(26) Cazzata o Stronzata?

Classifica APRILE 2011”

Nell’impazzimento generale, è difficile tenere il passo dinanzi all’inarrestabile crepitare di castronerie, con artiglierie caricate a mitraglia, in evidente abbondanza di munizioni. Ormai è una gara a chi la spara più grossa: riforme e panzane epocali… puttanieri allo sbaraglio… barzellette che neanche nei cessi delle stazioni…  Clamito ergo sum.
Tra un servizietto e uno scherzetto, senza neanche informare il parlamento, siamo entrati perfino in guerra contro l’ex amico Gheddafi, accolto a Roma soltanto pochi mesi fa con tutti gli onori, omaggiato con una accoglienza regale, adulato anche contro ogni evidenza.
La situazione è grave ma non è seria.
L’Italia è famosa per i suoi “giri di valzer” e per la cialtroneria dei suoi governanti. All’estero sanno benissimo chi è il nostro vanaglorioso nano da giardino: una variante idiota di Arlecchino servo di più padroni, ma che si crede furbissimo. Ossequioso con lo Straniero, servile coi potenti, sprezzante coi deboli, come un perfetto piazzista, il nostro imbonitore di governo concede e promette per ingraziarsi l’ospite di turno, impegnando beni non suoi. Del resto si tratta di una antica tradizione nazionale: ansiosi di compiacere il padrone di turno, zelantemente a disposizione. È l’atteggiamento tipico dei deboli e di chi non conta nulla.

  Hit Parade del mese:


01. RINCOGLIONIMENTO DEMOCRATICO

[13 Apr.] «È arrivato in Italia quel momento fatale in cui, se non si arresta il processo e si torna indietro, non resta che correre senza più rimedi né ostacoli verso il precipizio. Come?
Dico subito che mi sembrerebbe incongrua una prova di forza dal basso, per la quale non esistono le condizioni, o, ammesso che esistano, porterebbero a esiti catastrofici. Certo, la pressione della parte sana del paese è una fattore indispensabile del processo, ma, come gli ultimi mesi hanno abbondantemente dimostrato, non sufficiente.
Ciò cui io penso è invece una prova di forza che, con l’autorevolezza e le ragioni inconfutabili che promanano dalla difesa dei capisaldi irrinunciabili del sistema repubblicano, scenda dall’alto, instaura quello che io definirei un normale «stato d’emergenza», si avvale, più che di manifestanti generosi, dei Carabinieri e della Polizia di Stato congela le Camere, sospende tutte le immunità parlamentari, restituisce alla magistratura le sue possibilità e capacità di azione, stabilisce d’autorità nuove regole elettorali, rimuove, risolvendo per sempre il conflitto d’interessi, le cause di affermazione e di sopravvivenza della lobby affaristico-delinquenziale, e avvalendosi anche del prevedibile, anzi prevedibilissimo appoggio europeo, restituisce l’Italia alla sua più profonda vocazione democratica, facendo approdare il paese ad una grande, seria, onesta e, soprattutto, alla pari consultazione elettorale.»
 (Alberto Asor Rosa, rivoluzionario d’ospizio)

 

02. INVOLUZIONE DELLA SPECIE

[26 Apr.] «L’adesione dell’Italia al piano di interventi della coalizione postasi sotto la guida della Nato costituisce il naturale sviluppo della scelta compiuta dall’Italia a metà marzo»
 (Giorgio Napolitano, stampella di guerra)

 

02.bis  REPETITA IUVANT

[28 Apr.] «L’Italia non conduce una guerra ma risponde solo ad una richiesta delle Nazioni Unite»
 (Giorgio Napolitano, il Sofista)

 

03. DEPILATORE ANTI-PROSTITUZIONE

[11 Apr.] «Ho pagato Ruby perché non si prostituisse.
L’ho aiutata e le ho dato perfino la chance di entrare con una sua amica in un centro estetico. Doveva fornire un laser antidepilatorio. Costava, se ricordo bene, 45 mila euro anche se Ruby dice che gli euro erano 60 mila. Così ho dato l’incarico di darle questi soldi per sottrarla a qualunque necessità, per non costringerla alla prostituzione, ma per portarla nelle direzione contraria»
 (Silvio Berlusconi, il Pigmalione)

 

04. LA PIETRA DELLO SCANDALO 

[23 Apr.] «La pubblicità dell’Ikea è in polemica contro la famiglia tradizionale, datata e retrograda. Contrasta a gamba tesa contro la nostra Costituzione. E’ offensiva, di cattivo gusto»
 (Carlo Giovanardi, un rutto dalla fogna)

 

05. OSSESSIONE RICCHIONA

[27 Apr.] «Esistono le famiglie tradizionali che fanno crescere i bambini e li educano. Questi quando sono grandi pagano tasse e contributi anche per le pensioni e l’assistenza sanitaria di quelli che i bambini non li hanno avuti, e che hanno avuto invece molti soldi in più durante la vita. Sennò da dove pensiamo che si prendano i soldi per pagare le pensioni ai gay?»
 (Rocco Buttiglione, Bonobo puritano)

 

06. OBBIETTIVI MINIMI

[24 Apr.] «Il Quirinale non è l’obiettivo di Berlusconi»
 (Fabrizio Cicchitto, emorroide di palazzo)

 

07. ORGOGLIO NAZIONALE

[25 Apr.] «Non posso negare che gli USA volessero una nostra partecipazione più forte ai raid, ma escludo che ci sia stata alcuna ingerenza.»
 (Ignazio La Russa, il Picciotto con la mimetica)

 

08. GREEN A LAMPEDUSA

[29 Apr.] «L’isola di Lampedusa è stata restituita alla normalità, quello dell’emergenza immigrazione è un capitolo chiuso, e ai lampedusani e quindi possiamo dare avvio al rilancio del turismo e dell’economia in parte danneggiati dall’emergenza sbarchi.
[…] Questa sarà la stagione turistica migliore per Lampedusa. L’isola non ha mai avuto una promozione come quella su cui può contare oggi.»
 (Micaela Vittoria Brambilla, animatrice turistica)

 

09. IL GRAN RIFIUTO

[20 Apr.] «Ho rifiutato la poltrona di sottosegretario e ho detto che non sono interessato ad avere alcun incarico di governo. Ripeto, non sono affatto interessato. Ho detto di no»
 (Domenico Scilipoti, il Responsabile)

 

10. PERCHÉ NON TE NE VAI AFFANCULO TE?!?

[26 Apr.] «Chi non ha interesse per la beatificazione di Giovanni Paolo II è meglio che vada a fare una gita fuoriporta»
 (Gianni Alemanno, sindachetto barese a Roma)

 Homepage

Annunci

2 Risposte to “(26) Cazzata o Stronzata?”

  1. Un bellissimo lavoro davvero.
    A quest’ora il Buffone d’Arcore, se avesse anche un solo filo di dignità, dovrebbe suicidarsi. Ma lui non sa cos’è la dignità. E nemmeno chi lo sostiene leccandogli il culo.

    • E’ un morto che cammina, con evidenti segni di decomposizione in atto…
      Poverino, sono gli ultimi rantoli. Di Lui rimarranno solo le scarpe col rialzo e i barili di cerone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: