Aspettando Godot

Pensavate fosse un cavallo e invece non era nemmanco un calesse..!!
 Al termine dei suoi sconclusionati giri di valzer, pare che l’Amleto della Milano da digerire abbia sciolto la riserva del suo non essere… Ha dormito (un lungo sonno), ha sognato (forse) e infine ha deciso cosa vuole essere: la gruccia ad un partito di centro(destra), votato in massima parte da democristiani che credono di essere di sinistra perché fanno volontariato in parrocchia, scambiano i due euri alle primarie per partecipazione civile, e confondono la dispensazione delle elemosine con l’emancipazione sociale.

ANSA/GIUSEPPE LAMI

L’epopea di Pisapia non ha niente di epico; al contrario, si inserisce perfettamente nella commedia all’italiana ed il copione è sempre quello di Arlecchino servo di due padroni, rivisto e corretto, in una patchwork di personaggetti di quart’ordine tenuti assieme dall’autoreferenzialità della finta ritrosa a fare da collante. Adesso che il nostro Godot, in concomitanza col suo ingresso nella terza età, ha deciso cosa fare, forte della potenza oceanica dei 25 voti raccattati tra una tartina e l’altra nel suo salottino progressista, e meglio ancora al funerale de L’Unità ormai scomparsa (“qui mi sento a casa mia”), può dedicarsi al ruolo che evidentemente sente per lui più congeniale: essere la stampella di un potenziale governo del partito renziano con vocazione maggioritaria (totalitaria).

Il bello addormentato nei Boschi

Cioè, il Pisapia disvelato farà eleggere quattro stracciaculi di dubbia lealtà, nel listino blindato graziosamente offerto dal PD trasformato in una sorta di “Lista Renzi”. Quindi si auto-promuoverà a coscienza critica interna e rivendicherà la sua autonomia giudizio, che si esplicherà (forse) in roboanti dichiarazioni di principio (insomma siamo alla mitosi dei Cuperlo). E alla fine voterà qualsiasi provvedimento di un eventuale esecutivo (ammesso e non concesso vinca le elezioni), in replica dei precedenti. Lo stesso che ha già fatto dello smantellamento dei diritti sociali e delle più classiche politiche della destra neo-liberista il tratto fondamentale della sua azione di governo, tanto da estenderne la portata oltre le aspirazioni del modello originale, fino alla tentata riscrittura della Costituzione “più bella del mondo” (fintanto che paga). E che per questo continuerà a smantellare la Sanità pubblica. Al lordo di qualche altro miliardo regalato ai padroni delle ferriere per licenziare a piacimento in cambio di un grumo di contratti di assunzione, prenderà le direttive economiche direttamente da Confindustria e privatizzerà tutto il possibile, accollandosi però i debiti accumulati da banche e privati. Ovviamente, continueremo a non avere una politica estera, con l’aggravante di crogiolarsi nella più assoluta irrilevanza internazionale (l’agenda estera ormai la detta papa Bergoglio). L’appoggio di Pisapia sarà incondizionato, ma critico (le chiacchiere non costano nulla). E se sosterrà un programma sostanzialmente di destra, lo farà solo per fermare l’ascesa delle destre, nell’assoluta incapacità di percepire il paradosso.
Quando si dice spirito di sacrificio…

Homepage

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: