MAL DI TEST

The Riddler

Particolarmente consigliato a chi non accende il proprio cervello per più di 10 secondi al giorno, e per i vostri spensierati momenti di relax estivo, vi proponiamo un piccolo quiz a tema, eventualmente da alternare alla settimana enigmistica, per testare le vostre capacità intuitive senza dovervi impegnare troppo la mente. Cosa c’è infatti di meno impegnativo, inconsistente, eppur divertente nella sua fanfaronesca demenzialità, del grillismo militante?!?
Come nelle peggiori barzellette, ci sono tre cialtroni: un tedesco e due italiani… Quella che segue, è una piccola selezione di ‘frasi notevoli’ di personaggi altrettanto celebri. Provate ad indovinare gli autori.
Per la serie: dimmi come parli e ti dirò chi sei…

Surprise!

1. “Io vi dico che, quando avrò conquistato legalmente il potere, istituirò, nel quadro di un ordinamento legale, tribunali di stato i quali saranno chiamati a giudicare secondo le leggi i responsabili della rovina del nostro popolo, ed è probabile in tal caso che alcune teste cadano del tutto legalmente.”

Surprise! (1)2. “Abbiamo delegato dei truffatori che dovranno rispondere di quello che hanno rubato […] ce lo ricordiamo come siamo finiti nella crisi. Quindi i responsabili saranno giudicati da un giudizio pubblico.”

Surprise! (3)3. “Io so benissimo che cosa quei signori hanno in mente: vorrebbero concederci alcune poltrone, e così metterci a tacere. Ma non potranno percorrere ancora molta strada, a bordo di quel loro decrepito carrozzone […] Credete forse che io sia disposto a lasciarmi adescare da un paio di poltrone ministeriali? Io non ho nessuno intenzione di entrare a far parte della vostra combriccola!

Surprise! (2)4. “Come si è risposto a questo mio principio? ….Con una campagna giornalistica durata nei mesi di giugno, luglio, agosto, campagna immonda e miserabile che ci ha disonorato per tre mesi. Le più fantastiche, le più raccapriccianti, le più macabre menzogne sono state affermate diffusamente su tutti i giornali! C’era veramente un accesso di necrofilia! Si facevano inquisizioni anche di quel che succede sotto terra: si inventava, si sapeva di mentire, ma si mentiva.”

Surprise! (4)5. “Come si può parlare di alleanze con dei partiti la cui distribuzione di forze sul territorio é assolutamente diseguale. […] Accoglieremo quindi, al di fuori, al di sopra e contro i partiti, nelle nostre file.”

Surprise! (5)6. “Non è il caso di fare delle discussioni. Noi ci troviamo oggi di fronte a due coalizioni: conservatori e rivoluzionari. Gli uni che hanno tutto da conservare, gli altri che debbono tutto demolire. Noi non intendiamo di costituire un partito: dobbiamo semplicemente raggiungere un obiettivo. Dopo faremo, se sarà possibile un’altra tappa insieme e ci separeremo.”

Surprise! (6)7. “Ogni mattina, il signor rappresentante del popolo si reca alla sede del Parlamento; se non vi entra, almeno si porta fino all’anticamera dove è esposto l’elenco dei presenti. Ivi, pieno di zelo per il servizio della nazione, iscrive il suo nome e, per questi continui debilitanti sforzi, riceve in compenso un ben guadagnato indennizzo […] Come la larva non può far altro che trasformarsi in maggiolino, così questi bruchi parlamentari lasciano la grande serra comune ed, alati, svolazzano fuori, verso il caro popolo.”

Surprise! (7)8. “Deputati e senatori servono solo a prendere lo stipendio e a obbedire agli ordini di partito votando sì a qualunque porcata. Bisogna prenderne atto e licenziarli, approfittarne mentre trascorrono un agosto dorato […] Chiudete il Parlamento, sgombrate i loro uffici. Camera e Senato sono ormai ridotti peggio dell’ aula sorda e grigia evocata da Mussolini. I parlamentari a larve di democrazia ben pagate.

Igor Beppe e Benito

SOLUZIONE:
1. Adolf Hitler (25/09/1930)
2. Beppe Grillo (01/06/2012)
3. Adolf Hitler (04/09/1932)
4. Benito Mussolini (03/01/1925)
5. Benito Mussolini (18/01/1924)
6. Benito Mussolini (Milano, 11/12/1914)
7. Adolf Hitler (in Mein Kampf)
8. Beppe Grillo (12/08/2012)

SIEG HEIL BEPPE

E infine, per concludere in bellezza, un test facile-facile per scoprire il grillino che è in te e quanto sono avanzati i sintomi del contagio…
Segna ogni risposta e, in base alla prevalenza delle lettere, scopri qual’è il tuo profilo ideale.

Democrazia è:
a) Se c’è qualcuno che reputa io non sia democratico, allora prende e se ne va fuori dai coglioni!
b) Avere il 100%
c) La peggior forma di governo, ad eccezione di tutte le altre che sono state sperimentate di volta in volta.
d) Vaffanculo!

Il Parlamento è:
a) Un scatola di tonno, oltretutto vuota!
b) Un’aula sorda e buia.
c) È un organo costituzionale, di natura collegiale e con funzioni legislative.
d) Vaffanculo!

Partiti politici:
a) Vedo i partiti morti.
b) Noi non siamo un partito, siamo un movimento.
c) Libere associazioni con finalità politiche, per la promozione di propri candidati alle cariche elettive.
d) Vaffanculo!

Dissenso é:
a) Traditore, chiedi perdono in ginocchio!
b) Il Movimento è un organismo grande e vivo che rifiuta, che allontana da se stesso le cose che gli fanno male. Se io prendo un virus, il mio corpo lo rifiuta e mi viene un attacco di diarrea o di vomito.
c) Il sale delle democrazia
d) Vaffanculo!

Cultura:
a) Abbiamo sottolineato che nel nostro Movimento non ci sono intellettuali.
b) Quando sento la parola cultura tolgo la sicura alla mia pistola.
c) Il sonno della ragione genera mostri.
d) Vaffanculo!

L’Euro è:
a) La mossa massonica di un gruppo di banchieri, guidati dal Bilderberg e la Trilateral, per la conquista del mondo.
b) Un bieco strumento del signoraggio bancario.
c) Una moneta.
d) Vaffanculo!

Media e Giornalisti:
a) I giornalisti sono dei parassiti, che non possono infestare Camera e Senato e muoversi a loro piacimento. Vanno disciplinati in spazi appositi.
b) Pagherete tutto. Io non dimentico nulla.
State molto attenti… Non è un consiglio, è proprio una minaccia.
c) Metro di misura delle opinioni e strumento di informazione
d) Vaffanculo!

Imparzialità:
a) Il Blog del capo politico.
b) Il Capo ha sempre ragione.
c) non esiste, ma ci si può sforzare di essere obiettivi.
d) Vaffanculo!

Cancro é:
a) Un’invenzione delle lobbies farmaceutiche: si cura con urina e aloe, aspirina e dicloroacetato, e soprattutto… eiaculare 21 volte al mese.
b) Un segno zodiacale
c) Una forma tumorale
d) Vaffanculo!

Minacce globali sono:
a) Microchip segretamente impiantati nel cervello per il controllo a distanza.
b) Le scie chimiche
c) I milioni di fanatici imbecilli, che credono ad ogni boiata.
d) Vaffanculo!

Star Wars Deleted Scene 6 Beetle Volfswagon

GIANT DORK Profilo A.
Abile e arruolato!
Sei pronto per l’interconnessione col magico reame di Gaia ed un Grillo per amico, contro la tirannia dei “poteri forti” e degli uomini malvagi della “casta”.
Il mondo così come crediamo di conoscerlo è in realtà una dittatura occulta, segretamente dominata dalla regia globale degli Illuminati. Ma sotto la guida di “Beppe”, diventerai uno jedi del wired e potrai finalmente combattere il lato oscuro della forza, respingendo l’invasione degli agenti rettiliani che si celano dietro al Bilderberg ed alla Trilateral.
Peccato però! Se ti iscrivevi al blog del Capo politico prima del Capodanno 2011, magari potevi vincere un fantastico seggio in parlamento. In compenso, potrai acquistare a prezzi scontati i meravigliosi gadget ed i dvd con le ispirate immagini del Maestro Grullo.

Ultimatum alla Terra Profilo B.
Sei un purista della tradizione.
Nonostante una certa affinità ideale, continui a diffidare delle imitazioni… Non c’è niente di meglio del vecchio complotto demo-pluto-giudaico-massonico: il solo che sia unico e originale!
Eppoi, una simile compagnia di citrulli tanto svitati è troppo da sopportare pure per te.

MISFITS 4 - Rabbit Profilo C.
Sei sicuramente un troll infiltrato dalla Ka$ta e pagato dai partiti.
Morto-zombie-che-cammina-pd-meno-elle sei vecchio! Sei finito!
E presto verrai spazzato via dallo tsunami della riVoluzione che avanza.

MILF Profilo D.
Complimenti! Sei un vero coglione.
Certificato a 5 stelle

Homepage

Annunci

22 Risposte to “MAL DI TEST”

  1. Anonimo Says:

    :D Troppo forte!

  2. stavo giusto per chiederti l’elenco delle balle pseudo-scientifiche dello psicogrullo (più dementi come bernini) :-)
    cmq complimenti anche per le immagini!

    • A proposito di balle pseudo-scientifiche…
      Molta attenzione ha attirato un pirla d’eccezione come Paolo Bernini: “sono vegano, disiscritto dalla Chiesa cattolica, e ho scoperto la politica guardando Zeitgeist“.
      E io grazie a lui ho ripreso a mangiare la carne con gusto e per sfregio.
      Tuttavia, ingiustamente sottovalutato, andrebbe assolutamente ricordato Matteo Dall’Osso
      Dall’Osso è quello che in campagna elettorale raccomandava
      di ciucciare la matita copiativa contro i brogli.
      E se c’erano i brogli, coglioni simili entravano in parlamento?!?
      Soprattutto, è lo stesso che poverino si impappinava a leggere durante il “costruzionismo” alla Camera, suscitando qualche risatina nel resto dell’emiciclo, e provocando l’indignazione furiosa di quel maestro di bon ton del Capo-Grullo, il quale ne ha subito sventolato ai quattro venti la malattia (SLA) in furbesca esibizione commiserazionista, rimbalzata dalla sua claque di replicanti isterici.

      Lezioni di stile

      Ma non era guarito?
      Beppone ne parlava entusiasticamente QUI, riportando:

      il caso straordinario di Matteo Dall’Osso guarito dalla sclerosi multipla grazie a cure dovute a ricerche personali (!)

      Solo la “scienza ufficiale”, venduta alle case farmaceutiche e fatta di gente come “Cancronesi” o “vecchie puttane” (un premio Nobel), poteva ignorare le competenze di un siffatto autodidatta [QUI]

      L’impossibile è possibile. Vinciamo noi!
      Matteo Dall’Osso ha vinto la sclerosi multipla, non si è mai arreso. Solo chi si arrende può essere sconfitto. Chi volesse contattarlo per chiedergli aiuto o un consiglio può farlo attraverso il suo forum
      .”

      E del resto lo stesso Dall’Osso confermava il miracolo della nuova scienza in versione pentastellata:

      Caro Beppe, mi chiamo Matteo Dall’Osso, oggi ho 31 anni, quando ne avevo 19 mi diagnosticarono malato di sclerosi multipla, poi diventata secondariamente progressiva (una malattia che non lascia scampo), ero arrivato a non muovere più le gambe (ero su una sedia a rotelle), non muovevo una mano, non vedevo più da un occhio e non riuscivo più nemmeno a parlare e ora è tutto un brutto ricordo che nemmeno quando avevo 15 anni stavo così bene! Lo so sembra uno spot pubblicitario, ma è davvero tutto vero!

      Talmente vero, che adesso scopriamo che non si può pronunciare invano il nome del miracolato, né ridere della sua incontenibile minchioneria perché, per l’appunto, gravemente malato di SLA.
      Oh mon dieu!

      P.S. La scelta delle immagini per l’impaginazione è la parte che mi diverte di più..:)

      • Marco B. Says:

        Ottimo il post, e anche il blog, però una precisazione: la sclerosi multipla che Dall’Osso (dice) di avere è una cosa diversa dalla SLA che gli avete (un po’ arbitrariamente) attribuito.

  3. Io di Dall’Osso te ne parlai in tempi non sospetti, prima delle elezioni, in risposta ad un tuo post ;).
    Comunque la sclerosi multipla (SM) è un’altra malattia rispetto alla sclerosi laterale amiotrofica (SLA). E Dall’Osso non ha la SM, né la SLA, ma un’altra cosa.

    • Molto modestamente della SLA (la “stronza”) e della SM so molto poco… E me ne scuso. Infatti non mi cimento mai in cure alternative, improvvisando su cose che non conosco. Per questo mi affido sempre ai medici.
      Chiedo venia per il mio (grave) errore, nell’aver sovrapposto le due malattie.

  4. Il Ribelle Says:

    Amico mio, non mi sono dimenticato di te…solo che sono stato molto tempo in lavoro in trasferta, senza connessioni Internet, e poi sono arrivate le agognate ferie…e poi a volte il tempo è tiranno ( e leggere i tuoi post richiede tempo e concentrazione!). Se non mi senti per mesi…è solo il periodo. Ma appena posso corro sul tuo blog è sempre un piacere leggerti.

    Sei in gran forma non c’è che dire…giusto una considerazione sul Grullismo Scientifico: Ho notato una certa affinità tra gli ensiferi e i cazzari della scienza, cioè quelli che quando gli fai un discorso dove necessità un minimo di background scientifico, storcono il naso e ti dicono che sono tutte cazzate e che la verità è la loro…Mi ricordo personaggi che credevano al moto perpetuo o ai telefonini che venivano spiati senza la batteria! Robe da far ridere un bambino di 8 anni normodotati.

    • Ovviamente, sei assolutamente ‘scusato’ per i tuoi silenzi… E di certo non devi fornirmi alcuna giustificazione. Naturalmente, il tuo ritorno è assolutamente gradito..:)
      Avendo una formazione prevalentemente umanistica, sono poco ferrato in ambito scientifico, ad eccezione di qualche infarinatura superficiale… Perciò, di solito, su determinati temi sto zitto e preferibilmente ascolto. Però che diamine! Credere che un telefonino possa essere intercettato pure senza batteria è troppo!
      :) Ma questi non li vedono i film con la saga di Jason Bourne?!?

      • Il Ribelle Says:

        “Avendo una formazione prevalentemente umanistica”

        Ottimo, vuol dire che siamo complementari :-)

        “Però che diamine! Credere che un telefonino possa essere intercettato pure senza batteria è troppo!”

        Perchè non sai quella dei computer (senza schede wireless) spiati con il cavo di rete staccato. E lo ho sentito pure dire da gente che lavora con i computer!! Robe da far cadere i capelli ad un calvo…

        Non so come mai alla fine tutti ‘sti genii, gira che ti rigira, sono convinti del complotto giudaico-pluto-massonico.

        Perchè per ogni computer al mondo, dovete sapere, c’è un negro nascosto dentro pilotato da un ebreo…

      • Il Ribelle Says:

        “Ma questi non li vedono i film con la saga di Jason Bourne?!?”

        Adoro i tuoi riferimenti al cinema…

        A parte la cosa carina che si vedono diverse città importanti e capitali con un ottima fotografia ed una regia tecnicamente valida (con un ottimo Matt Damon), la saga mi ha molto ma molto deluso, troppo americanata!!!

        Che ne pensi?

  5. Il Ribelle Says:

    “soprattutto non appiattita su quello sciovinismo becero che in gran parte sembra contraddistinguere il grosso del cinema USA.”

    Mamma mia…mamma mia…quanto hai ragione….il cinema americano ha subito un crollo verticale di qualità dal nuovo millennio in poi…ma come mai?

    Se penso ai tanti capolavori del cinema americano del passato mi viene la tristezza…

    • Disimpegno assoluto ed instupidimento generale…
      La parola d’ordine è: NON PENSARE. Da qui una carrellata di prodotti fotocopia con sceneggiature riciclate in serie, studiate per blockbuster di massa: serialità, ripetitività, trame stereotipate, overdose di effetti speciali ed esplosioni, e soprattutto nessuna innovazione.. nessuna innovazione.. nessuna novità.. massimamente costruiti a tavolino come prodotti per “tutta la famiglia” e di più largo consumo possibile. Perciò, niente deve turbare lo spettatore medio, fornendogli qualcosa di originale o impegnativo e dunque di rischioso ai fini di ritorno sui soldini investiti dalla produzione.
      Gli ultimi film sparati in circolazione hanno trame indegne per maggiori di 15 anni, mediamente senzienti. Il problema è un pubblico di bambinoni, oramai indistinguibili dai loro pargoli: vestono come dei bambini, si comportano come tali, e ragionano pure alla stessa maniera.

      Non che il cinema europeo se la passi poi meglio… E meno che mai quello italiano, che quando vuole fare “l’impegnato” propone al posto delle solite commediole quelle insopportabili storie intimistiche, tutte basate su interni domestici, corna vissute, coppie in crisi e drammi familiari, l’immancabile amore omosessuale o inter-etnico (che fa tanto politicamente corretto), neo-quarantenni borghesi in cerca del “senso della vita”, o neo-trentenni sfigati, per trame piene di pretese e nessuna sostanza.
      Insomma, un disastro!
      Sia mai che vengano realizzati film sul famigerato “conflitto” (fuori dagli stereotipi), o di più ampio respiro sociale… meno che mai “film di denuncia”.
      Ovviamente ci sono le debite eccezioni: Paolo Sorrentino su tutti. Ma in massima parte è una tragedia… lo specchio dei tempi.

      • Il Ribelle Says:

        “Disimpegno assoluto ed instupidimento generale…
        La parola d’ordine è: NON PENSARE. Da qui una carrellata di prodotti fotocopia con sceneggiature riciclate in serie, studiate per blockbuster di massa: serialità, ripetitività, trame stereotipate, overdose di effetti speciali ed esplosioni, e soprattutto nessuna innovazione.. nessuna innovazione.. nessuna novità.. massimamente costruiti a tavolino come prodotti per “tutta la famiglia” e di più largo consumo possibile. Perciò, niente deve turbare lo spettatore medio, fornendogli qualcosa di originale o impegnativo e dunque di rischioso ai fini di ritorno sui soldini investiti dalla produzione.
        Gli ultimi film sparati in circolazione hanno trame indegne per maggiori di 15 anni, mediamente senzienti. Il problema è un pubblico di bambinoni, oramai indistinguibili dai loro pargoli: vestono come dei bambini, si comportano come tali, e ragionano pure alla stessa maniera.”

        Condivido al 100% quello che hai scritto.

        “E meno che mai quello italiano, che quando vuole fare “l’impegnato” propone al posto delle solite commediole quelle insopportabili storie intimistiche, tutte basate su interni domestici, corna vissute, coppie in crisi e drammi familiari, l’immancabile amore omosessuale o inter-etnico (che fa tanto politicamente corretto), neo-quarantenni borghesi in cerca del “senso della vita”, o neo-trentenni sfigati, per trame piene di pretese e nessuna sostanza.
        Insomma, un disastro!”

        Qui non la vedo così negativa. Luci e ombre sul cimena italiano (forse dal mio punto di vista più luci…se paragonato con gli ultimi 10-15 anni del cinema US) degli ultimi 10-15 anni, ma qualcosa di positivo lo ho trovato (conosci Marina Spada?)

        Se posso chiedere…ti è rimasto indigesto Ozpetek?

        “Sia mai che vengano realizzati film sul famigerato “conflitto” (fuori dagli stereotipi), o di più ampio respiro sociale… meno che mai “film di denuncia””.

        Pero se penso a film come “A casa mia” o “Piazza delle Cinque Lune” o anche tanti altri, forse più di un regista si occupa di tale tipologia di film.

        “Ovviamente ci sono le debite eccezioni: Paolo Sorrentino su tutti”

        Mi sembra chiaro che su questo dovevano essere per forza d’accordo :-)

        Sorrentino è un vero genio.

