BlacKkKlansman

In seguito all’ennesimo omicidio legalizzato a sfondo razziale, Twetty Trump invoca legge e ordine dal suo social preferito, chiede l’intervento della Guardia Nazionale con l’istituzione del coprifuoco, e minaccia di schierare l’Esercito con l’ordine di sparare a vista, riproponendo un copione di successo, già visto nella Lunga calda Estate del 1967. Perché gli USA sono un modello di democrazia da esportazione, sempre in anticipo sui tempi futuri…

Il vero problema è che a questi negri proprio non riesce di crepare in silenzio, senza tanti clamori, come avveniva invece ai bei vecchi tempi andati, quando l’America era ancora grande e il negraccio scostumato finiva appeso ad una corda per un nonnulla; quindi ci si metteva tutti insieme sorridenti in posa per la foto ricordo, ad immortalare il simpatico evento da riproporre quanto prima.Fortunatamente, Mr President, con rara lucidità, ha subito capito quale sia la causa delle rivolte che stanno esplodendo un po’ ovunque nelle città degli Stati Uniti…
Non il razzismo endemico come biografia e retaggio culturale di una nazione, che proprio non riesce ad affrancarsi da un passato di discriminazione etnica istituzionalizzata.
Di sicuro, non il dilagare di una destra neo-nazista (che si definisce “alternativa”, così come da noi si fa chiamare “sovranista”), ampiamente tollerata, ed all’occorrenza coccolata, da un’Amministrazione che ad essere magnanimi si potrebbe definire quantomeno ‘compiacente’.
Non certo la brutalità di una apparato di polizia pesantemente militarizzato, con un approccio bellico sul territorio.
Meno che mai l’esistenza di una qualche “questione sociale”, per un paese che intende la lotta alla povertà come una guerra permanente contro i poveri.
Pertanto, dopo aver individuato negli anti-razzisti l’origine del razzismo, con la solita lungimiranza di pensiero che gli è propria, dal bunker anti-atomico dove si è rintanato con la sua corte, The Donald dichiara guerra pure agli anti-fascisti, che nell’immaginario littorio del cotonato presidente diventano “organizzazione terroristica”. Al contrario, coi nazisti si intende benissimo, peraltro ampiamente ricambiato.
Prontamente, si è subito associata con entusiasmo la Lega-latrina dell’ineffabile Salvini, il duce di ghisa dell’abbuffata compulsiva, per quella solidarietà hitleriana che contraddistingue l’internazionale nera. Una garanzia!

Homepage

4 Risposte a “BlacKkKlansman”

  1. Blakkklansman è un cult, ma il mio film preferito sul razzismo è quest’altro: https://wwayne.wordpress.com/2017/03/19/ci-sposeremo-te-lo-prometto/. L’hai visto?

    • Certo che l’ho visto..;)
      “Loving” ha il pregio indiscutibile di mettere in evidenza la pervasività ossessiva e patologica di una razzismo legalizzato ed elevato a sistema istituzionale, che impregna (e controlla) ogni fibra di una società che ha fatto della discriminazione razziale e la separazione etnica un principio fondativo della propria identità malata.
      Ma per capire le radici dell’odio, il mio preferito resta “Mississippi Burning”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: