SBALLOTTAGGI

scacchiE fu così che arrivo il giorno in cui anche Matteo Renzi scoprì di stare sul cazzo ad un sacco di gente. In annoiata attesa dei Matteo Renzi - smorfieballottaggi, sarà divertente scoprire cosa diamine tirerà fuori dal suo cilindro sfondato questo televenditore di fuffa usata, per ricomprarsi i milioni di voti persi in appena due anni dalla marcia trionfale delle elezioni europee del 2014 (un’altra era geologica), vinte a colpi di marchette gonfiate con mazzette da 80 euro, peraltro richiesti indietro con gli interessi ad operazione conclusa, nella più grande compravendita elettorale della quale si abbia memoria dai tempi allegri dei vecchi ras democristiani al voto di scambio organizzato.
80 euriImpegnato com’è ad aggiungere toppe su una coperta sempre più risicata, il magnifico cazzaro fiorentino questa volta dovrà ingegnarsi parecchio, dati i tempi stringenti. È lecito immaginare che dinanzi al tracollo di consensi, se ne uscirà a breve con qualche altra nuova svendita promozionale: tipo il taglio dell’IMU sulle seconde case.. l’aumento delle pensioni minime.. la cancellazione del bollo auto (se ne sente proprio la necessità per SUV e Ferrari) e qualche altro “bonus” da sperperare secondo l’estro del momento…
renzi-80-euro-bonus-maggiorenniSi tratta di una mission quanto meno impossible, da portare a termine in meno delle due settimane che mancano ai ballottaggi di quelle elezioni amministrative che saranno pure un voto circoscritto alle realtà locali, ma che riguardano pur sempre 1300 comuni con cinque delle più importanti metropoli italiane, coinvolgendo 13 milioni di elettori. Che rilevanza vuoi che abbiano mai?!?
RenziCerto l’operazione si preannuncia più che impossibile, con i conti pubblici quanto mai ballerini ed un ISTAT che, nonostante le insufflate di ottimismo e dati infiocchettati dalla propaganda di regime, è costretto alfine a certificare che la “ripresa” (al netto delle strombazzate governative) non decolla, che la “crescita” langue e l’occupazione è ferma al palo, tutte ancorate come sono a stipendi miserabili e condizioni di lavoro infami, contro i miliardi di pubblici denari generosamente dispensati a babbo morto agli insaziabili amici di Confindustria, per i quali i soldi si trovano sempre.
E siccome si tratta di un voto amministrativo senza valore nazionale (questa la parola d’ordine nelle sagrestie del partito bestemmia), sarebbe malevolo pensare che lo sfanculamento generalizzato dei 4/5 dell’elettorato coinvolto possa riguardare quel comitato d’affari abusivo, incistato al governo e tenuto insieme con la colla (alla poltrona), grazie al sostegno di galantuomini come Denis Verdini e Angelino Alfano, con gli straordinari risultati che siffatta alleanza ha portato (si pensi a Napoli o Cosenza).
Valeria Valente e Verdini a NapoliOvvero, alludiamo alle quinte colonne del berlusconismo al collasso, prontamente riciclati, insieme all’insostenibile pesantezza delle loro due formazioni politiche (praticamente due associazioni a delinquere istituzionalizzate, per il recupero di pregiudicati da ricollocare) che messe insieme non raggiungono il 3% sul piatto elettorale, ma sono indispensabili per tenere in piedi l’esecutivo delle Laide Intese. E quindi possono stuprare insieme la Costituzione in una grande gangbang trasformista, per assecondare le fregole bonapartiste di un premier abusivo che vive le elezioni (alle quali resta allergico) come un plebiscito permanente sulla sua persona, nella bulimia di potere con cui consuma le sue ambizioni smisurate, salvo poi smentire la personalizzazione delle stesse quando i risultati gli sono sfavorevoli.
unattended-sex-toy Intanto il giocattolo personale del premier, il partito riformato che si voleva “partito della nazione”, assomiglia sempre più ad un precoce rottame, circoscritto (per non dire asserragliato) nei centri storici delle grandi città, eletto a punto di riferimento di ricchi e benestanti, quale interprete ideale dei loro interessi e garante di privilegi consolidati, ma lontano anni luce da quei cosiddetti “ceti popolari” che avrebbe la presunzione di rappresentare e che invece lo schifano come una merda di cane spalmata sui marciapiedi sgarrupati di periferie disastrate, sancendo il progressivo dissolvimento di un centrosinistra percolante nei liquami del suo processo di liquefazione, dinanzi ad una realtà che non sa più interpretare, per una società liquida che oramai gli scivola via dalle mani.

Quartiere di Tor Sapienza a Roma (AP Photo/Alessandra Tarantino)

Ancora un ultimo sforzo e forse riusciremo a liberarci pure della grande costipazione delle Laide Intese, se non fosse che certi prodotti, per il noto principio di Archimede, tendono a rimanere sempre a galla nel loro eterno ritorno…

Homepage

Annunci

2 Risposte to “SBALLOTTAGGI”

  1. Renzi ha dimostrato la sua indubbia capacità di imbonitore: una Wanna Marchi uomo. Ci manca il mago do Nascimiento, ma uscirà fuori in questi giorni.

    • In questa televendita organizzata di cialtroni allo sbaraglio che chiamano “rottamazione” è sempre natale: ogni giorno nasce un pupazzetto nuovo ad arricchire il presepe vivente di Fuffolandia…
      C’è il papi, o quel che ancora ne rimane…

      Il figlio alla destra del papi, nel più perfetto esempio di omousia applicata alla politica…

      Ed ovviamente Nostra Madonna del Consiglio dai Boschi, santa patrona delle banche d’Etruria..

      Il Mago do Nascimento al confronto è solo un abile dilettante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: