Aggiungi un posto a tavola, che c’è un amico in più…

Cavare qualcosa di buono da Gianni Alemanno e dai suoi manipoli che bivaccano in Campidoglio è come rimestare in una latrina ricolma, nell’illusione di poter trovare un anello d’oro.
 In compenso, sfogliare l’inesauribile catalogo assunzioni della giunta fascistissima del podestà barese a Roma è un po’ come compilare un’enciclopedia aggiornata dell’eversione nera, incistata sul peggior clientelismo di matrice democristiana.
L’ultimo miracolato dell’infinita serie, giunto tardivamente all’attenzione delle cronache nazionali, è Maurizio Lattarulo: estremista neo-fascista, con un curriculum criminale maturato all’ombra dei NAR e della Banda della Magliana.
Nato a Roma il 26/09/1960, Lattarulo aveva già conquistato gli onori della ribalta (giudiziaria) nell’istruttoria del giudice Otello Lupacchini contro i componenti della Banda della Magliana e condannato in via definitiva il 6 Ottobre del 2000.
La cosiddetta Banda della Magliana è una litigiosa confederazione di ‘batterie’ della mala capitolina, che (caso unico) diventerà la più grande organizzazione della criminalità romana, invischiata in alcune delle trame più oscure della storia nazionale, con solide ramificazioni nell’eversione neofascista.
Si legge nell’Ordinanza del giudice Lupacchini:

«Fin dai primi anni settanta, infatti, questo gruppo della criminalità organizzata romana, comprende la lucratività potenzialmente enorme del “prestito a strozzo”, soprattutto se esercitato verso proprietari o titolari di attività commerciali o piccole e medie società e che, comunque, permette di ricapitalizzare gli introiti derivanti dal traffico di stupefacenti, all’epoca nella fase iniziale dell’espansione in progressione geometrica successiva.
[…] Richiamata la ricostruzione della fattispecie incriminatrice cristallizzata nell’art. 416 bis c.p. è di tutta evidenza che l’associazione mafiosa, della quale tale norma fornisce il paradigma, possa disporre di strutture più o meno articolate e di un esercito più o meno ampio di aguzzini, spie, gabellieri, sicari, falsari, carnefici, carcerieri, flagellatori, necrofori, trafficanti, usurai, bottegai, mezzani, sensali, tirapiedi, reggicoda, prestanome, cerusici e casuisti, sicché non è detto – anzi secondo l’id quod plerumque accidit è proprio il contrario – che per far parte dell’associazione mafiosa tutti i sodali debbano, ad un tempo, assolvere al ruolo di aguzzini, spie, gabellieri, sicari, falsari, carnefici, carcerieri, flagellatori, necrofori, trafficanti, usurai, bottegai, mezzani, sensali, tirapiedi, reggicoda, prestanome, cerusici e casuisti, dal momento che proprio la diversificazione dei ruoli costituisce la prima garanzia di impermeabilità dell’organizzazione e, dunque, della sua sostanziale impunità.»

Maurizio Lattarulo, detto ‘Provolino’, gravita nel gruppo dei ‘Testaccini’: la frangia che, dalla sua base originaria del Testaccio, fa capo ad Enrico De Pedis (detto Renatino), invischiato nel sequestro mai chiarito di Emanuela Orlandi.

Al contrario di quanto si crede, nell’organigramma della Bandaccia, Maurizio Lattarulo è uno spiccia-faccende, che gravita nell’orbita di Ettore Maragnoli e del ben più temibile Massimo Carminati: anello di congiunzione tra la criminalità romana ed i gruppi eversivi di estrema destra, che gravitano attorno ai NAR di Giusva Fioravanti e Francesca Mambro.

Sostanzialmente, Lattarulo è il “prestanome e tirapiedi del Maragnoli, al quale faceva anche d’autista, e dello stesso Carminati” per conto dei quali gestisce il controllo del gioco d’azzardo, recupera i crediti nell’ambito delle attività di usura che reinveste insieme ai proventi dello spaccio d’eroina.

«Nell’attività del “prestito a strozzo” punti di riferimento importanti della “banda” erano anche Terenzio VANNI, il quale aveva un magazzino di liquori nei pressi di Viale Marconi; i fratelli Tiberio e Roberto SIMMI, proprietari del ristorante “la Cisterna” e di una gioielleria nei pressi del Ministero di Grazia e Giustizia, nella zona di Campo dei Fiori; nonché Santino DUCI… tutti con trascorsi di usurai e ricettatori.»

Al contempo, contando su una rete di gioiellerie compiacenti e oreficerie dove si effettua l’attività di compravendita di oro e preziosi, Maurizio Lattarulo ricicla in proprio oggetti preziosi rapinati nel napoletano, dei quali viene opportunamente rifornito da un tal Ciro Maresca, camorrista di Castellamare di Stabia. E d’altra parte Lattarulo è un assiduo frequentatore delle gioiellerie dei fratelli Simmi, in particolare del negozio di Roberto Simmi.
Secondo un’informativa di Polizia (che trovate citata su… Il Giornale):

«Roberto Simmi è il fratello del più noto Tiberio, più volte visto in compagnia di Enrico De Pedis. Tiberio, con il figlio Alessio, gestisce un negozio di oreficeria assiduamente frequentato da Maurizio Lattarulo. Presso il negozio di Piazza del Monte, invece, è stata rilevata anche la presenza di Antonio Mancini e di Raffaele Pernasetti. Inoltre dall’intercettazione telefonica ancora in corso si è potuto stabilire che il negozio è stato, per un periodo di tempo, frequentato dal famoso faccendiere Ernesto Diotallevi inquisito unitamente ai noti Francesco Pazienza, Flavio Carboni altri pregiudicati della vecchia Banda della Magliana per le vicende del crack del banco Ambrosiano e per l’attentato al vicedirettore Roberto Rosone, durante il quale viene ucciso uno degli attentatori, Danilo Abbruciati. Nelle attività dei fratelli Simmi investiva Franco Giuseppucci il quale ricettava titoli di credito e polizze e, per conto terzi, riciclava denaro sporco presso gli ippodromi e le sale corse.»

Antonio Mancini (l’Accattone), nell’ambito della Bandaccia, è legato al gruppo Ostia-Acilia; inoltre, è in affari con Gianfranco Urbani (er Pantera), che vanta nella sua sfera di controllo, anche i quartieri del Tufello e San Basilio. Er Pantera, a Roma, è stato il referente delle ‘ndrine calabresi. Francesco Pazienza e Flavio Carboni sono due “faccendieri” che gravitano nell’orbita dei servizi segreti. Entrambi affiliati alla P2 di Licio Gelli, vengono coinvolti a vario titolo nel crack del Banco Ambrosiano e nelle trame di Michele Sindona, collegate a loro volta all’omicidio-suicidio di Roberto Calvi a Londra e all’assassinio di Giorgio Ambrosoli (l’onesto commissario liquidatore della banca).
I fratelli Simmi, nonostante le inchieste che li riguardano, verranno poi prosciolti nel 1993 dalle accuse di ricettazione ed usura. Tuttavia, nell’impressionante ondata di omicidi che ha funestato la città di Roma tra il 2011 ed il 2012, quello dei Simmi è un nome prepotentemente tornato alla ribalta della cronaca nera…
La mattina del 05/07/2011 viene trucidato il 33enne Flavio Simmi nel trafficatissimo Quartiere Prati. L’omicidio (tutt’ora impunito) è opera di un killer professionista che piazza nove proiettili nel corpo della vittima, senza sfiorare la compagna di Simmi che si trova accanto a lui.
Flavio, di professione gioielliere, è il figlio di Roberto Simmi e nipote di Tiberio.

Con Massimo Carminati, invece Lattarulo condivide oltre alle attività criminali una lunga militanza nelle file dell’estrema destra. Entrambi vengono arrestati nell’ottobre del 1982 in merito alle indagini sui NAR. Tuttavia, un primo arresto Lattarulo lo aveva già subito il 28/09/1981, in merito agli scontri di Centocelle durante il primo anniversario della strage di Acca Larentia…

Il 10/01/1979 le squadracce fasciste si muovono in massa, per l’invasione dimostrativa del quartiere ‘rosso’ di Centocelle. Praticamente, c’è tutta la fascisteria romana: dall’ala istituzionale del MSI (Biagio Cacciola, il senatore Michele Marchio, Bartolo Gallitto, Luigi D’Addio) ai gruppi universitari del FUAN, fino ai futuri stragisti dei NAR (Valerio Fioravanti e Dario Pedretti), a Massimo Morsello (tra gli ispiratori di Forza Nuova)… E ci scappa il morto:

«Gli scontri cominciano alle 18.15 con l’assalto alla sezione DC di piazza dei Mirti a colpi di molotov, lanciate dalla testa del corteo, tenuta appunto da “pischelli” con le pistole. Quando arriva la prima volante una cinquantina di giovani in parte con il volto travisato si portano in Viale delle Robinie compiendo atti di devastazione. Un gruppetto di 7-8 militanti rovescia auto. La polizia risponde aprendo il fuoco. Un agente in borghese, Alessio Speranza, uccide il diciassettenne Alberto Giaquinto, colpito alla nuca. Al suo fianco c’è una delle teste pensanti dell’ala radicale del Fuan, Massimo Morsello. E’ stato uno dei protagonisti di Campo Hobbit, presentando le sue canzoni con lo pseudonimo di Massimino.»

Ugo Maria Tassinari
Agenda nera (13)

Con “riserva di accertamento dei requisiti per l’accesso allo stesso“, Maurizio Lattarulo imbocca al Comune di Roma il 23/07/2008, insieme alla calata dei lanzichenecchi neri di Alemanno, rientrando nella prima infornata di vecchi camerati da sistemare a carico pubblico, salvo vedersi prorogato il contratto di ‘consulenza’ (e stipendio raddoppiato a 30.670 euro annui) presso il “Dipartimento per le Politiche delle Risorse umane” (e collocamento politico) dal 01/01/2009 al 31/12/2010. Per meriti sconosciuti ai più, è quindi avanzato di carriera e attualmente risulta in forze nelle staff dell’Assessorato alle Politiche sociali.
Alle polemiche sollevate in merito all’assunzione del fascista cravattaro, Sveva Belviso, la bionda madonnina alle Politiche Sociali, ignorando le virtù del silenzio, ha replicato stizzita:

Innanzitutto preciso che il signor Maurizio Lattarulo per il reato di banda armata legata ai Nar è stato prosciolto in fase istruttoria 20 anni fa e mai, gli è stato imputato alcun reato di usura così come è stato riportato. Quando l’ho conosciuto, all’inizio del mio mandato si è presentato dicendo che aveva avuto problemi con la giustizia, precisamente per un reato associativo generico, e che, a quella data, nessun carico pendente risultava in tribunale e che era iniziato il suo percorso riabilitativo, conclusosi poi nel 2010 con sentenza definitiva di riabilitazione – aggiunge Belviso – Lattarulo quindi, nel 2008, era un cittadino come tanti, nel pieno dei suoi diritti. Proprio per il suo passato, ho pensato potesse rappresentare un esempio concreto di persona riabilitata alla quale dare un’occasione nuova di vita. Possibilità quest’ultima, fra l’altro contenuta nelle competenze dirette dell’assessorato alle Politiche sociali previste dalla Legge 381 del 1981, dedicata proprio al reinserimento lavorativo di detenuti, tossicodipendenti ed ex detenuti.
[…] Lattarulo ha poi lasciato spontaneamente l’assessorato nel 2010, dicendo che aveva trovato una soluzione lavorativa più stabile.

Infatti gli era scaduto il contratto, prontamente rinnovato.
Sulla genuinità del provvedimento, si è pronunciato anche il sedicente “Garante per i detenuti”, un perfetto carneade del quale è superfluo ricordare perfino il nome, data la pletorica inutilità della carica, aggravata dall’esborso degli emolumenti per il mantenimento del vaporoso incarico.

Vista la selezione dei figuri in Campidoglio, ci pare quasi di immaginare la valutazione:

Candidato: Che m’assumete?!?
Esaminatrice: Quali sono i suoi requisiti?
Candidato: So’ fascista! C’ho pure l’abbonamento alla Lazio!!
Esaminatrice: Ottimo. Ha carichi pendenti?
Candidato: E che vor dì?!?
Esaminatrice: Voglio dire… ha precedenti penali?
Candidato: Una volta m’hanno fermato perché giravo col motorino senza casco… Ah! Allo stadio ho mandato affanculo ‘na guardia!
Esaminatrice: Mi spiace, ma non basta.
Candidato: ?!?!?
Esaminatrice: Tentato omicidio? Ricettazione? Spaccio? Riciclaggio di capitali illeciti? Associazione a delinquere? Banda armata?
Candidato: No, al massimo me so’ fumato ‘na canna a Ostia Lido co’ li amici..
Esaminatrice: Ah no! Noi su questo proprio non transigiamo. Siamo inflessibili!
Candidato: Mhmm… C’ho ‘na svastica tatuata sulla chiappa destra…
Esaminatrice: È un buon inizio, ma purtroppo non è sufficiente. Avanti un altro!

Homepage

Advertisements

7 Risposte to “Aggiungi un posto a tavola, che c’è un amico in più…”

  1. Il Ribelle Says:

    Quando ero piccolo il fascismo mi è stato sempre presentato (non dai miei genitori che per fortuna sono brave persone) che l’idillio dell’ordine, del rispetto delle regole e della mancanza o quasi di criminalità. Crescendo man mano che conoscevo persone che si definivano “fasciste” nella mia mente cominciava a prendere forma un pensiero del tipo:”ma a me questi fascisti più che detentori dell’ordine mi sembrano avanzi di galera”. In effetti tutte le volte che li conoscevo rischiavo di prendere le botte non si sa per quale motivo:”QUI NUN CE DEVI DA STA, E ZONA MIA”. Obiettando che si trattava di un parco pubblico, (“pubblico”??? per un fascista non esiste questa parola…) per non tornare a casa con le ossa rotte me ne dovevo andare, avevo 12 anni ed ero buono e ingenuo, non capivo perchè queste brave persone rispettose delle regole mi trattavano così…”sarà colpa mia” pensavo. Poi sono cresciuto. Ho cominciato ad informarmi perchè quello che i fascisti dicevano non mi convinceva…e lì ho cominciato a capire. Più studiavo più conoscevo fascisti e più capivo…
    Oggi oramai adulto ho raggiunto la mia idea razionale e moderata senza faziosità riguardo ai Fascisti (o neo fascisti…coem volete voi):
    Sono un branco di delinquenti di stampo mafioso, non esistevo per loro delle regole comuni, esistono le loro regole/leggi che tu sei tenuto a rispettare pena il linciaggio. Non esiste per loro la democrazia esiste “il capo” che comanda e decide per tutti. Non c’è il rispetto per chi non è fascista, se attraversi la strada e rischi di essere messo sotto quando passano con il SUV non puoi dire niente altrimenti se ti lamenti ti sparano con la loro pistola. A scuola mandano dei piccoli fascisti/bulli violenti e arroganti come pochi (ho esperiuenze dirette) dove la maestra deve abbozzare se non vuole rischiare la pelle. Loro devono comandare perchè sono superiori, si meritano i posti di lavoro migliori e manageriali, quale requisito? essere fascista e (che presuppone essere delinquente quindi le due cose sono legate). Se studi se sei bravo ti devono ditruggere altrimenti viene fuori al loro mediocrità. Hanno un razzismo profondo che mostra tutta la loro mediocrità mentale come paura del diverso. Non sono in grado di comunicare ma solo di insultare ostentando la loro forza fisica, pensano di dominare il mondo con la loro violenza (violenza intendo tutto anche strozzinaggio).
    Domanda:
    Che differenza c’è tra i fascisti i mafiosi e le bande organizzate?

    • …’Mafiosi’ e ‘bande organizzate’ sono “associazioni a delinquere”, entrambe punite ai sensi dell’art 416 del c.p.
      Le associazioni mafiose possono contemplare anche attività lecite. E per questo esiste il 416bis.
      Il ‘fascista’, anche se solitamente si muove in branco, non necessariamente costituisce un’associazione e non tutte le sue attività sono illecite.

      «Il fascismo si radica nel sottosuolo italiano, esprime i vizi profondi, le debolezze latenti, le miserie del nostro popolo, del nostro intero popolo.
      […] In una certa misura il fascismo è stato l’autobiografia di una nazione che rinuncia alla lotta politica, che ha il culto della unanimità, che fugge l’eresia, che sogna il trionfo del facile, della fiducia, dell’entusiasmo. Lottare contro il fascismo non significa dunque lottare solo contro una reazione di classe feroce e cieca, ma anche contro una certa mentalità, una sensibilità, contro delle tradizioni che sono patrimonio, purtroppo inconsapevole, di larghe correnti popolari

      Carlo Rosselli
      “Socialismo liberale” (1930)

      • Copio e incollo su fb il brano di Carlo Rosselli e spedisco il suo articolo, illuminante e preciso, a qualche mio dirigente, che pensa ancora che facciamo un lavoro statale normale, mentre siamo entrati nella tana dei lupi, con mani e piedi legati, agnelli sacrificali di uno Stato che non può permettersi di controllare nessuna attività in modo serio, perchè è lui stesso controllato se non indirizzato dalla criminalità organizzata. Mi permetto di non essere più precisa in pubblico, se vuole, sulla e-mail privata che credo lei conosca glielo dico. Ho bisogno di chiarirmi alcune idee che mi frullano per la testa e forse lei mi può aiutare. La ringrazio in anticipo.

      • Il Ribelle Says:

        Bellissimo il passaggio ri Rosselli. Esprime in poche parole quello che mi sento dentro da tempo. Più vado avanti più scavo nel profondo del mio popolo e più scopro che questa realtà torbida è sempre più presente sempre più forte, feroce e senz scrupoli. Ricorda (da quanto raccontano gli storici ovviamente non la ho vissuta) una situazione pre-nazismo in Germania, bene espressa da alcuni film di Fritz Lang, inquietanti e torbidi. Lang aveva previsto tutto se lo sentiva lo respirava giorno per giorno, che aumentava sempre di più sempre di più…

  2. “..una situazione pre-nazismo in Germania, bene espressa da alcuni film di Fritz Lang..”

    “Metropolis”, del quale non ho apprezzato il finale conciliante.
    “M – Il mostro di Düsseldorf”, in cui è emblematico, attraverso il monologo finale, constatare quanto le teorie ‘genetiste’ avessero preso corpo nella Germania di Weimar, pure in ambienti per nulla permeabili al nazismo.
    Se mi perdoni l’auto-citazionismo, la citazione di Carlo Rosselli la puoi leggere per intero QUI.
    Il “fascismo come autobiografia di una nazione” è un concetto elaborato da Piero Gobetti in “La rivoluzione liberale. Saggio sulla lotta politica in Italia” (1924), riportato nel paragrafo Elogio della Ghigliottina, e successivamente ripreso da Carlo Rosselli.

    In merito invece alle analogie attuali con la Germania pre-nazista, mi permetto di suggerire i seguenti articoli:
    1) La Caduta dei Nani
    2) Merkel United
    3) The Sweet Spirit of Capitalism

    @ LULU’
    :) Naturalmente, conosco la sua e_mail privata. E per sua maggior praticità può scrivermi ed esplicitare ogni sua considerazione, scrivendo direttamente al mio indirizzo:
    fortezza_bastiani@hotmail.com

    • Il Ribelle Says:

      Grazie ottimo materiale. Caspita, è difficile (almeno per me) trovare persone che abbiamo visto i film di Lang, forse Metropolis è più famoso ma “M” sei la prima persona con cui interloquisco che lo ha visto (a parte un mio amico laureato in lettere specializzato in storia del cinema, patito di Lang).
      Domanda secca: che ne pensi dei revisionisti italiani?
      Quale percorso li ha portati ad esprimere teorie del genere?

      • :) Io sono un buon cinefilo, disordinato come tutti gli autodidatti: dal cinema d’autore all’exploitation, fino al cinema in bianco e nero (Luis Buñuel.. David W. Griffith..)

        Cosa penso dei revisionisti italiani?
        Risposta secca: niente di buono. Sono nazisti travestiti.

        E non si confondano nel novero studiosi di prim’ordine, e di assoluto rispetto, come Emilio Gentile o lo stesso Renzo De Felice. Il revisionismo è parte integrale del lavoro dello storico, nella sua ricerca documentale e interpretazione delle fonti. Il ‘revisionista’ manipola quelle stesse fonti a sostegno di una tesi, che intende dimostrare a prescindere, secondo scopi ben precisi che assai poco hanno a che fare con lo studio della Storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: