Archivio per maggio, 2021

THE MANGLER

Posted in Business is Business, Masters of Universe with tags , , , , , , , , , , on 27 maggio 2021 by Sendivogius

I Signori di Confindustria se li chiami “padroni” si offendono.
A lor signorie piace infatti immaginarsi come benefattori, per l’incommensurabile privilegio di poter lavorare per loro con stipendi al massimo ribasso e garanzie inesistenti, sfruttando lo stato di necessità dietro la minaccia della miseria, prima di essere buttati via una volta spremuti a dovere.
Loro ovviamente la chiamano “opportunità di mercato”, su contenimento dei costi.

«Il blocco dei licenziamenti va rivisto, perché non va bene lasciare in cig ad oltranza persone che potrebbero essere ricollocate, ora che la manifattura sta ripartendo. […] Non ha senso bloccare queste persone in aziende che non hanno futuro: è meglio che vengano ricollocate sul mercato


 È la signora Laura Dalla Vecchia che vi parla. La presidente degli industriali di Vicenza, in attesa dell’Autunno che verrà, ci regala l’ennesimo saggio di darwinismo sociale estremo e di cinismo padronale, con l’algida naturalezza di chi reputa la cosa normalissima, quando si è di casa nei buffet dove le brioches non mancano mai, mentre ci sorridono incorniciate nel tailleur d’ordinanza.

E insomma, a chi tocca non s’ingrugna!

«C’è un sacco di brava gente che avrebbe voglia di rimettersi in pista, ma se hai un curriculum inadeguato è difficile. Avevamo già chiesto al precedente governo di potenziare l’alternanza scuola-lavoro: serve a far capire ai giovani che tipo di offerta c’è nel territorio. I lavori legati alla manifattura ti danno soddisfazione, garanzia di salario, permettono di vivere con dignità

Luana D’Orazio, morta a 22 anni, risucchiata in un orditoio tessile, mentre lavorava per 980 euro mensili (lordi!).

“I lavori legati alla manifattura ti danno soddisfazione, garanzia di salario, permettono di vivere con dignità.”

E segnatevele ‘ste parole!

Homepage

TRANSIZIONI

Posted in Masters of Universe, Muro del Pianto with tags , , , , , , , , , , , , on 22 maggio 2021 by Sendivogius

Fortissimamente voluto dalla Setta del Grillo come conditio sine qua non, per il varo del Governo Draghi e soprattutto per fornire una ragion d’essere ai gonzi che ancora ci credono, onde giustificare la partecipazione al governo più anti-grillino dalla creazione del sedicente MoVimento, nell’ingenuità fanciullesca del grulloide medio, il nuovo ministero della Transizione Ecologica” avrebbe dovuto essere una sorta di super-dicastero dell’Ambiente elevato all’ennesima potenza, per dare una qualche polpa ai fumosi cinque punti del non-programma (appunto, mai nome fu più azzeccato).
A scanso di equivoci è stato subito affidato ad un uomo di Finmeccanica (nonché gradito ospite delle convention renziane), un misconosciuto fisico col pallino del “digitale sostenibile”, qualunque cosa voglia dire. E tanto è bastato per scatenare i facili entusiasmi dei bimbiminkia pentastellati, tale è la dabbenaggine dei babbei a cinque stelle; salvo scoprire che affidare la salvaguardia dell’Ambiente a Roberto Cingolani è stato come rimettere ad Attila la difesa dei diritti umani.

Fedele al suo nuovo mandato, il neo-ministro Roberto Cingolani ha subito interpretato la tutela del territorio e del mare in chiave mostruosamente ecologista…
Sì al passaggio delle “grandi navi”, attraverso il Canale della Giudecca, a Venezia…

Sì alle trivellazioni nel Mar Adriatico, con l’apertura sottomarina di ben 11 pozzi per l’estrazione di idrocarburi, tanto per cominciare, e l’esplorazione di un’altra ventina di giacimenti da perforare…
Ovviamente, il prof. Cingolani auspica il ritorno quanto mai prossimo al nucleare…. Infatti, sua è pure l’ideona dell’introduzione di mini reattori a fissione nucleare, perché il professore verde (petrolio) è molto preoccupato per lo smaltimento della plastica, ma assai meno delle scorie radioattive.
Né dubitiamo si applicherà in tal senso, vista la propensione a decidere in splendida solitudine, dal momento che i suoi principali referenti sembrano essere soprattutto Leonardo, ENI e Saipem. E solo a quelli si sente di dover dare conto.
Evidentemente, vista la natura delle sue decisioni, il ministro dell’ambiente non ravvisa l’impatto ambientale.
Al contrario, al professore-ministro non piacciano le auto elettriche; molto meglio i veicoli ad idrogeno, purché sia “verde” è ovvio!

“Fra dieci anni avremo l’idrogeno verde e le automobili che andranno a celle a combustibile. Le batterie le avremo superate, perché hanno un problema di dismissione, e staremo investendo sulla fusione nucleare, che ora sta muovendo i primi passi nei laboratori.”

E chi lo dovrebbe produrre l’idrogeno verde, che ovviamente in natura non esiste?
Ma naturalmente ENI, che infatti ha subito fiutato (o imboccato) l’affarone, che sulla carta vale più di 3 miliardi di sussidi pubblici a fondo perduto, visto che:

“utilizzare combustibile fossile per trasformarlo in idrogeno, e sotterrare la CO2 prodotta, richiede una enorme quantità di energia. Il vantaggio per l’industria però è un altro. Per spremere dai giacimenti fino all’ultima goccia di petrolio, oggi si iniettano liquidi e vari gas (per aumentare la pressione); domani si potrebbe spingere dentro solo la CO2 prodotta facendo idrogeno. Problema: l’anidride carbonica una volta sotterrata diventa liquida, e poiché parliamo di volumi potenzialmente enormi, secondo il CNR occorre valutare attentamente il rischio sismico, che in Italia è quello che è.”
(fonte)

Peraltro, niente esclude che il gas serra imbottigliato nei giacimenti sotterranei esausti, con l’immissione di sostanze altamente inquinanti, pompate direttamente nell’ambiente terrestre e marino, non finisca per essere di nuovo disperso in natura a causa di eventuali sconvolgimenti sismici e geologici.
Ma vuoi mettere la straordinaria opportunità di liberarsi delle emissioni di biossido di carbonio dei propri stabilimenti industriali, interrandole nei pozzi petroliferi oramai spremuti ed inutili, ed essere pure pagati per farlo?!?
Insomma, credevate davvero che la mitica UE sganciava sull’unghia quasi 24 miliardi di euro perché davvero interessata alle “energie rinnovabili”… la “mobilità sostenibile”… ed altre stronzatine buone per intortare qualche citrullo in transizione ecologica?!?
Timeo Danaos et dona ferentes!

Homepage

Il Generale va veloce

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , on 11 maggio 2021 by Sendivogius

Domandina retorica, giusto a proposito di vaccinazioni…
Ma non dovrebbero essere riconosciuti specialisti in materia, virologi, infettivologi, immunologi… che pure abbondano in tivvù, gli unici delegati a decidere in esclusiva sulla posologia, tempistiche, somministrazione dei farmaci, e massimamente sul corretto utilizzo dei vaccini, previa una rigorosa valutazione clinico-scientifica?!?
Oppure la decisione spetta ad un generale dell’intendenza militare che parla come Chuck Norris in “Rombo di tuono”, ma pare il colonnello Buttiglione alle grandi manovre; senza alcuna competenza specifica in ambito biofarmaceutico, o anche solo medico, e seri problemi con la sintassi italiana, che però decide come, quando, e cosa iniettare, perché lui va veloce e deve rispettare i target che si è imposto a scadenza?
E se il generale deve fare presto, pensando forse di partecipare ad una gara a chi fa più buchi, tanto vale iniettarsi piscio di gatto, pur di rientrare nei tempi che Tapis-Roulant si è dato nella sua personalissima tabella di marcia, mentre annuncia l’arrivo fantastico di miliardi di dosi, sparando numeri a cazzo, e impartisce ordini ad un Comitato tecnico-scientifico, allineato e coperto, che al contrario dovrebbe dare istruzioni al generale e non viceversa. E che magari dovrebbe pure ricordare al generale in eccesso di zelo (e di ego), che il suo compito è occuparsi di logistica e distribuzione delle forniture, non decidere quale vaccino inoculare, tempi del richiamo, e dosaggi da praticare. Questo se non si vuole affidare il bisturi al primo che passa, piuttosto che ad un chirurgo, per essere operati. O se basti la divisa per fare l’esperto.
Perché i vaccini, come le guerre, dovrebbero essere una cosa troppo seria da lasciar gestire ai generali. 

Homepage

Di Padre in Figlio

Posted in Stupor Mundi with tags , , , , , , , , , , on 10 maggio 2021 by Sendivogius

 In uno di quei fondamentali editoriali che certo non faranno la storia del giornalismo, Mattia Feltri, figlio del più famoso Littorio, si è sentito in dovere di annunciare al popolo la sua entusiastica adesione al pacco referendario targato Lega-Radicali; almeno prima che l’ispirato articolo scomparisse dalle prime pagine dell’HuffingtonPost, dove pure faceva bella vista di sé.
Non meravigliatevi invece del connubio radical-leghista: sono due populismi speculari e complementari; anche se su scala ridotta nel caso degli orfanelli pannelliani, sempre buoni per tutte le copule possibili.
Ovviamente noi non entreremo nel merito delle scelte personali, ancorché pubbliche, del figliol prodigo. E poco importa se l’auspicata “riforma” della Giustizia (in funzione anti-magistratura), previo referendum, ricalca in tutto e per tutto il famigerato Piano di Rinascita della loggia eversiva Propaganda 2. Ognuno si accompagna a chi meglio lo rappresenta.
Più che altro, ci diverte molto come il puntuto Mattia Feltri, per motivare il suo sostegno incondizionato alla nobile iniziativa, non trovi niente di meglio che prendere di petto estensivamente la magistratura in blocco, presumibilmente “politicizzata”, naturalmente di sinistra (Feltri non lo dice, ma lo lascia intendere e poco ci manca che non parli di “toghe rosse”), portatrice castale di un’abnorme indipendenza (è un problema!), dove “la politica, specialmente a sinistra, continua a reputarsi un potere minore e si comporta da tale”.
Dalle parti della destra di potere e di sottogoverno prevale infatti il distaccato aplomb istituzionale del civil servant al di sopra di ogni interesse di parte.
Ovviamente, il Feltri figlio non coglie assolutamente la contraddizione di quanto va scrivendo, quando invoca una magistratura finalmente indipendente, come secondo lui avviene “in qualsiasi paese democratico occidentale dove, in forme più o meno attenuate, le procure sottostanno alla vigilanza della politica”.
E lo fa, mentre rivendica il primato della politica, e dunque dei partiti, da cui se ne evince implicitamente che la magistratura debba esserne eterodiretta e controllata. Ma lui la chiama “indipendenza”.
Politica ovviamente depurata da ogni contaminazione di sinistra ispirazione, dove prevarrebbe (secondo l’incontrovertibile opinione del liberalissimo Feltri):

“l’abitudine sovietica di cancellare il dissidente, di escluderlo dal panorama, di togliergli il diritto di cittadinanza (pensate alla meraviglia di Luca Paladini dei Sentinelli, che non ha voluto nei suoi canali social il video in sostegno alla legge Zan di Alessandra Mussolini, perché non si accetta solidarietà dai fascisti; dunque se dici qualcosa contro la legge Zan sei fascista, ma se sei fascista non puoi dire qualcosa a favore della legge Zan, e mi sembra un approccio di perfezione fascista).”

Evidentemente, Feltri (Mattia), perché buon sangue non mente, deve aver scambiato l’annacquata melassa democristiana che si fa chiamare “centrosinistra”, per il Consiglio Supremo dei Soviet, ed il mite Letta per una sorta di reincarnazione di Lenin, vista l’inquietante somiglianza fisica!
Ma il pezzo migliore del suo sgangheratissimo editoriale, Feltri Mattia (o era Littorio?) lo riserva contro Luca Paladini, leader informale dei “Sentinelli” di Milano. E non si capisce cosa c’entri, a parte la gratuità astiosa dell’attacco.
Paladini è infatti reo di non aver ospitato il contributo di Alessandra Mussolini sul suo sito, non conformandosi alla solidarietà pelosa degli stessi fascisti, dai ranghi dei quali provengono quelli che i froci li brucerebbero nei forni.
Spiace ricordare a Mattia Feltri, che sul proprio canale social uno è liberissimo di ospitare i contributi di chi più gli aggrada. Questo perché i giornali non sono cassette delle lettere dove ognuno imbuca quello che gli pare; figuriamoci dunque un blog privato.
Feltri figlio questo dovrebbe saperlo bene, visto che a suo tempo censurò senza mezze misure l’intervento di Laura Boldrini (amatissima da quella destra liberale alla quale Feltri strizza l’occhio), che si era permessa di criticare il disgustoso sessismo del Feltri padre, scambiando la testata editoriale che dirige come una sua proprietà personale da gestire come più gli pare. Ma guai a chiamarla censura!
Feltri Mattia di papà non parla; meno che mai si vuole pronunciare “sulle accuse di sessismo e altre fantasie”. Tanto meno permette di farlo ad altri sul ‘suo’ giornale:

in trentadue anni che faccio questo mestiere ho visto quotidianamente e più volte al giorno direttori buttare via articoli per mille motivi, di opportunità, di linea politica, di convenienza, di gusto, talvolta le scelte sono illustrate, altre liquidate alzando un sopracciglio, ed è la normalità eterna della stampa.”

Evidentemente, gli sfugge [QUI] ciò che normale invece non è… Però Luca Paladini doveva pubblicare l’irrinunciabile contributo della orgogliosamente fascista Alessandra Mussolini, perché in caso contrario il fascista è lui, nella perfezione dell’approccio che lo contraddistingue come tale.
Va da sé che il problema sono i “Sentinelli”, se l’Italia qualche problemino con l’omofobia ce l’ha: la causa non è il fascismo eterno degli italiani, ma degli antifascisti che vi si oppongono. Come per la magistratura, la riforma non si fa perché la sinistra non vuole. E non se ne può discutere. O meglio, non si può contestare il Feltri pensiero, che ha il dono dell’infallibilità e l’allergia alla critica, chiuso ad ogni obiezione, come ogni sincero democratico sa e pratica, mentre si contorce in arzigogolati sofismi, nel tentativo di riciclarsi da destra come direttore-padrone di un finto giornalino progressista, promuovendo temi cari a certo concentrato reazionario di ispirazione più o meno “fascista”. L’approccio perfetto.

Homepage

(146) Cazzata o Stronzata?

Posted in Zì Baldone with tags , , , , on 2 maggio 2021 by Sendivogius

Classifica APRILE 2021”

Nella mischia indecente di ributtanti cialtroni alla ribalta, questo mese un posto di prim’ordine nella collina del disonore, certamente se l’è guadagnato il Beppone nazionale col suo sgangheratissimo monologo, a difesa del figliol prodigo inquisito per stupro di gruppo. Semplicemente ripugnante assistere ai rutti di questo vecchio energumeno dai capelli cotonati, ex comico fallito in piena crisi isterica, mentre si spende in un delirante esercizio di masturbazione on line, nel solco del più bieco familismo amorale e intimidazione paramafiosa, secondo i più classici cliché del sottosviluppo italico: “tengo famiglia” e l’immarcescibile “lei non sa chi sono io”.
È curioso (e schifoso) che il fondatore nonché padre-padrone del movimento più forcaiolo d’Italia, dove tutti sono colpevoli fino a prova contraria nel fine processo mai, e sciacallato su ogni indagine giudiziaria possibile, intervenga in fase di istruttoria con un allucinante video dove muove insinuazioni e assolve per direttissima il rampollo di famiglia, che non sa tenere a freno il pisello nelle mutande e che in fondo si stava solo divertendo con gli amici.
Più imbarazzanti che imbarazzate sono poi le reazioni dei suoi pupazzi animati, parcheggiati in Parlamento: tardive, reticenti, ambigue… Dall’Onestà all’omertà, il passo è stato più breve del previsto.
E dopo la farsa tragica di un uomo ridicolo, continuano invece le declamazioni dell’ormai mitico generale Figliuolo che ormai c’ha preso gusto con le interviste, mentre annuncia l’arrivo di decine di milioni di vaccini a giorni alterni, in un sovrapporsi di cifre, numeri, calcoli, in contraddizione tra loro. E il buon Figliolo generale Tapis-Roulant, mentre corre e s’agita restando sempre fermo, ma facendo tanta ammuina per simulare un incontenibile dinamismo, ricorda quegli imbonitori all’incanto mentre alzano il prezzo dell’asta: 10.000! 100.000! chi offre di più?
Almeno ci rubano un sorriso di tenerezza.

Hit Parade del mese:

01. QUATTRO STUPRATORI PER UN COGLIONE

[18 Apr.] « C’è il video, passaggio per passaggio, si vede che è consenziente, si vede che c’è il gruppo che ride, che sono ragazzi di 19 anni che si stanno divertendo, che sono in mutande, che sono in mutande e saltellano col pisello di fuori così perché sono quattro coglioni, non quattro stupratori!»
(Beppe Grillo, il Capobanda)

02. CORE DE MAMMA

[19 Apr.] «Ciò che prova Beppe a livello umano posso solo immaginarlo, e da mamma gli sono vicina. La Magistratura è al lavoro, perciò auspico che giornali e talk show lascino che questa vicenda si risolva, come giusto che sia, in tribunale. Serve rispetto: no a speculazioni da sciacalli.»
(Paola Taverna, la Mamma)

03. RINASCERÒ

[13 Apr.] «Stiamo lavorando a un’estate da boom economico, da anni ’50, un’estate post bellica. Che sia l’inizio di un Rinascimento non solo economico, ma anche sociale e mentale.»
(Matteo Salvini, post-bellico)

04. AMICI SUOI

[01 Apr.] «Questa, con Viktor (Orban) e Mateusz (Morawiecki), rimarrà una giornata storica. Contiamo di rappresentare un’Europa bella, giovane, solidale, accogliente, laboriosa, felice!»
(Matteo Salvini, L’Amico degli amici)

05. FACIMM AMMUINA (I)

[14 Apr.] «Nei prossimi tre mesi arriveranno quasi sette milioni di dosi di vaccino.»
(Francesco Paolo Figliuolo, tapis-roulant)

06. FACIMM AMMUINA (II)

[21 Apr.] «Nel trimestre che va da aprile a giugno avremo 45 milioni di dosi, vuol dire 15 milioni al mese.»
(Francesco Paolo Figliuolo, il Moltiplicatore)

07. FACIMM AMMUINA (III)

[22 Apr.] «Dal 27 al 29 aprile arriveranno a livello nazionale oltre due milioni e mezzo di dosi e poi dal 30 aprile fino al 4-5 maggio quasi 2,6 milioni di dosi. Per maggio sono molto, molto positivo perché le stime mi danno oltre 15 milioni.»
(Francesco Paolo Figliuolo, il Ragioniere)

08. FACIMM AMMUINA (IV)

[22 Apr.] «Saranno circa 15 milioni le dosi di vaccino anti-Covid che verranno consegnate in Italia nel mese di maggio. Quasi il doppio di aprile, quando le dosi ricevute saranno in totale circa 8 milioni.»
(Francesco Paolo Figliuolo, il Pallottoliere)

09. FACIMM AMMUINA (V)

[26 Apr.] «A maggio arriveranno altri 15-17 milioni di vaccini anti-covid.»
(Francesco Paolo Figliuolo, il Contabile)

10. FACIMM AMMUINA (VI)

[29 Apr.] «Tra il 27 di aprile e il 5 di maggio arriveranno in Italia 5 milioni di dosi di vaccino.»
(Francesco Paolo Figliulo, il Distributore)

Homepage