(144) Cazzata o Stronzata?

Classifica FEBBRAIO 2021″

Era difficile. Ma nessuna missione sembra abbastanza impossibile dalle parti del partito bestemmia malato di governismo cronico ad oltranza. Quando il fondo sembra ormai inesorabilmente raggiunto, il PD comincia a scavarsi la fossa per sprofondare ancora più in basso.
Dopo essersi legato mani e piedi al governo del Conte-bis per precipitare come un’ancora alla fonda, eccolo impiccarsi al Governo Draghi con un triplo salto carpiato ed avvitamento a destra. Consumata miseramente la copula infausta con l’Avvocato del popolo nella stasi comatosa del suo non-essere, per scongiurare l’opzione dello spauracchio sovranista ed arginare l’ascesa di un Matteo Salvini, eccolo dunque al governo col Salvini medesimo (che del nuovo esecutivo è pilastro portante ed azionista di maggioranza) con tutta la Destra al seguito in ogni sua declinazione (a parte, per ora, i Fascisti d’Italia della sora Meloni), condannato all’irrilevanza più totale della sua inconsistenza. Non c’è limite allo sputtanamento.

E che dire della Setta del Grullo?!

Il M5S non si alleerà né con l’IDV, né con nessun altro. Il M5S vuole sostituire il Sistema dei partiti con la democrazia diretta. In sostanza vuole la fine dei partiti basati sulla delega in bianco.
[…] La decisione di rimanere nell’euro spetta ai cittadini italiani attraverso un referendum, questa è la mia posizione. Io ritengo che l’Italia non possa permettersi l’euro, ma devono essere gli italiani a deciderlo e non un gruppo di oligarchi.
  Beppe Grillo
  (06/11/2012)

In una manciata di pochi anni, il sedicente MoVimento si è alleato praticamente con chiunque (Destra o Sinistra sono assolutamente irrilevanti ai fini del potere fine a se stesso), senza distinzione alcuna, pur di poter garantire un posto al sole con una rendita sicura alla banda di scappati di casa, che ha trovato nella politica per professione la migliore e più lucrosa alternativa al divano di casa. Quantomeno, l’operazione permetterà a talenti incompresi come Giggino Di Maio di continuare a giocare al Ministro degli Esteri, collezionando ministeri come patacche da appuntarsi al bavero della giacca (e figure di merda a buffo per il resto del Paese), fino all’abbraccio con colui che consideravano l’emblema di quelle “oligarchie eurocratiche” contro le quali anteporre il ritorno alla nota età dell’oro della liretta nazionale.
Fedeli alla “democrazia diretta”, ridotta ad una farsa a colpi di clic sulla piattaforma on line del padrone, da partito compiutamente leninista falcidiano il dissenso interno a colpi di purghe, salvo ritrovarsi minoranza in parlamento. Geniali!

Sarà un governo di eccellenza, dove la Lega la farà da padrona, ed il buon Salvini si prepara ad essere esattamente ciò che Renzi in miscela arabica è stato per il Governo Conte, in sostituzione dei due Mattei intercambiabili, mentre tutti i dicasteri economici dove circolano i saldi resteranno saldamente nelle mani di un’elite finanziaria, funzionale ai desideri di Confindustria, e tutto il resto verrà lasciato al pollaio di politicastri da strapazzo a contendersi le briciole e spartirsi le poltrone con nugoli di analfabeti che scambiano Topolino con Dante e orfani dei complotti più assurti convertiti alla sobrietà della nuova parentesi tecnocratica.
Auguri vivissimi!

Hit Parade del mese:

01. MODELLO GIUDITTA!

[08 Feb.] «Proporremo a Draghi il modello Bertolaso.»
  (Matteo Salvini, lo Statista sovrano)

02. LA COERENZA DEI GRULLI DEMENTI

[02 Feb.] «Il MoVimento già durante le consultazioni aveva rappresentato che l’unico governo possibile sarebbe stato un governo politico. Pertanto non voterà per la nascita di un governo tecnico presieduto da Mario Draghi»
  (Vito Crimi, il facente veci)

03. PORTE APERTE

[12 Feb.] «Un governo di salute pubblica, di unità nazionale di cui faccia parte anche Salvini? Lo escludo totalmente, anche se venisse Superman!»
  (Andrea Orlando, intelligenza piddina)

04. COMPLEMENTARI

[11 Feb.] «PD e Lega restano due forze alternative, qualsiasi cosa accada»
  (Nicola Zingaretti, il Nulla)

05. COMINCIAMO BENE

[17 Feb.] «In questo momento due milioni e 2.074 sono ricoverati in terapia intensiva.»
  (Mario Draghi, Salvator Mundi)

06. LA LUCE CHE CI CONDUCE (I)

[17 Feb.] «Ci chiedono perché non chiediamo più il MES. Non lo facciamo perché il nostro MES è lei, presidente Draghi!»
  (Davide Faraone, Infornato)

07. LA LUCE CHE CI CONDUCE (II)

[17 Feb.] «Presidente Draghi, lei deve essere il sacerdote del Next Generation Eu. Noi saremo i custodi del culto. Lei sarà il sacerdote, noi saremo i custodi del culto.»
  (Anna Maria Bernini, la Vestale)

08. “M”

[23 Feb.] «Nella firma del premier, anche sulle banconote, si nota una “M” particolarmente accentuata. Quella ‘M’ di Draghi nella firma è un segno di forza interiore e di intelligenza. In quello che scrive si nota una persona che ha come tratto distintivo il non farsi sommergere dal ruolo che ha, che è un tratto tipico dell’educazione gesuita.»
  (Gabriele Albertini, il Calligrafo)

09. SENZA FRETTA

[17 Feb.] «Vaccini? Per gli over 80 non c’è da avere fretta.»
  (Letizia Moratti, la Risolutrice)

10. MERITOCRAZIA

[11 Feb.] «Avete massacrato Danilo Toninelli, uno dei migliori ministri della storia d’Italia!»
  (Gaetano Pedullà, scopritore di talenti)

Homepage

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: