DE GUSTIBUS

Jesus_supper_zombie

Cosa c’è di più insopportabile (e quasi più insulso) del “politicamente corretto”?
Sicuramente, lo stronzamente scorretto!
Più che una mistificazione lessicale, una deformazione culturale, una perturbazione ideale della mente, al contrario della sua controparte caramellata, lo stronzamente scorretto è uno stato fisiologico che risponde a funzioni corporee di natura prettamente intestinale. E in quanto tale è assolutamente incapace di distinguere la differenza che intercorre tra gli orifizi, correttamente al loro uso, come i deretani mutanti che popolavano gli incubi tossici di W.S.Burroughs.
pasto nudoVa da sé che lo stronzamente scorretto finisce inevitabilmente con l’affidare le proprie esternazioni al buco sbagliato, incapace com’é di controllare gli stimoli della propria peristalsi, tanta è la costipazione che affligge l’espurgazione dell’abnorme accumulo fecale, e che se sempre si esplica nel rilascio continuo di stronzate.
salvinataLo stronzamente scorretto è il bambino che gioca compiaciuto con le proprie feci e le ostenta con soddisfazione. Corre a mostrarle in giro, tanto è l’orgoglio per aver prodotto siffatta meraviglia tutto da solo e che nella sua evidenza deve costituire ai suoi occhi il massimo dell’espressione creativa. Perché ovviamente un simile patrimonio naturale non va disperso, ma gustato in gruppo tra i cultori della materia (che non mancano mai), per ricche abbuffate di merda. Comunemente ricompresa nell’ambito delle perversioni, la coprofilia sembra invece essere pratica ampiamente diffusa e apprezzata in “politica”, dove in genere costituisce il piatto del giorno e non manca mai di richiamare i golosi estimatori del particolare genere culinario, in cui il genio dello stronzamente scorretto eccelle.
Da par suo, lo stronzamente scorretto non si preoccupa mai dei tempi, i modi, i luoghi, del rilascio finale. E di conseguenza non perde mai occasione di palesare l’essenza della sua natura più intima e vera. Agisce d’istinto, tanto irrefrenabile è lo stimolo. Per lui la latrina costituisce lo spazio ideale d’elezione. Le cloache dello spirito sono il suo status naturale, convinto com’è di essere uno che “parla chiaro”, scambiando i suoi prolassi diarroici per “schiettezza”.
SalviniOgni Paese ha la sua tradizione. E se noi (per dire) dobbiamo accontentarci delle cacatine di un Matteo Salvini (un esempio a caso!) e di tutto il buiolo fascioleghista al seguito, nessuno chef può eguagliare i ricchissimi soutè de merde ai quali ci ha ormai abituato l’elefantiaco Donald J. Trump, che a modo suo ha perfettamente interpretato il concetto di “Great America”.
elefanteNon per niente gli americani fanno tutto in grande!
Di questo ricco citrullo ossigenato che furoreggia tra gli zotici della provincia statunitense (ma non solo..) avevamo già parlato
Donald TrumpSono deiezioni cicliche che di tanto in tanto spurgano fuori dagli intestini della storia, per dare una nota di colore (tendente al marrone) a panorami pressoché asfittici nel loro immobilismo. E fanno parte di un irrinunciabile folklore politico nel circo del populismo.
GunnyE sorvoliamo su un Clint Eastwood, costretto ormai a parodiare i suoi personaggi di fantasia all’ombra del grande artista che fu, ridotto prima a monologare con una sedia vuota nell’imbarazzante (per lui) spettacolino imbastito contro O’Banana, mentre adesso è stato direttamente promosso sul campo ad accessorio da toilette, nel patetico tentativo di coprire l’odore delle trumpate, intanto che regge il rotolo di carta igienica usata.
Naturalmente, Trump ha i suoi convinti estimatori anche dalle nostre parti. E potevano forse mancare?!? Non per niente, agli italiani la merda piace. Sarà per questo che la ricercano e la consumano con gusto estremo. Né poteva essere diversamente per una destra americanizzata, tra le più reazionarie, nostalgiche, e schiettamente fasciste di tutta l’Europa occidentale.
collezionismo storicoNessun pagliaccio, per quanto possa essere caricaturale, risulterà mai abbastanza grottesco per loro. Figuriamoci! Il modello ideale resta la repubblichetta collaborazionista di Salò, coi suoi grassi cialtroni insaccati in orbace e pose volitive ad imitazione del modello originale.
gruppo di gerarchi fascistiOvvio che in gran parte la destra italiana si riconosca ora in un pittato cialtrone miliardario con una pelliccia di pantegana appiccicata col bostik sulla pelata spellacchiata. In fondo sono gli stessi che per un ventennio hanno eletto a loro duce un puttaniere nano, con la catramata spalmata sulla testa e una gettata di cerone a coprire il resto.
Il problema di Trump è che, per quanto possano essere numerosi, non ci saranno mai abbastanza negri e chicanos da insultare, o ‘minoranze’ da offendere a titolo assolutamente gratuito perché non abbastanza amerikane. Evidentemente, esiste uno strato profondo del Paese in cui personaggi grotteschi come Donald Trump aderiscono meglio di un pannolone ergonomico, tanto riesce a intercettare perdite e umori. Ma sentirlo mentre blatera a vanvera di usare la bomba atomica alla vigilia della nuclearizzazione di Hiroshima, francamente non ha prezzo.

by Snoron.com

Perché per lo stronzamente scorretto nessuna gaffe, nessuna infamità, nessuna volgarità sarà mai ripugnante a sufficienza per essere fuori dalla sua portata. La loro missione è quella di stupire. Sempre. Anche quando non hanno un cazzo da dire, perché l’importante è sorprendere il pubblico con qualche sparata ad effetto. Come se il mondo non fosse già abbondantemente inflazionato di istrionici coglioni dei quali doversi dare pena.

Homepage

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: