Archivio per Catania

NOSTALGIA CANAGLIA

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , , on 4 ottobre 2020 by Sendivogius

Uno pensava fosse soltanto un’altra delle consuete adunate da sabato fascista, con le quali le succursali italiote del Ku Klux Klan sono solite onorare il loro duce di ghisa insieme agli altri nazisti della padania. È sempre la vecchia merda sovrana, che ribolle infetta attorno a Capitan Sugna in astinenza da sagra, con mandrie di obesi citrulli in sovrappeso che si danno la staffetta su un palchetto, come i matti di Hyde Park, per esprimere solidarietà al Capitone ai ferri. E intanto delirano su invasioni e “navi da contrasto” per cannoneggiare le zattere a mare, onde fermare l’orda anfibia sul bagnasciuga, in un’abbuffata di livori marci e razzismo all’ingrosso… Insomma, roba sconcia ma di una noia mortale. Niente che la Lega in versione nazi-sovranista non ci abbia già propinato fino alla nausea.
Poi però a ravvivare la fiera di fenomeni è arrivata Lei, Angela Maraventano, la ruspante pasionara siculo-padana, con le sue tre tonnellate di puro lardo certificato a marchio dop, a raggelare i profani con la sua soave presenza e carezzare le vacuità littorie degli astanti col fascino irresistibile di una betoniera caricata a letame, lanciandosi in un incredibile elogio pubblico della “nostra” cara e vecchia MAFIA, che ahimé signora mia! non più quella di una volta..!

«La nostra mafia che ormai non ha più quella sensibilità e quel coraggio che aveva prima; quella mafia non esiste più perché la stiamo completamente eliminando. Nessuno ha più il coraggio di difendere il nostro territorio

Dopo il completo sdoganamento del nazifascismo e le continue apologie di reato, dopo aver legittimato il razzismo al rango di opionione, dopo i richiami divertiti ai forni crematori, non poteva certo mancare la riabilitazione della mafia…  o almeno quella di una volta, sensibile e coraggiosa, che rapiva, ammazzava, faceva esplodere le autobombe nelle città, scioglieva i bambini nell’acido… ma almeno presidiava il territorio, insomma, gente d’onore!
Quando pensi che non si possa trascendere oltre lo schifo, c’è sempre un leghista con la ruspa che comincia a scavare nei pozzi neri dell’osceno più infame.

Homepage