  6. Il Ribelle Says:

    Errata-Corrige:

    Il Film di Francesca Comencini è “A Casa Nostra” non “A Casa Mia”

    Dato che ci sono…conosci Giuseppe Piccioni?
    Non male secondo me…ottimo il suo “Giulia non Esce la Sera”

  7. A prescindere dalla complessità narrativa, dalla bravura dei personaggi, dagli apprezzamenti della critica… è tanto la cornice quanto l’insieme della trama che non mi conquista (e che più spesso mi annoia a morte).
    Ovviamente sono opinioni molto personali e quindi lasciano davvero il tempo che trovano. In fondo è solo una questione di gusti…
    Per dire, per inclinazione personale, io mi commuovo con “Sacco e Vanzetti”, mi esalto con “Fight Club”, e raggiungo corde poetiche con “L’Odio”.
    Quindi non sono nelle condizioni di apprezzare opere come “Giulia non esce la sera”, dimostrando tutta la mia ignoranza nel non conoscere Marina Spada.
    Per il resto, boicotto allegramente i film italiani sul terrorismo, specialmente se caratterizzati dalle loro tesi diversive e “verità” alternative, mentre si prendono terribilmente sul serio.

    A proposito di “questioni generazionali” e “conflitto”, per me film come “La Guerra degli Antò” oppure “Tutti giù per terra”, sono assai più evocativi di tante pretenziose produzioni osannate dalla critica.

  8. Il Ribelle Says:

    “io mi commuovo con “Sacco e Vanzetti”, mi esalto con “Fight Club”, e raggiungo corde poetiche con “L’Odio”.”

    E anche su questo non posso che condividere le stesse tue emozioni.

    “Per il resto, boicotto allegramente i film italiani sul terrorismo, specialmente se caratterizzati dalle loro tesi diversive e “verità” alternative, mentre si prendono terribilmente sul serio.”

    Però film come “Romanzo di una strage” come si fa a non prenderlo sul serio? La ricostruzione storica è affidabile….

    Su “piazza delle cinque lune” la questione, condivio con te è più complessa. Le infiltrazioni di Gladio nelle BR non sono dimostrate ma si hanno forti sospetti che ci siano state…mamma mia che tema complesso…forse sto andando un pò troppo fuori tema.

    Ma noi siamo così :-)… ..partiamo da Grillo ed arriviamo ai fascisti(guarda caso) ed alla Gladio…passando per il cinema…

    • “Romanzo di una strage” è forse il peggior film mai realizzato da Marco Tullio Giordana (il regista dei “100 passi” e “Pasolini, un delitto italiano” deve essere sicuramente un omonimo!). Si tratta di un’opera mistificatoria, a tratti infame, in sostanza spalmata acriticamente sulle congetture, ai limiti del surrealismo, di Paolo Cucchiarelli.
      La ricostruzione storica è assolutamente inaffidabile… come è stato riconosciuto da molti, è un film pavido e cialtronesco, che demistifica la realtà [QUI], costruito com’è per non urtare la suscettibilità istituzionale, in una cornice politicamente corretta che sembra quasi prefigurare la concordia ordinum delle “larghe intese”. D’altronde Giordana non ha l’intenzione né il coraggio di sturbare i sacri altarini di alcuni dei principali protagonisti (in negativo), promossi ad icone nazionali; su tutti: Moro e Calabresi. Dunque dagli agli anarchici! Bersaglio facilissimo perché non crea problemi. Tanto sono quasi estinti, e nessuno se ne risentirà. Soprattutto, chi vuoi che vada ad approfondire più le circostanze della morte di Pinelli: precipitato da una finestra lasciata spalancata nel gelido inverno milanese, per “malore attivo” (dopo un fermo ed un interrogatorio illegale) secondo l’eccezionale trovata semantica del giudice D’Ambrosio.
      Il film di Giordana non è una ricostruzione, ma appunto un “romanzo”. Peraltro pessimo.

      Per un’analisi approfondita e strutturata, in questo articolo [QUI] il film con le sue tesi vengono passate a setaccio e demolite con cognizione di causa. I link segnalati valgono assolutamente la lettura.

  9. Il Ribelle Says:

    La recensione di Girolamo de Michele è ammiccante, menzognera, pavida, vigliacca, politicamente corretta, e cialtronesca. Penso di tutte le recensione da me lette questa è senz’altro una delle peggiori. Fa a gara con le scadenti recensioni che si possono trovare sul “Libero” o “il Giornale” quando il film proposto “puzza un pò troppo di sinistra”. Critiche a prescindere senza entrare nel merito, sulla scelta delle facce degli attori per esempio. Se il film avesse avuto come trama un Calabresi come spietato assassino, un Aldo Moro che piazzava la bomba, con gli impavidi Anarchici che provvedevano a
    disinnescarla, il nostro amico recensore avrebbe osannato il film come il migliore di tutti i tempi…mai parlare degli anarchici senza prima pulirsi la bocca!

