(128) Cazzata o Stronzata?

Classifica OTTOBRE 2019″

 In un Mondo alla Rovescia capita che l’evasore sia un patriota, l’ignoranza esibita e sguaiata una conquista di civiltà, l’incompetenza un merito, le auto aziendali un imprescindibile bene di necessità a disposizione dei più poveri…
Soprattutto, nel Mondo alla Rovescia accade che se un’anziana signora, deportata e sopravvissuta ai lager nazisti, viene aggredita e villipesa con centinaia di insulti dai nazisti medesimi a cadenza giornaliera, il problema sia costituito proprio dalla signora in questione che degli insulti è il quotidiano bersaglio preferito. E che condannare i propagatori di odio, contrastare il dilagare indisturbato dell’antisemitismo e del razzismo, propagato a piene mani dai soliti noti, sia un intollerabile atto liberticida. Perché, va da sé, mica si può “imbavagliare il popolo”! Se poi di “popolo” si può parlare.
Che la destra italiana, in ogni sua declinazione, sia la naturale erede di quel fascismo a cui ammicca compiacente e dal quale attinge i propri consensi per legame organico, è cosa risaputa ed evidente. Che se ne faccia pubblicamente vanto, diventando portavoce delle istanze più becere del ventre nero della nazione, laddove il sonno della ragione genera mostri, è il segno di un rovesciamento etico prima ancora che antropologico. Ma se poi vengono ricambiati con la stessa moneta che disseminano senza imbarazzo alcuno (che al massimo si tratta di “provocazione goliardica”), allora si scandalizzando, si offendono, e non si capacitano proprio della reazione naturale di difesa, da parte degli anticorpi che ancora persistono. E resistono.
Nel Mondo alla Rovescia, le minacce nazifasciste e la violenza squadrista sono infatti una libera espressione del pensiero critico, da rispettare e tutelare, munite come sono di una loro dignità nel liberale sentire dei suoi patriottici protettori. Perché fa tanto ‘popolo’, contro quelle elite radical-chic, che ancora se ne scandalizzano, così refrattarie al salubre vento del cambiamento.
Benvenuti sul lato oscuro della Luna.
Italia, 2019.

Hit Parade del mese:

01. LINGUA DI VELLUTO

[20 Ott.] «Dieci anni fa un ragazzo di Rignano ci ha insegnato che c’era una generazione pronta a prendersi il futuro senza chiedere il permesso a nessuno. Ce l’ha insegnato quel ragazzo di Rignano, ce lo insegna ancora e continuerà ad insegnarcelo per molto tempo!»
(Luigi Marattin, turbo-renziano)

02. PAPPONI DI STATO

[17 Ott.] «Da giorni parliamo di merendine e di tassazione del contante. Mettiamo le mani nelle tasche delle prostitute invece! Le prostitute fanno un lavoro come un altro e quando vogliono pagare le tasse non riescono a pagarle, è una questione di libertà e di normalità. Ci sono tante donne che volontariamente decidono di prostituirsi, di fronte a questa scelta libera dobbiamo fare pippa e regolare la cosa.»
(Andrea Ruggeri, aspirante magnaccia)

03. SALAMI MUSSOLINI

[25 Ott.] «Chi espone la foto o il disegno di mio nonno a testa in giù commette un atto di violenza, che andrebbe perseguito. Propongo di inserire nel nostro ordinamento giudiziario il reato di “DUCEFOBIA”.»
(Alessandra Mussolini, la Duciofila)

04. COGLIONI DEL MONDO!

[14 Ott.] «Noi siamo quelli del record mondiale del voto on line. Noi abbiamo fatto una cosa che siamo andati a raccontare all’Onu, giustamente; una cosa che scriveranno nei libri di storia, perché il 3 settembre quando il popolo 5 Stelle si è espresso per il Sì o il No al governo con il PD, hanno votato in tutto 79mila e 634 elettori. Non era mai successo, siamo i primi e questo è solo l’inizio. C’è una frase di Gianroberto che mi ha sempre ispirato: “un giorno la casalinga di Voghera voterà dal televisore, da casa, per il prossimo presidente della Repubblica”. Ecco, quel giorno forse non è poi così lontano.»
(Emanuele Mazzilli, altro idiota digitale a 5 stelle)

05. USA e getta

[10 Ott.] «I curdi non ci hanno aiutato durante la Seconda guerra mondiale. Non ci hanno aiutato in Normandia, ad esempio. Mentre noi abbiamo speso un sacco di soldi per aiutarli.»
(Donald Trump, il Cotonato)

06. TALENTI INCOMPRESI

[11 Ott.] «Virginia Raggi non dovrebbe dimettersi da sindaco di Roma.»
(Nicola Zingaretti, il Paraculo)

07. IL MIO CULO PER UNA POLTRONA DI GOVERNO

[07 Ott.] «Conoscevo Di Maio solo per l’immagine pubblica, invece ho visto che sui dossier è uno che approfondisce, studia, e quindi di lui ho un’opinione assolutamente positiva.»
(Dario Franceschini, ruffiano)

08. PARTITA DI GIRO

[04 Ott.] «Il costo dei tassi negativi della BCE dovrebbe essere trasferito dalle banche ai singoli clienti e correntisti.»
(Jean Pierre Mustier, il banchiere coi conti degli altri)

09. ORDINARIA COSTITUZIONE

[13 Ott.] «Ricordo al pubblico da casa che non abbiamo più scelto un presidente del Consiglio da una vita. Sono anni che non eleggiamo più un presidente del Consiglio, caso unico in questo sistema.»
(Massimo Giletti, lo Smemorato)

10. SELFIE E MOSCHETTO

[24 Ott.] «Porteremo anche in Umbria il modello di BUONGOVERNO della Lega»
(Matteo Salvini, il Capitone d’Italia)

Homepage

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: