Archivio per 9 novembre 2019

L’Italia NON s’è desta

Posted in Muro del Pianto with tags , , , , , on 9 novembre 2019 by Sendivogius

A volte ci sono quelle ricorrenze, delle cifre tonde, che i giornali sostengono, celebrano, ricordano… e ce n’è una che stranamente è passata inosservata… Siamo nel 2019 e sono 170 anni da quando un ragazzo di 22 anni, combattendo, si becca una pallottola francese in una gamba; gliela devono amputare, va in cancrena, e dopo alcuni giorni muore di setticemia. Questo ragazzo si chiamava Goffredo Mameli ed è l’autore delle parole del nostro Inno nazionale.
[…] Non so che cosa penseresti su tu oggi, 170 anni dopo esserti preso quella pallottola nella gamba, potessi vedere che cos’è, che cosa è diventato quel Paese per il quale sei morto e per il quale hai scritto le parole dell’Inno nazionale.
Il tuo Inno inizia con: “Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta”, cioè si è svegliata.
Caro Goffredo, questo è un paese che invece oggi è sprofondato nel torpore, nell’apatia, nella narcosi. Succedono le cose più gravi, in questo Paese, e ciò non serve a svegliare nessuno dai sogni d’oro che continua a fare.
Questo è il Paese in cui una donna di oltre 80 anni, uscita viva per miracolo dai campi di sterminio, deve temere per la sua vita e avere la scorta!
Mameli questo è il Paese per cui tu hai scritto l’inno…
Questo è il Paese che non si desterà mai, dall’apatia in cui è crollato.
È il Paese in cui pochi giorni fa, a Desio in Lombardia, una donna senza alcun problema ha urlato “negro di merda” ad un bambino che giocava nella squadra dei pulcini.
Pensate che questo serva a destare, un senso critico… ma che dico “senso critico”?! Un sussulto di dignità nel Paese? No, sogni d’oro!
Questo è il Paese in cui una libreria, la “Pecora Elettrica” a Roma, in periferia, è stata data alle fiamme, l’altro giorno prima che riaprisse, e tornasse ad essere un punto di riferimento culturale ed aggregativo della periferia. Pensate che quelle fiamme possano servire in qualche modo a destare l’Italia? No, sogni d’oro.
E vado avanti… ci sono state delle cose indegne, dette per esempio sugli immigrati; c’è per esempio chi ha scritto su Facebook: “smetterò di mangiare il pesce del Mediterraneo, perché potrebbe essersi cibato di feccia immigrata”…
Questo è il Paese! Pensate che queste cose servano a destare l’Italia? Pensi, caro Mameli, che questo paese possa uscire dal torpore? No! Sogni d’oro.
E poi tu hai scritto che questo era un paese che finalmente ai tuoi tempi era unito. Be’ oggi noi vediamo continuamente, al di là dell’inondazione di senso del ridicolo che in qualche modo la nostra classe dirigente riversa nei nostri televisori, noi vediamo ogni giorno che la destra fa la lotta alla sinistra, ma una sinistra che fa la lotta ad un’altra sinistra e magari la destra a un’altra destra. Con in risultato che il Paese non è soltanto diviso; è frammentato, profondamente. E anche questo tuttavia non serve a destarci dal torpore. Ragione per cui, caro Goffredo, ragazzo che a 22 anni ti sei preso una pallottola a nome dell’Italia, credo che probabilmente se 170 anni dopo tu vedessi lo schifo che siamo diventati, probabilmente riscriveresti le parole del tuo Inno. E le scriveresti credo in nome del torpore e del sonno. Altro che dell’esser desta! E quindi scriveresti qualcosa forse del tipo:

“Fratelli d’Italia, il Paese che ronfa, sull’elmo di Scipio lo sbadiglio trionfa.
Sedata e dormiente. Desta per niente.
Schiava del coma Iddio la creò.
Stringiamci al guanciale, che è tutto normale.
Non serve capire, siam pronti a dormire.
Non serve parlare, siam pronti a ronfare.
Zitta e mansueta, l’Italia russò.”

Stefano Massini
(07/11/2019)