la legittimazione parlamentare, fino alla favoletta graziosa del capo del governo scelto tra personalità della società civile… giacché è ovvio che, chiunque sia il potenziale candidato (fosse anche Gesù Cristo risorto!), il giorno dopo verrà bocciato dal Grullo come “foglia di fico dei partiti”. Ormai il giochetto è chiaro.
In riferimento ai sedicenti esperti costituzionali del M5S, la compresenza di fenomeni (da baraccone) come il prof. Paolo Becchi la dice lunga sullo stato delle università italiane
Ad ogni modo, cercare una coerenza logica nei deliri continui del ‘capo-politico’, auto-nominatosi “presidente”, è un esercizio inutile… E noi, per ragioni di profilassi, ci teniamo a debita distanza da quella fogna infetta a cui si abbeverano invece i devoti della setta! Nel suo splendido isolamento auto-referenziale il Vate del M5S è obnubilato dai suoi latrati rabbiosi contro tutto e tutti. In piena fase fecale, spalma ormai i propri escrementi sulle pareti della propria cameretta virtuale, incapace com’è di articolare un pensiero che non sia rigonfio di minacce, fatwa, anatemi, scomuniche, e volgarità di ogni tipo. Di questo passo, tra poco si esprimerà tramite grugniti.
Land of the BlindPer paradosso, la situazione attuale ed i suoi protagonisti ricordano un (brutto) film come The Land of Blind: un perverso dittatorello, incredibilmente basso e dedito alle orge, in un Paese bananiero dove i vecchi partiti di maggioranza e opposizione sono sostanzialmente identici e si elidono a vicenda, viene rovesciato e sostituito da un guru barbuto che instaura un regime rivoluzionario a metà tra un setta ed una dittatura maoista-polpottiana, in un crescendo di deliri sempre più assurdi.
Alla fine, verrà restaurato il vecchio regime.

Hit Parade del mese:

01. BEVETE IL VOSTO PISCIO

[21 Mar.] «C’è la possibilità che i vaccini facciano diventare gay. Dopo un vaccino la personalità potrebbe non svilupparsi nel modo adatto. L’omosessualità è una malattia di ordine psichico: poi la lobby gay è diventata così potente che l’Oms è stata costretta a toglierla dalle malattie… E vogliamo parlare dell’urinoterapia? Va fatta per qualche anno, in certi casi è risolutiva, e può anche aiutare contro il cancro.»
 (Gian Paolo Vanoli, esperto scientifico a 5 stelle)

Sogni d'oro bel suino02. LETARGIE CONTAGIOSE

[21 Mar.] «Beppe è riuscito a tenere Napolitano abbastanza sveglio. Beppe ha cercato di fargli capire come sta cambiando il mondo.»
(Vito Crimi, Morfeo 5 stelle)

03 - Scilipoti03. STATISTI AL CONFRONTO

[12 Mar.] «Mi dichiaro sin d’ora disponibile a un confronto con Beppe Grillo sulle proposte che servirebbero al nostro Paese per uscire dalla crisi, e su quello che realmente significa avere senso dello Stato»
  (Domenico Scilipoti, la risorsa segreta)

04 - Biancofiore04. PERSEVERATIO DIABOLICA

[11 Mar.] «Manifestiamo per l’amore sincero che abbiamo per Berlusconi… che poi ne sapete voi se Ruby era o non era la nipote di Mubarak?»
(Micaela Biancofiore, caso clinico)

05 - Caprone05. ODORE DI SANTITÀ

[28 Mar.] «Siate pastori con l’odore di pecora»
  (Papa Bergoglio, il pastorello)

06 - Cieco di Arcore06. LA GRANDE COSPIRAZIONE

[17 Mar.] «Magistatura Democratica svolge un’attività eversiva di cui ho le prove: ecco perché serve una pre-commissione per verificare questi fatti»
(Silvio Berlusconi, il Barabba)

07 - Giovanni Burtone07. PRIORITÀ

[20 Mar.] «Vogliamo l’attribuzione della denominazione di ‘Città nazionale del presepe’ al Comune di Grassano!»
(Giovanni Burtone, statuina PD)

08 - Renata Polverini08. SPIRITO DI SERVIZIO

[03 Mar.] «Il posto blindato alla Camera? Fu Berlusconi a chiedermi se avessi voglia di fare la parlamentare, ed io, in maniera un po’ svogliata, accettai»
(Renata Polverini, la Camionista)

09 - Marta Grande09. MERITOCRAZIA INDIRETTA

[15 Mar.] «Qui in Italia la mia laurea non viene riconosciuta, perché gli Stati Uniti non sono in Schengen. Per questo non c’è un riconoscimento diretto»
  (Marta Grande, eccellenza 5 stelle)

Pizzarotti10. MEDVEDEV, CHI ERA COSTUI?

[24 Mar.] «Medvedev? Credo faccia parte della Commissione Europea, ma il ruolo preciso non saprei dirlo.»
(Federico Pizzarotti, sindaco a 5 stelle)

Pizzarotti 210.bis PREPARAZIONE PENTASTELLATA

[23 Mar.] «Kabul si trova in Iraq»
(Federico Pizzarotti, il Geografo)

Homepage

DÉJÀ VU

Posted in A volte ritornano, Stupor Mundi with tags , , , , , , , , on 17 ottobre 2012 by Sendivogius

La storia italiana assomiglia sempre più ad una scenografia pulp di creativi a corto di idee…
La trama è sempre quella: un assortito gruppo di pirla viene imprigionato (rigorosamente a sua insaputa) in un eterno loop temporale, ripetendo sempre le stesse azioni reiterate fino allo sfinimento.
I più fantasiosi sono convinti di vivere in una realtà virtuale, sotto il controllo occulto di entità segrete e onnipotenti, che chiamano con un nome diverso a seconda delle paranoie individuali e la mania del momento: Superiori sconosciuti… Illuminati… neo-Templari… Rettiliani… Sinarchia… Priorato di Sion… Bilderberg… Trilateral… Ultimamente, si è aggiunta all’elenco anche la ‘misteriosissima’ Chamber of Commerce in Italia..!
Intrappolati in questo presunto universo parallelo, degli inconsapevoli cazzoni scalciano come un grillo, cercando di arrivare al bandolo della matassa senza mai capirci un granché. Solitamente, si confidano sempre con le persone sbagliate, peggiorando ulteriormente la situazione; salvo poi affidarsi fideisticamente ad un messia, pronto a stupirli con effetti speciali e trucchi da baraccone circense, nell’illusione che la realtà possa essere diversa da quella in cui sono confinati e le responsabilità sempre di qualcun altro (la “casta”).
I want to believe! Tutti copioni già visti in TV, per la ruminazione lenta ma efficace di un popolo di alienati: “X-files”… “Il tredicesimo piano”… “Dark City”… “Matrix”… “Lost”

In alternativa, c’è la variante tradizionalista particolarmente apprezzata tra i prostatici in camicia nera e vecchie nostalgiche delle televendite. Trincerati dietro il recinto del loro piccolo mondo antico, vivono nella migliore delle realtà possibili che sarebbe perfetta se non fosse costantemente minacciata da orridi invasori alieni, di solito provenienti da rossi pianeti, nell’incombente minaccia bolscevica. Titoli consigliati: “La Guerra dei Mondi”… “L’invasione degli ultra-corpi”… “Il villaggio dei dannati”… passando per tutta la fantascienza anni ’50.
Diversamente, il loro luogo ideale è un centro commerciale, assediato da orde mostruose che vogliono portargli via la ‘robba’ spolpandoli fino all’osso: agenti del fisco, kommunisti, gay, terroni, immigrati, islamici, negri, zingari… dove il ‘male’ è sempre una “cosa dall’altro mondo”, che ti contamina e ti possiede contro la tua volontà.
Filmografia di riferimento: George A. Romero e gli zombies, ma con un occhio di riguardo al cinema di John Carpenter.

Usciti dal gabinetto delle loro ossessioni, i più intraprendenti si costruiscono la fabbrichetta, riciclando i soldi della mafia. E si rilassano con le gare di burlesque. Da vecchi, grazie alle magie del viagra, partecipano alle orge con dittatori africani e nipoti d’Egitto.

Alla peggio, finiscono in crociera con Sallusti e Santanché, senza nemmeno la speranza di uno Schettino al timone della nave.

In tutti i casi, l’eroe ideale è un mercante di sogni con l’etica di Wanna Marchi e il dinamismo di un venditore porta a porta.

E così, alla fine del ciclo, il giro ricomincia come in una nuova giostra, curiosamente, a rotazione grossomodo ventennale, se si esclude la lunga parentesi democristiana: giolittismo; mussolinismo; craxismo; berlusconismo… e sotto a chi tocca!
Il 2013 come il 1993. Tangentopoli vs Tangentopoli: ladroni diversi, stesse ruberie. E soprattutto stessi elettori, stessi italiani, stessi vizi, stessa delega in bianco al demiurgo di turno. Si ritrova l’eterna predisposizione ad accodarsi in branco, sul tracciato dei luoghi comuni e degli stessi pensierini elementari di sempre: Nuovo=buono; Vecchio=cattivo.
Tutti contro i ‘partiti’, sentina di ogni vizio. Per evitare scomode identificazioni, nel 1993 vennero presentati dei “club”… ci si illudeva fossero rotary… coordinati in associazione la chiamarono “Forza Italia”. Col tempo si scopri che erano spelonche di predoni. Nei villaggi della pedemontana si misero elmi cornuti con la camicie verde e si inventarono uno nuovo stato, ritrovandosi un Re con badante ed un Trota per delfino.
Oggi tutti si chiamano ‘movimenti’: spuntano più copiosi dei grappoli di emorroidi tra le natiche di uno stitico, per tanti one man show e una folla plaudente a chi la spara più grossa.
E d’altra parte il movimento è entità ancora non definita e di per se stessa in divenire dal non-essere all’essere, attraverso il Logos. Finora stiamo ancora fermi alla narrazione sacralizzata dei capi assurti a profeti e nessuno si salva al fuoco dei castigatori, in una notte buia dove tutte le vacche sono nere.

Homepage