Letterina di Natale

 

Caro Babbo Natale

 

  Ti scrivo in ricordo dei vecchi tempi…

quando ancora ti chiamavi Nikolaus, davi la caccia ai serial killer di bambini (ti ricordi il macellaio di Myra?) ma assumevi il caro Krampus come stagionale. E ti occupavi di assistenza sociale, provvedendo di tuo laddove tutti rubavano. Ma questo accadeva molto prima che una fabbrica di bibite ti infilasse dentro una ridicola tutina rossa, mettendoti in mano una bottiglia di Coca-Cola.

Mille anni fa si litigavano persino i resti delle tue ossa; oggi saresti immediatamente espulso come immigrato clandestino.

Quest’anno però avrei anche io una piccola richiesta da farti… Oh! Per me non chiedo niente: personalmente non potrei avere di più. C’è invece qualcuno a cui devo tutto e che, col tuo aiuto, vorrei tanto ringraziare… Da quando il Principale si è ritirato col resto dell’Universo, lasciando a me la conduzione della Bad Company, gli affari non sono mai andati meglio. Come ben sai, io ed il Grande Capo non ci parliamo più da millenni: Lui non ha mai perdonato la mia OPA ostile per il controllo del Creato.

Siccome almeno tu sei rimasto in buoni rapporti con l’Altissimo, mi rivolgo a te affinché il mio personale ringraziamento possa arrivare direttamente lassù al Vecchio.  

Gli umani continuano a darmi incredibili soddisfazioni: sono sempre così zelanti, così pieni di spirito di iniziativa che a volte mi sento persino un po’ inutile. Tendono a fare tutto da soli ed io ho sempre apprezzato l’iniziativa individuale, anche se ultimamente c’è il rischio di confondere i rispettivi ruoli…

Neanche i miei agenti migliori sarebbero riusciti ad ottenere in così poco tempo i risultati conseguiti da G.B. Junior in soli due mandati presidenziali. E non ho dovuto nemmeno reclutarlo! È convinto di agire in nome del Supremo… ci parla tutte le sere prima di andare a dormire… Un ‘cristiano devoto’.

Purtroppo, tutte le cose belle non durano mai abbastanza. Comunque le gratificazioni più grandi arrivano da Roma… Lì ci sarebbe pure un nano miliardario che si è auto-proclamato ‘Unto’ (forse spera in una adozione a distanza), ma è poca roba rispetto al vostro nuovo Amministratore Delegato: un certo XVI°, da me Benedetto, eletto rappresentante vicario in assenza dell’Unico e Trino. Neanche io avrei saputo scegliere di meglio: era dai tempi di Paolo IV che aspettavo un altro papa così… Grazie!

Come da tradizione, sono le terre germaniche a darmi i discepoli migliori. Nonostante l’età, è infatti lecito aspettarsi ancora grandi cose dal teutonico pontefice, così in linea con la Chiesa che preferisco…

Onora i morti e disprezza i vivi.

Prende a Cesare ciò che gli appartiene, ne rivendica i denari, e lascia a Dio il resto.

Vuole una libera Chiesa, ma uno Stato ad essa vincolato.

Controlla i governi e ne impone l’indirizzo, disconosce le leggi, manipola i partiti, controlla la società e ne influenza le scelte, ostracizza il dissenso.

Condanna ma si auto-assolve, nel mito della propria Infallibilità.

Pretende il perdono dagli altri, ma lo rifiuta per sé.

Obietta ma stigmatizza la libera scelta.

Rivendica la propria libertà ma nega l’altrui.

Umilia le donne e ne disconosce l’identità femminile.

Compiange gli embrioni e condanna le madri ed i ‘nascituri’.

Predica l’esistenza come dolore; il dolore come espiazione; la sofferenza come virtù. La sessualità consapevole come depravazione del corpo e corruzione dell’anima. L’inferno terreno come salvazione dalla dannazione eterna.

Nega la morte come diritto ma la approva come pena.

Sostiene la vita come diritto, ma non riconosce i diritti come libertà alla vita.

Antepone dottrina e dogma alla sostanza delle Fede. Rivendica la preminenza del proprio credo, rispetto al dialogo religioso. Nessuna parità né riconoscimento, ma tolleranza nella sottomissione.

E per questo ne amo l’intransigenza teologica, l’oltranzismo dogmatico, che spianano la strada a nuove divisioni, nuovi contrasti, nuovi fondamentalismi, sempre forieri di guerre religiose…

Papa Ratzinger e la sua Chiesa sono l’arma migliore, il virus perfetto, per chi vuol distruggere la religione, stravolgendone l’essenza spirituale, sradicandola dall’interno delle sue stesse strutture sempre più simili a costosi strumenti di pressione per un nuovo potere temporale.

Porterà l’odio là dove già regna il caos. Allora la mia opera sarà quasi completa…

 

Il Tuo Affezionatissimo Principe

        Lucifero

 

Annunci

Una Risposta to “Letterina di Natale”

  1. Belfagòr Says:

    Grandioso! Lettera fantastica nella stesura e nei contenuti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: