Amico Italiota

Caro Italiota,
Stai comodo? Perché pensavo di fare due chiacchiere con te…
Innanzitutto, immagino tu sia molto “felice”…E come potrebbe essere altrimenti?!?
Te lo dice la tivvù…
Te lo racconta tutte le sere il TG di Minzolini (ma quello sbaglia pure le date del calendario), prima di addormentarti narrandoti i prodigi nel Paese delle Meraviglie…
Te lo ripete l’amato Silvio, esortandoti all’ottimismo: se non hai i soldi per pagare l’affitto, potrai sempre correre all’happy hour dopo il lavoro (se ce l’hai ancora) e ordinare il solito aperitivo, esibendo il bicipite anabolizzato e nascondendo quanto sei sfigato… Oppure sposare un milionario… O studiare il funzionamento delle pompe idrauliche nei Bunga-Bunga presidenziali.
Devi essere felice; te lo impone la pubblicità. A proposito! Sei pronta per la “prova costume”? Ti senti abbastanza “tamarro”? Siete sessualmente eccitati alla guida della vostra nuova auto parlante? Lo scatolame per il tuo gatto è abbastanza glamour?
Trovi irritante che ti stia trattando come un idiota? Strano! Perché è così che ti rappresentano. E di solito non hai niente da ridire. Perciò, non è con me che devi prendertela.
Eppure, a guardarsi in giro, ultimamente sembra che lo cose non ti vadano più tanto bene…
All’estero ti considerano un povero minchione sempre arrapato: il cretino stravagante da sfottere alle cene; il cugino idiota di cui sparlare. E ancora non si capacitano come puoi farti governare da un fenomeno da baraccone, salvo fornirsi l’unica spiegazione possibile: gli italiani sono idioti.
E dunque caro amico italiota meglio restare a casa… a maggior ragione che negli ultimi tempi non sono più sicuri nemmeno i last minute a Sharm el-Sheik. Tanto a te di Arte e Cultura non te n’è mai fregato un cazzo. Basta vedere come tratti le tue città. Eppoi la Thailandia è lontana, ha un clima di merda, e le prostitute minorenni le trovi pure sul marciapiede sottocasa. Magari non ti rubano il cuore. Sicuramente ti togli lo sfizio con 30 euro e forse conosci pure la nipote di Ceausescu!
Tuttavia, anche da queste parti le tue quotazioni appaiono piuttosto in ribasso…
A sentire il Censis, sembra quasi che tu stia impazzendo: non sai controllare le tue pulsioni; non sai de-contestualizzare gli eventi; sei incapace di elaborare analisi complesse; non riesci a concepire l’esistenza di un bene comune, universalmente condiviso; pensi solamente ad appagare i tuoi desideri… Insomma saresti diventato una specie di psicopatico: un iper-aggressivo che passa il tempo ad ingurgitare anti-depressivi, ingollare alcolici, sniffare cocaina e spendere gli ultimi spiccioli al gioco d’azzardo.
Nella migliore delle ipotesi vieni invece descritto come un sociopatico perennemente connesso a cazzeggiare su facebook, affetto da “un progressivo distacco dalla vita reale, un diradamento delle relazioni concrete a vantaggio di quelle virtuali, con il prevalere di una dimensione quasi esclusiva di autoreferenzialità che preferisce fare a meno del rapporto con l’altro, anche nella sessualità.”
E quando non sei impegnato a taroccare le foto del tuo profilo o a masturbarti davanti ad una webcam, passi il resto del tempo nello shopping compulsivo, in preda ad una “coazione al consumo senza desiderio nell’acquisizione quasi febbrile di oggetti”. Forse il tuo vibratore nuovo?
Ma tu, caro amico italiota, sei veramente così?!? Io non credo. O almeno lo voglio sperare.
Non sei stanco di essere trattato come un pupazzetto obbediente? Di essere sfruttato e umiliato nel basso dei tuoi lavoretti di merda, precari e sottopagati? Di essere fottuto dal mattina alla sera da legioni di cerebrolesi, in fuga con la cassa dai reparti geriatrici? Ti piace così tanto essere eterodiretto e manipolato da politicanti imbarazzanti e da tribuni mediatici?
No?!? E allora comincia da domani, 12 Giugno. Inizia apponendo un piccolo segno su una scheda. Non la solita scheda…
Si decide del tuo futuro:
– Acqua accessibile a tutti.
– Energia sicura e diritto alla salute.
– Legge uguale per tutti.
Non fare come tuo solito. Non te ne fregare come tua abitudine.. Stavolta la storia è diversa… Perché, se è vero che “i politici sono tutti uguali” (e non è sempre così), è anche vero che il referendum da quando esiste è lo strumento più democratico e più odiato dai politici. Non per niente, hanno sempre fatto di tutto per renderlo inefficace: dall’istituzione del quorum, al divieto della funzione propositiva, ai limiti abrogativi.
E’ vero che il referendum è uno strumento imperfetto; è vero che presenta segni di logoramento; è vero che spesso è stato abusato con proposte demenziali. Ma rare volte la “casta” ha mostrato tanta paura, per un quesito referendario e per il legittimo giudizio del tanto evocato “popolo sovrano”. Come sempre, è una questione di “soldi”. I tuoi. Loro ti vogliono come le tre scimmiette: quelle che strepitano, si lamentano, sghignazzano; quelle che nei momenti fondamentali restano mute e cieche e sorde, nel paese immobile dove nulla cambia mai se non in peggio. Dimostra di essere vivo; piantala di lagnarti; lascia l’ignavia agli italioti. E dimostra la differenza con un “italiano”. L’orgoglio non è una parata militare. Non è un inno. L’orgoglio risiede in fatti concreti. Si alimenta di gesti civili.
“Loro” si nutrono della tua delega in bianco e della tua passività rassegnata. Vampiri delle libertà, “Loro” ti succhiano via la speranza corrompendoti l’anima. Si ricordano di te unicamente in campagna elettorale.. e ti blandiscono e ti supplicano per un misero voto.. insistendo sul tuo “dovere civico” di elettore, quando i tuoi diritti di cittadinanza durano il tempo di tracciare un segno su un nome e con una croce finiscono dentro un’urna. E lì restano. Eppure questa volta temono il tuo voto come non mai. Per la prima volta puntano tutto sulla tua astensione.
“Loro” il 12 ed il 13 giugno resteranno a casa.
 Tu vai a votare.

Homepage

Annunci

5 Risposte to “Amico Italiota”

  1. Grande post, man. e grande anche la citazione ad Alack Sinner, temevo di essere uno dei pochi a conoscerlo.

  2. a volte mi chiedo se il destinatario ipotetico del post esista o se sia solo uno stereotipo per scoraggiare noialtri. Invece, mi accorgo che esistono pure persone così.
    Buon referendum a tutti, pensate a me che vorrei troppo votare e non posso x ragioni anagrafiche! Votate anche per me!

  3. @ Umberto
    Grazie per il tuo apprezzamento e per la tua visita.

    @ Annxgonz
    E’ il tuo sito ad essere grandioso: una vera lettura pirotecnica!
    Nella mia biblioteca domestica non poteva certo mancare l’opera di Muñoz e Sampayo..:)

    @ Lady Lindy
    Da dilettante sociologo e smaliziato osservatore, per esperienza diretta e frequentazioni collaterali, potrei portarti una casistica antropologica in grado di turbare persino Frank Miller.
    In giro ci sono persone molto peggiori di quanto vengano descritte… Il mondo è bello perché avariato.

  4. Eh addirittura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: