L’è tutto un gomblotto!

The Forbidden Kingdom

Un condannato in via definitiva ha chiesto e ottenuto di essere ricevuto dal Presidente della Repubblica. Che messaggio viene dato al Paese? E questo sarebbe possibile in Gran Bretagna, Germania o Francia, o anche in Italia con Pertini o Ciampi? La risposta è ovviamente no
(Beppe Grillo – 03/04/14)

Sieg Heil! 10/07/2013. Il Presidente della Repubblica riceve al Quirinale il ragionier Giuseppe Grillo: pluripregiudicato, attualmente indagato per istigazione a delinquere, condannato con sentenza definitiva per diffamazione aggravata (con reiterazione del reato), e soprattutto per omicidio colposo plurimo. In pratica, ha solo ammazzato tre persone mentre faceva lo sborone col SUV (che non sapeva guidare), in alta montagna su una strada ghiacciata chiusa al traffico.
Evidentemente, c’è pregiudicato e pregiudicato…
Lui in base al non-statuto non si può candidare, ma ovviamente può fare il “capo politico”, decidere le regole, dettare la linea al “movimento” con marchio registrato a proprio nome, entrare e uscire da Parlamento e Quirinale a proprio piacimento, e all’occorrenza telefonare a “Re Giorgio” quando più gli aggrada, visto che ne possiede il numero privato.
Beppe Grillo e NapolitanoPotrebbe mai essere possibile una cosa del genere in un Paese mediamente civilizzato dello scacchiere occidentale?!? Naturalmente, no. L’energumeno verrebbe fermato all’ingresso da più solerti gendarmi dei nostri e, in caso di insistenza, accompagnato al più vicino centro di igiene mentale per un trattamento obbligatorio.
Per fortuna noi siamo in Italia, dove la farsa è la regola e c’è sempre un posto d’onore riservato al cialtrone di turno. Di solito, vengono nominati presidente del consiglio.

Silvio-Berlusconi

Nello stesso istante in cui un “condannato in via definitiva” contesta all’altro l’ingresso al Quirinale, rivendicando il diritto esclusivo di visita, complice il silenzio dei media venduti della ka$ta, si consuma un altro terribile dramma ai danni del Vate® a 5 stelle. Qualcuno (i Rettiliani? Gli Illuminati? Gli hackers del PD? Il Bilderberg?) sta boicottando i comizi a pagamento del Grullo! Al Capo comico (è risaputo) il soldo, ancor più se facile, piace. Sproloquiare a gratis davanti ai suoi seguaci invece gli gusta un po’ meno; perciò molto meglio se paganti. E visto il flop clamoroso della prevendita biglietti, dovrà pur trovare un modo per annullare la sua tournée circense. Perché matto sì, ma stupido no.
Casaleggio Nel magico mondo brizzolato dei bella chioma, non potevano poi mancare le esternazioni di Giangi belli capelli, che con la consueta allegria di un corteo funebre preannuncia serafico: “in questo periodo, giustappunto prima delle elezioni, stanno preparando dossier su di me, sulla mia famiglia e sulla mia società”. Come se ci fosse molto da sapere…
Da semplice perito informatico, nel marzo dell’anno 2000, Belli Capelli diventa amministratore delegato della Webegg S.p.A (ex Logicasiel): società del Gruppo Olivetti (poi passata a Telecom Italia nel 2002) è specializzata in web-marketing, digitalizzazione informatica, e ottimizzazione dei sistemi di rete, con un fatturato di quasi 92 milioni di euro (anno 2001). In meno di un paio d’anni, la lungimirante amministrazione di Giangi riesce a schiantare i bilanci dell’azienda conducendola al tracollo con una voragine di quasi 16 milioni di euro e riducendo i dipendenti da 719 a circa 200 unità, quando nell’aprile del 2003 viene “consensualmente” (dice Lui) accompagnato all’uscita principale.
A quel punto fonda la propria società personale con altri manager fuoriusciti (cacciati?) da Webegg e si dedica alla cura di immagine e del blog di Antonio Di Pietro, espurgando all’esuberante Tonino la modica cifra di oltre un milione di euro l’anno per i servizi internet aggregati. Questo prima di tracimare tutta la baracca ed i burattini della sepolta IdV nel nuovo “movimento” proprietario del Grullo digitale, col quale è tuttora in affari. Fine della storia.
Ma è sempre meglio gridare al “complotto”. Il prodotto vende bene.

Homepage

Annunci

11 Risposte to “L’è tutto un gomblotto!”

  1. il tuo sguardo parziale oramai solito, che si sofferma sulla pagliuzza e non vede il trave.

    il grave non è tanto che Napolitano abbia ricevuto Berlusconi in quanto condannato, e sia pure per un reato assolutamente inaccettabile per un politico, tanto che ne comporta l’esclusione dal parlamento per sei anni.

    il fatto che trovo davvero sconvolgente è che lo riceve nel periodo stesso che dovrebbe essere coperto dalla pena.

    in poche parole Berlusconi dovrebbe essere privato in qualche modo della sua libertà in questo momento, e non subisce limitazioni soltanto per gli assurdi ritardi burocratici della giustizia italiana.

    il paragone con Grillo, condannato in via definitiva per omicidio colposo, è assolutamente fuorviante.

    la nostra civiltà giuridica non prevede attualmente che un condannato, esaurita la pena, non possa partecipare alla vita politica, non esiste il concetto di condanna a vita – fatti salvi alcuni casi straordinari in cui il giudice infligge l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

    non esiste un corrispondente della gogna, per fortuna.

    e il reato per il quale è stato condannato Grillo non prevede l’interdizione dai pubblici uffici: per cui, di che cosa stai parlando?

    ma un politico condannato per un reato molto grave contro la comunità – che è ben diverso da un omicidio colposo frutto di un incidente – non può e non deve essere ricevuto, per di più ripetutamente, dal Presidente della Repubblica subito dopo la condanna e anche a pochi giorni da una decisione del tribunale che lo riguarda, allo scopo evidente di condizionarne le scelte.

    in qualunque paese civile si chiederebbero le dimissioni immediate di un presidente della repubblica che si comporta così, e io le chiedo.

  2. Peccato che, malauguratamente, Berlusconi sia anche il “capo politico” di uno dei principali partiti di opposizione e che in quanto tale decide e determina le linee guida che tale partito deve tenere in Parlamento ed al Senato.

    Il paragone con Grillo, condannato in via definitiva per omicidio colposo, è assolutamente fuorviante.

    Infatti Grillo è tecnicamente un assassino. Berlusconi no.

    la nostra civiltà giuridica non prevede attualmente che un condannato, esaurita la pena, non possa partecipare alla vita politica, non esiste il concetto di condanna a vita

    Non lo devi spiegare a me, ma al “capo politico” pentastellato ed al suo Hebert: il forcaiolo che dirige un sobrio giornalino garantista come il FQ.
    Per le lor signorie basta avere un procedimento giudiziario in corso (fosse anche una multa non pagata), per essere esclusi a vita da ogni partecipazione politica. Che dico? Basta semplicemente essere indagati.

    “..non esiste un corrispondente della gogna, per fortuna..”

    No, infatti esiste il Sacro Blog del sommo Vate® con le sue simpatiche rubriche dedicate al “Giornalista del giorno“, o ispirati post del tipo “cosa fareste alla Boldrini?“. Ovviamente, quella non è gogna, non è linciaggio in effige, è un atto d’amore e di satira intelligente.

    in qualunque paese civile si chiederebbero le dimissioni immediate di un presidente della repubblica che si comporta così..

    Una dimissione al giorno fa contento il citrullo di contorno.
    A quando il prossimo impicciamento?!?

    “..e io le chiedo

    E sai che novità!

  3. Antonella Says:

    Ossignore! ma cosa si deve fare ancora, per far capire all’urbe e all’orbo (soprattutto al secondo), che questo losco figuro capelluto e sbraitante, è un Patacca? che si deve fare e dire, per rendere chiaro quello che è già lampante, e cioè che il suo socio altrettanto capelluto, ma più psicotico, sta usando migliaia di persone come un bambino giocherebbe con i lego?
    che si deve fare perchè sia evidente che hanno nel FQ una sicura e non disinteressata spalla, nell’uso dello strumento che preferiscono, che è la sollecitazione della demenza collettiva della specie ‘sapiens sapiens’ (mah…che razza di nome mal posto), allo scopo non tanto mascherato di demolire definitivamente qualsiasi principio democratico decente, inaugurando il terzo ventennio?
    ( la Francia ha un mare di prime seconde terze repubbliche…noi abbiamo ‘i ventennii’ ) . meno male che sono più fessi di quel che credono di essere, e i ritardi si fanno sentire , ormai (stiamo inaugurando ‘il ventunennio’…e se va avanti così arriviamo fino alla luminosa epoca di Gaia, cambiando solo il numero prima del suffisso -ennio) .
    quello che trovo incomprensibile, è che ci sia bisogno di spiegare un giorno si e l’altro pure, a una manica di poco senzienti, le ragioni per cui la ditta Grilleggio, sia furfantesca…datosi che tali ragioni non solo sono evidentissime (e si manifestano senza possibilità di errore, tutti i giorni), ma anche perchè, santa polenta, ma non basta guardarli in faccia e sentirli parlare?
    mo’ mancava solo che quel narcisetto psicotico, si inventasse ‘i complotti’…è più noioso di Adamkadmon; ci avremmo scommesso che straparlava dei ‘dossier’ che qualche oscura forza avrebbe inventato. ma è lui, che ha come base culturale i corsi di ‘marketing’ di giorno, e ‘i Protocolli dei Savi di Sion’ , di sera, durante il relax…mica noi!

    • Questo avviene perché anche il tuo è uno “sguardo parziale”, che si sofferma su di una foresta di travi e tronchi giganti di Baobab, continuando con ostinazione ad evidenziarne l’abnormità, invece di stare lì a raccogliere con puntigliosità maniacale tutte le pagliuzze possibili ed immaginabili del solito pd-ex-meno-elle, che con ogni evidenza costituisce la grande ossessione degli ensiferi ed ortotteri aggregati. Quando non sono impegnati a denunciare almeno una mezza dozzina di golpe al giorno, o alle prese con la consueta ruota delle dimissioni (Napolitano-Boldrini-Renzi, già Letta) che costituisce il loro giochino preferito.
      Per i più osservanti, i passatempi maggiormente gettonati all’interno della Setta consistono nell’inquisire e purgare gli apostati della Verità suprema; guardare gli imbarazzanti “selfie” dei deficienti aspiranti candidati; ovvero salmodiare il loro mantra autogeno-demenziale: “vinciamo noi! Vinciamo noi! Vinciamo noi!” …ripetuto fino allo sfinimento.
      Insomma, anche a me quell’ibrido democristiano chiamato PD, e massimamente il PD del Bambino Matteo, pesa cordialmente sui gioielli di famiglia… Ma nel caso dei Grillo Boys siamo persino oltre le paranoie ossessivo-maniacali del disturbo psicotico.

    • Il Ribelle Says:

      “Ossignore! ma cosa si deve fare ancora, per far capire all’urbe e all’orbo (soprattutto al secondo), che questo losco figuro capelluto e sbraitante, è un Patacca?”

      Fiato sprecato. Nulla al mondo farà mai capire ad una massa di decerebrati che il loro “Capo Politico” è una patacca. Fidati di zio che qualche volta ci è cascato a provare a far ragionare questi invasati.

      Tempo sprecato. Tutto inutile. Sono dei dischi rotti che ripetono all’infinito il loro mantra.

      L’unico comportamento razionale è ignorarli.

  4. FisciailSasso Says:

    La colpa non è di Grillo è di quella manicata di ingenui che lo seguono manco fosse il salvatore… della Patria o rivoluzionario… de noantri… lui è solo un Signor Ciarlatano!

    • E’ un fatto che quando la crisi si fa dura gli idioti iniziano a delirare.
      E’ un dramma che una cospicua fetta di italiani ci si identifichi come un’immagine riflessa in uno specchio.

    • Il Ribelle Says:

      E, anche se devo ammettere che quando lo vedo in TV mi viene l’orticaria ai genitali e mi sbrigo a cambiare canale, devo ammettere che hai ragione!

  5. Ristorante meno peggio,Dentista meno peggio,Spedale meno peggio Says:

    L’italiota cerca sempre di migliorare rispetto al peggio, il meno peggio è un salto di qualità… sceglie sempre il meno peggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: