(17) Cazzata o Stronzata?

“Classifica LUGLIO 2010”

 Per essere in pieno periodo estivo, la mesata presenta a suo attivo un raccolto particolarmente ricco, a riprova che le vie dell’idiozia non solo sono infinite, ma anche particolarmente trafficate.
Né mancano le novità, con interessanti new entry da tenere in debita considerazione per i loro possibili contributi futuri che (temiamo) non mancheranno.
Nelle grandi arterie della cazzata associata infatti prima si parla e poi si pensa. È bene però precisare che il primo passaggio non implica necessariamente il secondo.
I volenterosi contributi che pur non mancano nel caotico vuoto dell’opposizione riconosciuta, non sono tuttavia tali da elevarsi al di sopra del loro stato ectoplasmatico. Perciò, ancora una volta, grande protagonista è la Plebe delle Libertà con servitù al seguito. Del resto, dalle parti del Partito dell’Amore questo è stato un mese particolarmente prolifico…
Gli auguri di morte ed auspici di “eliminazione fisica” per il deputato Fabio Granata, colpevole di bestemmia dopo la pronuncia della parola tabù: “legalità”.
L’espulsione di Fini, dal partito che lui stesso aveva creato, per reato di apostasia e delitto di lesa maestà contro il divino Cesare di Brianza, il quale ha licenziato il co-fondatore del PdL alla stregua di un impiegato in esubero. Senza liquidazione né ‘buono uscita’.
A questo si aggiunge la richiesta delle dimissioni di Fini da Presidente della Camera, perché il suo ruolo istituzionale non sarebbe più in linea con le disposizioni del partito.
È questa una concezione delle funzioni di garanzia molto interessante. Di sicura ispirazione liberale è anche la cacciata degli ex camerati dissidenti del Pdl, qualora non dovessero fare pubblico atto di contrizione penitenziale. Il tutto naturalmente nel nome della libertà (e dell’impunità).
Come ha scritto qualcuno:

“L’irruzione della legalità ha dunque fatto saltare per aria il Pdl, mettendo fine alla costruzione politica e mitologica del più grande partito italiano nella forma che avevamo fin qui conosciuto, come l’incontro tra due storie, due organizzazioni e due leader in un unico orizzonte che riassumeva in sé tutta la destra italiana, il suo passato, il suo futuro e l’eterno presente berlusconiano. Tutto questo è andato in pezzi, perché la legalità è come una bomba nel mondo chiuso del Cavaliere, dove vigono piuttosto la protezione della setta, l’omertà del clan, il vincolo di servitù reciproca di chi conosce le colpe individuali e il destino comune di ricattabilità perpetua.”

Ma sarà il caso di lasciare la ‘parola’ ai protagonisti indiscussi…

  Hit Parade del mese:

01. LIBERTÀ RELATIVE

[10 Lug.] «La libertà di stampa non è un diritto assoluto»
 (
Silvio Berlusconi, il Relativista)

 

02. SPIFFERI: la destra nuoce alla salute?

[14 Lug.] «L’aria condizionata è di destra. Va verso il progresso e il consumo.
(…) Comunque l’aria condizionata fa male.. è un modo garantito per prendersi un accidente.»
 (Ferruccio Fazio, Venticello)

 

03. MORTE A VENEZIA

[27 Lug.] «Un grande partito andrebbe subito da Casini per offrirgli l’alleanza e la candidatura a premier»
[Un grande partito t’avrebbe già mandato affanculo – ndr]
 (Massimo Cacciari, il Transgender della Laguna)

 

04. LE MANI IN PASTA

[14 Lug.] «Ma quale questione morale! La moralità è nel DNA del PdL. Su questo tema non prendiamo lezioni»
 (Maurizio Lupi, il Professore)

 

04bis. IL POPOLO DELL’OMERTÀ

[27 Lug.] «(Non rispondere alle domande dei giudici) è una mia regola fissa. È una regola fondamentale per chi è indagato. La consiglio a tutti»
 (Marcello Dell’Utri, Uomo d’onore)

 

05. PAROLA DI CESARE

[13 Lug.] «Il clima giacobino e giustizialista nel quale alcuni stanno cercando di far ripiombare il nostro Paese non è certo d’aiuto. Ma ancora una volta metterò tutto il mio impegno per impedire ritorni un passato che gli italiani non vogliono più.»
 (Silvio Berlusconi, Sua Impunità)

 

06. KILLING NICHI (I): Poiesis democratica

[21 Lug.] «La narrazione non basta a risolvere i problemi. E la politica non è filosofia o poesia. Se così fosse avremmo peraltro poeti migliori che battono le piazze»
 (Massimo D’Alema, la battona bicamerale)

 

06bis. KILLING NICHI (II): Modello Calabria e buon governo siciliano

[29 Lug.] «Se Vendola vuole fare una politica che trasformi la Puglia nella nuova Grecia, questo non sarà consentito da questo governo. La Puglia è su una via pericolosa, di amministrazione non responsabile e non vogliamo che con quella legislazione che segue una logica non responsabile, la Puglia finisca come la Grecia.
Non credo che la Puglia sia il luogo per esperimenti rivoluzionari. Siamo convinti che in questa fase storica, per il bene dei cittadini, prima vengono i numeri e poi la politica e non la politica prima e a prescindere dai numeri. Non viceversa. Ieri abbiamo dato a Vendola questo messaggio di serietà»
 (Giulio Tremonti, il Virtuoso Messaggero)

 

06tris. KILLING NICHI (III): il Vizietto

[26 Lug.] «Al campeggio dei ‘Giovani Democratici’ parteciperanno oltre 600 ragazzi provenienti da tutta Italia. Non è il primo che facciamo. Semplicemente, questa volta è di dimensioni mai viste. Sarà il più grande incontro di una organizzazione giovanile di partito.
(Abbiamo scelto Torre del Lago) Perché è una meta abbastanza nota di turismo gay, perché qui hanno costruito un’economia basata sulla tolleranza e hanno dimostrato che in questo modo può esserci vero sviluppo. Questo modello è uno dei pochi che non sta pagando la crisi.
(…Non abbiamo invitato Vendola) perché noi non vogliamo farci fare una lezione da sinistra da Vendola. Pensiamo che debba essere il PD ad offrire alcune risposte da sinistra alla crisi.»
 (Fausto Raciti, il Clone in erba)

 

07. IL BELLO DELLA POLITICA

[12 Lug.] «Ci tengo alla possibilità di manifestare il mio senso estetico»
 (Silvio Berlusconi, Mr Universo)

 

07bis. FIGA PARTY

[12 Lug.] «Qualche volta portatevi anche qualche bella ragazza, signori ambasciatori, perché so che anche questo è un merito che tutti quanti siete molto orgogliosi di portare. E noi lo apprezzeremmo molto, perché siamo latini. Alla mia età non sono più un playboy, ma un playold»
 (Silvio Berlusconi, il solito porco)

 

08. From Korea to Italy: DOTI NASCOSTE

[06 Lug.] «Ho quasi cinquant’anni e lavoro da quando ne ho venti; non credo, francamente, di aver raggiunto i miei obiettivi per motivi diversi da quelli legati alla mie reali capacità»
 (Susanna Petruni, professionista libera)

 

08bis. From Korea to Italy: LEZIONI DI STILE

[22 Lug.] «A chi ha criticato la tempestività con cui abbiamo dato la notizia del messaggio di Silvio Berlusconi, rispondiamo che il nostro sito è abituato a dare le notizie. Possibilmente prima degli altri. Cosa che succede spesso.
Oggi è capitato con un messaggio di Berlusconi. Che, per inciso, subito dopo è diventato l’apertura dei maggiori siti d’informazione italiani.
Domani speriamo che capiti con un messaggio o una qualunque altra iniziativa di Pier Luigi Bersani o Antonio Di Pietro. Questo è quello che dovrebbe fare ogni organo di informazione, cominciando da quello che è investito del compito di fare servizio pubblico. Tutto qui.
Quanto al sito di Repubblica, che ipotizza inesistenti fili diretti con il premier, ricordiamo la frase che la volpe rivolse all’uva: “Nondum matura est”…»
 (Augusto Minzolini, emorroide di regime)

 

08tris. C’È TAGLIO E TAGLIA

[26 Lug.] «Non accetto di associare alla mia città qualcuno che non abbia una moralità certa. E se Belen ha fatto uso di droga, a questo punto non mi fa piacere vederla sul palco dell’Ariston. Non cambio idea se una ha un sedere particolarmente bello, rispetto a Morgan che aveva i capelli strani»
 (Maurizio Zoccarato, Borgomastro sanremese)

08quater. ACCERTAMENTI

[27 Lug.] «Ho potuto accertare che la situazione di Belen è molto differente da quella di Morgan. Reputo Belen una grande artista e spero che possa chiarire, prima di tutto per lei, il suo coinvolgimento. (…) Da sindaco di Sanremo vorrei che il nome della città fosse legato alla manifestazione come il festival, attraverso personaggi portatori di messaggi consoni e penso che Belen sia davvero una grande professionista e che la sua immagine sia adeguata al Festival. Non accetto che l’immagine della mia città sia affiancata a chi non ha una moralità certa. Nella nostra società devono prevalere valori come la “tradizione e la fermezza mentale” ed è importante non dare il segnale che chi fa uso di stupefacenti ha successo.»
 (Maurizio Zoccarato, Verificatore finale)

 

09. C’ERAVAMO TANTO AMATI

[29 Lug.] «Mi sono tolto un peso, mi sento liberato. Come quando ho divorziato»
 (Silvio Berlusconi, il Costipato)

 

10. ITALICA SOLIDARIETÀ

[06 Lug.] «In queste ore è in corso una delicata mediazione sotto la nostra egida; mediazione che stiamo finalizzando, per poter arrivare all’identificazione dei cittadini eritrei e poter loro offrire un’occupazione, nella stessa Libia, contro il rischio e la paura del rimpatrio.
(…) L’Italia non si è mai sottratta ad un’attività di sensibilizzazione delle autorità libiche, verso le quali noi abbiamo scelto, nello spirito di una sincera amicizia, di condurre un’azione discreta e positiva anche in nome e per conto dell’Europa: come due distinte, ben note ed importanti vicende legate alla soluzione della crisi Libia-Svizzera hanno recentemente saputo dimostrare»
 (R.Maroni – F.Frattini; didimi di governo)

 

10bis. PENSIONI: 40 anni di contributi non bastano

[01 Lug.] «È stato un refuso, lo cancelleremo. Non era intenzione né mia, né di Azzolini, né di Tremonti»
 (Maurizio Sacconi, refuso vivente)

 Homepage

Annunci

8 Risposte to “(17) Cazzata o Stronzata?”

  1. ne hai scordata una memorabile!
    “Ci sono rimasto malissimo quando ho scoperto che Bocchino era un deputato e non un punto del nostro programma”.
    (Berlusconi Silvio, 29 luglio, poco prima di divorziare con Fini)

  2. Addendum al numero 6bis: “Tremonti non guardare la pagliuzza negli occhi degli altri, mentre la trave del debito pubblica aumenta”

  3. La straordinaria perla (che mi era sfuggita) segnalata da Lady Lindy meritava indubbiamente il primo posto!!! Che stile! Che raffinatezza! Quale ineguagliabile spessore culturale! E soprattutto che scoop! Apprendo dunque che il presunto ‘contratto’ sottoscritto dagli italiani, il sacro programma violato dalla ribellione dei finiani a colpi di Granata, è in realtà un catalogo hard..!
    E certo nella Pornocrazia berlusconiana questi sono dettagli che fanno la differenza… Chi sarà il prossimo premier? Rocco Siffredi o l’intellettuale Trentalance?!?

    In merito invece al superministro Tremonti, caro Johnny, sono certo che possa fare molto di meglio, regalandoci preziosi contributi per i prossimi mesi… Ti confesso che trovo irresistibili le elucubrazioni marxiano-socialisteggianti-monetariste-clerical-reazionarie di questa sottospecie di saccente supposta prestata all’economia. Dai tempi dei pubblici elogi a Quintino Sella ne ha macinate di letture, ma la ricetta rimane sempre la stessa: condoni; cartolarizzazioni e dismissioni patrimoniali, senza alcun aggiornamento degli estimi catastali.

  4. gianni tirelli Says:

    DA QUANDO GLI UOMINI SONO PIU’ PAVIDI DEI CONIGLI, PIU’ IGNORANTI DEGLI ASINI, PIU’ LERCI DEI MAIALI, PIU’ VISCIDI DEI VERMI E PIU CORNUTI DEI BECCHI, OGNI RIFERIMENTO ALLA RAZZA ANIMALE E’ DEL TUTTO IMPROPRIA. Per questo motivo é più coerente chiamare il proprio Asino berlusconi, il Maiale, calderoli, il Verme, bondi, e il Becco, belpietro.

    G. Tirelli

  5. gianni tirelli Says:

    LE FEDELISSIME DEL SULTANO NANO

    Le bellezze al bagno, di questa singolare e moderna destra, è possibile incontrarle ai comizi privati e monotematici del Grande Nano o, fuori dai tribunali, riconoscibili dalle acconciature biondo platino o rosso tiziano ispirate al mito della dea forzista – cervelli obnubilati dalle infinite tinte e visi levigati dal botulino “fino alla soglia della cancellazione espressiva”(L.R.). Vecchie befane ossigenate e cotonate, contraffate dal bisturi di un improbabile chirurgo, inceronate come maschere di un perenne carnevale fuori stagione, e addobbate al pari di alberi di natale, da luccicanti bigiotterie di cattivo gusto.
    Quale donna normale (con la capacità di intendere e volere) o avvenente signorina di compagnia, potrebbe mai concedersi, senza prima, avere incassato un congruo tornaconto e represso il disgusto iniziale, alle brame di Berlusconi, Brunetta o Emilio Fede, individui dalle fattezze ripugnanti e dall’animo servile? Potrà mai una donna colta, sobria, intelligente, affascinante e, per tanto “comunista”, condividere alcunché con quest’orda di inediti freaks (rifiuti umani pericolosi) della moderna politica della spazzatura? E che dire, di queste sedicenti donne di destra!! Ma di quale destra si parla? Vi pare che l’attuale maggioranza abbia una benché minimo punto in comune con la destra liberale del novecento, etica, colta e aristocratica? E’ lo stesso contrasto logico che esiste fra il diavolo e l’acqua santa!! – Roba da fare rivoltare, nella tomba Benedetto Croce, Filippo Tommaso Marinetti, Gabriele D’Annunzio, il tanto dibattuto Don Luigi Sturzo, lo stesso Almirante e il compianto Indro Montanelli. Queste signore, sono la rappresentazione “plastica” del “partito della monnezza umana – rifiuti pericolosi dispersi sul tessuto sociale, prodotti dalla discarica delle libertà perdute. Sono le scorie tossiche dell’oscura borghesia industriale, risultato di connivenze, corruzione, collusione, ricatto e intimidazione.

    Sono queste le fedelissime del Premier Nano, attanagliate da un feroce complesso di inferiorità, verso ogni forma di sobrietà, gusto, intelligenza e cultura? Un complesso talmente radicato e frustrante, che, nessuna ipotetica rassicurazione da parte della stessa sinistra, farebbe loro cambiare idea. Del resto i fatti sono inopinabili, a dimostrare la realtà dei fatti.
    Per tanto, questa gente, è il prodotto di una rarissima anomalia (eccezione patologica) che si ripete ogni 25.625 anni (l’anno galattico dei maya). Secondo le ragioni e le logiche dell’infinito, anche il “peggio” ha diritto ad un istante di visibilità, per poi essere ricacciato fra i miasmi di un limbo sotterraneo, fra topi, ratti e scarafaggi, per tutta la durata del ciclo. Diversamente non si capirebbe lo splendore delle tante civiltà che si sono susseguite nei millenni sulla terra.

    A questa (oggi sempre meno rara), specie umanoide, non pare vero che, uno della loro risma abbia raggiunto un tale potere. Questa circostanza li esalta, sentendosi finalmente sdoganati da quello stato di perenne emarginazione e di ignavia (che da sempre, li aveva relegati ai margini dell’umanità), dando loro, oggi, una visibilità insperata. Per conservare un tale privilegio, combatteranno con le unghie e con i denti, disertando ogni concetto di giustizia, di bene comune e di verità.

    Gianni Tirelli

  6. Andrea Says:

    Vi siete dimenticati di scrivere alcune cazzate -stronzate che sono molto di moda in Italia ormai da ben 35 anni e sono molto pubbliccizate ovunque e sono ripetute di continuo da oltre 35 anni !

    Il vecchio disco rotto a 33 giri italiano che canta sempre le stesse melodie all”Infinito !

    Vecchia Cazzata -Stronzata N 1
    Gli immigrati stranieri vengono in Italia x fare i lavori che gli italiani non vogliono più fare !

    Vecchia Cazzata-Stronzata N 2
    I molti disoccupati italiani rifiutano il lavoro perciò non trovano nulla !

    Vecchia Cazzata -Stronzata N 3

    Ci sono in Italia migliaia di ditte private che cercano manodopera ma non nessun disoccupato italiano si rende disponibile x quei posti di lavoro !

    Vecchia Cazzata-Stronzata N 4

    In Italia se vuoi lavorare e se ti adatti un lavoro lo trovi subito !

    Vecchia Cazzata-Stronzata N 5

    Nessun giovane italiano disoccupato vuol fare l”operaio .
    Ci sono 300.000 mila posti di lavoro disponibili in Italia però
    tutti i giovani disoccupati italiani si rifutano di andare a lavorare !

    Cazzata-Stronzata N 6

    In Italia abbiamo un tasso di disoccupazione inferiore a molte nazioni europee .
    Mega-stronzata !
    Nel 1980 avevamo 2 milioni di disoccupati !
    Nel 2012 abbiamo circa 8 milioni di italiani disoccupati !
    sui vari Tg e vari Giornali italiani la cifra UFFICIALE dei disoccupati italiani resta sempre invariata di 2 milioni .

    Domanda ?
    Quando finiranno di ripetere sempre queste cazzate ormai vecchie di 35 anni ?????
    Con una propaganda stupida è assurda come questa un paese come l”Italia non potrà sopravvivere ancora molto a lungo !
    Raccontando cazzate e facendo stupida propaganda non si può far vivere l”Italia per sempre !

    • Secondo una nota leggenda urbana, mentre la regina Maria Antonietta si godeva il migliore dei mondi possibili (l’unico che avesse mai conosciuto) nella splendida reggia di Versailles, venne disturbata da un suo cortigiano che l’avvertiva di come il pane scarseggiasse ed il popolo di Francia stesse morendo di fame… E’ nota la risposta dell’austriaca regina (se il pane è finito, dategli le brioches!)… Ancor più nota è la fine che fece.
      A volte, basta solo saper aspettare… e magari forzare certe circostanze….
      C’è da dire che, oggi come allora, chi detiene il “potere” vive fuori dal mondo, ma non è disposto a cedere nulla e fa di tutto per mantenere intatto il proprio predominio. Non è una questione di ‘malafede’… è che proprio non se ne rendono conto. Gli viene naturale.
      Nel nostro piccolo, se vorrai continuare a seguirci, abbiamo trattato l’argomento in più occasioni:

      I Nuovi Schiavi

      I Padroni delle Ferriere

      Poenitentiam Agite

      La Fine del Lavoro

      Associazione a delinquere

      Tanto per gradire, con un piccolo assaggio..:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: