Archive for the Stupor Mundi Category

Lui è peggio di me

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , on 15 gennaio 2019 by Sendivogius

Nel vuoto lunare di una piazza deserta, in diretta da Strasburgo, va in onda il siparietto demente dell’accoppiata comica peggio assortita del webbé, Dibba Er C’è (non ci fa) e Giggino (“prima-di-tutto”) ‘o Sarracino, rigorosamente su facebook (il palcoscenico digitale, prediletto da ogni cretino in cerca di visibilità), per la serie “i meravigliosi pupazzi animati della Casaleggio Associati”: un incrocio ibrido tra i Muppets ed i Teletubbies, dopo la performance non proprio riuscitissima sulla neve che sembrava una parodia di Filini e Fantozzi al dopolavoro aziendale.
Vedere Cric&Croc col loro ghigno perenne d’ordinanza, che concionano sulla chiusura del parlamento europeo a Strasburgo, aveva qualcosa di straniante ancor prima di inquietante: “Lo chiuderemo… è inutile… è una marchetta francese… non serva a nulla”…

Perché in genere è questo l’effetto che i parlamenti suscitano ad i profeti della “democrazia diretta”: non appena ne vedono uno, il loro primo pensiero è come eliminarli, nella distopia totalitaria della Piattaforma Rousseau. Ed uno sarebbe quasi tentato di rievocare l’incendio del Reichstag tedesco nel Febbraio del 1933, o lo svuotamento di altre aule sorde e grigie. Poi però guardando meglio i Mimì e Cocò di questa (ennesima) farsa all’italiana, al massimo viene in mente il duetto di Totò e Peppino in trasferta a Milano:

“Noio, volevam savoir. Dunque: noi vogliamo sapere, per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?”

E prontamente suggerire loro la via a suo tempo già indicata da Beppone il Timoniere…
Che a cercarla, la strada la si trova sempre.

Homepage

Annunci

La Città Pulita

Posted in A volte ritornano, Stupor Mundi with tags , , , , , on 6 gennaio 2019 by Sendivogius

Della Trieste supinamente redenta, e amministrata con cipiglio volitivo dal podestà Carlo Dipiazza, avevamo già avuto modo di parlare [QUI]. È l’altra opposizione, quella diversamente fascista, che a livello locale governa in pianta organica coi nazi-leghisti del duce di ghisa ed in parlamento ne sostiene le iniziative legislative dai banchi della ‘minoranza’ collaterale all’esecutivo.
Ed in tutta franchezza pensavamo che potesse bastare, non meritando la giunta triestina altro spreco del nostro tempo. Che di esemplari così la provincia italiana è piena: tutti più che mai ringalluzziti nel gran revival völkisch dei nostalgici del Ventennio.
Poi però ti imbatti nelle cacatine on line del leghista Paolo Polidori, che a Trieste fa il vicesindaco, e ti sovviene il sospetto (infondato per carità!) che se la madre degli imbecilli è sempre incinta, lo stronzismo diffuso e compiaciuto ne costituisce la misura della febbre sovranista…
Ecco, ad uno come Polidori, faccia da Richie Cunningham in “Happy Days” (ma molto più meschino), uno che prima di buttarsi in politica caricava i distributori automatici, dopo aver registrato la sua società di vending (ora si chiama così) in Croazia per non pagare le tasse in Italia, bisognerebbe spiegare (perché lui poverino a 54 anni proprio non ci arriva a capirlo da solo), che gettare via i miseri stracci che un senza tetto usa per cercare di scaldarsi dal gelo artico delle notti friulane, non è un atto di decoro ma un gesto infame, un maramaldeggiare (con soddisfazione!) sulla miseria altrui. Perché i “cittadini normali” queste cose non le fanno, nel malcelato auspicio che così il pezzente ignudo crepi assiderato, togliendo per sempre il disturbo, mentre magari si preoccupano moltissimo che nelle scuole sia presente il presepe tradizionale. Farsene pubblico vanto poi è cosa da perfetti stronzi. E siccome Polidori è un altro che se ne frega, provoca i “benpensanti” dimenticando per una volta di prendersela coi soliti “buonisti”. Poi però dinanzi alla giusta indignazione che le persone normali (e perbene) provano per l’appunto per un personaggio di tal fatta e col quale non vogliono essere identificati, l’ennesimo prepuzietto alla ribalta del KuKluxKlan nazileghista, come tutti i vigliacchi, ci ripensa… analizza l’eventuale dividendo elettorale, nella convinzione che per certa politica fare sempre lo stronzo ripaghi comunque… Si stupisce delle reazioni. E viste le quotazioni in ribasso improvvisamente la cosa gli frega eccome, ritirando subito il post demente da bullo vanaglorioso, almeno fino al prossimo delirio. Perché l’unica cosa di indecente a Trieste sono proprio i fascioleghisti, che grufolano con gusto e razzolano tra gli stracci, in cerca di voti dalle cloache più nere.

Homepage

L’Uomo che magna

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , on 27 dicembre 2018 by Sendivogius

Cosa fa un Matteo Salvini, quando non è troppo impegnato a produrre tweet seriali sulle gesta criminali (vere o presunte tali, non importa) di un qualche negro clandestino, da montare su come la maionese, per tener desta l’indignazione telecomandata dei cappuccetti bianchi del suo KuKluxKlan da cortile?!? Perché in assenza, qualsiasi altra stronzata andrà benissimo…

L’importante infatti è che un qualunque altro straniero ci sia e basti a fornire la quotidiana dose di razzismo sovranista da dare in pasto agli adoranti squadristi da tastiera, per il consueto rituale dei cinque minuti d’odio che accompagnano il linciaggio in effigie.
 Ecco, se non ci sono negri nei paraggi, Salvini magna! È un uomo che ha trasformato un atto naturale come il nutrirsi, in un’animalesca esibizione di sé e dei suoi appetiti da Pantagruel barbuto dei Navigli. E lo fa grufolando compiaciuto nella voracità famelica ed esibita con cui più che mangiare si avventa sul cibo, che ingurgita con platealità bulimica, quale metafora riuscitissima di un’insaziabile fame di potere. Senza più la sua Bella, resta solo la Bestia. Pare quasi di sentirne lo schiocco delle mandibole in movimento, mentre tutto sudaticcio afferra, azzanna e strappa bocconi di cibo, con l’unto che cola dalle fauci, le dita insudiciate che affondano nella frolla sfatta. Perché ci tiene a farsi vedere, mentre rumina e freme ad ogni morso; perso nell’orgasmo surrogato ed esibito della sua masticazione compulsiva, che precede il meteorismo gassoso di pasti mangiati troppo in fretta e digeriti male, fino all’inevitabile esplosione di peti in un fragor di scorregge incontrollate. Ma quelle (ancora) non le registra su facebook. Probabilmente le posterebbe anche, se avesse la certezza che facciano abbastanza “popolo”, ed abbiano un ritorno ‘social’, nella retorica abusata (e falsa) dell’uno di noi, mentre fotografa la portata del giorno (gnam! gnam!). In realtà, l’unico vero piatto forte è la pantomima imbastita a consumo di quei coglioni davvero convinti di chattare col Capitano, loro grande amicone di minchioni digitali, e non con un generatore automatico di post, che riassembla immagini e parole d’ordine (radical-chic… castrazione chimica… risorse boldriniane… i nostri figli… presepe… Ruspa! Prima gli italiani! La pacchia è finita!) a seconda del trend topic del momento. Gli slogan son sempre gli stessi e funzionano ad incastro; almeno finché il prodotto vende, solleticando il fascismo eterno degli italiani. Sarebbe questa la geniale macchina di propaganda di un maestro della comunicazione (!), alla base di uno straordinario consenso (?), stando almeno alla vulgata agiografica costruita attorno al personaggio che nel frattempo, scoperta una passione per le uniformi, ha dismesso le felpe per indossare divise, nel feticismo con cui riveste il suo ego da travestito della sicurezza.
Stavamo per dire che una risata lo seppellirà, ma forse l’afflosciamento del duce di ghisa sarà annunciato da ben altri sommovimenti intestinali…

Homepage

Missione compiuta

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , on 23 dicembre 2018 by Sendivogius

Volevano aprire il parlamento come una scatoletta di tonno e l’hanno trasformato in una scatola vuota: ignorato, umiliato, cassato, annullato, di fatto svuotato.
Esautorate le commissioni parlamentari da ogni loro prerogativa già prevista dalla “Costituzione più bella del mondo”, presentano la manovra finanziaria del 2019 fuori tempo massimo, confezionata in un unico maxi-emendamento, zeppo di refusi, senza che ci sia chiarezza sulle coperture contabili, e coi saldi di bilancio sballati, ma da approvare alla cieca così come arriva, senza alcuna possibilità di verifica o discussione. E questo dopo tre mesi di trattative segrete con la commissione UE, senza che il parlamento italiano ne venisse mai reso partecipe, bensì gestite dai tecnocrati del “governo del popolo” (i due tribuni s’erano improvvisamente eclissati) come se fosse una cosa tutta loro. E poco importa se le trattative in questione si sono alfine concluse in una resa incondizionata ai diktat di Bruxelles, come mai s’era visto prima d’ora, dopo tanta ammuina sovranista e spread mangiati a colazione.
Umiliato il Senato, svuotato di ogni sua funzione, impongono la fiducia ad un testo ignoto ma blindato, messo insieme alla male e peggio durante la notte, senza che nessuno abbia avuto modo di poterlo leggere prima, a parte la lista della spesa e la tabella sbagliata del sempre più imbarazzante Giggino, imprigionato in un social-loop di propaganda permanente, nell’enorme marchettificio clientelare messo in piedi dai manipoli gialloverdi. Per (non) tacere dei due duumviri che si fregano le zampe come due mosche, prima di lanciarsi sulla golosa abbuffata di merda.
È la “democrazia diretta” ai tempi del “governo della trasparenza”: quello delle dirette streaming, coi grulloidi pronti ad arrampicarsi sui tetti o organizzare picchetti autoconvocati a Piazza Montecitorio, per denunciare il “golpettino” in corso, soltanto un anno prima quand’erano opposizione; quando rivendicavano la “sacralità del Parlamento” contro ogni emendamento bocciato (adesso invece si nega la possibilità stessa che vengano presentati), pronti ad occupare gli scranni di governo ad ogni sussulto. Adesso che invece ci sono stabilmente seduti sopra, va tutto benissimo così.
Del resto, il nuovo corso era già stato anticipato da Davide Casaleggio, il figlio del Guru investito di poteri assoluti per successione dinastica, che in una delle sue allucinazioni condivise preannunciava il superamento della democrazia rappresentativa come inevitabile. Infatti, sancita l’inutilità del Parlamento, i deputati (o per meglio dire i “portavoce del popolo”) avrebbero in un prossimo futuro risposto direttamente alla sua “Piattaforma Rousseau”, elevata a fonte del diritto e di ogni altra legittimazione costituzionale, contro i “baroni dell’intellighentia” (!) delegando la democrazia alla “Rete”, cioè a lui stesso ed alla sua società informatica. Una roba che manco nei peggiori incubi di Orwell..!
Be’… il futuro è adesso. E già si preannuncia uno schifo.

La Repubblica degli Onesti

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , , , , , on 16 novembre 2018 by Sendivogius

Com’era quella storia delle cinque stelle del MoVimento, tra cui spiccava in bella vista lo stellone dell’Ambiente?!? Ah, sì! Era una roba del tipo:

“Le liste a 5 Stelle seguono il valore del rispetto dell’ambiente in ogni sua forma, come bene unico e fondamentale per la vita. Anche per le generazioni future.”

Non per niente, l’Ambiente è un tema da sempre caro al M5S, che ne ha fatto uno dei punti salienti del proprio programma, in una selva di principi che si accavallano tra di loro con un groviglio di rizomi, schiantati come la Foresta degli Stradivari ad Asiago, non appena si è avuta la possibilità di metterli in pratica al netto delle chiacchiere.

«Il primo principio introdotto è quello della SEPARAZIONE della TUTELA predisposta in favore delle RISORSE NATURALI dalla tutela della SALUTE UMANA e della qualità della vita, rendendo giuridicamente rilevante qualsiasi pregiudizio recato alle risorse naturali, indipendentemente da un danno, o da un grave rischio diretto di danno, alla salute dell’uomo, in linea con la nuova formulazione europea del danno ambientale; troppe volte il danno alla salute è stato misconosciuto e non è stato riconosciuto il valore intrinseco e strumentale delle risorse e si è consentito di proseguire a danneggiare l’ambiente, la salute e le filiere produttive con la scusante che non è ancora dimostrato il danno alla salute umana (con frequenti dimostrazioni a distanza di molti anni, durante i quali si è perpetrato il danno ambientale e alla salute umana stessa).
[…] Il secondo principio è quello di INNALZARE gli STANDARD di TUTELA e non il contrario.
[…] Una maggiore chiarezza nella programmazione e nella realizzazione degli interventi eviterà che il made in Italy alimentare prodotto in aree di grande pregio del nostro Paese possa esser messo in pericolo da contaminazioni importanti e possa compromettere la fiducia del consumatore sia italiano che estero

 (Dal “Programma ambientale” del M5S)

 Sarà per questo che con un emendamento presentato dai parlamentari Flavio Di Muro (Lega) e Gianluca Rospi (M5S), ed inserito nell’Art.41 del cosidetto “Decreto Genova” (quello che l’esultante ministro Toninelli ha scritto col cuore), viene decuplicata la soglia prevista per la presenza di idrocarburi nello sversamento di fanghi industriali, da utilizzare come “fertilizzante” nei terreni agricoli, che potranno essere concimati con una massiccia irrorazione di benzodiossine, idrocarburi policlinici aromatici, Toluene, Selenio, Berillio, cadmio, diossina… Si tratta di preziosi ingredienti che col loro importante apporto proteico contribuiranno ad arricchire la nostra dieta, contribuendo a migliorare la nostra salute. Giusto per innalzare gli standard di tutela del consumatore sia italiano che estero, senza danneggiare l’ambiente e le filiere produttive. Non per niente, il vero problema sono le scie chimiche nei cieli psichedelici del grillismo militante! 

“Il suolo è un bene comune, è il principale patrimonio naturale su cui l’Italia e l’Europa possono fare affidamento per il proprio futuro. Non possiamo più permetterci di perdere terreno. Il suolo è un laboratorio biologico straordinariamente diversificato composto da una immensa quantità di organismi dalla cui attività dipendono la produzione di biomassa, la catena alimentare e la biodiversità terrestre. Tramite le proprie capacità fisiche di filtrazione, di tamponamento e di trasformazione, agisce come barriera alla propagazione delle sostanze inquinanti nelle risorse idriche mentre assorbendo grandi quantitativi delle acque piovane funge da regolatore dei flussi idrici superficiali e di controllo degli eventi alluvionali. Il suolo è una parte integrante e insostituibile del capitale naturale del pianeta Terra e svolge un ruolo strategico per il mantenimento dell’equilibro dell’intero ecosistema. Un suolo di buona qualità è in grado di esplicare correttamente le proprie funzioni ecologiche, economiche, sociali garantendo la fornitura di peculiari servizi ecosistemici, ovvero i benefici che l’uomo ottiene, direttamente o indirettamente, dagli ecosistemi e necessari al proprio sostentamento.”

Poi si sa, la strada dell’inferno è lastricata di buone intenzioni… Il Governo del Popolo non sapeva in quale modo smaltire i fanghi di depurazione (e sgravare le aziende che li producono da ogni onere), che tanto valeva rivenderli come concime e disseminarli nei campi, reimmettendoli nella catena alimentare con una bella spruzzata di pregiata eau de fogneSai quella storia sulla “qualità della vita”?!?

“Quella contro i fanghi di depurazione è una battaglia nella quale sono personalmente impegnato sin dai miei primi anni da attivista del M5S.”
Danilo Toninelli
(14/10/2018)

E pensa te cosa di peggio avrebbe potuto fare il Concentrato, se non si fosse interessato al problema per tempo…
Per fortuna (sua) adesso Danilo Toninelli è ministro (eppoi dicono che i miracoli non esistono) e siede stabilmente al governo di altrettanti miracolati. Con tutto l’acume che lo contraddistingue, scambia la merda per cioccolata e vuole pure convincerci di quanto è buona dopo averla assaggiata.

Che c’azzecca poi lo spandimento dei fanghi col “Decreto Genova”?!? Si tratta di una di quelle questioni che è meglio non indagare, se non ci si vuole avventurare nel mondo dissociato del bispensiero grulloide. Non contenti, per arruffianarsi le cosche elettorali di Giggino ‘O Sarracino (e tutelare al meglio gli interessi di famiglia), gli ensiferi riescono ad infilare sempre nel decreto, che per tutto è pensato tranne che per Genova, un incredibile maxi-condono per Ischia che prevede la ricostruzione delle case abusive a spese dello Stato, salvo essere condonate dopo la riedificazione. Il surrealismo applicato alle categorie del cialtrone in politica.
Non per niente al contrasto dell’abusivismo edilizio il programma ambientale del M5S dedicava un intero paragrafo, in un pippone di vibrante indignazione legalitaria:

«Dal primissimo abusivismo di “necessità”, quello di un paese povero che faticava a diventare moderno, siamo passati attraverso tre condoni di Stato a “premiare” chi ha infranto qualunque regola, distrutto il paesaggio, devastato il territorio e un settore economico, fino ad arrivare all’abuso di stato nel 2009 il governo Berlusconi annuncia infatti il “Piano Casa” con cui si possono aumentare i volumi degli edifici a prescindere da qualsiasi regola urbanistica. Secondo i più recenti dati Istat, la dimensione del fenomeno dell’abusivismo edilizio in Italia raggiunge, anche proprio grazie alle manovre legislative del condono edilizio, dimensioni che non hanno riscontro nelle altre economie avanzate: fino a 60 edifici su 100 in alcune regioni del Sud. La crisi delle costruzioni non ha in alcun modo fermato lo sviluppo dell’edilizia illegale, anzi, ne ha accresciuto il peso.
[…] L’aggiramento delle regole urbanistiche, sostanzialmente un’altra faccia del sommerso, raggiunge l’apice al Sud. Tanto che l’Istat si spinge fino a denunciare “una deriva pericolosa verso situazioni di sostanziale irrilevanza della pianificazione urbanistica”.
[…] L’abusivismo oltre ad una piaga per il territorio significa anche minore sicurezza per i cittadini ed economia in nero: l’abusivismo edilizio si incrocia con il ciclo del cemento illegale e con la malavita organizzata, ed è favorito dalla crisi economica. Le demolizioni, a differenza dei condoni edilizi, sono la più efficace forma di prevenzione e dissuasione del fenomeno

Poi per fortuna a ripristinare la legalità è arrivato il “Governo del cambiamento”, che più che altro sembra una brutta copia in camicia nera degli esecutivi democristiani di Mariano Rumor, ed ha il suo punto di forza sul matrimonio di interessi col più vecchio partito della politica italiana, che abbandonate le velleità secessioniste adesso ammicca apertamente ai nostalgici mussoliniani, dopo l’alleanza organica con gli amici sansepolcristi di Casa Pound.

Ma all’occorrenza può contare in Parlamento sulla benevola astensione di Forza Italia coi suoi ultimi papiminkia e l’appoggio supplementare dei Fascisti d’Italia intruppati dietro Giorgetta Meloni, la pancetta nera della Garbatella. Li chiamano “sovranisti” e sono l’ennesima porzione di nuovo che avanza.

Homepage

IO PRETENDO!

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , on 23 settembre 2018 by Sendivogius

Non si capisce bene perché gli 80 euri di Renzie erano una mancetta elettorale, mentre 800 euro distribuiti a pioggia ad una pletora di fancazzisti professionisti, non residenti inclusi, siano invece un fondamentale principio di civiltà e non la più grossa compravendita elettorale che si ricordi dai tempi della congiura di Catilina. Se poi mancano le coperture fiscali, se non ci sono i soldi, che problema c’è? Basta fabbricarli la notte, magari con la stampante 3D di Beppe Grillo; oppure invocare la moltiplicazione dei pani e dei pesci, aspettando il miracolo.
A ben vedere, Cetto La Qualunque è stato un precursore…

Pretendo che il ministro dell’Economia di un governo del cambiamento trovi i soldi per gli italiani che momentaneamente sono in grande difficoltà.”
Luigi Di Maio
(18/09/18)

In fondo si tratta solo di dieci miliardi, giusto l’importo di una manovra finanziaria. Che vuoi che siano mai?!? I ministri dell’economia che si sono succeduti negli ultimi 30 anni erano tutti coglioni. Pensa te! Sempre lì con quelle facce da funerale, a tirar di conto col pallottoliere, tagli su tagli, a far incazzare gli italiani, coi partiti politici impiccati all’albero del rigore, e perdendo milioni di voti, quando la soluzione era proprio dietro l’angolo, a portata di click.

Bastava “pretendere”. Perché se Giggino pretende, un “ministro serio” i soldi li trova. Anzi, ‘DEVE’ trovarli! E che ci vuole a mettere insieme un po’ di cucuzzoni, per comprarsi il voto degli Sdraiati?!? Cosa saranno poi mai dieci e passa miliardi?

“Facemo mille petecchioni, e contenti li sapienti e li minchioni!”

Ora, non sappiamo se il ministro Tria si sia armato di vanga e se ne vada in giro a scavare buche, insieme ai tecnici ed ai dirigenti del suo dicastero, sperando di trovare il Pozzo di San Patrizio, per una grande caccia organizzata al tesoro. Sennò Rocco Casalino li caccia via lui i “pezzi di merda” (giusto a proposito di equilibrio dei poteri e rispetto istituzionale). Poco importa se questi possiedono una laurea (vera) ed hanno superato un regolare concorso pubblico, al contrario del palestrato frocione venuto dal “Grande Fratello” (omen nomen).

Alludiamo al puparo della Casaleggio Associati inviato a controllare ed imboccare il pupazzo Conte: primo caso italiano di sockpuppet diventato premier (fantoccio) in un governo di portavoci.

Questo avviene quando Casalino non è troppo impegnato a lanciare messaggi di intimidazione para-mafiosa alla libera stampa. Intendiamoci: non c’è niente di fascista in tutto questo. Il fascismo storico i giornali non li chiuse mai del tutto; si “limitò” ad azzittirne le voci critiche, a censurarne gli articoli sgraditi, sequestrarne le copie, e devastare le tipografie. Quello che voleva era in realtà un coro ossequioso che declamasse all’unisono i peana di regime, intravedendo i vantaggi di un’orchestra allineata agli ukase di governo. Il M5S è oltre. Per la Setta digitale infatti non c’è spazio per i media: i giornali (tutti) devono sparire, preferibilmente entro il 2027 secondo le profezie dei Casaleggio. Bastano i meme sparsi in giro dagli AttiVisti (fate girare!) e le notizie filtrate dall’ufficio propaganda di una nota agenzia privata di Milano (no, non è la Stefani), per fare “informazione”… di regime.
Eppoi, se Giggino O’Sarracino pretende… allora pretendete pure voi. Non è forse sacra la volontà del popolo?!?
Io pretendo di avere diecimila euro al mese e starmene a casa a non fare un cazzo, invece di alzarmi alle 5,00 del mattino smazzandomi per una manciata di euro. In fondo, se un Rocco Casalino ne guadagna 170.000 all’anno per dire cazzate, non vedo perché non possano averne tutti.
Pretendo di trombarmi le più belle donne del pianeta. Mi sembra una richiesta legittima ed una giusta rivendicazione contro la discriminazione sessista.
Pretendo di rimanere sempre giovane e bello. Perché infatti uno dovrebbe accettare passivamente la tirannia del tempo che passa?
Pretendo che sia natale tutto l’anno. E dovete farmi il regalo. Lo pretendo!
Pretendo che il sole giri attorno alla Terra.
E non so… qualsiasi altra cosa mi passi per la testa… Io la PRETENDO!!!
Altrimenti l’è tutta una cospirazione della Ka$ta!!1!.
Un bambino viziato pretende. Batti i piedini. E strepita finché non ottiene per sfinimento ciò che sarebbe impossibile avere. Poi per fortuna si cresce, con l’eccezione di qualche egocentrico deficiente che crede davvero il mondo funzioni così e che tutto gli sia dovuto per grazia ricevuta.
A volte, la soluzione è rimanersene defilati, starsene dietro, aspettando pazientemente che il fiume faccia il suo corso…
Di solito certe attese non vanno mai deluse.

Homepage

Podestà di patria

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , , on 17 settembre 2018 by Sendivogius

Grande scandalo ha suscitato a Trieste l’iniziativa didattica (le scuole a volte lo fanno!) del Liceo Classico “Petrarca”, per ricordare gli 80 anni dalla promulgazione delle famigerate Leggi razziali in Italia, ad opera del regime fascista.
 Sai quella roba strana tipo “Cultura”… preservazione della memoria storica… che fa subito correre la mano alla pistola nel cinturone degli sceriffi nostrani, che scambiano il ruolo di sindaco con quello di podestà?!?
Al sindaco della città, Carlo Dipiazza, uno che in campagna elettorale protendeva il braccino gridando A Noi! (è goliardia) nei raduni di Forza Nuova, la locandina utilizzata per l’esposizione non piace; giacché deve per certo trattarsi della subdola provocazione di qualche sinistro radical-chic. La reputa “eccessiva”. Evidentemente contiene messaggi “troppo forti” e violenti, per la sua sensibilità democratica. Sì, in effetti, a ben vedere, l’immagine è di una violenza inaudita: tre ragazze, presumibilmente ebree, e il titolo de “Il Piccolo” di Trieste che in prima pagina annuncia enfaticamente la loro epurazione da tutte le scuole del Regno d’Italia: provvedimento necessario, in difesa della pura razza italica. Peraltro in copiosa compagnia…

Ogni volta che si ricorda loro di quali aberrazioni fu capace il ventennio mussoliniano, i fascisti si offendono. Trovano la cosa “divisiva”. Non in sintonia con il processo di piena riabilitazione del nazifascismo, peraltro ampiamente sdoganato nell’Italietta littoria del sovranismo nazionalpopulista: erede diretta del prodotto originale, rielaborato al passo coi tempi in versione 2.0.
Pare che il sindaco, e ancor di più la sua giunta di diversamente fascisti raggrumati nel “centrodestra” italiano, non abbiano gradito l’uso della dicitura “razzismo in cattedra”. La loro non è censura, bensì un atto responsabile per “evitare polemiche”. E non si capisce bene se il problema sia il razzismo in quanto tale, o il suo uso discriminatorio in funzione anti-semita. Oggi infatti il razzismo va di gran moda (e a manovrarlo bene porta pure un sacco di voti!) anche se lo si preferisce chiamare “difesa dell’identità”, che non è valorizzazione delle diversità nelle loro peculiarità ma reazione “contro”, nella continua costruzione di un Nemico (vero o presunto che sia), contro il quale coagulare i (ri)sentimenti comuni di microidentità deboli per una coesione che non c’è in un tessuto sociale frantumato. E Dipiazza è uno che i negri li prende per il bavero.
Allora, caro (e)Lettore, capisci bene che certe mostre non s’hanno da fare, con buona pace degli incauti studenti del Liceo Petrarca.

Homepage

La Ragnatela

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , on 10 settembre 2018 by Sendivogius

«La Lombardia è una regione intrappolata nella ragnatela leghista, una fitta rete di contatti e uomini di fiducia agli ordini di Salvini e Maroni. Una sorta di cupola che ricorda quella del PD romano che usa risorse pubbliche per finanziare il proprio sistema di potere. Ultimo caso in ordine di tempo scoperto dal M5S quello dell’ASST della Franciacorta (ex azienda ospedaliera di Chiari), che ha dato in affidamento diretto per 35 mila euro il lavoro di restyling del sito web dell’ospedale a Luca Morisi, lo spin doctor di Matteo Salvini. Ma non solo. La Direzione Generale ha deciso di assegnare alla società Se.Co.Ges. un appalto del valore di 71 mila 500 euro per la gestione del servizio di aggiornamento del manuale di gestione aziendale. Peccato che chi detiene il 68% della società sia l’ex sindaco leghista di Monte Isola Angelo Colosio, attualmente militante a Brescia, che secondo le intercettazioni telefoniche dell’inchiesta Smile sarebbe stato contattato per questioni di affari dall’ex presidente leghista della Commissione sanità al Pirellone Fabio Rizzi e dal suo stretto collaboratore Mario Longo, poi arrestati per tangenti nello “scandalo dentiere”. Il tutto con il benestare degli alti dirigenti dell’Asst: Mauro Borelli, direttore generale ed esponente di spicco della Lega Nord bresciana, famoso per inviare mail agli altri manager in quota Lega invitandoli a versare l’obolo nelle casse del Carroccio, Matteo Rinaldi,segretario della Lega Nord a Brescia, e Luigi Faccincani, militante leghista di Desenzano del Garda. Questo è il meccanismo di funzionamento del “sistema Lega” in Lombardia: piazzare “yes man” che possano, quando serve, aprire porte e stendere tappeti rossi. Iscritti al partito ma anche parenti e amici, basti pensare all’ex-compagna di Matteo Salvini che nel 2014 aveva ottenuto un posto all’assessorato al welfare della giunta regionale. Stessa impronta anche per le liste civiche collegate alla lega che di “civico” hanno evidentemente solo il nome. Daniela Maroni, consigliere regionale della lista civica Maroni Presidente, ha assunto a settembre 2013 nello staff della sua segreteria quella che sarebbe diventata la sua futura nuora, partendo da un contratto con categoria B1 da circa 22 mila euro lordi annui, passando per la successiva modifica in C4 nel 2015 da quasi 30 mila euro, per arrivare alla definitiva modifica in D6, un part time da oltre 30 mila euro annui. Un salto triplo di quasi 10 mila euro in due anni a fronte di una riduzione delle ore di lavoro. Inoltre nell’ultima commissione Attività Produttive è passato un provvedimento riguardante l’ammodernamento della rete di distribuzione dei carburanti che ha come relatrice proprio Daniela Maroni, gestore di una pompa di benzina ad Alzano Lombardo. Il M5S vuole smantellare questo sistema marcio che sta infettando le istituzioni in Lombardia e che brucia i soldi dei lombardi. Noi siamo gli occhi dei cittadini nelle istituzioni, perché ogni “favore” ad un amico è un opportunità in meno per un cittadino onesto. Da quando siamo stati eletti combattiamo per fermare il propagarsi della ragnatela leghista, e anche in questo caso presenteremo un’interrogazione che chiede di far luce sulle sconsiderate assegnazioni di appalti nell’ASST della Franciacorta. Il vento è cambiato. Prima facevano i comodi loro, ora c’è una forza politica che fa realmente opposizione ed è pronta a governare per tutelare solo gli interessi dei cittadini, premiando il merito e la competenza, non il colore della tessera di partito

 29/06/2016. Stefano Buffagni Portavoce Regionale del M5S Lombardia
(Smantelliamo il “sistema Lega” che brucia i soldi dei cittadini)


Ancora nel 2018, nel suo curriculum pubblicato sulla Piattaforma Rousseau, Buffagni dichiara con orgoglio:

“Ho scoperchiato diverse malefatte, come gli sprechi in Ferrovie Nord Milano, in FinLombarda, Pedemontana.
Senza dimenticare le denunce sugli appalti presi dallo spin-doctor di Salvini, che mi sono valsi una querela dallo stesso Salvini e dalla Lega di cui vado fiero.
Per me è una medaglia: non ci facciamo di certo spaventare davanti alle irregolarità!”

Poi però il cittadino-portavoce-consigliere Stefano Buffagni è diventato sottosegretario per il Ministero degli Affari regionali, presieduto dalla leghista Erika Stefani, e con ogni evidenza ha cambiato idea.

Homepage

CORSI & RICICLI

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , on 6 settembre 2018 by Sendivogius

“…Non ho commesso reati, non ho genitori indagati per fatture false, non ho fatto crollare ponti…”
Dino Giarrusso
(06/09/2018)

Come il 92% di tutti gli altri italiani, che non per questo vengono prontamente riciclati con un posto (e relativo stipendio) da dirigente pubblico al Ministero dell’Università, Istruzione e Ricerca, una volta rimasti disoccupati, solo perché andavano dicendo stronzate ‘social’ in tivvù.
D’altra parte, lo spacciatore professionista di bufale anti-scientifiche è un perfetto testimonial del nuovo bispensiero nazi-populista. Dopo una sottosegretaria alla Cultura che si vanta di non leggere un libro da tre anni, il cisposo Giarrusso ci sta come la quadratura del cerchio. E se a prendere per il culo l’iper-trombato cacciaballe fallito di bubbole mediatiche che non hanno altro merito se non quello di essere ‘virali’, ci si mette pure il Fatto Quotidiano (giornalino di certo non ostile al nuovo corso), allora vuol dire che la situazione è grave ma non è seria.

Homepage

MACERIE

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , on 20 agosto 2018 by Sendivogius

Se la metafora non fosse troppo irriguardosa, ci sarebbe da dire che sotto le macerie del Ponte Morandi c’è finito l’intero centrosinistra italiano monopolizzato dalla nefanda parentesi piddina e dalla sua fallimentare dirigenza di gggiovani invecchiati malissimo: pusillanimi, omertosi, inerti; in fuga permanente dalla realtà, lontani anni luce da quel “popolo” che ormai non aspirano più non solo a rappresentare, ma nemmeno ad interpretare. Ridotti come sono ad ectoplasmi, che parlano solo via facebook e twitter, dove innestano polemiche sterili per galvanizzare gli ultimi feticisti del partito, venendo peraltro sistematicamente massacrati sul posto, non sapendo padroneggiare nemmeno i rudimenti di base della comunicazione ‘social’, a tal punto da finirci loro sul banco degli imputati, dopo una difesa parossistica dell’inalienabile diritto (privato) dei concessionari autostradali, come libertà fondamentale dello Stato di diritto, nel principio di non colpevolezza. Che è come dire che se uno fa una strage, ammazzando (colposamente) 42 persone davanti a centinaia di testimoni, perché magari si è dimenticato di chiudere il gas mentre fumava seduto su una dozzina di bombole aperte, è innocente fino sentenza di condanna definitiva passata in giudicato. E fino ad allora non può essergli ascritta alcuna responsabilità. Quando le grandi battaglia di civiltà del “partito democratico” sono ridotte alla difesa del deposito in conto titoli degli azionisti di Atlantia (perché questa è la percezione che si è avuta), la stessa società che ancora dopo 24h dalla strage si preoccupava di rassicurare gli investitori, senza spendere una parola per le vittime, allora il disprezzo è conseguenza naturale e si capisce pure perché i resti di un partito putribondo siano invisi alla quasi totalità del paese.

“PONTI D’ORO”
di Alessandra Daniele
(19/08/2018)

 «La specie umana ha fatto anche cose buone. Lo dirà probabilmente chi verrà dopo di noi sulla terra, alieni, intelligenze artificiali, batteri evoluti. Non lo diranno delle opere d’arte delle quali siamo più fieri, affreschi, poemi, sinfonie che per loro avrebbero poco significato. Lo diranno delle infrastrutture che potranno essergli utili, ponti, strade, acquedotti.
Saranno però ponti, strade e acquedotti costruiti dall’Impero Romano, perché quelli della nostra era non solo non ci sopravviveranno, ma probabilmente ci uccideranno, crollandoci addosso.
Come il ponte Morandi di Genova, mal costruito fin dall’inizio, sottoposto da decenni a un traffico quattro volte superiore al previsto, e abbandonato a una manutenzione palesemente insufficiente. La prevenzione non è un’attività redditizia. Neanche la progettata variante della Gronda, che sarebbe pronta solo nel 2029, avrebbe evitato il crollo, a meno di fantascientifici effetti retroattivi. Chi oggi lo afferma è un cazzaro, o un renziano, cioè un cazzaro.
Se un ponte autostradale si sbriciola facendo una strage, la revoca delle concessioni alla Società Autostrade, e ai magliari a cui è stata regalata dall’Ulivo, è atto dovuto innanzitutto in base al principio di precauzione, il fatto è così intuitivo da essere stato intuito persino da Toninelli.
Non dalla stampa mainstream però, schierata compatta in difesa dei Benetton e dei loro affari d’oro, e più in lutto per il crollo in borsa del titolo Atlantia, che per quello del ponte.
Il fatto che il cosiddetto centrosinistra, invece di pretendere giustizia per le vittime, difenda a spada tratta su giornali e social i monopolisti miliardari che avevano assicurato che quel ponte sarebbe durato cent’anni, spiega perfettamente perché gli elettori italiani abbiano preferito votare letteralmente ‘chiunque altro’.
Se abbiamo un ministro dell’Interno che si fa i selfie coi fans ai funerali di Stato, è perché abbiamo un PD che, mentre ancora si estraevano cadaveri dalle macerie, chiedeva un’inchiesta alla Consob per tutelare gli interessi degli azionisti di Atlantia.
Il Movimento 5 Stelle ha fatto anche cose buone. Opporsi alle Grandi Opere dei pupi e dei pupari, e alle cementificazioni idrosolubili è una. La nazionalizzazione delle infrastrutture, di cui parla adesso un Di Maio insolitamente condivisibile, potrebbe essere un’altra, se non fosse soltanto l’ennesima promessa irrealizzabile, l’ennesima arma di distrazione di massa. La procedura è partita, vedremo dove arriverà.
E vedremo se anche lo Stato continuerà ad amministrare secondo le stesse logiche capitalistiche omicide dei privati.
Intanto Genova è spezzata a metà da una nuova zona rossa. I monconi del ponte zombie incombono sui palazzi e sui capannoni sottostanti, evacuati d’urgenza. Più di 600 sfollati, mentre le macerie ancora intasano il greto del torrente, minacciando di farlo esondare alle prossime piogge. E in Italia ci sono ancora centinaia di strutture sottoposte allo stesso rischio di crollo. In un paese che cade a pezzi, l’emergenza non è mai finita

Homepage