Ancora sull’HLC…

 

 LHC È UNA

 BOSONATA 

 PAZZESCA!

 

 Molti dubbi e alcuni quesiti

 

Festeggiamenti e grandi entusiasmi per il collaudo del nuovo acceleratore di particelle: al lancio di un primo fascio di protoni in senso orario, ha fatto seguito una seconda ondata di particelle scagliate in direzione antioraria. Il CERN ginevrino ha ufficialmente inaugurato la nuova compagnia dell’anello alla ricerca del misterioso bosone di Higgs. Acclamati protagonisti: i protoni (“un anello per ghermirli e nel buio scatenarli”). Per i fautori dell’apocalisse però bisognerà attendere ancora qualche mese, poiché la contestata collisione tra particelle è prevista in test successivi. Insomma, le particelle girano (in genere anche le palle, ma solitamente non hanno bisogno di acceleratori). Un’incredibile scoperta! Si tratta davvero del più grande esperimento del nuovo millennio; la rivelazione del secolo! Innanzi a così inaspettati e vasti orizzonti, fanno davvero sorridere quelle ridicole trovate da inzio ‘900 degli eccentrici fratelli Wright, per non parlare di insignificanti intrugli come la penicillina, o dell’inutile passeggiata lunare di Armstrong. No signori, il nuovo corso della scienza appartiene al bosone ed ai suoi sacerdoti. In fondo, si tratta di una forma di culto laico, con la sua teologia postulativa ed i suoi altarini. D’altronde, anche le domande della Fisica sono le stesse di sempre: “chi siamo… da dove veniamo…etc.” Tuttavia, così come le religioni con i loro fanatismi fondamentalisti sono l’oppio dei popoli, l’integralismo scientista soffre di una variante dello stesso morbo.

I fisici sono ricercatori puri, o meglio, speculatori di teorie; poco o per nulla interessati alle conseguenze dei loro esperimenti ed alle applicazioni pratiche delle loro ricerche. Le comunità scientifiche assomigliano spesso ad organismi autoreferenziali, affetti da una sorta di autismo endogeno. Ossessione della ricerca, attraverso la rimozione delle responsabilità (non sono io il responsabile dell’uso delle mie scoperte), salvo pentimenti tardivi come nel caso di Oppenheimer.

Forse è il caso di raffreddare certi estatici entusiasmi con qualche domanda retorica e di facile risposta e che gli sperimentatori del CERN fingono di ignorare.

  1) Perché ben 25 diversi governi hanno finanziato con svariati milioni di dollari un esperimento per verificare un’ipotesi cosmologica, basata su congetture puramente teoriche?

È indubbio infatti che i bosoni siano all’ordine del giorno in molte agende politiche: sono stati l’incubo ricorrente delle notti insonni di Chirac; argomento di discussioni appassionate nel ranch della famiglia Bush; fonte di preoccupazione costante, per i governi Prodi e Berlusconi in Italia…

  2) Una domanda speculare al quesito n° 1: Qual è il ritorno economico, commerciale, sociale e (soprattutto) militare di tali finanziamenti?

Quando ai fisici si chiedono le finalità pratiche dei loro costosissimi esperimenti, la risposta per i profani è sempre la stessa: “se esiste il word wide web, e voi usate internet, è grazie a noi che lo abbiamo inventato negli anni ’80 per gestire i nostri database.” E infatti è stato per più di 10 anni segreto militare, finalizzato alle trasmissioni belliche (ma guarda un pò?!?) prima di essere destinato ad uso civile vista la sua permeabilità.

  3) Sempre a proposito di spese. Quanto costa l’avvio di ogni esperimento e in particolare l’accensione del LHC? A quanto ammontano i suoi mostruosi consumi energetici e soprattutto chi paga le salatissime bollette?

  4) Quali sono i rischi ambientali che comporta? E di conseguenza, che tipo di radiazioni emette?

Perchè se il nostro acceleratore è stato costruito a 100 m. di profondità un motivo ci sarà…

  5) Gli attuali esperimenti sono ad assoluto rischio zero?

Perché se qualcuno, scambiando le variabili di calcolo, sostiene che possono generare un buco nero in grado di risucchiare la terra, non credo sia sufficiente dire che tali possibilità sono “scarse”(!?!)

  6) È eticamente accettabile impegnare così tante risorse per la dimostrazione di un assioma di natura accademica?

7 Risposte a “Ancora sull’HLC…”

  1. e se… Volessero crearli i buchi neri? Pensa un pò arriva un asteroide sulla terra e un buco nero lo risucchia come farebbe un cestino cn la spazzatura… E poi venderebbero i buchi neri da casa per eliminare il problema discariche… Cmq se qualcosa và storto… È stato un piacere

  2. Leggo idiozie atroci sul tema scientifico HLC: dopo la chiesa chi ha ridotto la mente degli italiani a uno stato confusionale totale con evidenti deficit corticali? No esiste dubbio, sono i cpomunisti e il ’68. Ma andatevene dal Paese ignoranti di tutto e solo faziosi politrici! Ve lo dicono quellei che sanno di tecnoscenza e non solo di Stalin. Vergogna, non meritate nulla ignoranti!

  3. Sendivogius Says:

    Hai proprio ragione caro Pit38. Si vede che sei un ragazzetto sveglio e preparato, soprattutto in ambito tecnico-scientifico (spero), perché sintassi e grammatica fanno abbastanza cagare… Tra ignoranti ci si intende..:) E se mi offri una bella sistemazione all’estero parto subito! Ingrato come sono, non vorrei rovinare questo meraviglioso paese con la mia immeritevole presenza. La lascio a te quest’invidiabile Italia del Nano con le sue soubrette, le sue camicie nere e verdi e i suoi incredibili divieti sulle staminali… il norlevo… il testamento biologico… Tutte cose bolsceviche s’intende!

  4. mi sa che facevano più bella figura a costruire un mega pannello fotovoltaico per produrre energia gratuita e pulita per i cittadini. Vi aspetto nel blog dove scrivo… Siete forti… http://adria.blogolandia.it

  5. Ragazzi…vi state compertando proprio come i vostri beniamini politici… state facendo il loro gioco insultandovi con … classe ! Sparate giudizi dimenticando che tengono vivo il mondo delle illusioni,vengono scambiati per saggezza e troppo spesso prendono il posto della verità…se ce n’è 1! Comunque sono d’accordo con andrea sul mega pannello fotovoltaico ma dubito che agli occhi del mondo avrebbero fatto 1 figura migliore… purtroppo. In bocca al lupo e buona vita a tutti

  6. Sendivogius Says:

    Infatti ho letto con molto piacere a proposito de: “Il primo impianto Fotovoltaico connesso in rete ad ADRIA” pubblicato da Andrea sul suo blog. Certe cose non fanno notizia nemmeno per i TG regionali. Dunque è giusto che se ne parli il più possibile.
    In quanto ai miei “beniamini politici”… bé Daniela ti rivelo che ho uno spirito alquanto “iconoclasta”. E se tornerai da queste parti ne avrai presto conferma…:)

  7. billy Says:

    Beh, credo che un esperimento scientifico, che sazia la naturale curiosità dell’uomo, non sia da bocciare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: