Archivio per Analfabetismo funzionale

COVIDIOTI

Posted in Muro del Pianto with tags , , , , , , , , , , , on 29 dicembre 2021 by Sendivogius

“Cadono come mosche”
#NessunaCorrelazione #SonosoloCoincidenze #Vaccini #R2020″
Davide Barillari
(13/06/2021)

Si fanno i clisteri con la candeggina. Sniffano curcuma e coriandolo. Ingurgitano infusi di tarassaco e frullati di barbabietola, con improbabili beveroni a base di aghi di pino, aglio, miele ed alghe di clorella. Ruminano bacche di Goji. Si intossicano di ivermectina ed antibatterici ad uso veterinario. Fanno incetta di idrossiclorochina e farmaci contro la malaria. Acquistano prodotti di dubbia provenienza, che vanno scovando on line su passa parola. Scaricano fantomatici “Manuali di terapia domiciliare personalizzata” da siti anonimi su internet. Sorbiscono intrugli consigliati da perfetti sconosciuti. Credono fideisticamente a qualsiasi mitomane scovato su facebook, che spaccia prodotti miracolosi. Si affidano a sedicenti “esperti” di pratiche ayurvediche e cristalloterapia, “cure altenative” e naturiste: omeopati, massaggiatori shiatsu, oligoterapisti, naturopati, filosofi, teologi, e improvvisati “scienziati sociali” senza il disturbo di una laurea.
Credono a chiunque, purché non sia un medico vero o una specialista riconosciuto con un solido curriculum scientifico… E poi intasano le corsie degli ospedali ed i reparti di terapia intensiva, sottraendo posti letto e risorse che di certo potrebbero essere meglio impiegate.
Dinanzi ad un simile panorama neuropsichiatrico di desolanti casi umani, in pieno analfabetismo funzionale su delirio psicotico, ne conseguono due constatazioni di base…
Prima considerazione: il mondo è sovrappopolato di inguaribili imbecilli.
Erroneamente considerato innocuo, troppo spesso declassato ad isolato fenomeno di colore nell’ambito di certa esuberanza folkloristica, l’Imbecille risponde invero alle Leggi fondamentali della Stupidità. Ne consegue che questi costituiscono un pericolo per sé (poco male) e soprattutto per il resto della comunità, che l’imbecille tollera e subisce in tutta la sua infestante invasività.

“Una persona stupida è chi causa un danno ad un’altra persona o gruppo di persone, senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita.”
(Terza Legge)

Quando il fenomeno diventa prevalente, rischia di trasformarsi in problema sociale.

Seconda considerazione: il Covid-19 si sta rivelando tremendamente efficace, nel limitarne la moltiplicazione incontrollata…

Tra i personaggi della galassia negazionista più noti al grande pubblico e nel frattempo dipartiti a seguito di un’epidemia inesistente, si segnalano:

Maurizio Bugatti
Carrozziere, opinionista radiofonico, in arte “Mauro da Mantova”, complottista per vocazione e per questo ospite fisso ne La Zanzara, in qualità di esperto in vaccini, “untore” per gioco: si divertiva ad andare nei supermercati, senza mascherina protettiva, a tossire in giro con 38 di febbre. È morto a 61 anni per una polmonite bilaterale da Covid, dopo il ricovero all’Ospedale di Verona, perché a Mantova “ci sono i comunisti” (sic!).

Bartolomeo Pepe
l’onorevole Pepe è stato Senatore della Repubblica (!) in quota 5 Stelle (non se ne perdono uno!), nonché esteta del complotto globale in tutte le sue declinazioni possibili ed inimmaginabili, non facendosi mancare proprio nulla: dalle scie chimiche, ai programmi segreti di controllo climatico; dagli Illuminati, al Piano Kalergi (finanziato da Soros); ovviamente anti-vaccinista convinto e mistificatore seriale. Indimenticabile per originalità creativa, è stata la sua battaglia contro gli “interferenti endocrini” che conducono alla sterilità maschile, producendo “mutazioni fisiologiche”. Le manipolazioni genetiche sono sempre state una fissazione del senatore, convinto dell’esistenza di un programma massonico globale per modificare il DNA attraverso la “geoingegneria”. Ma non ci ha fatto mancare neanche la terribile cospirazione delle lampadine a Led che ci spiano, né la crociata contro la profilassi antitetanica.
Insomma, è stato uno che aveva la credibilità scientifica del complottista nella pubblicità del Buondì Motta. tanto da sembrare esso stesso una parodia. E chissà quali altre cazzate avrebbe potuto sponsorizzare al Senato, se non fosse morto a 59 anni, per insufficienza respiratoria da Covid: “una ridicola isteria, fomentata ad arte” (ipse dixit). Complotto dei poteri forti, per far tacere una voce indipendente?

Certo, niente di paragonabile rispetto a quanto avviene fuori dagli italici confini, dove la pandemia imperversa praticamente indisturbata, grazie anche a questi fervidi campioni delle libertà individuali (neo-nazisti, orfani trumpiani, fanatici religiosi, nevrotici ossessivi), infierendo sui grandi numeri…

Johan Biacsics
Johan Biacsics, 65enne, leader dei No-Vax austriaci. Ammalato di Covid ormai da diversi giorni, secondo la stampa locale, si sarebbe curato con dei clisteri a base di biossido di cloro che è il principio attivo della candeggina. Ovvero un trattamento ‘alternativo’ molto diffuso tra i no vax che è stato caldeggiato anche dall’ex presidente americano Donald Trump.
Nonostante il tampone positivo il 65enne era convinto di poter sconfiggere la malattia in questo modo, opponendosi al ricovero. A casa si sarebbe poi sottoposto a questo trattamento, morendo poco dopo.

Marcus Lamb
A 64 anni è morto a causa del Covid anche uno dei più popolari leader religiosi No vax degli Usa. Marcus Lamb era cofondatore e amministratore delegato di una rete televisiva religiosa che, in America, vale 230 milioni di dollari. Come altri tepepredicatori cristiani di destra per mesi ha rilanciato il messaggio No vax, ospitando anche Robert F. Kennedy Jr, esponente della celebre famiglia, ripudiato dai parenti per le sue posizioni contro i vaccini, di recente avvistato anche in Italia.

Marc Bernier
I casi di predicatori deceduti sono tanti, specie negli USA. Ad agosto è morto ad esempio anche lo speaker radiofonico 65enne Marc Bernier, soprannominato “Mr.Anti-Vx”.
Voce molto conosciuta in Florida, dove ha lavorato per la radio WNDB News Daytona Beach per oltre 30 anni, esprimendo sempre le sue forti opinioni in ambito conservatore.


Mak Parhar
Anche Mak Parhar, un blogger terrapiattista canadese che era diventato un leader del movimento No Vax e contro le mascherine in British Columbia, è morto dopo aver denunciato dei sintomi del Covid19. Secondo la stampa locale l’uomo, che aveva confidato di essere malato ai suoi seguaci (aggiungendo che non poteva «essere Covid perché il Covid non esiste»), ha chiamato soccorso troppo tardi: quando è arrivata l’ambulanza infatti, i sanitari lo hanno trovato già morto.
In uno dei suoi ultimi video, il blogger aveva detto di sentirsi meglio e di aver preso l’Ivermectin, l’anti-parissitario considerato un rimedio contro il Covid dai No vax, ma che le autorità mediche di Usa e Canada sconsigliano di usare.

Caleb Wallace
Caleb Wallace, 30 anni, è invece morto in Texas ad agosto. Convinto No vax fu uno degli organizzatori della Freedom Rally, manifestazione no Mask nata negli Stati Uniti come protesta contro tutte le restrizioni Covid. Dopo esser risultato positivo al coronavirus, ha tentato di curarsi con le fantomatiche “terapie domiciliari” sponsorizzate dai medici No vax assumendo anche l’Ivermectina, il farmaco antiparassitario che la Fda ha invitato a non usare per il virus e che ha provocato un aumento consistente di casi di avvelenamento.

 (Fonte: il Gazzettino di Venezia)

Homepage