    Gli anarchici appaiono come ingenui e manipolabili seppur innocenti e Calabresi sembra una brava persona, forse è questa la parte che più disturba De Michele. Forse meglio fascista che commissario di polizia? Se venivano assolti i fascisti e condannato lo Stato cattivone e tutte le istituzioni a prescindere il film sarebbe stato un capolavoro?

    Di tutt’altra fattura la recensione di “Baro” e Ferrari. Analisi lucida, senza pregiudizi, analizzando i dati e le tesi e confutando nel merito quallo che non convince i recensori. Il punto controverso è ovviamente la tesi della “doppia bomba”. Non avevo dato tanto peso alla questione, ma i recensori mi hanno
    fornito dei dettagli aggiuntivi che non conoscevo, e degli aspetti interessanti. Non credo che ci siano state due Bombe, come non lo credono i recensori.

    La ricostruzione storica del film non è sicuramente rigorosa (E’ un film non un documentario) ma non altera i fatti nella sostanza.
    Poi i due si soffermano su aspetti del libro di Cucchiarelli, che non posso commentare perchè non ho letto il libro ma ho solo visto il film.

    Io tutto questo accanimento nei confronti degli anarchici non lo ho nè visto nè avvertito. La storia della due bombe la avevo vista nella chiave di lettura del tipo: Gli Anarchici mettono i petardi, I fascisti le Bombe che ammazzano la gente. A me è sembrata in modo chiaro una assoluzione nei confronti degli
    anarchici e una condanna chiara e definitiva nei confronti dei fascisti. Anche la scelta stessa degli attori va in questa direzione, Pinelli e Calabresi appaiono come due buoni padri di Famiglia, Freda appare come il diavolo.

    Forse la parte politicamente corretta è proprio la raffigurazione di Calabresi e Pinelli, un tentativo di rappacificazione tra le istituzioni buone e gli Anarchici, i due ne escono completamente assolti e vittime del complotto della parte deviata dello Stato con la complicità dei fascisti.

    Il Film ha sicuramente una chiave di lettura personalizzata, ma non altera la realtà dei fatti, nè insinua un revisionismo becero: La bomba stragista fu messa dai fascisti, punto e basta, non ci sono altre interpretazioni. Quello che può essere stato alterato è la raffigurazione dei personaggi, ma questo fa parte delle scelte del regista ed è giusto che sia così.

    • “La bomba stragista fu messa dai fascisti, punto e basta, non ci sono altre interpretazioni.”

      Appunto. Parlare di doppia bomba per una strage in ‘copycat’ è una mistificazione. Peraltro piuttosto grossolana. Dopo 40 anni di depistaggi, insabbiamenti, manipolazioni, davvero non si sentiva la necessità di intorbidire ulteriormente le acque (peraltro già torbidissime), inventando di sana pianta un ‘teorema’ del tutto fantastico per discutibili licenze di copione.
      E questo la realtà dei fatti la altera eccome, specialmente se poi una parte considerevole del pubblico non ha la pazienza e il tempo di approfondire la vicenda storica oltre la fiction romanzata di un film, prendendo per buone le “verità” di Giordana.

      D’altronde, l’ipotesi di un atto dimostrativo degli ‘anarchici’ (ovvero il c.d. “Gruppo 22 Marzo” composto da sprovveduti ventenni e pesantemente infiltrato da provocatori neo-fascisti a libro paga di SID, CC, e PS di cui solo un mitomane esaltato come Valpreda alla tenera età di 38 anni non s’era reso conto!) perfettamente sincronizzato su attentati in simultanea a Roma e Milano, ai quali si sovrappone il piano stragista-eversivo con doppi borsoni esplosivi e doppi timer, costituisce un’invenzione talmente assurda che non fu mai presa nemmeno in considerazione nelle infinite istruttorie o dai sedicenti organi di sicurezza che, lungi dall’essere “deviati”, erano più che altro collaterali allo stragismo.

      E le scelte del regista, pur liberissime, non possono prescindere dalla “realtà dei fatti” a tal punto da inventarsene di nuovi. Altrimenti si parla di un’altra cosa e non della Strage di Milano del 12/12/1969.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: