Archivio per Cecenia

Medz Yeghern – Il Grande Male

Posted in Kulturkampf with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 20 aprile 2015 by Sendivogius

Remember

Lo storico britannico Arnold J. Toynbee, a cui si deve Arnold J. Toynbeel’introduzione della ponderosa relazione intitolata “The Treatment of Armenians in the Ottoman Empire” e meglio conosciuta come “Blue Book”, dove sono raccolte gran parte delle testimonianze sul genocidio degli Armeni e degli Assiro-Caldei, individuò nella “distruttività del nazionalismo moderno” il Grande Male dell’epoca, all’origine della febbre ideologica che sembrava consumare tra i fuochi della sua follia omicida popoli ed identità in un’orgia di massacri.
Il “Medz Yeghern” costituisce a suo modo la prima applicazione su scala nazionale di quell’ideologia eliminazionista (per fare propria la definizione di Daniel J. Goldhagen) che, innestandosi sul ceppo ben più antico degli odi etnici e del fanatismo religioso, si svilupperà nei grandi genocidi del XX secolo; i quali non costituiscono affatto una specificità esclusiva di determinate entità nazionali (meno che mai turche o tedesche).

vidal-clave

Interludio
1915 - pendaison à Constantinople d'un Arménien Il genocidio degli Armeni (e degli Assiro-Caldei e dei Greci del Ponto), ancorché contestato, implica aspetti particolari che nella portata delle sue dinamiche dimostrano essenzialmente come le attività di sterminio, pur avendo peculiarità universali, non presuppongano necessariamente l’esistenza di una struttura totalitaria né un’infallibile volontà organizzativa finalizzata alla distruzione, come fu per esempio nel caso del nazismo.
Fifth Regiment, Imperial Ottoman Cavalry, 1890s-1900s.La Turchia di inizio ‘900 era uno stato costituzionale, dittatoriale nella sostanza ma democratico nella forma, dotato di organi rappresentativi ed un proprio Parlamento che, per quanto limitato nei poteri ed epurato nella composizione, non fu mai sciolto nemmeno durante la disastrosa condotta della prima guerra mondiale e che per inciso non varò mai una legge organica, che legittimasse in modo esplicito le stragi e le espropriazioni forzate.
Soprattutto, i massacri furono alimentati con estrema facilità, in una spirale perversa di odio, vendette e ritorsioni, innescate dalle espulsioni di massa e lo sradicamento violento delle comunità turcofone e musulmane dai territori balcanici, oggetto di una pulizia etnica feroce da parte dei nuovi conquistatori ‘cristiani’. E delle quali loro malgrado fanno le spese gli Armeni e le altre comunità cristiane, presenti nei distretti orientali dell’Impero ottomano.
Vilayet armeniTra il 1880 ed il 1915, affluiscono in Anatolia milioni di profughi, che i Turchi chiamano Muhajir. Sono albanesi, bosniaci, bulgari, circassi della Cecenia, turcomanni e tatari della Crimea… tutti cittadini ottomani espropriati di ogni bene e cacciati via dalle loro case, che si riversano in massa nell’Impero del sultano in cerca di protezione ed asilo, e che vengono reinsediati nei distretti popolati dagli Armeni. L’eliminazione di una minoranza indesiderata comporta per il governo nazionalista l’opportunità di risolvere la “questione armena” e provvedere alla sistemazione dei nuovi arrivati, utilizzando i beni saccheggiati.
L'arrivo dei Muhajir a Istanbul nel 1912Lo sterminio degli Armeni, seppur condiviso e partecipato da gran parte della popolazione soprattutto nelle campagne, e massimamente i Muhajir, nella sua ferocia selvaggia non conobbe mai le forme proprie del razzismo biologico (come avvenne invece nel caso degli ebrei in Germania). Né era la diretta conseguenza di una produzione legislativa, volta alla massima discriminazione in attesa della “soluzione finale”.

Armenians_marched_by_Turkish_soldiers,_1915

Ufficialmente, ed in linea puramente teorica, quello degli Armeni si configurava come una deportazione di massa, “militarmente necessaria” per ragioni di sicurezza in tempo di guerra, e portata avanti con modalità brutali “al fine di massimizzare il numero di morti lasciati per strada” (A.J.Toynbee).

«L’atto che sancisce l’ufficialità dell’operazione è una risoluzione del Consiglio dei Ministri, datato 27 Maggio 1915. È un documento brevissimo che afferma il dovere dello Stato di reprimere con estremo rigore ogni attentato alla sicurezza nazionale e all’ordine pubblico. E conferisce alle autorità militari dei vari distretti la facoltà “se le esigenze della guerra lo impongono di trasferire e installare in altre località, individualmente o per gruppi, le popolazioni delle città e dei villaggi sospettate di tradimento o di spionaggio”. La parola ‘armeno’ non figura nemmeno nel testo.
Il 30 Maggio segue un decreto-legge dello stesso tenore, che non sarà mai ratificato dal Parlamento ottomano. Poi il 10 Giugno arriva una legge che precisa le modalità da seguire per il trasferimento delle persone e per la sistemazione dei loro interessi e affari prima della partenza. Infine, a operazione conclusa, il 26/09/1915, un’ultima legge stabilisce la sorte dei beni abbandonati dai deportati. Sul piano della legislazione ufficiale non c’è altro. I riferimenti espliciti agli Armeni sono sporadici; nelle istruzioni operative si preferisce ricorrere a perifrasi come “le persone trasportate altrove”, “le persone note”, e così via

Sergio De Santis
“Il genocidio degli Armeni”
(Marzo, 1996)

Turkish Cavalry L’applicazione delle disposizioni viene affidata alle autorità militari che godono di una discrezionalità illimitata, secondo un mandato tanto vago quanto ambiguo. Per essere sicuri di ottenere l’effetto implicitamente desiderato, gendarmeria ed esercito, vengono affiancati da appositi commissari governativi e soprattutto dalle unità operative dell’Organizzazione speciale.
Peraltro, la normativa in oggetto che si componeva di una serie di decreti governativi, spesso e volentieri seguiva e non precedeva le direttive emanate dal comitato centrale del partito di governo: il CUP (Comitato per l’Unione ed il Progresso).
Ismail Enver PashaIl 25 Febbraio del 1915, per ordine del Ministro della Guerra e uomo forte del regime, Ismail Enver pascià, tutti gli Armeni Medz_Yeghern_exteffettivi nell’esercito ottomano vengono distaccati nei “battaglioni lavoro” del Genio militare e quindi fucilati, o passati per le armi dai boia dell’Organizzazione speciale.
Al contempo viene ordinato a tutti i villaggi armeni dell’interno di consegnare ogni tipo di arma in loro possesso e di fornire ogni uomo valido per la coscrizione di leva, o in alternativa il pagamento del “bedel”, la tassa di esenzione. Trasgressori e renitenti vengono sottoposti a tortura con tenaglie roventi.
jevdet-bey Di conseguenza, il 19 Febbraio, la provincia armena di Van si ribella alle ingiunzioni del governatore turco, Jevdet Bey, che in caso di rivolta promette di uccidere ogni cristiano, uomo, donna, o bambino in cui dovesse imbattersi. E sarà di parola.
A farne le spese saranno soprattutto le comunità cristiane degli Assiro-Caldei, che a torto si credono immuni alla rappresaglia e vengono invece investiti appieno dalla repressione, che puntualmente si abbatte su di loro… Da Ras-el Hadjar a Tel Mozilt, passando di villaggio in villaggio per tutto il vilayet di Van ed i monti dell’Hakkari, tutti i 52 villaggi cristiani tra Beyazit e Eleskirt vengono distrutti dai reggimenti di cavalleria curda degli Hamidiye.
REVIEW OF KURDISH CAVALRY BY THE GOVERNOR OF VAN, BAHRI PASHAGli Armeni della città di Van si organizzano in milizie volontarie e squadre di auto-difesa resistendo agli attacchi dell’esercito ottomano, fino all’arrivo in loro soccorso di un contingente Linea di difesa a Van presso la città vecchiarusso. E questo rafforza ulteriormente la convinzione tra i “Giovani Turchi” che gli Armeni siano una minaccia, da debellare al più presto ed in maniera definitiva. E che porteranno alla stesura, per l’appunto 27/05/1915, della cosiddetta “Legge Tehcir” sulle deportazioni che avrebbero dovuto avere carattere straordinario e provvisorio. In realtà, la legge giunge per fornire una qualche copertura legale ad una vasta operazione di repressione, già in atto ed innescata motu proprio, su impulso di settori governativi legati all’apparato militare nell’ambito del pacchetto di “misure speciali”. Ad ogni modo, è dopo la promulgazione della legge che si intensificano le esecuzioni di ostaggi e l’uccisione dei prigionieri politici.
Fanti russi nei pressi di VanIl 24 Aprile c’è la grande retata contro l’elite armena, con l’arresto in massa di tutti gli elementi di spicco della comunità che verranno successivamente assassinati.
E, sempre nell’Aprile del 1915, vengono predisposti le prime operazioni di evacuazione della popolazione civile armena ed il suo trasferimento in appositi campi di raccolta, predisposti in Mesopotamia e Siria.
Nell’opera ci si avvale, almeno nelle sue fasi iniziali, pure della comprovata efficienza dell’alleato germanico, che predispone i piani di deportazione in cui è previsto anche l’utilizzo dei treni merci della nuova linea ferroviaria per Baghdad, per il trasferimento dei deportati in appositi campi di raccolta nel deserto che gli uomini del Kaiser chiamano, senza falsi eufemismi, konzentrationslager: 25 campi della morte, dove i pochi superstiti vengono lasciati morire di fame e malattia.
Deportazione degli armeniD’altronde, il Reich germanico può già vantare una comprovata esperienza con lo sterminio degli Herero, nelle sue colonie sudafricane.
Le operazioni di ‘deportazione’ hanno l’avvallo del generale Hans von Seekt, che i turchi chiamano “la Sfinge”, e che dopo la guerra diverrà uno dei personaggi di maggior rilievo e tra i più affidabili referenti tra i ‘democratici’ della Repubblica di Weimar.

Armenians hanged in the street in Constantinople - Armin T. Wegner

Operazione Massacro
Gendarmi turchi (1)Nata ufficialmente come una serie di trasferimenti coatti su vasta scala, la deportazione degli Armeni si trasformò fin da subito in una gigantesca operazione di pulizia etnica. Che l’eccidio sistematico delle popolazioni armene rientrasse in un progetto più ampio di sterminio, che fosse pianificato o meno, secondo una precisa strategia “eliminazionista” premeditata a lungo e scientificamente messa in atto, oppure fosse la conseguenza incidentale, ancorché voluta, di un insieme di massacri deliberati, per annichilire una minoranza interna percepita come infida, l’estensione a livello capillare delle esecuzioni sommarie e dei linciaggi di massa, con la messa in atto di pogrom organizzati, assunse fin da subito le dimensioni e gli effetti di un vero e proprio genocidio, strutturato nelle forme rozze e feroci della rappresaglia tribale, esasperata dall’odio religioso, e fomentata da una cruda avidità di saccheggio. I trasferimenti sono in realtà marce della morte attraverso il deserto siriano, senza viveri né acqua, esposte agli attacchi continui di banditi e predoni, che uccidono i pochi uomini rimasti, mentre stuprano e rapiscono le donne.
Le deportazioniL’ordine di deportazione viene affisso nelle piazze delle città o annunciato da banditori che vanno di villaggio in villaggio. Agli Armeni vengono concessi da due a cinque giorni di tempo per radunare le proprie masserizie. Il governo si farà carico della custodia e della salvaguardia dei beni abbandonati, fino alla Talat pasciàloro restituzione. In seguito, il ministro agli interni Talaat arriverà a chiedere alle compagnie assicurative la liquidazione delle polizze stipulate dagli Armeni da lui assassinati, definendosi il naturale erede, giacché il ministero ha espropriato tutti loro beni. Con ogni evidenza, la natura del provvedimento è punitiva e colpevolizzante, ma al contempo si sforza di lasciar trasparire una cornice legalitaria, come si può evincere dalla natura del testo del bando:

ArmeniI nostri concittadini armeni, avendo adottato da anni per istigazione straniera molte perfide idee di natura tale da turbare l’ordine pubblico; avendo provocato conflitti sanguinosi; avendo tentato di turbare la pace e la sicurezza dell’impero oltre che la pace e gli interessi degli altri cittadini; avendo osato unirsi agli attuali nemici in guerra contro il nostro impero, il nostro governo si è visto obbligato a prendere delle misure straordinarie sia per garantire l’ordine che per la sicurezza del Paese, sia anche per il benessere e la conservazione della stessa comunità armena.
Di conseguenza, e come misura in vigore per la durata della guerra, gli armeni dovranno essere trasferiti a destinazioni che già sono state predisposte in alcuni vilayet; ed è rigorosamente prescritto a tutti gli ottomani di ubbidire nel modo più assoluto agli ordini presenti:
1. Tutti gli armeni ad eccezione dei malati dovranno partire entro cinque giorni sotto scorta di gendarmi.
2. Sebbene sia permesso loro di portarsi dietro per il viaggio i beni trasportabili, è vietato agli armeni di vendere le loro proprietà e gli altri beni, oppure di affidarli ad altri, perché il loro esilio è solo temporaneo.
3. Alloggi adeguati sono previsti lungo il percorso, onde assicurare ogni conforto. E sono state predisposte tutte le misure per proteggerli da ogni aggressione o attentato alla loro vita, affinché possano giungere sani e salvi ai rispettivi luoghi di deportazione provvisoria….”

In realtà di “predisposto” per l’accoglienza non v’è proprio nulla…
Di quale sia l’esatta natura dei trasferimenti, si renderanno subito conto gli ufficiali tedeschi di collegamento, che descrivono la situazione nei loro rapporti.
Armin Theophil Wegner (1890) Dove è possibile, come nel caso dell’ufficiale medico Armin T. Wegner, i massacri vengono documentati con testimonianze ed evidenze fotografiche. Documentazione fotografica a cui si accompagnano pure clamorose patacche (come se la mostruosità dei massacri avesse bisogno di effetti speciali!), ovviamente accreditate via web, dove circolano provocando i “sobbalzi” di un’utenza che verifica assai poco, ma indugia sui richiami perversi di certe nudità estreme, volte più che altro a stuzzicare le fantasie sado-masochiste di un erotismo malato…
Crocifissioni di donne (1) Crocifissioni di donnePresentate quasi ovunque come “immagini d’epoca”, con la pretesa di dimostrare la disumanità congenita del “turco e musulmano”, quale unica nel suo genere, si tratta in realtà di fotogrammi cinematografici tratti dalla pellicola “Auction of Souls” del 1919: uno dei primissimi film dedicati al genocidio degli Armeni, tratto dal libro Ravished Armenia di Aurora Mardiganian, che sopravvissuta ai massacri raccontò dell’uccisione di 16 ragazze cristiane (che avevano rifiutato di convertirsi) presso la città di Malatia nel vilayet di Karput (Mamuretül-Aziz).
Auction of Souls (1919)Invero, secondo altri testimoni dell’efferatezza, le ragazze vennero sì trucidate, ma non crocifisse: furono infatti impalate massacro-di-valdesi(per via vaginale), secondo una pratica che nell’Europa cristiana del XVI secolo veniva riservata ai valdesi. Ma in questo caso le ragazze erano tutte rigorosamente vestite, per non offendere la ‘morale’ islamica con sconce nudità esibite in pubblico. Quando la realtà supera la finzione!
Al contrario, durante la Guerra di Algeria (1954-1962) i soldati francesi non si ponevano di questi problemi…
Francesi in AlgeriaPer quei paradossi della storia, nel 1915 crocifissioni di donne in effetti ve ne furono…
Contadine serbe crocifisse dalle truppe austro-ungariche nel 1914Ma ad opera dell’esercito austro-ungarico, nelle sue rappresaglie contro i contadini serbi.
E ciò, se ve ne fosse bisogno, dimostra come la crudeltà sia universalmente diffusa, senza limiti di religione o di “razza”.

Made in France

In merito allo sterminio degli Armeni, tra i numerosi testimoni dell’epoca, i soldati tedeschi presenti nell’Impero Ottomano furono tra i primi a rendersi conto dell’entità e della reale natura dei massacri…
Mappa del genocidio armenoIl tenente colonnello August Stange (Stanke Bey), che assiste agli sgomberi di Erzurum, riferisce:

«L’ordine di evacuazione è stato eseguito nel modo più brutale. La gente è stata buttata fuori di casa e ripartita in piccoli gruppi. La maggior parte non ha avuto neanche il tempo di prendere le cose più necessarie. Sotto gli occhi dei gendarmi, la popolazione locale si è impadronita dei beni abbandonati, di quelli rimasti nelle case, e spesso anche delle cose che gli armeni si volevano portare dietro. Il tempo era inclemente, ma i deportati hanno dovuto deportare all’addiaccio e si sono potuti procurare un po’ di cibo e di acqua solo distribuendo ricche mance ai gendarmi

Hans Freiherr von WangenheimIl 17/06/1915, il barone tedesco Hans von Wangenheim, ambasciatore a Costantinopoli e che pure ha sollecitato i militari tedeschi alla ‘collaborazione’, si vede comunque costretto a riferire a Berlino che avvalla tutta l’operazione:

«È evidente che l’espulsione degli armeni non è motivata solo da esigenze militari. Il ministro dell’interno, Talaat, ha infatti recentemente dichiarato che la Sublime Porta intende approfittare per farla finita in modo radicale [gründlich aufzuraümen] coi suoi nemici interni, senza essere disturbata da interventi diplomatici stranieri

Otto von LossowIl Gen. Otto von Lossow, plenipotenziario tedesco dell’Ambasciata germanica, che nel Novembre del 1923 sventerà il Putsch di Monaco aprendo il fuoco contro i nazisti, secondo un giudizio ampiamente condiviso dai suoi colleghi, ebbe a dire:

«Sulla base di tutti i rapporti e le notizie a me pervenute, non vi può essere alcun dubbio che i turchi stiano puntano al sistematico sterminio delle poche centinaia di migliaia di armeni ancora in vita

Liman von SandersIl Gen. Liman von Sanders si oppone fermamente alle deportazioni nelle città di Smirne e Costantinopoli, ma nelle province orientali la situazione è ben diversa…
Gli Armeni vengono rastrellati ovunque sia possibile e radunati nelle piazze delle città e dei villaggi, quindi incolonnati dalla gendarmeria ottomana lungo i sentieri che si inerpicano per gli altipiani, o attraverso il deserto, verso i centri di smistamento predisposti ad Aleppo che dista centinaia di chilometri, fino alla marcia finale in pieno deserto siriano verso Deir ez-Zor.
Oscar Heizer Oscar Heizer, console statunitense a  Trebisonda sul Mar Nero, non lascia adito a dubbi:

«L’ordine di deportazione è stato annunciato nelle strade il 26 Giugno e giovedì primo luglio è stato fatto eseguire dai gendarmi con le baionette inastate. Gruppi di vecchi, donne e bambini carichi di fagotti sono stati ammassati in una stradina laterale vicino al consolato. Non appena un gruppo raggiungeva il centinaio di persone, veniva avviato sulla strada di Erzerum, nel caldo torrido. Quelli che restavano, estenuati dalla fatica, venivano finiti a colpi di baionetta e gettati nel fiume. I corpi discendevano così fino alla foce, nei pressi della città, dove sono rimasti abbandonati sulle rocce e nella battigia, a imputridire sotto lo sguardo inorridito di chi passava nella zona

Morgenthau_telegram

E rapporti ancor più allarmati vengono stilati per il Henry MorgenthauDipartimento di Stato dall’ambasciatore Henry Morgenthau, che parla apertamente di una “campagna di sterminio razziale” e che sarà tra coloro che più si attiveranno concretamente per arginare la marea degli eccidi e tra i più implacabili nel denunciarli:

«Il vero scopo della deportazione fu rapina e distruzione; in realtà rappresentava un nuovo metodo di massacro. Quando le autorità turche hanno dato gli ordini per queste deportazioni, stavano semplicemente dando la condanna a morte ad una intera razza; hanno capito bene questo, e, nelle loro conversazioni con me, non hanno fatto particolari tentativi per nascondere il fatto

Henry Morgenthau
“Ambassador Morgenthau’s Story” (1918)

A sua volta, il rapporto di Morghenthau si basa sui dispacci dettagliatissimi che Leslie Davis, console statunitense a Karput, fa pervenire all’Ambasciata per tutta la metà del 1915.
Fiume Tigri - Le zattere della mortePer sfoltire il numero dei deportati, la gran parte della popolazione maschile armena viene trucidata subito, fin dai primi rastrellamenti. Nei distretti di Trebisonda, Erzurum, Bitlis, e nella piana di Muş, i prigionieri vengono rinchiusi nei fienili o nelle chiese e bruciati vivi, oppure vengono legati e caricati a forza su barconi che poi vengono affondati in mezzo ai fiumi. Per gli armenisterminatori si apre però il problema dei bambini e degli infanti abbandonati negli ospedali e negli orfanotrofi. A questi pare provveda una squadra di medici assai solerti, che somministrano iniezioni letali di morfina, secondo le istruzioni impartite dal dottor Nazim Bey, uno dei capi dell’Organizzazione speciale addetta allo sterminio.
L’opera di pulizia etnica e di soppressione è così solerte, che Giovanni Gorrini, console generale d’Italia, a proposito degli Armeni di Trebisonda già in estate (25/08/1915) scriverà:

«Degli oltre 14.000 armeni legalmente residenti a Trebisonda all’inizio del 1915 il 23 luglio dello stesso anno non ne rimanevano in vita che 90. Tutti gli altri, dopo essere stati spogliati di ogni avere, erano stati, infatti, deportati dalla polizia e dall’esercito ottomani in lande desolate o in vallate dell’entroterra e massacrati […] Il passaggio delle squadre degli armeni sotto le finestre e davanti la porta del consolato, le loro invocazioni al soccorso senza che né io né altri potessimo fare nulla per loro, la città essendo in stato d’assedio, guardata in ogni punto da 15mila soldati in pieno assetto di guerra, da migliaia di agenti di polizia, dalle bande dei volontari e dagli addetti del Comitato Unione e Progresso; i pianti, le lacrime, la desolazione, le imprecazioni, i numerosi suicidi, le morti subitanee per lo spavento, gli impazzimenti improvvisi, gli incendi, le fucilate in città, la caccia spietata nelle case e nelle campagne; i cadaveri a centinaia trovati ogni giorno sulla strada dell’internamento, le giovani donne ridotte a forza musulmane o internate come tutti gli altri, i bambini strappati alle loro famiglie o alle scuole cristiane e affidati per forza alle famiglie musulmane, ovvero posti a centinaia sulle barche con la sola camicia, poi capovolti e affogati nel mar Nero o nel fiume Dére Méndere, sono gli ultimi incancellabili ricordi di Trebisonda, ricordi che, ancora, a un mese di distanza, mi straziano l’anima, mi fanno fremere»

Cadaveri di Armeni buttati nell'Eufrate

La seconda ondata di deportazioni si abbatte invece sugli Armeni della Cilicia che vengono annientati nelle marce della morte, lontano da occhi indiscreti dopo le proteste tedesche e americane, tra i monti dell’Anatolia e nei deserti della Siria. Chi rimane indietro, viene ucciso dai gendarmi; tutti gli altri vengono lasciati in balia degli attacchi dei Muhajir, delle bande dei circassi, dei predoni arabi, delle unità di cavalleria irregolare curda, e soprattutto degli assassini a contratto (gli Tchettè) della Techkilat i Mahsousse, ovvero l’Organizzazione speciale del CUP (il partito di governo).
Imperial Army Cavalry LanceNelle sue memorie, l’ambasciatore Morgenthau traccia una descrizione efficace:

«Durante circa sei mesi, dall’aprile all’ottobre del 1915, quasi tutte le grandi vie dell’Asia Minore erano intasate da queste orde di esiliati. Si poteva vederle affollare le valli, o scalare i fianchi di quasi tutte le montagne, marciando e marciando sempre senza sapere dove, se non che ogni sentiero conduceva alla morte. Villaggi dopo villaggi, città dopo città, furono spogliati della loro popolazione armena, in condizioni simili. Durante questi sei mesi, da quanto si può sapere, circa 1.200.000 persone furono indirizzate verso il deserto della Siria.
deportazione armeni[…] Avevano appena abbandonato il suolo natale che i supplizi cominciavano; le strade che dovevano seguire non erano che dei sentieri per muli dove procedeva la processione, trasformata in una ressa informe e confusa. Le donne erano separate dai bambini, i mariti dalle mogli. I vecchi restavano indietro esausti, i piedi doloranti. I conduttori dei carri trainati dai buoi, dopo avere estorto ai loro clienti gli ultimi quattrini, li gettavano a terra, loro e i loro beni, facevano dietrofront e se ne tornavano ai villaggi, alla ricerca di nuove vittime. Cosí, in breve tempo, tutti, giovani e vecchi, si ritrovavano costretti a marciare a piedi; e i gendarmi che erano stati inviati, per cosí dire, per proteggere gli esiliati, si trasformavano in Kurdish Hamidiye officerveri carnefici. Li seguivano, baionetta in canna, pungolando chiunque facesse cenno di rallentare l’andatura. Coloro i quali cercavano di arrestarsi per riprendere fiato, o che cadevano sulla strada morti di fatica, erano brutalizzati e costretti a raggiungere al piú presto la massa ondeggiante. Maltrattavano anche le donne incinte e se qualcuna, e ciò avveniva spesso, si accovacciava ai lati della strada per partorire, l’obbligavano ad alzarsi immediatamente e a raggiungere la carovana. Inoltre, durante tutto il viaggio, bisognava incessantemente difendersi dagli attacchi dei musulmani. Distaccamenti di gendarmi in testa alle carovane partivano per annunciare alle tribú curde che le loro vittime si avvicinavano e ai paesani turchi che il loro desiderio finalmente si realizzava. Lo stesso governo aveva aperto le prigioni e rilasciato i criminali, a condizione che si comportassero da buoni maomettani all’arrivo degli armeni. Cosí ogni carovana doveva difendere la propria esistenza contro piú categorie di nemici: i gendarmi di scorta, i paesani dei villaggi turchi, le tribú curde e le bande di tchettè o briganti. Senza dimenticare che gli uomini che avrebbero potuto proteggere questi sfortunati erano stati tutti uccisi o erano stati arruolati come lavoratori, e che i malcapitati deportati erano stati sistematicamente spogliati delle armi.

Kurdish Cavalry Troops On Horse

A qualche ora di marcia dal punto di partenza, i curdi accorrevano dall’alto delle loro montagne, si precipitavano sulle ragazze giovani e, spogliandole, stupravano le piú belle, come pure i bambini che piacevano loro, e rapinavano senza pietà tutta la carovana, rubando il denaro e le provvigioni, abbandonando cosí gli sfortunati alla fame e allo sgomento

Gendarmi turchi

Nel vilayet di Bitlis opera Mustafa Abdülhalik, che è anche il cognato dello spietato Talaat pascià, il Ministro degli Interni. E siccome i massacri sono ormai una faccenda di famiglia all’interno del Triumvirato della morte, per sradicare la comunità armena, Abdülhalik si fa aiutare dal tenente colonnello Halil, che comanda il nucleo locale dell’Organizzazione speciale ed è imparentato con Enver pascià, il fanfaronesco Ministro della Guerra.

Il Grande Male

Nel vilayet di Diyarbekir e nell’Hakkari, i programmi di sterminio vengono estesi alle comunità cristiane degli Assiro-Caldei. Le deportazioni e gli eccidi si estendono ai distretti di Harput, Mardin, e Viranşehir, Midyat, Nisibi, Jazirah… secondo le solite modalità. Stessa sorte tocca ai villaggi assiri nei pressi della città di Diyarbekir, che vengono attaccati da bande di briganti curdi: Cherang, Hanewiye, Hassana, Kavel-Karre… Secondo le cifre riportate nel 1918 dal Patriarcato siro-ortodosso, nella sola provincia di Diyarbakir, sono 77.963 gli Assiro-Caldei trucidati nella repressione (molti dei quali bruciati vivi) e 278 i villaggi distrutti.
Distribuzione della popolazione Assiro-Caldea nel 1914Ad indirizzare ed aizzare i massacri ci sono i funzionari inviati dal Ministero dell’Interno, per conto di Talaat pascià che è tra i massimi pianificatori dello sterminio.
Mehmed ReshidSoprattutto, a guidare le operazioni sul luogo vi è il governatore Mehmed Reshid, meglio conosciuto come il Macellaio di Diyarbakir.
Come molti dei principali responsabili del genocidio, Reshid Bey è un medico ed ha partecipato alla fondazione del Comitato dell’Ittihad (CUP). Soprattutto, discende da una famiglia di profughi circassi fuggiti dalla Cecenia.
teste mozzate di armeni Durante il suo mandato Reshid Bey fa massacrare circa 150.000 persone, spazzando via il 95% della popolazione cristiana nella sua provincia più popolosa. Chi si oppone viene rimosso o peggio… Hilmi bey, prefetto di Mardin, viene rimpiazzato da Chefiq bey che verrà destituito quasi subito per le stesse ragioni (troppo ‘morbido’). Viene sospettato per l’omicidio di Hussein Nesimi Bey e Sabit Bey, sottoprefetti di Lice e Sabit, insieme a quello di Nadji bey sottoprefetto di Bechiri e originario di Baghdad, che disgustati dalla sua crudeltà avevano provato a porre un freno alle stragi. E per questo viene convocato a rendere conto al comitato centrale. Quando, Mithat Sukru Bleda, il segretario generale del partito, che nonostante tutto non condivide il massacro dei cristiani, gli domanda come un medico possa uccidere o giustificare l’entità di simili massacri e quale ricordo lascerà il suo nome nella storia, Reshid bey sembra abbia obiettato:

“Non è forse il dovere di un medico quello di uccidere i microbi? Lasciate che altre nazioni scrivano su di me qualunque storia vogliano, non me ne può fregare di meno.”

Orhan PamukNella vicina provincia di Van imperversa invece Djevdet Bey, cognato di Enver pascià, e detto anche “Il Maniscalco” per la sua abitudine di far ferrare le piante dei piedi dei prigionieri, come fossero gli zoccoli di un cavallo, e quindi costringerli a marciare. Djevdet organizza raid terroristici contro gli insediamenti armeni attorno al capoluogo eponimo e continue provocazioni ai danni della comunità urbana. Durante le fasi di repressione e deportazione, ordina che chiunque presti aiuto agli Armeni Djevet Beysia ucciso sul posto e la sua casa bruciata. Tra le sue disposizioni, c’è anche l’eliminazione di tutti i maschi al di sopra dei dodici anni, mentre le donne vengono ridotte in schiavitù e vendute come bottino di guerra. I villaggi cristiani distrutti sono oltre 800. I massacri si concentrano in 20 settimane, da Febbraio ad Aprile 1915. E questo prima ancora che vengano promulgati gli ordini di deportazione.
Rafael de Nogales MendezTra i testimoni delle stragi vi è pure Rafael de Nogales Mendez, un mercenario venezuelano e ufficiale di artiglieria, al comando di un distaccamento della gendarmeria ottomana, il quale raccoglierà le sue esperienze nella propria opera autobiografica: Quattro anni sotto la Mezzaluna.
Assyrian genocideLa repressione si estende anche oltre confine, con l’invasione della Persia dove molti dei profughi Armeni ed Assiro-Caldei hanno trovato rifugio e protezione. Ad Urmia e Tabriz la popolazione musulmana insieme alla gendarmeria persiana ed un pugno di consiglieri militari svedesi, supportata da una brigata di cosacchi, si unisce con determinazione ai profughi cristiani per respingere gli attacchi della III Armata ottomana.
Cosacchi russi 1904Dopo lo sgomento iniziale, ovunque possono, gli Armeni Les 40 jours du Musa Daghcombattono, come a Mussa Dagh, in Cilicia al confine tra Siria e Turchia, dove per quaranta giorni di assedio, asserragliati sui monti, in 5.000 riescono a resistere contro una forza turca preponderante, prima di essere portati in salvo via mare da una flottiglia francese giunta in soccorso.

Fortificazione armena a Van

Una macchina imperfetta
impiccati La macchina di sterminio avviata dal governo dei “Giovani Turchi” in realtà non fu mai quel perfetto meccanismo di distruzione di massa, che tendenzialmente si sarebbe portati a credere. La posizione dell’Ittihad (il Comitato per l’Unione e Progesso), da cui provenivano i principali pianificatori dei massacri, era tutt’altro che universalmente condivisa.
ImpiccagioniAllo stesso modo, l’esecuzione degli ordini e delle disposizioni ministeriali fu tutt’altro che unitaria ed unanimemente applicata. E ciò avveniva nonostante la minaccia di ritorsioni ed il deferimento ai tribunali militari, in caso di mancato ottemperamento. In alcuni settori, e specialmente nelle grandi città, i provvedimenti repressivi vennero ‘reinterpretati’, applicati blandamente, oppure bellamente ignorati. In molti casi, governatori militari e funzionari civili, messi alle strette dalle pressioni del governo, si dimisero in segno di protesta piuttosto che essere costretti ad eseguire ordini che non condividevano affatto e giudicavano inumani.
Aleppo1915 - Impiccagione di ArmeniInsieme alla disapplicazione delle normative, furibonde proteste ufficiali furono levate alla volta di Costantinopoli dal vali di Aleppo, Celal bey, che fintanto fu governatore della città si rifiutò sempre di perseguitare gli Armeni. La stessa ferma opposizione si ebbe ad opera di Hasan Mazhar bey, governatore di Ankara, e di Suleiman Nazif, governatore turco di Baghdad. Altri funzionari imperiali come Sabit bey e Nesim bey vennero per questo assassinati da sicari del ministro Talaat.
TalaatPer questo, per facilitare le operazioni, vengono inviati nelle province commissari ministeriali con funzioni ispettive ed ampio potere di delega, al fine di denunciare le infrazioni agli ordini impartiti dal governo. I funzionari più recalcitranti vengono costretti alle dimissioni e sostituiti con esponenti dei “Giovani Turchi” di comprovata fedeltà al partito.
La stessa politica di sterminio messa in atto dal CUP non ebbe affatto il consenso pieno della gente comune, specialmente quella più urbanizzata, che spesso ne era inorridita.
teste tagliateFurono tutt’altro che rari i casi in cui le famiglie musulmane offrivano nascondigli ai loro vicini armeni, prendendone in custodia i beni e opponendosi ai saccheggi. E soprattutto vengono nascosti i bambini. La cosa doveva essere piuttosto diffusa perché le autorità militari ebbero a lamentarsene.
1885Il 10/07/1915, dal suo quartier generale di Tartum nel vilayet di Erzurum, il generale Mahmud Kâmil stilò una nota ufficiale in cui deplorava il comportamento di parte della popolazione civile e dei suoi stessi soldati, rivolgendosi ai governatori dei vilayet interessati dalla deportazione:

Fanteria araba dell'esercito ottomano«Apprendiamo che in certe località, la cui popolazione viene mandata verso l’interno, certi elementi della popolazione musulmana offrono riparo presso di sé agli armeni. Essendo ciò contrario alle decisioni del governo, i capifamiglia che tengono presso di sé o proteggono armeni devono essere messi a morte davanti alle proprie case ed è indispensabile che queste siano incendiate. Quest’ordine dev’essere trasmesso come si conviene e comunicato a chi di competenza. Controllate che nessun armeno non deportato possa rimanere e informateci della vostra azione. Gli armeni convertiti dovranno ugualmente essere inviati. Se quelli che cercano di proteggerli o mantengono rapporti amicali con loro sono dei militari, dopo avere informato il loro comando bisogna immediatamente rompere i loro legami con l’esercito e portarli in giudizio. Se si tratta di civili, è necessario licenziarli dal loro lavoro e spedirli davanti alla corte marziale affinché siano processati

Le defezioni, che furono varie e numerose, non erano sempre dettate da motivi propriamente umanitari o ragioni disinteressate…
Negli ambienti di governo si discuteva sull’utilità dello sterminio. Molti esponenti politici, e soprattutto i notabili locali, facevano notare che una eliminazione indiscriminata degli Armeni privava l’impero di una preziosa classe media di professionisti, che nel caso delle province orientali dell’Asia Minore costituiva la quasi totalità dei medici, degli artigiani più esperti, e degli investitori commerciali.
cavalieri curdi nel 1915Le tribù curde, che pure ebbero un ruolo determinante nei massacri, finirono col venirne a noia o più semplicemente, nell’opera di assimilazione forzata all’elemento turco, incominciarono a sospettare di essere i prossimi. Alcuni capi tribali obiettarono cinicamente che lo sterminio degli Armeni li avrebbe privati di una vantaggiosa fonte di reddito, dal momento che nessuno avrebbe più corrisposto loro il tributo in termini di forniture di cereali e pagamento della ‘protezione’: aspetti molto più vantaggiosi sul lungo periodo, rispetto al saccheggio di una popolazione già duramente prostrata.
kurd_pcNel vilayet di Diyarbekir, dove spadroneggia Reshid bey e la sua “Brigata macellaia”, l’agha curdo di Sirnak, Rachid Osman pone la sua banda a difesa dei 500 Armeni di Harbol.
Kasap taburuE lo stesso fa un altro capo curdo, Murtula beg, che mette sotto la propria protezione armata tutti i villaggi che può difendere attorno a Mogkh nel vilayet di Van, schierandosi contro il governatore e contribuendo alla salvezza di quasi 5.000 armeni.

Hamidiye curdi

Spesso le sopravvivenza di singoli individui o comunità era rimessa ad un puro capriccio del caso, determinato dalla località di residenza, l’appartenenza sociale, il livello di istruzione e le doti intellettuali, il sesso e l’età, nonché la bellezza fisica.

Armena di Tiflis «Ragazzine o giovani donne istruite, che parlavano preferibilmente il francese o l’inglese, che suonavano il piano o il violino erano particolarmente concupite dai funzionari dei “Giovani Turchi”, che desideravano fondare con loro famiglie turche “moderne”. Questa categoria di armene, che ne conta qualche migliaio, forma un primo gruppo di superstiti, sposate Alì Samilcontro la loro volontà ai loro “salvatori”. Una seconda categoria di scampate, sempre collocata nel gruppo delle giovani femmine e che consiste questa volta in decine di migliaia di persone, è stata resa schiava da notabili locali, semplici soldati, funzionari civili, capi tribali di tutte le origini (turche, curde, arabe, beduine), anche contadini o più spesso ancora loro vicini: rapite o comprate sulla via delle deportazioni, senza motivo ideologico, esse avevano la vocazione di arricchire gli harem, a trasformarsi in oggetti sessuali, ad alimentare i bordelli organizzati dalle autorità ottomane. Non di meno sono state salvate. Certune hanno anche fondato delle famiglie con i loro aguzzini, dopo essersi convertite. Una parte di loro, alla fine della Prima guerra mondiale, è stata ritrovata nei rifugi creati per la loro riabilitazione. Molte, impregnate di un forte senso di colpa, hanno preferito rimanere con i loro “salvatori”.
cache_42075621I bambini, dei due sessi, di età inferiore ai 5 anni nel 1915 hanno formato la categoria più numerosa fra i superstiti. Il loro salvataggio dipende tuttavia da situazioni molto diverse fra loro. Coloro che erano considerati più “sani” sono stati fatti oggetto di un traffico diretto ad allargare la famiglia di coppie senza figli, soprattutto nelle città come a Costantinopoli o Aleppo, in maggioranza “turche”, di ceti sociali elevati – dell’orbita dei giovani turchi o dei notabili di provincia, talvolta divenendo i cocchi di queste famiglie.
Qajar_Armenian_WomenLa grande maggioranza di questi bambini tuttavia s’è ritrovata in ambiente rurale, in famiglie curde, arabe o beduine modeste, dove è vissuta in condizioni di ferahogluailesi60schiavitù venendo talvolta abusata sessualmente. Una piccola minoranza è stata perfino accolta negli orfanatrofi creati dallo Stato-Partito a fine di farne i “nuovi Turchi”. Non di meno sono stati salvati. Molti sono stati raccolti da gruppi di ricerca organizzati dalle istituzioni armene all’indomani dell’armistizio di Moudros.
armeni assassinatiGiovani donne e bambini molto piccoli di età formano le due categorie principali di armeni salvati, se così si può dire, da un aspetto ideologico del piano genocidario che consisteva nello schiavizzare una parte del gruppo vittima e integrarlo nel progetto di costruzione di una nazione turca

Raymond Kévorkian
“La resistenza ai genocidi.
Atti diversi di salvataggio”
(Parigi – Dicembre 2006)

Un tentativo di salvataggio riuscito con successo riguarda invece le studentesse armene del Collegio americano di Bitlis. Che riescono a sfuggire alla deportazione ed ai matrimoni forzati, grazie all’intervento di Mustafa bey, responsabile dell’ospedale militare. Mustafa è un medico arabo di origine siriana, che si è specializzato in Francia e Germania. Riesce a far passare le ragazzine armene come infermiere e personale specializzato, indispensabile per il buon funzionamento dell’ospedale, finché queste non vengono fatte espatriare in USA dagli insegnanti statunitensi della scuola.

«Più a ovest, in Anatolia, dove delle colonie armene fiorivano da secoli in ambiente turco, la situazione era molto meno tesa che all’Est. Il vilayet di Angora aveva inoltre la particolarità di ospitare una popolazione armena a stragrande maggioranza di rito cattolico, oltretutto turcofona (ma scrivente in caratteri armeni), la quale aveva una reputazione di essere troppo poco politicizzata e perfettamente inoffensiva. Il vali, Hasan Mazhar bey, in carica dal 18 giugno 1914, era per lo meno così convinto di quanto precede da resistere agli ordini di deportazione rivoltigli dal ministero degli Interni. La risposta di Istanbul è stata rivelatrice. A inizio del 1915, il Comitato centrale dei “Giovani Turchi” ha inviato ad Angora uno dei suoi membri più eminenti, Atıf bey, del quale conosciamo il ruolo ricoperto in seno alla direzione politica della Techkilat-ı Mahsusa [l’Organizzazione speciale] in qualità di delegato. Su suo intervento diretto, il ministro degli Interni pone immediatamente fine alle funzioni del vali Mazhar l’8 luglio 1915 e nomina vali ad interim il delegato del partito Atıf bey, che porrà in atto lo sterminio degli armeni della regione.
Nel sangiaccato di Ismit, vicino a Istanbul, tutti gli armeni sono stati deportati nell’agosto 1915 con l’eccezione di quelli di Geyve il cui sottoprefetto, Said bey (in carica dal 19 settembre 1913 al 21 agosto 1915) si è rifiutato di applicare gli ordini e di conseguenza è stato destituito e sostituito da Tahsin bey (in carica fino al 5 settembre 1916), un militante dei “Giovani Turchi”.
Eppure, tutti questi fatti evidenziano atti di coraggio che non hanno realmente permesso di salvare armeni. Diversamente è andata a Kütahya, una prefettura a ovest di Angora, la cui popolazione armena non è mai stata deportata. il mutesarif Faik Ali bey non ha eseguito gli ordini di deportazione senza tuttavia essere destituito. Secondo il giornalista Sébouh Agouni, che dopo la guerra gli ha personalmente domandato come fosse riuscito a mantenere gli armeni della regione nelle proprie case, sembra che la popolazione turca locale si sia fermamente opposta alla deportazione degli armeni, spinta da due famiglie di notabili, i Kermiyanzâde e gli Hocazâde Rasık Gli armeni dei sangiaccati vicini di Aydin e di Denizly hanno beneficiato dell’azione di un funzionario locale, il comandante della gendarmeria di Aydin Nuri bey.
Adana[…] Nel sud, a Adana, il vali Ismail Hakkı bey, un albanese considerato moderato, sembra aver resistito alle pressioni del CUP locale, che gli chiedeva di eseguire gli ordini di deportazione. Senza opporsi apertamente a essi, in qualche caso egli è riuscito a ritardare la partenza dei convogli o a farli tornare indietro.
Al nord del vilayet di Adana, nel sangiaccato di Hacın, la missionaria americana Edith Cold segnala che il mufti della città si è rifiutato di appoggiare le deportazioni e ha perfino preso possesso dei beni di uno dei suoi amici armeni affinché non siano depredati.
[…] Noi potremmo aggiungere, per completare il nostro studio del comportamento degli alti funzionari locali, che certi prefetti o sottoprefetti, soprattutto nelle regioni che ospitavano i campi di concentramento, hanno salvato armeni o li hanno risparmiati dalla deportazione in cambio di somme enorme, mentre altri riscuotevano effettivamente un riscatto continuando a inviare alla morte i “donatori”. La sfumatura fra questi due tipi di comportamento non si può negare. Con l’esperienza, certe famiglie in grado di pagare per avere salva la vita avevano del resto trovato una sorta di risposta a questi comportamenti cinici, utilizzando delle lettere di cambio che erano firmate dagli interessati solo ogni mese. Questo sistema di ripartizione mensile ha permesso ad alcuni di sopravvivere per più di un anno o almeno fino a esaurimento del budget

Raymond Kévorkian
“La resistenza ai genocidi.
Atti diversi di salvataggio”
(Parigi – Dicembre 2006)

Squadrone di cavalleggeri

Operazione Nemesi
A shameful actCon la fine della prima guerra mondiale e la catastrofica sconfitta della Turchia che vede dissolversi il suo impero, i responsabili del genocidio, avvenuto tra l’altro sotto gli occhi di tutti ed alla luce del giorno, vengono messi sotto processo e condannati in contumacia, poiché nel frattempo hanno avuto modo di riparare all’estero, soprattutto in Germania che rifiuta ogni richiesta di estradizione.
Pertanto, in risposta alla cappa di impunità che si è andata condensando attorno agli sterminatori, la “Federazione rivoluzionaria armena” del Dashnak organizza la cosiddetta “Operazione Nemesi”, affidata a squadre di giustizieri che hanno il compito di colpire i colpevoli ovunque si nascondano.
In pochi anni, tra il 1921 ed il 1922 vengono colpiti i principali pianificatori del genocidio, a partire dal “Triumvirato della morte”, il direttorio che ha guidato con pugno di ferro la Turchia durante gli anni della guerra.
Mehmed Taalat pascià, l’ex ministro dell’Interno e poi Gran Vizir, viene ucciso a Berlino il 15 marzo del 1921. Stessa sorte tocca a Jemal pascià, ministro della Marina; all’ex primo ministro Said Halim, tra i massimi dirigenti dei “Giovani Turchi”; al dott. Behaeddin Chakir, responsabile dell’Organizzazione Speciale, a Gemal Azmi, prefetto di Trebisonda…
Molti altri esponenti dei “Giovani Turchi” provarono a riciclarsi nel nuovo governo nazionalista di Mustafà Kemal Ataturk, finendo successivamente giustiziati per aver tentato un nuovo colpo di stato.
greek_cavalry_1921Ovviamente i massacri non cessarono, ma si estesero dilatati ad una nuova dimensione che avrebbe riguardato le popolazioni elleniche presenti in territorio turco, in una delle più grandi pulizie etniche della storia moderna, estesa dall’Albania al Caucaso, nel corso del devastante conflitto che oppose la Grecia e la Turchia tra il 1919 ed il 1922: la più tragica dimostrazione di quali livelli di brutalità e ferocia può raggiungere l’idiozia della febbre sciovinista.

Fine 3/3

Riepilogo delle pubblicazioni precedenti:
1) Profondo rosso
2) Medz Yeghern

Homepage

Il Monaco Conquistatore

Posted in Kulturkampf, Masters of Universe with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 14 Mag 2012 by Sendivogius

Come le vicende del tempo presente ci insegnano, la Storia è piena di condottieri ambiziosi e riformatori intransigenti, di tribuni e grandi trascinatori di folle, di re profeti dal verbo ispirato e dalla parola infuocata. Si tratta di personaggi fuori dal comune, dall’esistenza straordinaria (e spesso breve), destinati a cavalcare gli eventi per poi esserne travolti loro malgrado prima della catastrofe finale, e che meritano di essere rievocati dall’oblio nel quale sovente sono stati dimenticati. Cosa succede quando tutte queste figure tendono a convivere in un’unica persona?

Le tre vite ed oltre di Giambattista Boetti
 È difficile condensare in poche righe la biografia misconosciuta del monferrino Giovanni Battista Boetti le cui vicissitudini, ai limiti dell’incredibile, sembrano estrapolate da un feuilleton d’altri tempi, dove la realtà si confonde con la leggenda a tal punto da rasentare il mito, superando le invenzioni del più fantasioso dei romanzieri…
Avventuriero e viaggiatore instancabile, predicatore missionario e monaco disubbidiente, brigante e capo-guerrigliero, Boetti è uno di quei moltissimi italiani nei quali ti imbatti sfogliando vecchie pagine ingiallite di cronache dimenticate, giocando un ruolo di primo piano nei luoghi più improbabili e nelle circostanze più inaspettate, tra intrighi e corti esotiche, in un universo popolato di spie, rinnegati, e soldati di ventura.
Vissuto nella metà del XVIII secolo, il piemontese Giambattista Boetti è contemporaneo del ben più noto Conte di Cagliostro (nascono entrambi nello stesso giorno: 02/06/1743), e che pare abbia conosciuto a Vercelli intorno al 1780; di Giacomo Casanova col quale condivide invece l’anno della morte. E forse un personaggio come Boetti sarebbe piaciuto a Vittorio Alfieri, suo conterraneo e altro spirito irrequieto. Tuttavia la vita di Boetti è, se possibile, ancor più incredibile e si intreccia con così tante storie diverse, da sfumare in più personaggi coi quali si sovrappone e si confonde attraverso un gorgo vorticoso di eventi. Tanto che è difficile capire dove finisca la realtà e cominci la finzione, restando il dubbio che si tratti piuttosto di un’unica, magnifica, mistificazione…
 Il piemontese Boetti è il rampollo ribelle di una piccola famiglia aristocratica di provincia, ripudiato dal padre-padrone.
È medico svogliato e indefesso seduttore, perennemente in peregrinazione tra l’Europa e l’Asia, dal Caucaso alla Persia, dal Kurdistan all’Anatolia, in un’epoca in cui ogni viaggio costituiva un’avventura verso mondi lontanissimi, l’esito era incerto ed il ritorno un’incognita.
È un pio missionario domenicano; ovvero uno spregiudicato arruffapopoli che intriga ora col sultano della Sublime Porta, ora con lo zar di tutte le Russie, e al contempo con lo Shah di Persia.
È un fanatico esaltato, un eretico, l’inventore di una nuova religione. O un opportunista senza scrupoli, dalle ambizioni smisurate.
È il furbo predone a capo di una banda di briganti curdi e armeni, che estorce tributi ai signorotti turchi e georgiani ai confini orientali dell’Impero ottomano.
E infine è un irredentista circasso che combatte per sei anni contro i Russi nel Caucaso, tanto da diventare un eroe nazionale della Cecenia e venir confuso con Shaykh Mansur Ushurma nell’ennesima, grandiosa, e non ultima beffa.

La creazione di un mito metastorico
 Nelle biografie a lui dedicate, Giambattista Boetti sembra viaggiare senza tregua, alla velocità di un Jumbo 747, passando dall’Andalusia alle coste del Mar Caspio, soggiorna a Costantinopoli e si riposa tra il Kurdistan ed il Caucaso, protagonista delle più mirabolanti avventure come un emulo del Barone di Münchausen che peraltro gli è pure lui contemporaneo.
Le cronache straordinarie della vita di Giambattista Boetti sono racchiuse in un libretto di appena 57 pagine, redatto in lingua francese (peraltro non eccelsa) ed in forma anonima, privo di titolo, data e firma, senza alcuna indicazione che possa confermarne la provenienza e la veridicità. Il libricino è comunemente conosciuto come la “Relazione”.
Gli eventi narrati nella Relazione, si concludono bruscamente nel 1786, e questa è la datazione unanimemente attribuita allo scritto, custodito in originale presso l’Archivio di Stato di Torino.
Nel 1882, quasi un secolo dopo gli eventi descritti, un oscuro parroco di Piazzano nel Monferrato, don Perpetuo Dionigi Damonte, con un passato come missionario proprio nel Levante (e quindi ne conosce bene luoghi e costumi), redige un libello apologetico sulle gesta del suo compaesano Giambattista Boetti, dal titolo per l’epoca assai ‘esotico’: “Il profeta Mansur Sceik Oghan-Oolo ossia il padre Boetti”.
Una fonte pressoché coeva al Boetti, che ne attesterebbe l’attività nell’area caucasica, è Francesco Becattini, prolifico autore fiorentino che, senza mai citarlo per nome, ne parla indistintamente in due sue opere storiche. Si tratta della Vita e fasti di Giuseppe II imperatore de’ Romani, scritta da un accademico apatista e corredata dei necessari documenti (1790), in quattro tomi di piaggeria cortigiana per un autore in cerca di fortuna…

«Un nuovo capo di setta era comparso sulla scena e minacciava di rinnovare gli orrori e la storia funesta di una guerra di religione. Chiamavasi Scheick-Mansùr ossia Profeta o l’Illuminato Mansùr. Qual si fosse la sua origine non è certo. Molte erano le voci sparse su questo proposito, e acciocché non mancasse chi aggiungesse una nuova invenzione in discapito degli Ordini religiosi, vi fu chi spacciò e scrisse in Italia che il falso profeta Mansùr era un rinnegato prima religioso dell’Ordine di San Domenico; sicché quando fosse vero com’é assolutamente supposto, nulla secondo i principi d’equità e retto giudizio dovrebbe pregiudicare l’istituto dal medesimo abbandonato. Comunque sia, egli fattosi capo dei Tartari circonvicini, cercò d’inspirar loro il fanatismo di religione e di persuaderli a non temere le armi Russe

  (Tomo III; Libro VII. p.173 ss)

A quale va aggiunta la mastodontica Istoria politica ecclesiastica e militare del secolo XVIII dall’anno 1750 in poi, (cominciata nel 1796 ed ultimata nel 1805) per la copiosa bellezza di nove volumi:

«Allora per comando della Porta, orde di Tartari andarono a cadere addosso ai posti avanzati dei protettori dei Georgiani. Per aggiungere più seduzione ed affascinamento delle menti allo spirito di rapina, si fece all’improvviso comparire in iscena un nuovo capo di setta, molto adatto a confondere il corto raziocinio di quelle materiali popolazioni, col disegno premeditato di istigarle ad abbracciare la causa della religione […] Scheick-Mansùr di cui tutti intrapresero di lì a pochi mesi a parlare in diversa maniera. Chi voleva che egli fosse un Indiano apostata dai Bramini, chi uno dei satelliti del Gran Lama o Pontefice del Thibet; chi infine un granatiere piemontese rinnegato in Algeri. Comunque si fosse, accintosi quel fantastico vaticinatore a predicare tra i Tartari accese nei loro animi la più furibonda ansietà di scorrere, invadere, depredare. La fama d’un impostore di tal natura si diffuse altamente per l’Asia e l’Europa tutta e in ispecie nei paesi bagnati dai fiumi Kuban e Terek, ove la maggior parte di quei rozzi abitatori si gettò alle sue ginocchia e promise di seguire tutti i suoi passi.»

  (Vol. VII; Libro XVII)

Nel 1876 il prof. E.Ottino ne traccia un profilo più diretto nel suo Oghan-Oolò, Sceik Mansour ossia padre G. Battista Boetti (estratto da Curiosità e ricerche di Storia Subalpina, 1876), dove parla della ‘Relazione’ proveniente dai sobborghi abitati dagli europei a Costantinopoli.
Noi ci siamo in massima parte attenuti all’opera di Francesco Picco: Il Profeta Mansùr, pubblicato nel 1915 ad opera dell’editore genovese A.F.Formiggini.

GLI ANNI DELLA GIOVINEZZA:
Libertino e senza un soldo
 Giovan Battista Boetti nasce il 2 Giugno del 1743 a Piazzano, una frazione del Comune di Camino, nelle colline del Monferrato.
Suo padre, Spirito Bartolomeo, di professione notaio, discende da una casata ormai decaduta della piccola nobiltà di campagna. Soprattutto, è un uomo dispotico, impastato di ottusa violenza.
Sua madre, Margherita Montalto, è destinata a lasciarlo presto, sfiancata dalle gravidanze multiple.
Alla morte della moglie, nel 1750, l’iracondo notaio si libera presto dell’incomodo dei figli, parcheggiandoli in un collegio a Casale Monferrato e convolare in seguito a secondo nozze.
Giambattista, che nel frattempo deve fare i conti anche con la matrigna che lo vede come un fastidioso concorrente col quale dividere i beni di famiglia, si intestardisce nel voler diventare avvocato. Naturalmente, lo spiritato genitore ha già deciso per lui la professione di medico e ne nasce un conflitto che sfocia in liti violente, la fuga da casa e l’arresto.
Nel 1761, all’età di 18 anni, Giambattista organizza una nuova fuga, stavolta definitiva. Si procura dei passaporti falsi e da Torino si rifugia a Milano, dove si arruola nell’esercito trovando impiego come furiere e scrivano. Vuoi per insofferenza alla disciplina, vuoi per ambizioni più grandi, la vita militare gli viene presto a noia e si congeda, iniziando a bighellonare in giro per l’Europa in una sorta di anno sabbatico. Boetti è giovane, bello, e intraprendente…
Nel 1762 si trova a Praga, dove suscita le attenzioni di una giovane vedova in cerca di consolazione.
La vedovella rimane presto incinta ancor fresca di lutto e Boetti è costretto a lasciare in tutta fretta la Boemia, non prima di essere stato rifornito di denari dalla famiglia di lei per tacer lo scandalo.
Capisce al volo che nei circoli che contano l’immagine è tutto e quindi investe il capitale imprevisto, acquistando bei vestiti e circondandosi di una piccola corte di domestici, coi quali si muove per le città tedesche.
A Strasburgo tresca con un ricco canonico, che lo ha scambiato per un importante aristocratico sabaudo. A complicar le cose ci si mette pure la nipote del prelato, che si invaghisce del giovane ospite. La ragazza è petulante e non nasconde certa disponibilità, ma è irrimediabilmente brutta. E il Boetti ne approfitta per farsi rifornire nuovamente la borsa dal canonico, che non vede l’ora di levarselo tra i piedi.
Stanco della Germania, nel 1763 il giovin signore si mette in testa di visitare Roma. Ma, alle porte di Bologna, viene ripulito di tutti i suoi denari dal suo domestico fiorentino ed è costretto a ritornare nella casa paterna a Piazzano, senza un soldo e con la coda tra le gambe. Ed il papà non nasconde tutta la sua gioia per il ritorno del figliol prodigo, tanto che per poco non lo ammazza con una fucilata. Capita l’antifona, Giambattista riprende il bagaglio e parte alla volta di Genova in cerca di un imbarco per Roma, che riesce a raggiungere dopo varie peripezie. Nella Citta Eterna cerca invano qualche raccomandazione ed una sistemazione da parte di lontani conoscenti, con poco successo. Per qualche ignoto motivo il soggiorno romano scatena in lui i prodromi di una profonda crisi mistica, che sfocia in vera conversione dopo una visita al Santuario di Loreto e si concretizza col suo ingresso nell’Ordine Domenicano. È il 24 Luglio del 1763.
Dal convento di Ravenna, viene spedito a Ferrara per studiare teologia. Con pessimi risultati, visto il confuso guazzabuglio di teorie eterodosse che finirà col rimasticare di lì a qualche anno.
Un po’ per levarselo dai piedi, un po’ per dar sfogo ai suoi ardori, i confratelli lo destinano su sua pressante richiesta all’attività missionaria in Oriente. E nel 1769 lo inviano alla missione domenicana di Mossul sul Tigri, nell’attuale Kurdistan iracheno, all’epoca parte dell’Impero Ottomano.
Pieno di entusiasmo, ma ancora incredibilmente citrullo, Boetti parte per Venezia alla ricerca di un imbarco. In attesa di trovare un naviglio disponibile, si mette a predicare per le calli della Serenissima città, dove attacca un micidiale pistolotto sul peccato e sulla penitenza. I sermoni del bel frate suscitano le attenzioni di una giovane prostituta: l’unica che sembra interessata alla sua evangelizzazione. Tanto che la fanciulla se lo trascina in casa ed al Boetti, animato dalle più caste intenzioni, non par vero di aver riscosso tanto successo.

«Ma quando poi, mentr’egli si infervorava sempre più nella descrizione delle celestiali beatitudini paradisiache e delle rosse fiamme divoratrici dell’Inferno, la bella penitente non pentita si fu accorta che la sua finzione non le fruttava quell’epilogo che ella, scaltra, se n’attendeva, e proruppe, sguaiata, in una risata fragorosa, beffandosi di lui e de’ suoi catechismi, il nostro moralista perdette i lumi, le si avventò contro e violentemente la percosse. Colei, allora, si diede a strillare; accorse una guardia alla quale essa, con esperta improntitudine, snocciolò una filastrocca di fandonie, dicendosi defraudata della dovutale mercede; e poiché il nostro troppo zelante missionario, tradotto la sera stessa davanti ad un segretario di stato, non potè, con le proprie proteste, distruggere le apparenze del fatto, che congiuravano tutte contro di lui, dovette subire fìerissime rampogne e promettere di non perseverare nella conversione delle giovani peccatrici veneziane e di attendere per dedicarsi alle pratiche della sua missione il giorno in cui fosse pervenuto alla lontana località orientale, alla quale era stato destinato

  Francesco Picco
“Il Profeta Mansur”
(Genova, 1915)

PRIMO VIAGGIO NEL LEVANTE
 Nel 1770, approda finalmente nell’isola di Cipro dove si applica nello studio del greco e, presumibilmente impadronitosi dei rudimenti della lingua, ingaggia alcuni marinai affinché lo trasportino fino in Siria. E, con la consueta lungimiranza che sembra contraddistinguere il giovane frate, la ciurma così ingaggiata lo sbarca nei pressi di Latikia dove nottetempo lo alleggerisce di tutti i suoi averi. Di nuovo solo e senza il becco di un quattrino, nella cittadina cipriota si rivolge quindi al preposto turco alle dogane, che si dimostra incredibilmente sensibile alle richieste del missionario, confidando in un pagamento in natura… E al rifiuto dello scandalizzato Boetti, lo denuncia al kadì come sacrilego e bestemmiatore, tanto che il povero fraticello domenicano rischia di finire impalato. Per sua fortuna, il massimo magistrato dell’isola, il Nakib-ül-Esraf che comanda anche la guarnigione dei giannizzeri sull’isola, lo proscioglie da ogni accusa e ne favorisce la partenza.
Poi, bisogna riconoscere che come sempre Giambattista ci mette del suo e si rende protagonista di tutta una serie di episodi boccacceschi…
Ad Aleppo si conquista la benevolenza della comunità greco-ortodossa, irretita dalle prediche di quel religioso cattolico così irrituale. Soprattutto, si guadagna i favori di un ricca signora che lo rifornisce dei quattrini dei quali ha così disperatamente bisogno.
Quindi si trasferisce a Bergik (Bir), un borgo sull’Eufrate, dove per rimpinguare le sue sostanze si mette ad esercitare la professione di medico che tante grane gli ha creato con l’arcigno genitore. Guarisce la figlia del pascià locale, che lo rifornisce di doni e preme per la sua conversione all’islam promettendogli in moglie la figliola. Alla sola idea di accasarsi, il Boetti fugge dalla città a gambe levate.
 Quindi si mette a bighellonare per i borghi a ridosso del Kurdistan (Aintab.. Armusa.. Orfa), alternando prediche e salassi. A Garmusa (Garmungi) rischia il linciaggio. E non certo per motivi religiosi. Mentre si bagna in un torrente, due ragazzine gli fregano i vestiti ed il monaco si mette a rincorrerle per la via principale in costume adamitico, col risultato di rimediare una sonora bastonatura collettiva dagli abitanti del villaggio.
Finalmente, sul finire dell’anno, riesce a raggiungere la Casa delle Missioni di Mossul, dove entra subito in conflitto col reggente, Padre Lanza, che diventerà uno dei suoi più accesi oppositori e che riuscirà a estromettere dalla direzione. In pratica, il Boetti, insofferente ad ogni disciplina, accusa il superiore, pare ingiustamente, di essersi fregato la cassa con i soldi della missione. Intrigante come sempre, riesce a conquistarsi la protezione del pascià di Mossul, presso il quale si recicla come medico esperto. E per non smentirsi rifila intrugli medicamentosi alla popolazione locale, fintanto che non ci scappa il morto. Tratto agli arresti, riesce a sfangare la pena capitale: il pascià gli fa impartire 50 bastonate sulla pianta dei piedi e lo caccia via dalla città. A titolo di risarcimento, lascia che i popolani saccheggino la missione di Mossul.
Boetti trova rifugio dunque nella vicina ad Amadia e poi a Zaku. Con le sue prediche eterodosse (e col favore delle autorità turche che vogliono mettere ordine tra le litigiose chiese cristiane) si assicura il controllo della comunità nestoriana. Quindi, con le protezioni giuste, riesce a rientrare a Mossul e riprendere il controllo della missione. La sua condotta irregolare, le tresche politiche che Boetti va intessendo ovunque, ed il suo sincretismo religioso ai limiti dell’eresia, nonché i guai che ha causato all’Ordine domenicano, provocano il suo deferimento al cardinale Giuseppe Maria Castelli, prefetto di Propaganda Fide, che ne ordina il pronto rientro in Italia ed il ritiro definitivo nel convento di Ferrara.
Bisogna anche dire che Boetti ha una propensione tutta particolare per cacciarsi nei guai… Ripreso servizio come medico presso il pascià di Mossul, viene accusato di aver sedotto la figlia del governatore turco che è incinta. E questo, più di ogni altra cosa, favorisce la rapida partenza del frate ribelle. Comunque sia, e nonostante tutto, Boetti è riuscito a protrarre la sua permanenza nelle province orientali dell’Impero Ottomano per circa un decennio, costruendosi una fitta rete di protezioni ed amicizie importanti quanto trasversali, tra ufficiali turchi, emissari europei e capi religiosi locali.

SECONDO VIAGGIO NEL LEVANTE
 Rientrato in Europa, il monaco non sembra trovare pace: viaggia in lungo e largo, intesse amicizie e relazioni diplomatiche. Quindi, senza aspettare autorizzazioni né permessi, riprende la via per l’Oriente… forse come spia (difficile dire se al soldo dei francesi, del governo sabaudo o di quello veneziano)… forse come mistico esaltato… sicuramente come avventuriero.
In tutto questo tempo, ha elaborato una sua personalissima teologia e vaghe idee di riforma universale, che non tarderanno a dare i loro frutti…
Intorno al 1781 è di nuovo in Siria: fa tappa ad Alessandretta, ad Aleppo, ed infine ad Urfa (Orfa) dove prende servizio come medico presso il governatore turco, Manhed Bey, fino a diventarne il segretario personale ed il tesoriere. Con la protezione del pascià, riesce a prendere il controllo delle comunità cristiane della città, divenendo vescovo della Chiesa Giacobita, nonostante le lettere di scomunica che giungono da Roma.
Con la caduta in disgrazia del suo principale protettore, Manhed Bey, l’intraprendente monaco è costretto a lasciare Urfa. Si rifugia nientemeno che nella capitale imperiale, Costantinopoli, dove può contare sull’appoggio influente dell’ambasciatore francese, del console sardo, e di non pochi religiosi del suo stesso Ordine. Già che c’è, ne approfitta per imparare il pharsi (la lingua persiana) e tirar su quattrini: come medico, chimico, e come seduttore di ricche dame.
Con ogni probabilità, in questo periodo Boetti intraprende la sua attività di spia ed agente al servizio delle monarchie europee, ed in particolar modo dell’Impero russo… Prende contatti con i ministri dell’entourage del Sultano. Travestito da mercante armeno, compie soventi viaggi in Armenia, nel regno della Georgia, in Mesopotamia e soprattutto in Persia. Complotta con il pascià di Trebisonda. In Siria si fa beccare mentre traccia disegni delle fortificazioni e prende appunti sulle difese di Damasco. Arrestato, viene incredibilmente rilasciato dalla polizia militare ottomana, a dimostrazione che il Boetti ha amici potenti e soldi per corrompere i funzionari locali.
Quest’ultima disavventura deve però aver fatto saltare le coperture del Boetti, che da quel momento inizia a scalpitare per rientrare in Italia ed essere riammesso nei ranghi dei domenicani.
Mosso da opportunismo, nostalgia di casa, o pentimento, Boetti rientra in Italia deciso a raggiungere Roma e prostrarsi direttamente ai piedi del papa, per chiederne il perdono nella sua ennesima crisi mistica. Ci ripenserà presto.
Infatti si rifugia a Napoli. Quindi riprende i suoi pellegrinaggi ed arriva fino a Vienna, dove riceve la lettera del Generale dei Domenicani col perdono ecclesiastico, a patto di rientrare e ritirarsi immediatamente in convento. Finalmente, dopo un biennio intensissimo, nel 1782 Giambattista Boetti si ritira nel convento di Trino Vercellese. In questo periodo pare abbia svolto importanti servigi anche per conto del Regno di Sardegna.
In convento però Boetti ci resiste poco: litiga coi confratelli, viene alle mani con un sagrestano, e colleziona ammonizioni in serie.

«Accadde un giorno che, predicando egli davanti ad un folto pubblico, fu invaso da una febbrile esaltazione. Ed ecco che d’un tratto scorda il Santo ed il suo panegirico e in un linguaggio iperbolico, con potenza fascinatrice di imagini, fa sfoggio delle mille e disparate cognizioni esotiche accumulate in tanti anni di viaggi in paesi strani e diversi, narra, acceso in volto, contorcendosi e dimenandosi […] con parola ardente, inspirata a profondo sensualismo

  Francesco Picco
“Il Profeta Mansur”
  (Genova, 1915)

E infatti depone nuovamente la tonaca e ricomincia i suoi viaggi, con quali intenzioni non è possibile sapere. Probabilmente vuole riprendere il suo ingaggio come spia internazionale.

TERZO VIAGGIO NEL LEVANTE
Nel 1783, come una trottola impazzita, viene avvistato ovunque: in Francia, in Spagna (da Alicante a Cadice), in Inghilterra, in Germania (ad Amburgo), ed a Pietroburgo in Russia dove probabilmente viene reclutato dalla zarina Caterina II.
Nel 1784 è a Mosca, ma si rimette presto in viaggio alla volta della Persia. Segua la linea del Volga passando per gli antichi khanati di Astrakan e Kazan. Poi tra i monti del Caucaso arriva in Georgia. Raggiunge la penisola di Crimea e poi Costantinopoli. Ancora una missione in Polonia e nuovamente a Costantinopoli.
Almeno questo è quanto riportano i suoi biografi, a digiuno di verosimiglianza. Sono migliaia di chilometri macinati in meno di due anni. Oggettivamente troppo e umanamente impossibile, considerando i tempi di percorrenza nel XVIII secolo; specialmente se si pensa che i viaggi di Boetti si sarebbe compiuti in alcuni dei territori più aspri e con la peggiore rete viaria del mondo allora conosciuto. Ma, come vedremo, non si tratta delle uniche incongruenze.

LA FOLGORAZIONE
Comunque stiano le cose, a Costantinopoli i turchi lo tengono sott’occhio. Tra l’altro, pare che Boetti abbia speso una fortuna in armi e munizioni, che importa di contrabbando lungo le rotte del Mar Nero.
All’inizio del 1785, Boetti lascia Costantinopoli e parte con una lunga carovana alla volta di Erzerum in Armenia e poi, sembra, in Persia. Del suo seguito fanno parte tre europei: il francese Cleofa Thévenot; il napoletano Camillo Rutigliano; e l’ebreo tedesco Samuel Goldemberg. Ma c’è anche tale Tabet Habib, un ricco mercante di Scutari (in Albania) dove pare faccia l’usuraio e traffica in merci che importa dalla Persia; forse è egli stesso un emissario dello Shah.

“…riposto piede in Persia la percorre in lungo e in largo, e indi fìssa sua stanza in Amadia nel Kurdistan, ove, appigionata una casa, si tappa dentro, né vi esce per lo spazio di ben novantasei giorni […] I suoi atti ci svelano l’esistenza nel suo spirito e una crisi nata dal contrasto tra le sue aspirazioni religiose e un’insaziata, petulante, smania di predominio.”

Boetti si trasferisce quindi ad Amadia, in Kurdistan, che pone come base stabile del suo dominio personale, dove si atteggia a profeta e riformatore religioso. Quindi inizia la sua predicazione infervorata, conquistando nuovi fedeli anche grazie a qualche trucco da prestigiatore.

UNA NUOVA RELIGIONE
In un singolare sincretismo religioso, esasperato da una certa povertà teologica, Giambattista Boetti elabora un immaginoso miscuglio di cristianesimo e di islamismo, di deismo e di utopismo illuministico (Giuseppe De Caro) che, nelle ambizioni del predicatore, si propone di condensare in un unica fede le tre principali religioni monoteiste, attraverso l’eliminazione delle forme esteriori del culto, della casta sacerdotale, e la cancellazione dei principali dogmi: dalla Trinità al valore del battesimo e dei sacramenti; dal Ramadan alla circoncisione per i musulmani; attraverso la negazione del peccato e dei castighi ultraterreni e della natura divina del Cristo.
Francesco Picco, autore della biografia che in massima parte citiamo, liquida così la nuova fede che:

«..appare come un complesso di dottrine caotiche, frutto d’una mente invasata da sogni smisuratamente ambiziosi, irretito nei lacci di un morboso e strano misticismo

 [“Il Profeta Mansùr”. Genova, 1915]

Giambattista Boetti elabora altresì una ‘regola’ religiosa, strutturata in 24 punti…
Sono delitti gravissimi, passabili di morte, la preghiera, l’adulterio, i voti religiosi, ed il tradimento.
Sono leciti invece il suicidio e, purché consensuali, la fornicazione e perfino l’incesto.
In sintesi, questi sono i ‘comandamenti’ del santone piemontese, espressi in un cattivo francese dalla sintassi incerta e così riassumibili:

1) Non avrai che un solo Dio, che adorerai in spirito e verità; tutti i culti esteriori l’offendono.

2) Dio è indivisibile. Non ne esiste che uno e non è affatto trino.

3) Cristo è stato un uomo giusto e santo. È stato un profeta così come altri lo sono.

4) C’è una ricompensa per i fedeli e una punizione per i malvagi, che però non può essere eterna.

5) È un crimine vergognoso pregare e ringraziare l’Onnipotente.

6) Tutti gli uomini si salvano se sono giusti, a prescindere dalla loro religione.

7) Le gioie del paradiso non sono altro che una eterna privazione di ogni male.

8) Il mondo dacché esiste non finirà mai.

9) I sovrani sono l’immagine di Dio, fintanto che sono come devono essere.

10) L’adulterio è un gran crimine.

11) La fornificazione non può essere per forza considerata un peccato.

12) L’omicidio è un’ingiustizia punita da Dio e dagli uomini.

13) L’incesto è una cosa naturale e non può essere peccato.

14) Il furto è peccato, a meno che non sia compiuto per estrema necessità.

15) Il Battesimo e la Circoncisione sono due cerimonie ridicole.

16) I voti fatti nell’ambito di qualsiasi religione sono passabili delle più temibili punizioni.

17) Il Papa ed il Muftì sono degli impostori.

18) È lecito uccidere se stessi in determinate occasioni.

19) È gravissimo peccato mancare alla parola data.

20) I codardi, i poltroni, gli avari devono essere privati della loro dignità, delle loro ricchezze ed essere costretti a lavorare nei campi.

21) Una donna sorpresa in adulterio dovrà essere lapidata.

22) Una ragazza non maritata può fare ciò che vuole del proprio corpo, giacché ne è l’unica padrona.

23) I traditori vanno uccisi.

24) Si può amare Dio in tutti i modi possibili.

Tra le popolazioni montanare del Kurdistan e dell’Armenia, le idee professate da Giambattista Boetti, vuoi per un certo carisma personale, vuoi per la condotta ascetica, vuoi per un certo prestigio e l’intelligente rete di relazioni tribali che ha saputo costruirsi nel decennio precedente, riscuotono un insperato successo. Attorno a lui si radunano seguaci da ogni parte, arrivando a costituire un piccolo ma agguerritissimo esercito personale.

«Le audacie velate di mistero, hanno sempre una forte presa sulle turbe: questi suoi modi inusati gli procacciano infatti numerosi aderenti. C’è perfino un danaroso signore del paese, che gli offre in segno d’omaggio la propria figliuola in isposa, ma egli prudentemente la rifiuta, limitandosi, secondo il solito, ad accettarne le sostanze. Ricco così di fedeli e di quattrini, spiega al vento lo stendardo di guerra e proclamando di voler instaurare una radicale riforma della religione, annunzia con altezzosa spavalderia la marcia su Costantinopoli per porre su quel trono un principe fedele osservatore della legge umana e divina. Sceglie pertanto, con occhio esperto, tra il codazzo dei seguaci, novantasette uomini dal cuore intrepido, e con questa Compagnia della Morte si accampa al confine ottomano, sbaraglia qualche agà che gli si fa incontro, e si inoltra in territorio turco.»

F.Picco “Il Profeta Mansùr” (pag.51)

È l’inizio di una vera e propria ‘guerra santa’…

L’INVASIONE DELLA GEORGIA
 Il nuovo profeta pretende obbedienza assoluta; è inflessibile con chi trasgredisce le sue regole ed esegue di persona le sentenze capitali, strangolando i colpevoli con le sue stesse mani.
Per consolidare il proprio potere, inizia ad attaccare ed imporre tributi a villaggi e città della regione: Zaku… Zapur… Kutom… Tukti… Tativan… Erzerum… Sconfigge i signorotti locali e sbaraglia gli esigui contingenti turchi. In uno di questi scontri sconfigge le truppe che presidiano il borgo di Akeska, sul confine georgiano, che imprudentemente hanno lasciato la loro posizione fortificata per marciargli contro. La vittoria gli vale l’appellativo di Al Mansùr, il Vittorioso.
Il malcontento nei confronti dell’inefficiente amministrazione ottomana e soprattutto la prospettiva di bottino, ingrossano a dismisura le milizie del Boetti che, secondo un calcolo sicuramente esagerato, costituirebbero ora un’armata di 37.000 guerriglieri con i quali si rivolge contro il debole regno caucasico della Georgia, un’enclave cristiana indipendente.

«Stabilisce di penetrare nella Georgia, dove, sotto il protettorato della Russia (trattato di Kainargé, 1774) regna il principe Eraclio. Costui, di fronte all’inattesa irruzione di queste orde infiammate di bellico furore dalle parole del Profeta, esce in campo con le proprie soldatesche miste a non pochi soldati russi e si dirige contro quelle del Mansùr distribuite in quattro corpi distinti, a uno dei quali sta a capo il Boetti in persona.»

 F.Picco – “Il Profeta Mansùr”

 E tale dato viene comunemente accettato. Invece, una premessa è d’obbligo giacché le fonti pseudo-storiche che narrano le gesta di Giambattista Boetti, benché unanimi (in realtà si scopiazzano l’una con l’altra), si fanno incerte e, senza riferimenti precisi, tendono a sovrapporre gli eventi storici confondendo i singoli accadimenti. Boetti, come una sorta di Zelig guerriero, inizia ad assumere più identità esattamente come, contro ogni discrepanza, gli era stata attribuita in passato una specie di ubiquità che lo rendeva presente ovunque ed in nessun posto.
Con ogni probabilità, Boetti-Mansùr non ha mai attaccato in forze la Georgia, limitandosi più verosimilmente a taglieggiare i villaggi di confine con rapide scorrerie, alla stregua di un qualunque brigante di frontiera.
Secondo i suoi biografi G.B.Boetti, alias Mansùr, avrebbe invaso la Georgia con un’armata di quasi 40.000 uomini (come supportasse, senza un’intendenza militare, la logistica ed i vettovagliamenti resta un mistero), intorno al 1785, sbaragliando le truppe georgiane e russe al comando del re Eraclio II. L’invasione sarebbe culminata col saccheggio della capitale del regno, Tiflis (ovvero Tblisi), la morte di 22.000 georgiani e la vendita di altri 10.000 come schiavi a Costantinopoli. Il monaco guerriero avrebbe poi ingrossato le fila del suo esercito con l’incredibile numero di 80.000 guerrieri, radunando circassi, tartari, armeni, curdi, rinnegati turchi e georgiani.
Quasi certamente la presunta invasione della Georgia, effettuata dal Boetti-Mansùr nel 1785, viene confusa col devastante attacco persiano dello spietato Agha Muḥammad Khān Qājār, il crudele eunuco divenuto Shahanshah (Re dei Re) della Persia, avvenuta però dieci anni dopo le gesta attribuite a Boetti. Di sicuro, la grande vittoria del profeta viene confusa con la battaglia di Krtsanisi (Settembre 1795). C’è inoltre da aggiungere che il contingente russo, alleato coi georgiani, era tutt’altro che “numeroso”: due battaglioni di fanteria con quattro batterie di artiglieria da campo.

 Stando piuttosto alla “Relazione”, ovvero il diario personale che si presume Boetti abbia scritto di suo stesso pugno, pare si sia accampato con le sue bande per oltre un mese ed a pochi giorni di marcia dalla città marittima di Smirne, cazzeggiando in interminabili tatticismi con un’ambasceria del Sultano. Per le trattative, assume un segretario greco, probabilmente una spia della Sublime Porta, che pensa bene di tradirlo e far ritorno a Costantinopoli non prima di sottrarre al Boetti-Mansùr (che in minchioneria non è secondo a nessuno) una bella schiava circassa, una cassa di preziosi, ed il famoso diario di memorie che infatti porta come ultima data il 28/10/1786.
A complicar le cose, nella Relazione in francese, Mansùr viene però descritto in terza persona:

«Assunto pertanto il titolo di Sheik-Oghan-Oolò,strano nome che a noi riesce, salvo nella prima parte che significa capo o sceicco, indecifrabile, ricevuta da Costantinopoli, per la via d’Off, porto del mar Nero, ragguardevole copia di munizioni e di cannoni da campagna, egli mutò di nuovo direzione alla sua marcia, dirigendosi ora verso la Georgia. Rimane pure oscuro come egli sia riuscito ad avere presso di se ingegneri e fonditori europei; ma è assodato ch’egli ne ebbe nel suo campo un bel numero, Mangia sei volte al giorno il cibo preparatogli non già dal suo cuoco, ma da una donna cinquantacinquenne; preferisce alla carne i legumi; non beve ne vino, ne liquori, è gran fumatore di tabacco; veste più alla persiana che alla turca; nel prender riposo giace vestito “sur un sophà et il ne conche que tout seul”. Ha molte persone al suo servizio, ma non si vale che di tre uomini assai attempati. Le sue donne abitano lontano da lui, ed egli non le visita giammai da solo; le fa servire da schiave more: non le sorveglia per mezzo di eunuchi; ma anzi loro concede libertà di andarsene quando a loro piaccia e di unirsi a chi loro meglio talenti. Ama molto la caccia e la pesca, si esercita all’arco ed alla freccia, slanca ogni giorno cinque o sei cavalli. La sua generosità è grande, il suo cuore pietoso, il suo corpo infaticabile. Ha aspetto nobile e assai piacente; portamento maestoso, sguardo fiero e al tempo stesso dolce; legge nel cuor degli uomini senza ingannarsi, ha cure amorose per la sua barba, che non è troppo lunga e termina in punta […] Fedele osservatore della sua parola, esige dagli altri pari fedeltà; rigido e scrupoloso nell’adempimento dei suoi doveri, non permette alcuna rilassatezza. Con straordinario sangue freddo sa commettere, senza scomporsi, le più buone e le più malvagie cose

LA GUERRA CONTRO I RUSSI
 Nel conflitto con l’Impero zarista, la confusione si fa totale e la figura mitizzata di Giambattista Boetti alias Profeta Mansùr, alias Sheik Oghan Oolò, arriva ad identificarsi e fondersi con il leader della rivolta cecena Shaykh Mansur Ushurma.
Nel Marzo del 1785 il comandante russo della guarnigione nella fortezza caucasica di Vladikavkaz invia dispacci allarmati sull’attività di un “falso profeta” di origine straniera, spalleggiato dal governo ottomano, che dalla regione di Kabarda (l’odierno Cabardino-Balkaria) con bande di Circassi, Daghestani e Calmucchi, sta organizzando scorribande armate nei territori della Cecenia e dell’Ossezia, spingendo le incursioni fino in Georgia.
A tamponare la minaccia, viene inviato (curiosità della Storia!) un altro italiano: il colonnello Nicola De Pieri, che opera al servizio degli zar, al comando di un corpo di spedizione russo, forte di circa 2.000 soldati imperiali, per conto del generale e ammiraglio Fëdor Apraksin, virtualmente responsabile del comando militare per i territori del Caucaso.
Il col. Pieri ed il suo reggimento raggiungono il villaggio ceceno di Aldy, dove si presume che Mansùr abbia la sua base e del quale asserisce di essere originario. Trovato l’abitato deserto, i russi lo danno alle fiamme. Invece di attendere i rinforzi e muovere con prudenza, come pare gli fosse stato raccomandato, il colonnello italiano si lancia con truppe esigue alla caccia dei ribelli, andando incontro ad una sonora sconfitta sulle rive del fiume Sunža (Sunja), agli inizi di Giugno. Nella battaglia lo sfortunato comandante lascia sul campo più di 600 soldati, svariati prigionieri, e si salva a stento insieme ad un centinaio di sopravvissuti ed una manciata di pochi ufficiali (sette per l’esattezza), segnando una delle peggior sconfitte che l’esercito regolare di Caterina abbia mai subito. Paradossalmente, questa contro l’italiano De Pieri è l’unica vera vittoria che Boetti-Mansùr-Ushurma potrà vantare in tutti i suoi sei anni di guerra contro i Russi.

Anno 1786, il principe georgiano di Gori versa un tributo per evitare rappresaglie, mentre l’agha curdo di Bitlis viene duramente sconfitto in battaglia dopo aver tentato di respingere le razzie di Mansùr. Le truppe imperiali del generale Apraksin non riescono ad aver ragione dei ribelli e, non abituate alla guerriglia, cadono in continue imboscate.
Nel 1787, il comando passa al principe Grigorij Aleksandrovič Potëmkin (prorio quello della famosa corazzata). Negli anni successivi di guerra, che nel frattempo si allarga all’Impero ottomano, il profeta Mansùr è respinto ovunque. Mentre il generale Tekkeli fa terra bruciata delle basi dei ribelli, Mansùr occupa la fortezza turca di Anepa, la quale viene posta sotto assedio dall’esercito russo che la cannoneggia a distanza, senza esporsi ad inutili rischi e falcidiando a migliaia i seguaci del profeta che non si rassegnano alle sortite suicide.
Nel 1791 Mansùr si arrende al generale Gudovich che assedia Anepa e condotto a San Pietroburgo al cospetto della zarina Caterina che però non lo fa giustiziare.
 Chiunque fosse, Mansùr, ovvero Boetti, o forse Sheik Ushurma, non tornerà mai in Piemonte ma concluderà i suoi giorni in un monastero sull’isola di Solovetskij nel Mar Bianco, dove muore il 15/09/1798. Per altri l’anno della sua scomparsa è invece il 1794. Difficile resta capire quale dei vari personaggi fosse davvero quello reale.

“Il cerchio si chiude; egli rientra nell’ombra del chiostro donde era uscito dietro la lusinga di fallaci miraggi di gloria. La sua esistenza irrequieta si spegne nell’oblio e con lui cade il potere effimero del suo nome, che non aveva fondamento saldo e durevole, ma si reggeva soltanto sul fanatismo ignorante de’ suoi seguaci.”

BIBLIOGRAFIA:

Francesco Becattini: “Istoria politica ecclesiastica e militare del secolo XVIII”. Vol.VII, Milano 1798, pp. 68 s., 75, 227 s.; “Vita e fasti di Giuseppe II d’Austria”, Lugano 1829, III, pp. 173 s.
M. le comte de Ségur: “Mémoires ou souvenirs”, V, Turin 1829, pp. 129 s., 152.
E. Ottino: “Curiosità e ricerche di storia subalpina”,Torino 1876, pp. 329 ss.
A. D’Ancona: “Viaggiatori e avventurieri”, Firenze 1911-1912, pp. 433-450.
P.Dionigi Damonte: “Il profeta Mansur”, Moncalvo 1882.
A.G. Cagna: “Mansùr”, Casale 1897.
Francesco Picco: “Un avventuriero monferrino del secolo XVIII (Padre G. B. B. detto il Profeta Mansur)”, in “Rivista di storia, arte, archeologia della prov. di Alessandria”, numero X (1901), pp.23-107 (ristampato a parte: “Il Profeta Mansur”, Genova 1915).
L. Gabotto: “Una singolare figura di Monferrino”, (1938).
Robert C. Melzi: “The conquering monk, Giovanni Battista Boetti: the story of Al Mansur, an eighteenth-century Italian cleric who conquered Chechnya and Daghestan”. Chapel Hill, 2005.
Alexandre Bennigsen: “Giovanni Battista Boetti (1743-1794) che sotto il nome di profeta Mansur conquistò l’Armenia, il Kurdistan, la Georgia e la Circassia e vi regnò sei anni quale sovrano assoluto”. Oemme, 1989.
Gianni Marocco: “Giovan Battista Boetti: realtà o mistificazione? Contributo ad una questione irrisolta”. Studi Piemontesi, vol. X, fasc.2 (Nov.1981).
Senza fonte: “Giambattista Boetti. Il Piemontese diventato profeta Mansùr medico occasionale e conquistatore effimero” (1955).

Una bibliografia completa la trovate comunque QUI (a dispetto del disclaimer, il sito è innocuo).

Homepage